Dividend Yield
Calcolo del dividend yield
Dividend Yield
  • Post Category:Guide

Cosa è il Dividend Yield?

Il dividend yield è il rapporto tra il dividendo annuale di una società e il prezzo delle azioni. Il dividend yield è rappresentato in percentuale e viene calcolato come segue:

Dividend Yield = Dividendo Annuale / Prezzo dell’azione

A seconda della fonte, il dividendo annuale utilizzato nel calcolo potrebbe essere il totale dei dividendi pagati durante l’anno fiscale più recente, il totale dei dividendi pagati negli ultimi quattro trimestri, o il dividendo più recente moltiplicato per quattro.

Comprensione del Dividend Yield

Il dividend yield è una stima del rendimento del solo dividendo di un investimento azionario. Supponendo che il dividendo non sia aumentato o diminuito, il rendimento salirà quando il prezzo dell’azione scende, e scenderà quando il prezzo dell’azione sale. Poiché i rendimenti dei dividendi cambiano con il prezzo dell’azione, spesso appaiono insolitamente alti per le azioni che scendono rapidamente.

Poiché il dividendo stesso cambia di rado, il rendimento dei dividendi aumenta quando il prezzo dell’azione scende e diminuisce quando il prezzo dell’azione sale.

Alcuni settori azionari, come i consumatori non ciclici o le utilities, pagheranno un dividendo superiore alla media. Le piccole imprese più recenti, che sono ancora in crescita, pagano rapidamente un dividendo medio inferiore rispetto alle imprese mature degli stessi settori.

Considerazioni

In generale, le aziende mature, che non crescono molto rapidamente, pagano i dividendi più alti. Le azioni non cicliche di consumo che commercializzano prodotti di base o servizi di pubblica utilità sono esempi di interi settori che pagano il rendimento medio più alto.

Sebbene il dividend yield tra i titoli tecnologici sia inferiore alla media, la regola delle aziende mature si applica anche a un settore come questo. Ad esempio, nel novembre 2019, Qualcomm Incorporated (QCOM), un affermato produttore di apparecchiature per le telecomunicazioni, ha pagato un dividendo con un rendimento del 2,74%. Nel frattempo, Netflix, società di streaming televisivo che è in forte crescita, non ha pagato alcun dividendo.

In Italia, tra le aziende che presentano Dividend Yield più alto troviamo le utilities, principalmente quelle energetiche (in particolar modo ENI ed Enel) e il settore finanziario, con Generali, Intesa San Paolo e Azimut che negli ultimi anni hanno dato tante soddisfazioni.

Nel corso del 2019 Fiat Chrysler Automobiles è stata la società che ha pagato il Dividend Yield più alto, ma non bisogna stupirsi o farsi ingannare, poiché nel computo totale era presente un dividendo straordinario dato dalla cessione di Magnete Marelli, che quindi non si replicherà negli anni a venire (anche se l’operazione di aggregazione con PSA promette ottimi dividendi).

Imposta fiscale sui dividendi

Il calcolo del Dividend Yield avviene sempre al lordo delle imposte fiscali, le quali ovviamente vanno calcolate per avere un’idea reale del ritorno netto.

Facciamo un esempio pratico così da meglio intendere: nel 2019 Intesa San Paolo ha pagato un dividendo totale di 0,197 euro, il quale va rapportato a un prezzo dell’azione, nel nostro caso prendiamo il prezzo medio dell’azione durante l’anno di esercizio, quindi durante il 2018 e questo prezzo è di 2,567 euro. Il calcolo del dividend yield lordo è presto fatto: 0,197 / 2,567 = 7,67%.

Questo 7,67% è però la percentuale lorda del dividend yield; sappiamo infatti che l’imposizione fiscale sui dividendi in Italia è del 26%, quindi i 0,197 euro diventano netti 0,14578 che rapportati allo stesso prezzo dell’azione dà un risultato di dividend yield netto di 5,68%.

Sicuramente un rendimento di tutto rispetto, anche calcolando le imposte fiscali.

Vantaggi e svantaggi dei rendimenti dei dividendi

Vantaggi

L’evidenza storica suggerisce che l’attenzione ai dividendi può amplificare i rendimenti piuttosto che rallentarli. Ad esempio, secondo gli analisti di Hartford Funds, dal 1960 oltre l’82% dei rendimenti totali dell’S&P 500 proviene dai dividendi. Questo è vero perché presuppone che gli investitori reinvestano i loro dividendi nell’S&P 500, il che aumenta la loro capacità di guadagnare più dividendi in futuro.

