Azioni delle crociere, cosa sapere per comprarle
Nave da crociera
Azioni delle crociere, cosa sapere per comprarle
  • Post category:Trading

I parchi a tema hanno iniziato a fare piani concreti per la riapertura. Tutte le attività ricreative hanno fatto lo stesso, così come gli hotel di tutto il Paese. Questi si uniscono ai ristoranti che hanno iniziato ad accogliere i clienti e ai rivenditori che hanno aperto le loro porte mentre gli italiani (e il mondo intero) si dirigono verso una nuova normalità con mascherine, capacità limitate e linee guida di distanziamento sociale in atto.

Le tre principali compagnie di crociera – Royal Caribbean (NYSE:RCL), Carnival (NYSE:CCL) e Norwegian (NYSE:NCLH) – vogliono prendere la stessa strada e riportare le loro navi in mare.

Carnival ha persino indicato il 1° agosto come il giorno in cui prevede di riprendere le operazioni e la Royal Caribbean ha accennato a una data simile.

Questo è incoraggiante per gli azionisti e gli appassionati di crociere, ma potrebbe non essere realistico. Le precauzioni che funzionano in un ristorante non saranno sufficienti a impedire a migliaia di persone che vivono in quartieri vicini per periodi di più giorni di diffondere il coronavirus. Questo rende molto difficile immaginare i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) che permettono di navigare dai porti americani in un modo che abbia senso per i consumatori e le compagnie di crociera e lo stesso potrebbe fare qualsiasi nazione del mondo; impedendo per esempio gli sbarchi.

Il dilemma delle compagnie di crociera

Tutte e tre le compagnie di crociera quotate in borsa prevedono di intensificare i controlli sanitari per i clienti. Ciò comprenderà lo screening della temperatura e revisioni più approfondite con professionisti del settore medico, ove necessario. Questo va di pari passo con l’intensificazione delle misure di pulizia, il rinnovo dei buffet e, probabilmente, le capacità limitate.

Queste misure, tuttavia, non possono spiegare cosa succede se qualcuno mostra i sintomi a bordo. Sembra probabile che possano essere disponibili test rapidi. In caso di test positivo, quella persona può essere messa in quarantena, ma potrebbe aver già diffuso il virus. Se ciò accade, quale sarà la procedura? L’intera nave sarà bloccata? I clienti rimarrebbero bloccati a bordo?

Tutte e tre le compagnie di crociera devono elaborare un piano chiaro per far scendere i clienti esposti da una nave e metterli in sicurezza in una situazione di auto-quarantena. Qualsiasi nazione che dovrà permettere gli sbarchi vorrà conoscere questo piano, ed è un’informazione rilevante per i potenziali clienti che temono di rimanere bloccati a bordo.

È possibile che ci siano procedure che potrebbero essere messe in atto per affrontare questo problema, ma la cosa si complica quando si tiene conto delle persone che viaggiano in aereo per andare in crociera. Molti passeggeri, almeno nei primi giorni, saranno locali, e potranno uscire dalla nave, tornare a casa in macchina e auto-quarantena.

Questo è più difficile da fare per i clienti fuori dallo Stato. Le compagnie di crociera metteranno in quarantena i passeggeri in un hotel? Potranno portarli a casa su aerei charter o guidarli in veicoli appositamente attrezzati?

Nessuna di queste soluzioni è economica e non è facile da realizzare, anche se il costo non è un ostacolo.

Si dovrebbero acquistare le azioni di compagnie di crociera?

Tutte e tre le compagnie hanno adottato misure importanti per aumentare la loro liquidità per sopravvivere più a lungo senza che le entrate arrivino. Ad un certo punto, tuttavia, non essere in grado di andare in crociera può portare a misure più drastiche, compresi i fallimenti.

Royal Caribbean, Carnival e Norwegian hanno bisogno di due cose per poter dare una svolta alle loro attività. La prima è, ovviamente, l’approvazione del CDC (il controllo americano della navigazione e dei trasporti) per andare in crociera. La seconda è che la domanda dei consumatori ritorni.

I clienti appassionati, che vivono vicino ai terminal, saranno probabilmente i primi a tornare. Questi clienti abituali, tuttavia, in genere pagano prezzi più bassi. Per avere successo a lungo termine, le compagnie di crociera hanno bisogno di clienti occasionali.

C’è qualche vantaggio a lungo termine nell’acquisto di azioni delle compagnie di crociera se si ha la mentalità con una buona propensione al rischio. In questi casi i guadagni potrebbero essere veramente importanti. Carnival, per esempio, ha già più che raddoppiato il valore delle azioni dai minimi di marzo.

Attenzione però, perché se queste compagnie non possono navigare, o i clienti sono lenti a tornare, i fallimenti rimangono possibili.

Prima della pandemia, queste compagnie erano redditizie. Potrebbero esserlo di nuovo (e questo le rende ottime per investimenti) ma è importante sapere che, oltre ai grandi vantaggi, ci sono anche grandi rischi.