Come iniziare a investire?
Imparare a investire
Come iniziare a investire?
  • Post Category:Guide

Quindi avete deciso di iniziare a investire. Congratulazioni! Che siate appena agli inizi della vostra carriera, nel bel mezzo della vostra strada verso la ricchezza, in prossimità dell’età pensionabile, o nel bel mezzo dei vostri anni d’oro, questo significa che avete iniziato a pensare al vostro futuro finanziario, e a come potreste gestire con prudenza il vostro capitale in modo che possa funzionare per voi.

Nessuno inizia da esperto, e anche i migliori investitori del mondo una volta erano seduti dove sei tu. Cominciamo con due domande fondamentali:

Da dove si dovrebbe iniziare? Come si comincia?

Queste due domande potrebbero sembrare scoraggianti, soprattutto se vi siete imbattuti in una serie di termini di investimento intimidatori, come il rapporto tra prezzo e guadagno (rapporto p/e), la capitalizzazione di mercato e il rendimento del capitale proprio. Ma iniziare a investire non è così spaventoso come potrebbe sembrare.

La prima fase dell’investimento consiste nel capire quali tipi di attività si vogliono possedere. Cominciamo da questa verità di base: l’investimento si basa sul fatto di disporre oggi di denaro con l’aspettativa di ottenere più denaro in futuro, il che, tenendo conto del tempo, adeguandosi al rischio e tenendo conto dell’inflazione, si traduce in un soddisfacente tasso di crescita annuo composto, in particolare rispetto agli standard considerati un “buon” investimento.

È proprio questo il nocciolo della questione. Voi mettete a disposizione denaro o beni ora, nella speranza di avere più denaro o beni che vi ritornino domani, o l’anno prossimo, o il prossimo decennio.

Il più delle volte, questo si ottiene al meglio attraverso l’acquisizione di beni produttivi. I beni produttivi sono investimenti che, internamente, generano un’eccedenza di denaro proveniente da una qualche attività. Ad esempio, se si acquista un quadro, non è un asset produttivo. Tra un centinaio d’anni, il dipinto sarà ancora solo vostro, che può o non può valere più o meno soldi. Potreste, tuttavia, essere in grado di convertirlo in un bene quasi produttivo aprendo un museo e facendo pagare l’ingresso per vederlo.

D’altra parte, se si acquista un condominio, non si avrà solo l’edificio, ma tutto il denaro che produce con l’affitto e il reddito da servizi nel corso di quel secolo. Anche se l’edificio è stato distrutto dopo un decennio, avrete ancora il flusso di cassa di dieci anni di attività (che avreste potuto usare per sostenere il vostro stile di vita, dato in beneficenza, o reinvestito in altre opportunità), oltre al terreno.

Ogni tipo di attività produttiva ha i suoi pro e i suoi contro, le sue peculiarità, le sue tradizioni legali, le sue norme fiscali e altri dettagli rilevanti. In generale, gli investimenti in beni produttivi possono essere suddivisi in una manciata di categorie principali. Vediamo i tre tipi di investimenti più comuni:

  1. azioni
  2. obbligazioni
  3. beni immobili

Investire in azioni

Quando si parla di investire in azioni, di solito si intende investire in azioni ordinarie, che è un altro modo per descrivere la proprietà di un’impresa, o il capitale proprio. Quando si possiede il capitale proprio di un’azienda, si ha diritto a una quota dei profitti o delle perdite generati dall’attività operativa dell’azienda. Su base aggregata, le azioni sono state storicamente la classe di attività più remunerativa per gli investitori che cercano di costruire ricchezza nel tempo senza utilizzare grandi quantità di leva finanziaria.

A rischio di semplificare eccessivamente, ci piace pensare agli investimenti azionari aziendali come all’acquisto di una quota di un negozio; ovviamente se il negozio andrà bene e farà utili avremo la nostra fetta, altrimenti se andrà male è probabile che dovremo metterci altro denaro.