Immaginate che un investitore compri 10.000 dollari di un’azione con un prezzo di 100 dollari che attualmente sta pagando un dividend yield del 4%. Questo investitore possiede 100 azioni che pagano tutte un dividendo di 4 dollari per azione (o 400 dollari in totale). Supponiamo che l’investitore utilizzi i 400 dollari di dividendi per acquistare altre quattro azioni al prezzo di 100 dollari per azione. Se non cambia nient’altro, l’investitore avrà 104 azioni l’anno successivo che pagano un totale di 416 dollari per azione, che possono essere reinvestite nuovamente in altre azioni.

Svantaggi

Se da un lato gli elevati rendimenti dei dividendi sono interessanti, dall’altro possono arrivare a scapito del potenziale di crescita. Ogni dollaro che un’azienda paga in dividendi ai suoi azionisti è un dollaro che l’azienda non reinveste per crescere e generare guadagni in conto capitale. Gli azionisti possono ottenere rendimenti elevati se il valore delle loro azioni aumenta mentre le detengono.

Valutare un’azione in base al solo rendimento dei dividendi è un errore. I dati sui dividendi possono essere vecchi o basati su informazioni errate. Molte aziende hanno un rendimento molto alto quando le loro azioni sono in calo, cosa che di solito avviene prima che il dividendo venga tagliato.

Il caso tipo rimane sempre Intesa San Paolo che abbiamo visto in precendeza: durante il 2020 il prezzo dell’azione è collassata (fino al 50% in meno rispetto ai prezzi del 2018) a causa del Corona Virus e la banca, anche su proposta della BCE, ha deciso di non pagare il dividendo.

Il dividend yield può essere calcolato a partire dal rapporto finanziario dell’ultimo anno intero. Questo è accettabile nei primi mesi dopo che la società ha pubblicato il suo rapporto annuale; tuttavia, più a lungo è trascorso dal rapporto annuale, meno rilevanti saranno i dati per gli investitori. In alternativa, gli investitori totalizzeranno gli ultimi quattro trimestri di dividendi, che catturano i 12 mesi di dati sui dividendi più recenti. L’utilizzo di un numero di dividendo trailing è positivo, ma può rendere il rendimento troppo alto o troppo basso se il dividendo è stato recentemente tagliato o aumentato.

Poiché i dividendi vengono pagati trimestralmente (sul mercato USA, in Italia vengono pagati semestralmente o annualmente), molti investitori prenderanno l’ultimo dividendo trimestrale, lo moltiplicheranno per quattro e utilizzeranno il prodotto come dividendo annuale per il calcolo del rendimento. Questo approccio rifletterà ogni recente cambiamento del dividendo, ma non tutte le società pagano un dividendo trimestrale pari. Alcune aziende, soprattutto al di fuori degli Stati Uniti, pagano un piccolo dividendo trimestrale con un grande dividendo annuale. Se il calcolo del dividendo viene effettuato dopo la distribuzione di un dividendo elevato, si otterrà un rendimento gonfiato. Infine, alcune aziende pagano un dividendo più frequentemente di quello trimestrale. Un dividendo mensile potrebbe comportare un calcolo del dividendo troppo basso. Quando si decide come calcolare il dividend yield, un investitore dovrebbe guardare la storia dei pagamenti dei dividendi per decidere quale metodo darà i risultati più accurati.

Gli investitori dovrebbero anche fare attenzione quando valutano una società che sembra afflitta da un dividend yield superiore alla media. Poiché il prezzo del titolo è il denominatore dell’equazione del dividend yield, una forte tendenza al ribasso può aumentare drasticamente il quoziente del calcolo.

Ad esempio, le divisioni di produzione ed energia della General Electric Company (GE) hanno iniziato a registrare una sottoperformance dal 2015 al 2018, e il prezzo del titolo è sceso con il calo degli utili. Il rendimento dei dividendi è salito dal 3% a più del 5% mentre il prezzo è sceso. Il calo del prezzo dell’azione e l’eventuale taglio del dividendo hanno compensato qualsiasi beneficio derivante dall’elevato dividend yield.

Esempio di calcolo del Dividend Yield

L’abbiamo già visto durante l’articolo con l’esempio su Intesa San Paolo, ma facciamone uno nuovo: supponiamo che le azioni della Società A siano scambiate a 20 dollari e che paghino dividendi annuali di 1 dollaro per azione ai propri azionisti. Inoltre, supponiamo che le azioni della Società B siano scambiate a 40 dollari e paghino un dividendo annuale di 1 dollaro per azione.

Ciò significa che il rendimento dei dividendi della società A è del 5% ($1 / $20), mentre il rendimento dei dividendi della società B è solo del 2,5% ($1 / $40).

Supponendo che tutti gli altri fattori siano equivalenti, un investitore che volesse utilizzare il proprio portafoglio per integrare il proprio reddito, probabilmente preferirebbe la Società A alla Società B, in quanto ha il doppio del dividend yield.