Le conoscenze di base per investire
Termini per investire
Le conoscenze di base per investire
  • Post Category:Guide

Se siete un nuovo investitore, è probabile che vi imbattiate in termini che non capite. All’inizio può sembrare travolgente, ma una volta che avrete familiarizzato con essi, vi renderete conto che non c’è motivo di essere intimiditi. Questa è un’introduzione ad alcuni dei termini di investimento più comuni che potreste incontrare.

Tipi di investimento

Ci sono vari modi per investire il vostro denaro, come azioni, obbligazioni e proprietà. Dovreste avere una chiara comprensione di ogni opzione per prendere la decisione migliore per far crescere il vostro denaro.

Azioni ordinarie

Una quota di azioni ordinarie rappresenta la proprietà di una società legalmente costituita.

Per la maggior parte delle aziende, esiste un’unica classe di azioni che rappresenta l’intera azienda. Tuttavia, alcune società hanno più classi di azioni, comprese le classi di azioni doppie. Spesso, una classe di azioni avrà più diritti di voto di un’altra classe di azioni.

Azioni privilegiate

Le azioni privilegiate sono una classe di proprietà che permette agli azionisti di una società di ottenere un dividendo maggiore, e questo dividendo è spesso garantito, oppure semplicemente il privilegio è sul diritto di voti, spesso per esempio le azioni privilegiate danno diritto al doppio dei voti rispetto alle azioni ordinarie.

Altre volte i detentori di tali azioni non hanno diritto di voto, ma possono ricevere uno status speciale se una società si trova in stato di insolvenza. Se una società viene liquidata e i creditori devono essere pagati, gli azionisti delle azioni privilegiate devono essere pagati prima degli azionisti delle azioni ordinarie.

In alcuni casi, le società possono riacquistare azioni privilegiate dagli azionisti, spesso con un sovrapprezzo. È anche possibile convertire azioni di azioni privilegiate in azioni ordinarie, ma non viceversa. Esistono anche diversi tipi di azioni privilegiate, come le azioni privilegiate convertibili.

Obbligazioni o bond

In termini semplici, un’obbligazione è come un prestito, o se preferite un mutuo alla tedesca o ancora una linea di credito.

Quando si acquista un’obbligazione, di solito si accetta di prestare denaro a un governo o a una società. In genere, l’emittente di un’obbligazione promette di rimborsare l’intero importo del prestito principale in un giorno futuro, noto come data di scadenza, e di pagare nel frattempo il reddito da interessi sulla base di un tasso cedolare.

Esistono molti tipi di obbligazioni, comprese quelle emesse dai governi, come i Buoni del Tesoro (i BTP). Questi titoli sono spesso utilizzati per finanziare operazioni governative e progetti di capitale.

Ci sono le obbligazioni societarie (o corporate bond), che aiutano le aziende a finanziare le loro operazioni e a investire in sé stesse.

Ogni tipo di obbligazione prende il merito creditizio dell’azienda/nazione che li riceve, quindi ci sono obbligazioni di tipo investment-grade, le più alte sono le obbligazioni con rating AAA, e all’estremità opposta dello spettro, le obbligazioni spazzatura (junk bond) che sono riconosciute con le sigle CCC, C, o D.

Se non si desidera acquistare le obbligazioni singolarmente, è possibile investire in fondi obbligazionari.

Investimenti immobiliari

Gli immobili sono proprietà tangibili, come terreni o edifici, che il proprietario può utilizzare o permettere ad altri di utilizzare in cambio di un pagamento. Quando si possiede una casa, si è proprietari di immobili. Quando si possiede un appezzamento di terreno, si possiede un immobile.

Fondi comuni di investimento

Un fondo comune d’investimento è un portafoglio in condivisione. Gli investitori acquistano azioni o quote di un fondo e il denaro viene investito da un gestore di portafoglio professionale. Il fondo stesso detiene singole azioni, nel caso di fondi azionari; o obbligazioni, nel caso di fondi obbligazionari.

In pratica, passatemi il parallelo semplicistico, è come acquistare un’azione che ha al suo interno frazioni di altre azioni.

I fondi comuni di investimento non effettuano operazioni di trading nell’arco della giornata per evitare che le persone possano trarre vantaggio dalla variazione del valore patrimoniale netto sottostante. Al contrario, gli ordini di acquisto e di vendita vengono raccolti nel corso della giornata e, una volta chiusi i mercati, vengono eseguiti sulla base del valore finale calcolato per quel giorno di negoziazione.

Fondi negoziati in borsa

I fondi negoziati in borsa (ETF o Exchange Traded Fund) sono molto simili ai fondi comuni d’investimento, ad eccezione del fatto che vengono scambiati durante tutta la giornata in borsa come se fossero azioni.

In realtà è possibile pagare più o meno del valore delle quote sottostanti del fondo. In alcuni casi, gli ETF possono avere alcuni vantaggi fiscali, ma la maggior parte dei loro vantaggi rispetto ai fondi comuni d’investimento tradizionali sono in gran parte un trionfo del marketing sulla sostanza.

Potete utilizzare questi o i fondi comuni d’investimento strutturati in modo tradizionale nel vostro portafoglio.

Fondi indicizzati

Un fondo indicizzato è un tipo di fondo comune di investimento, a volte scambiato come ETF, che permette ad un individuo di “investire” in un indice, come l’S&P 500. I fondi indicizzati sono progettati per offrire agli investitori rendimenti in linea con l’indice. Quindi, se si investe in un fondo indice S&P 500, i rendimenti devono rispecchiare quelli dell’S&P 500. Ci sono molti fondi progettati per tracciare un’intera serie di indici che possono includere azioni a piccola capitalizzazione, mercati emergenti e settori specifici. L’investimento in fondi indicizzati è un esempio di investimento “passivo”, in quanto non ci sono gestori di fondi che cercano attivamente di “battere” il mercato. I fondi sono semplicemente progettati per riflettere i rendimenti di un indice. Di conseguenza, di solito hanno un basso rapporto costi/benefici, il che li rende investimenti economicamente convenienti.

Hedge Funds

Un hedge fund è un tipo di partnership d’investimento. Spesso è formalmente quotato come società in accomandita semplice o società a responsabilità limitata e i soci mettono in comune il denaro degli investitori e si impegnano in un’ampia gamma di attività di investimento.

Comunemente, gli hedge fund svolgono un’attività d’investimento più rischiosa rispetto agli investimenti tipici. Gli hedge fund spesso utilizzano la leva finanziaria (cioè il denaro preso in prestito) per amplificare i loro rendimenti, ma possono anche piazzare scommesse contro il mercato per fare soldi anche se il mercato scende.

Esistono diverse strutture di hedge fund, ma è comune che i gestori di fondi facciano pagare agli investitori il 20% dei profitti più il 2% del patrimonio come commissione di gestione ogni anno. Questo è controverso perché i gestori di grandi fondi possono guadagnare milioni di dollari in commissioni di gestione, anche se gli investimenti hanno un rendimento mediocre. A causa delle varie normative governative volte a proteggere l’investitore inesperto, investire in hedge fund può essere difficile per la maggior parte degli investitori ordinari.

Fondi Fiduciari

Un Fondo Fiduciario (o Fondi Familiari) è un tipo speciale di entità giuridica che permette ad una persona o organizzazione di detenere beni che alla fine cederà ad un’altra. Ad esempio, un nonno può detenere 100.000 dollari in azioni per un nipote, con la clausola che il nipote riceve il denaro quando raggiunge i 18 anni di età. I fondi fiduciari offrono enormi vantaggi in termini di protezione dei beni e, a volte, anche fiscali. I fondi fiduciari possono detenere quasi tutti i beni immaginabili, dalle azioni, obbligazioni e immobili ai fondi comuni di investimento, agli hedge fund e all’arte.

Fondi d’investimento immobiliare

Alcuni investitori preferiscono acquistare beni immobili attraverso i Real Estate Investment Trusts (REITs) in Italia conosciute come Società per l’Investimento Immobiliare Quotate (SIIQ), istituite alla fine degli anni 2000 ma non hanno mai preso piede qui da noi.

Essi commerciano come se fossero azioni e hanno un trattamento fiscale speciale. Ci sono diversi tipi di SIIQ specializzati in vari tipi di immobili. Ad esempio, se si vuole investire in immobili alberghieri, si potrebbe considerare di investire in un SIIQ alberghiero. I SIIQ permettono di investire in immobili senza dover acquistare o mantenere edifici o terreni reali.