Sempre in tema di semplificazioni, gli investimenti aziendali possono appartenere a uno dei due tipi di investimento, quello privato e quello pubblico.

Investire in aziende private

Sono aziende che non hanno un mercato pubblico per le loro azioni. Quando si parte da zero, possono essere una proposta ad alto rischio e ad alto rendimento per l’imprenditore. Ti viene un’idea, crei un’impresa, la gestisci in modo che le tue spese siano inferiori alle tue entrate e la fai crescere nel tempo, assicurandoti non solo di essere ben ricompensato per il tuo tempo, ma anche che il tuo capitale sia trattato in modo equo, godendo di un buon ritorno in eccesso rispetto a quello che potresti guadagnare da un investimento passivo. Anche se l’imprenditorialità non è facile, possedere una buona impresa può mettere il cibo sulla vostra tavola, mandare i vostri figli all’università, pagare le spese mediche e permettervi di andare in pensione in tutta comodità.

Investire in imprese quotate in borsa (aziende pubbliche)

Le imprese private a volte vendono parte di se stesse a investitori esterni, in un processo noto come Offerta Pubblica Iniziale, o IPO. Quando ciò accade, chiunque può acquistare azioni e diventare proprietario.

I tipi di azioni quotate in borsa che si possiedono possono essere diversi in base a una serie di fattori. Ad esempio, se siete il tipo di persona a cui piacciono le aziende che sono stabili e che hanno flusso di cassa per i proprietari, probabilmente sarete attratti da azioni blue-chip, e può anche avere un’affinità per l’investimento di dividendo, la crescita del dividendo di investimento, e l’investimento di valore. D’altra parte, se si preferisce una metodologia di allocazione del portafoglio più aggressiva, si potrebbe essere attratti dall’investimento in azioni di società cattive, perché anche un piccolo aumento della redditività potrebbe portare a un salto sproporzionato del prezzo di mercato delle azioni.

Investire in titoli a reddito fisso (Obbligazioni)

Quando si acquista un titolo a reddito fisso, si presta denaro all’emittente di obbligazioni in cambio di interessi. Ci sono una miriade di modi per farlo, dall’acquisto di certificati di deposito e di mercati monetari all’investimento in obbligazioni societarie, obbligazioni municipali esenti da imposte e obbligazioni di risparmio statunitensi.

Non pensate che sia complesso: quando vostra nonna vi acquistava 100 mila lire di buoni fruttiferi della posta non stava facendo altro che acquistare il debito pubblica italiano, quindi delle obbligazioni di uno Stato.

Come per le azioni, molti titoli a reddito fisso vengono acquistati attraverso un conto di intermediazione. In Italia oggi la maggior parte delle banche online offrono questo tipo di servizio, a costi ovviamente differenti. C’è chi fa pagare una commissione in percentuale sull’operazione (tipicamente tra lo 0,15 e lo 0,40% dell’operazione) e c’è chi applica uno spread all’operazione (in un momento 0 potete acquistare a 1,01 e vendere a 0,99) che equivale pressapoco a una commissione.

Quando si apre un nuovo conto di intermediazione, l’investimento minimo può variare, di solito va da €500 a €1.000 (per investire è veramente il minimo).

Investire nel settore immobiliare

L’investimento immobiliare è vecchio quasi quanto l’umanità stessa. Ci sono diversi modi per fare soldi investendo nel settore immobiliare, ma di solito si tratta di sviluppare qualcosa e venderla per un profitto, o di possedere qualcosa e lasciare che altri la usino in cambio di affitto o di canoni di locazione. Per molti investitori, l’immobiliare è stato un percorso verso la ricchezza perché si presta più facilmente all’uso della leva finanziaria. Questo può essere un male se l’investimento si rivela povero, ma, applicato all’investimento giusto, al giusto prezzo e alle giuste condizioni, può permettere a chi non ha molto patrimonio netto di accumulare rapidamente risorse, controllando una base patrimoniale molto più grande di quanto potrebbe altrimenti permettersi.

