Cosa sono le Opzioni e come investire
Options
Cosa sono le Opzioni e come investire
  • Post category:Guide

Chi scrive su questo sito è ben lontano dalle Opzioni e questa è una necessaria premessa. I motivi sono molteplici, ma certamente la prima regola di Warren Buffett è la più esplicativa.

“Non perdere soldi”

Warren Buffett

Le opzioni, per loro stessa natura, possono amplificare significativamente le perdite. D’altra parte, come strumenti di leva, possono anche amplificare i guadagni.

Le opzioni hanno goduto di un profilo molto più alto negli ultimi anni, con l’aumento dei volumi di trading, gli investitori curiosi hanno immerso i piedi in acque pericolose, e nuovi broker specializzati sono entrati sul mercato. Il marketing farà vedere simpatici software con colori verde e rosso e le testimonianze di persone comuni che, con poca o nessuna formazione, affermano di aver fatto fortuna sui mercati delle opzioni.

Quest’ultimo punto è il motivo per cui siamo qui. Questa serie non è destinata ai trader o ai professionisti sofisticati che impiegano strategie di arbitraggio complesse o che cercano la volatilità del commercio. Al contrario, speriamo di dare agli sprovveduti comuni una solida conoscenza di cosa sono le opzioni e come consigliamo di utilizzarle nella speranza di migliorare i rendimenti.

Le opzioni sono un’altra cosa

Il miglior punto di partenza sarebbe quello di definire esattamente quali sono le opzioni. Le opzioni sono derivati (derivano il loro valore da un sottostante “qualcos’altro”). Prima di iniziare a usare le opzioni, è stupido assicurarsi di capire esattamente cosa sia quel “qualcosa”.

Per anni, Warren Buffett ha messo in guardia gli investitori sulle potenziali disastrose conseguenze di un uso incontrollato e crescente dei derivati nei mercati dei capitali. D’altra parte, lo stesso oracolo di Omaha usa i derivati quando sente che il mercato gli sta offrendo un’opportunità di valore. Quindi possiamo capire perché gli stolti potrebbero essere confusi da questo comportamento apparentemente contraddittorio.

Le opzioni sono solo strumenti, e sono valide solo quanto le persone che le utilizzano. Un uso accorto da parte di investitori ben istruiti può migliorare notevolmente i rendimenti di un portafoglio. Un uso sconsiderato e mal informato delle opzioni, tuttavia, può danneggiare gravemente le vostre partecipazioni. Per utilizzare bene le opzioni, è necessario avere una buona comprensione del valore intrinseco dell’attività in questione. Senza questo sciocco principio, quanto vi sentite sicuri nell’utilizzare le opzioni per sfruttare i rendimenti?

Qualche avvertimento

Qui non troverete le descrizioni del trading di opzioni per il trading. Se siete interessati al day trading o al software “blackbox“, cercate altrove. La maggior parte di questi programmi dovrebbero essere dotati di etichette di avvertimento, e alcuni dovrebbero essere illegali.

Molte persone hanno fatto molto bene a trattare le opzioni come strumenti di trading. Se volete provare a seguire le loro orme, vi indicheremo alcune risorse che potrebbero essere d’aiuto. Per il resto di voi, sedetevi e rilassatevi. Se finirete questo articolo con una migliore comprensione della meccanica, dei rischi e delle potenziali ricompense delle opzioni, avremo fatto il nostro lavoro.

Le opzioni rappresentano il diritto (ma non l’obbligo) di intraprendere un qualche tipo di azione entro una data prestabilita. Tale diritto è l’acquisto o la vendita di azioni del titolo sottostante.

Esistono due tipi di opzioni, call e put. E ci sono due lati di ogni transazione di opzioni (la parte che compra l’opzione, e la parte che vende – chiamata anche scrittura – l’opzione). Ogni lato ha un proprio profilo di rischio/rendimento e può essere sottoscritto per diversi motivi strategici. Si dice che l’acquirente dell’opzione abbia una posizione lunga, mentre il venditore dell’opzione (lo scrivente) ha una posizione corta.

Posizione LongPosizione Short
Call acquirenteCall venditore
Put acquirentePut venditore
Put e Call dai due lati dell’operazione

Si noti che le opzioni negoziabili sono essenzialmente contratti tra due parti. Le società sottostanti delle opzioni non sono a loro volta coinvolte nelle operazioni e nei flussi di cassa tra le varie parti del mercato. In qualsiasi negoziazione di opzioni, la controparte può essere un altro investitore, o forse un market maker (un tipo di intermediario che offre sia l’acquisto che la vendita di un particolare titolo nella speranza di realizzare un profitto sui diversi prezzi denaro/lettera).

Cos’è una call option?

