Chiusura giovedì 13 Agosto 2020
62,63 $
Target Price: 84,11 $
Media del giudizio di 23 analisti

Informazioni su PSX

NomePhillips 66
NazioneStati Uniti
CurrencyUSD
Data IPO12-04-2012
SettoreEnergy
Capitalizzazione27.083

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 14-08-2020

Consensi e Target Price PSX

News Sentiment

 ToroOrso
News Sentiment50,00%
Settore:57,17%
50,00%
Settore:42,83%
Art. ultima settim.4
Media news settimanali2.25
Ultimo periodoSe ne parla al solito
News Score Phillips 6650,00%
News Score del settore48,70%

Consensi Phillips 66

GiudizioConsensi
StrongBuy2
Buy9
Hold10
Sell1
StrongSell1
Aggiornati al 28-07-2020

Target Price Phillips 66

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Phillips 66

TP MedioTP MaggioreTP Minore
84,11100,0073,00
Aggiornati al 28-07-2020

Analisi tecnica Phillips 66

SegnaleIndicatori
Buy7
Neutral6
Sell4
Segnale finalebuy

Livelli, Supporti e Resistenze PSX

Livelli storici
39,50
59,55
79,11
96,77
113,50

EPS Phillips 66

PeriodoRealizzatoPrevisto
31-03-20201,020,64
31-12-20191,541,58
30-09-20193,112,62
30-06-20193,022,77

Phillips 66

Phillips 66 è una società statunitense diversificata di produzione di energia e logistica che produce, immagazzina e distribuisce combustibili. La società ha un portafoglio che comprende le unità Chemicals, Midstream, Refining, Marketing e Lubrificanti.

Con le sue 13 raffinerie negli Stati Uniti e in Europa, il business ha una capacità di raffinazione globale di 2,2 milioni di barili di petrolio greggio al giorno. Phillips 66 possiede anche un enorme sistema di oleodotti che viene utilizzato per il trasporto del greggio, dei prodotti raffinati e dei LGN da e per gli impianti di lavorazione, i terminali e gli impianti di stoccaggio.

Greg Garland è presidente e amministratore delegato di Phillips 66. Vanta oltre tre decenni di esperienza in posizioni tecniche ed esecutive nell’industria petrolifera, del gas e chimica.

Qual è la storia moderna di Phillips 66?

I fratelli Frank e L.E. Phillips hanno fondato la Phillips Petroleum Company in Oklahoma oltre un secolo fa, nel 1917. L’azienda ha resistito a numerosi tentativi di acquisizione durante gli anni ’80, ma nel 2002 si è fusa con la Conoco per diventare la ConocoPhillips. La mossa ha creato la sesta più grande compagnia petrolifera quotata in borsa del mondo e la terza più grande degli Stati Uniti. Dieci anni dopo, la ConocoPhillips ha scorporato le sue attività midstream e downstream per creare la Phillips 66, che ha iniziato a fare trading alla Borsa di New York nel maggio 2012.

Nel febbraio 2018, la società di Warren Buffett, Berkshire Hathaway, ha ridotto la sua partecipazione in Phillips 66 a circa il 9,8%, vendendo 35 milioni di azioni alla società per 3,3 miliardi di dollari. Buffett ha detto: “Phillips 66 è una grande azienda con un portafoglio downstream diversificato e un forte team di gestione. Questa transazione è stata motivata esclusivamente dal nostro desiderio di eliminare i requisiti normativi che prevedono livelli di proprietà superiori al 10%”.

Il prezzo delle azioni Phillips 66 è salito costantemente da quando la società è stata scorporata nel 2012. Da un punto di partenza di 30 dollari le azioni sono raddoppiate a 60 dollari a febbraio 2013, e per la maggior parte del 2015 e del 2016 sono state scambiate a circa 80 dollari. Nel gennaio 2018 le azioni hanno superato per la prima volta la soglia dei 100 dollari.

Dove opera Phillips 66?

La sede centrale globale della società si trova a Houston, Texas. Phillips 66 ha una forza lavoro di oltre 14.000 dipendenti e opera in 65 paesi in tutto il mondo. Delle sue 13 raffinerie, 11 sono negli Stati Uniti, una in Inghilterra (la raffineria Humber) e una in Germania (la raffineria MiRo di Karlsruhe).

Dove viene commercializzata la Phillips 66?

Phillips 66 è quotata alla Borsa di New York (NYSE) ed è un componente dell’indice S&P 500.

Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500

Spesso ci si riferisce alle varie classifiche mondiali guardando alle aziende che hanno più profitti, che hanno più ricavi oppure semplicemente che hanno una maggiore capitalizzazione. La questione di base, però, è che la maggior parte degli investitori non va OTC e quindi le azioni che riescono ad acquistare arrivano dai seguenti mercati: USAGran BretagnaGermaniaFranciaItaliaSpagnaSvizzeraOlandaPortogallo Si tratta di pochi mercati…

Commenti disabilitati su Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le 100 azioni migliori sui mercati occidentali

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare