Cosa sono le azioni (common stock)
Azioni comuni
Cosa sono le azioni (common stock)
  • Post Category:Guide

Le azioni ordinarie (o common stock) sono un titolo che rappresenta la proprietà di una società.

I detentori di azioni ordinarie eleggono il consiglio di amministrazione e votano le politiche aziendali.

Questa forma di proprietà azionaria in genere produce tassi di rendimento più elevati a lungo termine. Tuttavia, in caso di liquidazione, gli azionisti comuni hanno diritto al patrimonio di una società solo dopo che i detentori di obbligazioni, gli azionisti privilegiati e gli altri debitori sono stati pagati per intero.

Le azioni ordinarie sono riportate nella sezione del patrimonio netto dell’azionista del bilancio di una società.

Comprensione delle azioni ordinarie

Con le azioni ordinarie, se una società fallisce, gli azionisti ordinari non ricevono il loro denaro fino a quando i creditori, gli obbligazionisti e gli azionisti privilegiati non hanno ricevuto la loro rispettiva quota. Questo rende le azioni ordinarie più rischiose delle azioni di debito o delle azioni privilegiate. Il lato positivo delle azioni ordinarie è che di solito superano le obbligazioni e le azioni privilegiate nel lungo periodo. Molte società emettono tutti e tre i tipi di titoli. Ad esempio, Google (Alphabet) ha diverse obbligazioni disponibili sul mercato secondario. Ha anche azioni privilegiate, come la serie C (NASDAQ: GOOG), e azioni ordinarie (NASDAQ: GOOGL).

Il primo titolo ordinario in assoluto è stato istituito nel 1602 dalla Compagnia olandese delle Indie Orientali e introdotto alla Borsa di Amsterdam. Le azioni più grandi con sede negli Stati Uniti sono negoziate in una borsa pubblica, come la Borsa di New York (NYSE) o il NASDAQ. Al 2019, il primo ha 2800 azioni quotate sulle sue borse, mentre il secondo ha 3300 azioni quotate. La NYSE ha avuto una capitalizzazione di mercato di 28,5 trilioni di dollari nel giugno 2018, il che la rende la più grande borsa valori al mondo per limite di mercato.

Ci sono anche diverse borse internazionali per i titoli esteri, come la Borsa di Londra e la Borsa di Tokyo (e ovviamente anche la nostra Borsa di Milano, che è di proprietà di quella di Londra). Le società di dimensioni più piccole e che non sono in grado di soddisfare i requisiti di quotazione di una borsa sono considerate non quotate. Queste azioni non quotate sono negoziate sull’Over-The-Counter Bulletin Board (OTCBB) o su fogli rosa.

Affinché una società possa emettere azioni, deve iniziare con un’offerta pubblica iniziale (IPO). Un’IPO è un ottimo modo per una società, alla ricerca di capitale aggiuntivo, per espandersi. Per iniziare il processo di IPO, una società deve collaborare con una società di investment banking di sottoscrizione, che aiuta a determinare sia il tipo che il prezzo delle azioni. Una volta completata la fase di IPO, il pubblico può acquistare il nuovo titolo sul mercato secondario.

Considerazioni finali sulle azioni

I titoli azionari dovrebbero essere considerati una parte importante del portafoglio di qualsiasi investitore. Esse comportano un rischio maggiore rispetto ad altri strumenti, alle azioni privilegiate e alle obbligazioni. Tuttavia, con il rischio maggiore, il potenziale di ricompensa è maggiore. Nel lungo termine, i titoli tendono a sovraperformare gli altri investimenti, ma sono più esposti alla volatilità nel breve termine.

Esistono anche diversi tipi di azioni. I titoli in crescita sono società che tendono ad aumentare di valore a causa della crescita dei profitti. I titoli a valore sono società con un prezzo inferiore rispetto ai loro fondamentali. I titoli a valore offrono un dividendo, a differenza dei titoli a crescita. I titoli sono classificati in base alla capitalizzazione di mercato – grande, media o piccola. Le azioni a grande capitalizzazione sono molto più negoziate e sono generalmente indice di una società più stabile. Le azioni a piccola capitalizzazione sono di solito società più recenti che cercano di crescere; quindi, possono essere molto più volatili rispetto alle azioni a grande capitalizzazione.