Un’opzione call è l’opzione di acquisto delle azioni sottostanti a un prezzo prestabilito (il prezzo d’esercizio) entro una data prestabilita (la scadenza). L’acquirente di un call ha il diritto di acquistare azioni al prezzo d’esercizio fino alla scadenza. Il venditore del call (noto anche come “writer” del call) è colui che ha l’obbligo. Se l’acquirente della call decide di acquistare (un atto noto come esercizio dell’opzione) l’autore della call è obbligato a vendere le sue azioni all’acquirente della call al prezzo d’esercizio.

Ad esempio, un investitore ha acquistato un’opzione call su Intel con un prezzo d’esercizio di 20 dollari, con scadenza tra due mesi. Tale acquirente call ha il diritto di esercitare tale opzione, pagando 20 dollari per azione e ricevendo le azioni. L’autore della call avrebbe l’obbligo di consegnare quelle azioni e sarebbe felice di ricevere 20 dollari per esse. Discuteremo momentaneamente i meriti e le motivazioni di ogni parte dell’operazione.

Cos’è un’opzione put?

Se un’opzione call è il diritto di acquisto, allora forse non è una sorpresa, un’opzione put è l’opzione di vendere le azioni sottostanti a un prezzo d’esercizio predeterminato fino a una data di scadenza fissa. L’acquirente put ha il diritto di vendere le azioni al prezzo d’esercizio, e se decide di vendere, l’autore del put è obbligato ad acquistare a quel prezzo.

Perché utilizzare le opzioni?

Un acquirente call cerca di realizzare un profitto quando il prezzo delle azioni sottostanti sale. Il prezzo call aumenterà come le azioni. L’autore della chiamata sta facendo la scommessa opposta, sperando che il prezzo delle azioni scenda o, quanto meno, aumenti meno dell’importo ricevuto per la vendita della chiamata in primo luogo.

L’acquirente put guadagna quando il prezzo delle azioni sottostanti scende. Un put aumenta di valore quando le azioni sottostanti diminuiscono di valore. Al contrario, i put writer sperano che l’opzione scada con il prezzo delle azioni al di sopra del prezzo d’esercizio, o almeno che le azioni scendano di un importo inferiore a quello pagato per vendere il put.

Notiamo qui che relativamente poche opzioni scadono effettivamente e vedono le azioni cambiare di mano. Le opzioni sono, dopo tutto, titoli negoziabili. Quando le circostanze cambiano, gli investitori possono bloccare i loro profitti (o perdite) acquistando (o vendendo) un contratto di opzione opposto alla loro azione originale.

Le call e le put, da sole o combinate tra loro, o anche con posizioni nel titolo sottostante, possono fornire vari livelli di leva o di protezione a un portafoglio.

  • Gli utilizzatori delle opzioni possono trarre profitto in mercati toro, orso o piatto.
  • Le opzioni possono fungere da assicurazione per proteggere i guadagni in un’azione che sembra traballante.
  • Possono essere utilizzate per generare un reddito costante da un portafoglio sottostante di azioni blue-chip.
  • Oppure possono essere impiegate nel tentativo di raddoppiare o triplicare il vostro denaro quasi durante la notte.

Ma non importa come vengono utilizzate le opzioni, è saggio ricordare sempre l’acronimo di Robert A. Heinlein: TANSTAAFL (There Ain’t No Such Thing As A Free Lunch) cioè “Non c’è niente di meglio che un pranzo gratis”.

L’assicurazione costa denaro (denaro che viene fuori dai vostri potenziali profitti). Un reddito costante ha il costo di limitare i potenziali vantaggi del vostro investimento. La ricerca di un doppio o un triplo veloce ha il rischio di cancellare il vostro investimento nella sua interezza.

Le options in poche righe

Le opzioni non sono terribilmente difficili da capire.

Le call sono il diritto di acquistare e le put sono il diritto di vendere. Per ogni acquirente di un’opzione, c’è un venditore corrispondente. Gli utilizzatori di opzioni diverse possono utilizzare strategie diverse, o forse sono giocatori d’azzardo a tutto tondo. Ma probabilmente a voi non importa molto (tutto ciò che vi interessa è come utilizzarle in modo appropriato nel vostro portafoglio).

Opzioni quotate

La prima volta che si tira su un preventivo di opzioni può essere travolgente. C’è una scelta considerevole quando si tratta del prezzo d’esercizio e del mese di scadenza.

La prima cosa che noterete è la pletora di simboli di opzioni, tutti per una sola azienda. Ma non temete: è davvero molto facile da decifrare. Un simbolo di opzione è composto da tre componenti:

Simbolo di opzione = simbolo di base + codice del mese di scadenza + codice del prezzo di esercizio

Il simbolo di base può essere lungo fino a tre lettere, e può essere semplice come lo stesso simbolo di un normale ticker per le azioni. Quindi, il simbolo di base per Ford (NYSE: F) è F, il simbolo di base per General Electric (NYSE: GE) è GE, ecc. Ad altre società, in particolare a quelle quotate al Nasdaq che possono avere ticker più lunghi di tre lettere, vengono assegnati simboli di base che possono avere o meno una relazione con il ticker familiare dell’azione sottostante.

