Cosa sono gli ETF
Exchange-Traded Funds
Cosa sono gli ETF
  • Post Category:Guide

Gli Exchange-Traded Funds sono uno dei prodotti più importanti e preziosi creati per gli investitori individuali negli ultimi anni. Gli ETF offrono molti vantaggi e, se usati saggiamente, sono un eccellente veicolo per raggiungere gli obiettivi di investimento di un investitore.

In breve, un ETF è un paniere di titoli che si possono acquistare o vendere attraverso una società di intermediazione in borsa. Gli ETF sono offerti praticamente su tutte le classi di attività possibili, dagli investimenti tradizionali alle cosiddette attività alternative come le materie prime o le valute. Inoltre, le innovative strutture degli ETF consentono agli investitori di operare sui mercati brevi, di ottenere un effetto leva e di evitare le imposte sulle plusvalenze a breve termine.

Dopo un paio di false partenze, gli ETF hanno iniziato sul serio nel 1993 con il prodotto comunemente noto con il suo simbolo del ticker, SPY, o “Spiders”, che è diventato l’ETF a più alto volume della storia. Oggi si stima che siano stati investiti oltre 1.000 miliardi di dollari in ETF e quasi 1.000 prodotti ETF scambiati sulle borse americane.

Tipi di ETF:

  • ETF di mercato: Progettati per tracciare un indice particolare come l’S&P 500 o il NASDAQ
  • ETF obbligazionari: Progettati per fornire un’esposizione a praticamente ogni tipo di obbligazione disponibile: Tesoro degli Stati Uniti, aziende, municipali, internazionali, ad alto rendimento e molti altri
  • ETF settoriali e dell’industria: Progettati per fornire l’esposizione a una particolare industria, come il petrolio, i prodotti farmaceutici o l’alta tecnologia
  • ETF su materie prime: Progettati per tracciare il prezzo di una merce, come l’oro, il petrolio o il mais
  • Style ETF: Progettati per tracciare uno stile di investimento o un focus sulla capitalizzazione di mercato, come il valore di large-cap o la crescita di small-cap
  • ETF del mercato estero: Progettati per tracciare i mercati non statunitensi, come l’indice giapponese Nikkei o l’indice Hang Seng di Hong Kong
  • ETF inversi: Progettati per trarre profitto da un calo del mercato o dell’indice sottostante
  • ETF gestiti attivamente: progettati per sovraperformare un indice, a differenza della maggior parte degli ETF, che sono progettati per tracciare un indice
  • Exchange-traded notes: In sostanza, titoli di debito garantiti dal merito di credito della banca emittente; creati per fornire l’accesso a mercati illiquidi e hanno il vantaggio aggiuntivo di non generare praticamente nessuna imposta sulle plusvalenze a breve termine
  • ETF di investimento alternativi: Strutture innovative, come gli ETF che consentono agli investitori di negoziare la volatilità o di acquisire un’esposizione a una particolare strategia d’investimento, come il “currency carry” o il “covered call writing”.

Come funzionano gli ETF

Un ETF viene acquistato e venduto come un’azione aziendale durante il giorno, quando le borse sono aperte. Proprio come un’azione, un ETF ha il simbolo di un ticker e i dati dei prezzi intragiornalieri possono essere facilmente ottenuti nel corso della giornata di negoziazione.

A differenza delle azioni di una società, il numero di azioni in circolazione di un ETF può cambiare giornalmente a causa della continua creazione di nuove azioni e del riscatto di quelle esistenti. La capacità di un ETF di emettere e riscattare azioni su base continuativa mantiene il prezzo di mercato degli ETF in linea con i titoli sottostanti.

Sebbene siano concepiti per gli investitori individuali, gli investitori istituzionali svolgono un ruolo chiave nel mantenere la liquidità e la tracciabilità dell’integrità dell’ETF attraverso l’acquisto e la vendita di quote di creazione, che sono grandi blocchi di azioni dell’ETF che possono essere scambiati con panieri dei titoli sottostanti. Quando il prezzo dell’ETF si discosta dal valore dell’attivo sottostante, gli istituti utilizzano il meccanismo di arbitraggio offerto dalle unità di creazione per riportare il prezzo dell’ETF in linea con il valore dell’attivo sottostante.

Vantaggi degli ETF

L’attrattiva degli ETF per gli investitori individuali è:

  • Comprare e vendere a qualsiasi ora del giorno: I fondi comuni di investimento, invece, si liquidano dopo la chiusura del mercato
  • Tasse più basse: Non c’è un carico di vendite, tuttavia, si applicano le commissioni di intermediazione
  • Più efficiente dal punto di vista fiscale: Gli investitori hanno un migliore controllo su quando pagano l’imposta sulle plusvalenze
  • Operazioni di trading: Poiché sono negoziate come le azioni, gli investitori possono inserire una varietà di tipi di ordini (ordini limite, ordini stop-loss, buy on margin) che non sono possibili con i fondi comuni di investimento

Svantaggi degli ETF

Pur essendo superiori sotto molti aspetti, gli ETF hanno degli svantaggi, tra cui:

  • I costi di negoziazione: Se si investono piccole somme di frequente, ci possono essere alternative a basso costo che investono direttamente con una società di fondi in un fondo a vuoto
  • Illiquidità: Alcuni ETF poco negoziati hanno ampi spread denaro/lettera, il che significa che si acquista al prezzo alto dello spread e si vende al prezzo basso dello spread
  • Errore di tracciamento: Mentre gli ETF generalmente tracciano abbastanza bene il loro indice sottostante, le questioni tecniche possono creare discrepanze
  • Date di liquidazione: Le vendite di ETF non sono regolate per 2 giorni dopo una transazione; ciò significa che, in qualità di venditore, i vostri fondi da una vendita di ETF non sono tecnicamente disponibili a reinvestire per 2 giorni.

Strategie di investimento

Una volta determinati i vostri obiettivi di investimento, gli ETF possono essere utilizzati per acquisire un’esposizione praticamente su qualsiasi mercato del mondo o settore industriale. Potete investire il vostro patrimonio in modo convenzionale utilizzando ETF su indici azionari e obbligazionari e adeguare l’allocazione in base alle variazioni della vostra tolleranza al rischio e dei vostri obiettivi. Potete aggiungere attività alternative, come l’oro, le materie prime o i mercati azionari emergenti. Potete entrare e uscire dai mercati rapidamente, sperando di cogliere oscillazioni a breve termine, proprio come un hedge fund. Il punto è che gli ETF vi offrono la flessibilità di essere qualsiasi tipo di investitore vogliate essere.

Cosa riserva il futuro

L’innovazione è stata il tratto distintivo dell’industria dell’ETF sin dai suoi inizi, meno di 25 anni fa. Indubbiamente, nei prossimi anni verranno introdotti nuovi e più insoliti ETF. Mentre l’innovazione è un netto positivo per gli investitori, è importante rendersi conto che non tutti gli ETF sono creati uguali. È necessario indagare attentamente prima di investire in qualsiasi ETF, considerando attentamente tutti i fattori per garantire che l’ETF scelto sia il veicolo migliore per raggiungere i propri obiettivi di investimento.