Li abbiamo enunciati ma sia per diffusione, sia per costi che per operazioni necessarie è molto probabile che non avrete mai a che fare con SIIQ.

Da conoscere per investire

Oltre al tipo di investimento, ci sono tanti altri termini (o semplicemente concetti) da conoscere per evitare di ritrovarsi impreparati nel momento del bisogno.

Gestione del portafoglio

I gestori di portafoglio sono professionisti esperti in materia di investimenti, che raggruppano o raggruppano strategicamente diversi tipi di attività in portafogli che gestiscono per generare un profitto per gli investitori. È opportuno tenere a mente i seguenti concetti associati alla gestione del portafoglio.

Mandato d’investimento

Un mandato d’investimento è un insieme di linee guida, regole e obiettivi utilizzati per gestire un portafoglio o un pool di capitale specifico.

Ad esempio, un mandato d’investimento per la conservazione del capitale è destinato a un portafoglio che non può rischiare una volatilità significativa, anche se significa accettare rendimenti inferiori.

Asset Allocation

L’asset allocation è un approccio per la gestione del capitale che prevede la definizione di parametri per diverse classi di attività, come azioni (ad esempio, proprietà o azioni), reddito fisso (ad esempio, obbligazioni), immobili, liquidità o materie prime (ad esempio, oro o argento).

Conto di deposito

Un deposito è un conto che un depositario istituzionale opera per conto di un investitore per detenere il portafoglio titoli dell’investitore.

Il depositario registrerà i flussi di cassa derivanti da interessi e dividendi, presenterà istruzioni per conto dell’investitore per il voto per delega o per eventi societari, prenderà in consegna gli spin-off e si assicurerà che le azioni finiscano nel deposito.

I depositi sono commissioni di custodia valutate. Tuttavia, alcuni investitori non si rendono conto di pagarle perché i broker possono offrire servizi di deposito gratuitamente o a prezzi ridotti se l’investitore ha un conto di dimensioni minime o effettua un certo numero di operazioni su azioni ogni anno.

Società di gestione patrimoniale

Una società di gestione patrimoniale è un’azienda che investe capitale per conto di clienti, azionisti o soci. Ad esempio, l’attività di gestione patrimoniale di Vanguard acquista e vende le partecipazioni sottostanti dei suoi fondi comuni di investimento e degli ETF.

L’attività di gestione patrimoniale della divisione clienti privati di J.P. Morgan costruisce portafogli per privati e istituzioni.

Consulente d’investimento

Un consulente d’investimento è una società (o anche un singolo individuo, delegato da una società) che si occupa, a titolo oneroso, di fornire consulenza, di formulare raccomandazioni, di emettere rapporti o di fornire analisi sui titoli.

Possono includere società di gestione patrimoniale, società di consulenza in materia di investimenti, società di pianificazione finanziaria e una serie di altri modelli di business di investimento.

Short Selling

In caso di vendita allo scoperto, un investitore o uno speculatore prende in prestito azioni o un altro bene che non possiede, vende e intasca il denaro con la promessa di sostituire la proprietà in futuro, e spera che il bene diminuisca di prezzo in modo da poter essere riacquistato ad un costo inferiore, il differenziale diventa il profitto. Se fatto in modo sbagliato, un investitore può fallire.

Margine

I broker spesso prestano ai clienti denaro a fronte del valore di determinate azioni, obbligazioni e altri titoli all’interno del loro deposito, se il cliente accetta di dare in pegno l’intero saldo del conto come garanzia. Quando si apre un conto di intermediazione, è necessario specificare se si desidera un conto in contanti o un conto di margine, oppure, in caso di banche italiane, il conto di marginazione (o l’opzione di acquistare in leva) può essere aggiunta successivamente.

Consiglio di Amministrazione

Il consiglio di amministrazione (o cda) di una società è eletto dagli azionisti. Essi sono tenuti a vigilare sugli interessi degli azionisti, assumere e licenziare l’amministratore delegato, fissare la politica ufficiale di distribuzione dei dividendi e considerare la possibilità di raccomandare o votare contro le fusioni proposte.

Enterprise Value (il valore dell’impresa)

L’Enterprise Value si riferisce al costo totale dell’acquisizione di tutte le azioni e dei debiti di una società.

Capitalizzazione di mercato

La capitalizzazione di mercato si riferisce al valore di tutte le azioni in circolazione delle azioni di una società se è possibile acquistarle al prezzo corrente delle azioni.

Conto economico

Un conto economico mostra i ricavi, le spese, le imposte e l’utile netto di una società.

Stato patrimoniale

Uno stato patrimoniale mostra le attività, le passività e il patrimonio netto di una società.

Stock Exchange (o semplicemente Borsa)

La Borsa (Stock Exchange) è un’istituzione, un’organizzazione o un’associazione che ospita un mercato per gli acquirenti e i venditori di azioni che si riuniscono durante determinati orari di lavoro e fanno affari tra loro.

La borsa valori più importante al mondo è la Borsa di New York (NYSE). Le società che vogliono che le loro azioni siano quotate al “The Big Board”, come viene talvolta chiamata la NYSE, devono soddisfare criteri rigorosi. Se la società non riesce a continuare a soddisfare questi requisiti, viene successivamente depennata dalla quotazione.

Rapporto prezzo/utile (PE)

Il rapporto prezzo/utile (PE) indica quanti anni ci vorrebbero prima che un’azienda ripaghi il prezzo di acquisto per azione con i soli profitti al netto delle imposte con i profitti correnti senza crescita.

In altre parole, il PE ratio ti dice quanti soldi stai pagando per 1 euro degli utili dell’azienda. Se una società registra un profitto di €2 per azione e le azioni vengono vendute a €20 per azione, il PE ratio è 10 (€20 per azione diviso per €2 per azione i guadagni sono 10). Il rapporto può anche essere invertito per calcolare il rendimento degli utili.

Rapporto PEG

Il rapporto prezzo/utile per la crescita (PEG) è una forma modificata del rapporto PE che influenza la crescita nel sistema metrico decimale. Ad esempio, il rapporto mostra che un’azienda che cresce al 15% all’anno e che negozia a 20 volte i guadagni può essere più economico di un’azienda che negozia a 8 volte i guadagni e che si riduce del 10% all’anno.

Rapporto PEG normalizzato

Il dividend-adjusted PEG ratio è una forma modificata del PEG ratio che incide sui dividendi. Il rapporto tiene conto del fatto che, a volte, la crescita più lenta è il risultato del pagamento da parte di una società di quote significative dei suoi guadagni sotto forma di dividendi in contanti, che contribuiscono al rendimento totale.

Dividend Yield

Il dividend yield è il rendimento corrente di un’azione ordinaria al suo tasso di dividendo attuale. Se un’azione viene scambiata a 100 dollari e paga 5 dollari di dividendi annuali, il rendimento dei dividendi sarebbe del 5%.

Volatilità

La volatilità si riferisce al grado di fluttuazione del prezzo di un titolo scambiato.

Volume di scambi

Si tratta del totale di azioni che sono stati scambiate in un determinato periodo. In alcuni casi, con i volumi scambiati, ci si può anche riferire all’ammontare totale del valore aziendale scambiato. Per esempio, si può affermare che è passato di mano un volume di 1 milione di azioni equivalenti a 10 milioni di euro.

Derivati

Un derivato è un’attività che deriva il suo valore da un’altra fonte. Possiamo tranquillamente affermare che gli ETF, i certificati, piuttosto che i CFD siano a tutti gli effetti dei derivati.

Minusvalenza e plusvalenza

Chiudiamo la lista con questi due termini che sono i più importanti di tutti, cioè:

  • plusvalenza: il guadagno o il capital gain, cioè investite 1.000, vendete a 1.200, la plusvalenza è di 200 euro lorda (vanno tolte le tasse e le commissioni bancarie);
  • minusvalenza: l’esatto contrario, cioè la perdita o il capital lose; spendete 1.000 e vendete a 800 avrete 200 euro di perdita, anche in questo caso lorda, perché alla perdita vanno sommate le commissioni bancarie (non le tasse poiché la minusvalenza non è tassata).