Una cosa che potrebbe confondere i nuovi investitori è che anche gli immobili possono essere scambiati come un’azione. Di solito, questo avviene attraverso una società che si qualifica come un fondo di investimento immobiliare. Ad esempio, è possibile investire in fondi di hotel e raccogliere la propria quota di entrate dagli ospiti che effettuano il check-in negli hotel e resort che compongono il portafoglio della società. Ci sono molti tipi diversi di Fondi immobiliari: appartamenti, edifici per uffici, magazzini, unità di stoccaggio, specializzati nell’edilizia residenziale per anziani e persino di garage.

Decidere come si desidera possedere tali beni

Una volta stabilita la classe di attività che si vuole possedere, il passo successivo è quello di decidere come si intende possederla. Per capire meglio questo punto, diamo un’occhiata al business equity. Se decidete di volere una partecipazione in un’azienda quotata in borsa, volete possedere le azioni a titolo definitivo o attraverso una struttura di derivati?

Proprietà diretta di azioni

Se optate per la proprietà totale, acquisterete direttamente le azioni delle singole società.

Per investire in azioni, pensate ad esse come alle vostre aziende private e ricordate che ci sono tre modi per fare soldi investendo in un’azione. Chiaramente, questo significa concentrarsi sul prezzo che si sta pagando rispetto ai flussi di cassa corretti per il rischio che l’attività sta generando. Scoprite come calcolare il valore dell’impresa, calcolate il margine di profitto lordo e il margine di profitto operativo e confrontateli con altre attività dello stesso settore o industria. Leggete il conto economico e lo stato patrimoniale. Guardate le società di gestione patrimoniale, che detengono grandi partecipazioni, per capire i tipi di comproprietari con cui avete a che fare.

Proprietà di derivati

Un’enorme percentuale di investitori ordinari non investe direttamente in azioni, ma lo fa attraverso un meccanismo di derivati, come un fondo comune di investimento o un fondo quotato in borsa (ETF). Mischiate il vostro denaro con altre persone e acquistate la proprietà in diverse società attraverso una struttura o un’entità condivisa.

Questi meccanismi di derivati possono assumere molte forme. Alcuni investitori facoltosi investono in hedge fund, ma la maggior parte degli investitori individuali opterà per veicoli come i fondi negoziati in borsa e i fondi indicizzati, che consentono di acquistare portafogli diversificati a tassi molto più convenienti di quelli che si sarebbero potuti permettere da soli. Il rovescio della medaglia è la quasi totale perdita di controllo. Se investite in un ETF o in un fondo comune d’investimento, siete pronti per il viaggio, affidando le vostre decisioni a un piccolo gruppo di persone che hanno il potere di modificare la vostra allocazione.

Decidere dove si desidera detenere tali attività

Dopo aver deciso il modo in cui volete acquisire il vostro patrimonio d’investimento, la vostra prossima decisione riguarda il luogo in cui tali investimenti saranno effettuati. Questa decisione può avere un impatto importante sul modo in cui i vostri investimenti sono tassati, quindi non è una decisione da prendere alla leggera. Le vostre scelte includono conti di intermediazione tassabili, banche o sistemi di brokeraggio, o addirittura la costituzione di una Società Semplice per la gestione degli investimenti.

Lasciamo da parte la Società Semplice, che probabilmente poco interessa a chi sta leggendo questo articolo (a meno di capitali che superano le varie centinaia di migliaia di euro). Vediamo brevemente alcune delle categorie generali.

Tassazione delle reddite da utili finanziari

Partiamo dalla tassazione, gli strumenti classici hanno due aliquote di tassazione:

  • 26% – per la maggior parte del reddito derivante da utili finanziari
  • 12,5% – per reddito derivante da obbligazioni statali

Mettetevi l’anima in pace poiché, a meno di aprire con residenza all’estero (e quindi cambiano le aliquote) da qui non ci scappate. Una percentuale di ciò che guadagnate (plusvalenze) va allo Stato Italiano.