Il codice del mese di scadenza ci dice, in una sola lettera, quando l’opzione scade e se si tratta di una call o di un put. Le lettere da “A” a “L” sono assegnate all’opzione call, con “A” che indica la scadenza di gennaio, “B” che indica la scadenza di febbraio e così via. Le lettere da “M” a “X” rappresentano le opzioni put, “M” assegnata a gennaio, “N” a febbraio, e così via. La scadenza avviene il terzo venerdì del mese di scadenza associato.

I codici dei prezzi d’esercizio sono un po’ più complicati, dato che i prezzi delle azioni stesse possono essere ovunque. Nella sua forma più semplice, “A” si riferisce a uno sciopero di 5 dollari, “B” a 10 dollari e così via.

Come ogni titolo, il prezzo “bid” è quello per cui la controparte è disposta ad acquistare il titolo, e il prezzo “ask” è quello per cui la controparte è disposta a vendere il titolo. Con le opzioni, ci può essere sostanzialmente meno liquidità sul mercato. Di conseguenza, è assolutamente necessario osservare lo spread bid-ask.

I titoli con un maggior volume di opzioni e un maggior volume di trading hanno generalmente uno spread più ristretto.

Guardando una dashboard di options su un sottostante noterete che i prezzi delle call diminuiscono, mentre i prezzi put aumentano, mentre il prezzo di esercizio dell’opzione aumenta. Questo è come dovrebbe essere. Se IBM (NYSE: IBM) commercia a 95 dollari, quale opzione call prevedi che sia più valida? Quella che ti permette di acquistare azioni a 90 dollari (che potresti immediatamente girare e vendere sul mercato per un profitto di 5 dollari), o quella che ti permette di acquistare azioni a 100 dollari (che ti costerebbe 5 dollari in più di quanto pagheresti oggi sul mercato aperto)?

Infine, sappiate che le opzioni sono vendute in contratti per numero variabile di azioni. Acquistando call ENI da 8,80 dollari di giugno 2021, si acquista il diritto di acquistare 500 azioni ENI per 8,80 dollari prima del terzo venerdì di giugno 2021, e pagando 357,75 euro (0,7155 * 500 azioni) per il privilegio. Una transazione di apertura avviene con un acquisto o una vendita iniziale di un’opzione. Un’operazione di chiusura avviene in una data successiva per compensare l’acquisto o la vendita iniziale. Un investitore che acquista inizialmente un’opzione put si aggiunge all’interesse aperto. Se l’investitore vende successivamente quell’opzione put per chiudere la sua posizione, essa si sottrae all’interesse aperto. In generale, non ci preoccupiamo troppo dell’interesse aperto, con una sola eccezione: se si tratta di opzioni in cui l’interesse aperto è solo di poche centinaia di contratti, significa che la bassa liquidità di cui ho parlato, probabilmente porta a un ampio spread bid-ask.

Esercizio e assegnazione

L’esercizio di un’opzione significa semplicemente che l’acquirente dell’opzione call o put invoca il diritto di acquistare o vendere le azioni sottostanti al prezzo d’esercizio. Quando l’acquirente (o il detentore) dell’opzione decide di esercitarla, all’autore dell’opzione viene assegnato l’obbligo di adempiere alle condizioni del contratto. L’ipotetico autore di tale call ENI da 8,80 euro di giugno deve consegnare 500 azioni, ricevendo in cambio 4.400 euro.

La meccanica dell’abbinamento tra il titolare di un’opzione esercitata e lo scrivente dell’opzione assegnata viene gestita dietro le quinte dalla società di compensazione delle opzioni. Ma una volta assegnato, lo scrittore deve adempiere alla sua fine dell’affare, o consegnando azioni già possedute, o acquistando azioni sul mercato aperto, o facendo shorting e consegnando quelle in adempimento del contratto (naturalmente, lo scrittore ha poi l’obbligo di tornare indietro a un certo punto e coprire lo short).

Sappiate anche che l’esercizio alla scadenza è generalmente automatico e gestito dalla società di compensazione delle opzioni, ma ricordate ancora una volta che la maggior parte dei trader di opzioni chiude le proprie posizioni con contratti di compensazione prima della scadenza (a meno che la scadenza non sia fortemente svantaggiosa per il trader, in tal caso la perdita dovuta all’annullamento delle opzioni è minore rispetto all’acquisto delle azioni stesse).

Europeo o americano?

Occasionalmente potreste sentire i termini “europeo” o “americano” che vengono usati per indicare le opzioni in stile “europeo” o “americano”. Questi termini non si riferiscono alla geografia, ma semplicemente indicano differenze nelle clausole allegate alle opzioni. Un’opzione europea è un’opzione che può essere esercitata solo alla scadenza e non prima.

Un’opzione americana è un’opzione che può essere esercitata in qualsiasi momento fino alla scadenza. Le opzioni negoziate che troverete quotate sono di natura americana, anche se troverete che l’esercizio anticipato di una tale opzione di solito non ha molto senso.