Regimi di tassazione

Ci sono sostanzialmente 2 tipologie di regime di tassazione:

  • Regime dichiarativo
  • Regime amministrativo

Regime amministrativo

Partiamo dal secondo, cioè da quello che per voi è più semplice: il regime amministrativo. Con questo regime tutte le tasse che voi dovete allo Stato vengono trattenute alla fonte, quindi voi, dell’aspetto fiscale, vi interesserete poco.

Il regime amministrativo viene offerto da tutti i soggetti che operano in Italia su strumenti finanziari, oltre ad alcune società estere che sono state autorizzate.

Se il vostro broker non vi permette di operare con il regime amministrativo allora dovrete passare al regime dichiarativo e, in caso di conti multipli con vari soggetti, probabilmente vi converrà passare su tutti i conti al nuovo sistema.

Regime dichiarativo

L’onere di dichiarare e pagare allo Stato quanto gli è dovuto è vostro. I soggetti finanziari vi manderanno una dichiarazione a marzo dell’anno successivo a quello in cui avrete maturato minusvalenze e plusvalenze e sarà vostro compito dichiararle.

Lo svantaggio è quello di doversi barcamenare con la dichiarazione dei redditi che in uno Stato burocratico come l’Italia non è mai piacevole e fonte di possibili errori.

Il vantaggio è che le tasse, anziché pagarle immediatamente quando l’operazione viene effettuata, le pagherete a distanza di vari mesi, quindi avrete più capitale da poter far fruttare nel mentre.

Perdite, Minusvalenze e recupero delle stesse

Come detto in precedenza il pagamento delle tasse è dovuto ed è applicato con un regime del 26% (o 12,5% su obbligazioni statali) sulle plusvalenze.

Le plusvalenze non sono altro che il guadagno che farete dal titolo. Se acquistate azioni per 1.000 euro e le vendete a 1.200 euro la plusvalenza è di 200 euro e su questa ci pagate il 26% di tasse, quindi 52 euro. Il vostro guadagno netto sarà quindi di 148 euro.

Ma cosa succede se anziché guadagnare ci perderete? Cosa molto probabile con le vostre prime operazioni e facciamo un esempio per far capire: acquistiamo sempre 1.000 euro di azioni e queste crollano, alla fine per disperazione le vendiamo a 800 euro registrando 200 euro di minusvalenza.

Le 200 euro di minusvalenza le potremo recuperare con una plusvalenza equivalente, quindi, se gli 800 euro li investiamo nuovamente e alla fine torneremo a 1.000 euro con altre azioni, la plusvalenza di 200 euro non verrà tassata semplicemente perché avrà recuperato una minusvalenza di 200 euro precedente.

Il recupero delle plusvalenze può avvenire entro 5 anni dall’anno in cui avete registrato la minusvalenza.

Tipologie di conti o broker

In Italia ci sono pochi soggetti autorizzati a operare direttamente sulle azioni e sono le banche. Quindi se state aprendo un conto bancario è probabile che sul sito online ci sia una sezione dedicata agli investimenti in borsa.

Ci sono anche altri soggetti che permettono di operare su strumenti finanziari ma che non hanno o non vogliono l’autorizzazione a operare su azioni e quindi vi faranno operare su CFD che replicano l’andamento dell’azione stessa. Questi soggetti cercheranno di tenere privata l’informazione che state operando su CFD e non realmente sugli strumenti.

Per voi cambia relativamente poco se non il fatto che il vostro ordine sta andando a incidere sul prezzo di uno strumento derivato piuttosto che sul prezzo dell’azione vera e propria.

Noi preferiamo operare sempre su azioni poiché a parità di condizioni ci piace avere la proprietà dell’azione e quindi dell’azienda, questo comporta anche che avremo diritto a votare durante un consiglio di amministrazione (per i capitali di cui parliamo in questo articolo difficilmente qualcuno andrà a votare, quindi gli strumenti sono abbastanza uguali).