Quanto dovresti risparmiare ogni mese?
Calcolo del risparmio
Quanto dovresti risparmiare ogni mese?
  • Post category:Guide

Siete ai primi stipendi e dopo aver, giustamente, festeggiato sfasciando le prime fonti di reddito, vi rendete conto di dover risparmiare qualcosa. Molti raccomandano di risparmiare il 20% del vostro reddito ogni mese.

Secondo la popolare regola del 50/30/20, dovreste riservare il 50% del vostro budget a beni di prima necessità come l’affitto e il cibo, il 30% per le spese discrezionali e almeno il 20% per i risparmi.

Il credito per la regola 50/30/20 va alla senatrice americana Elizabeth Warren, che, secondo quanto riferito, la insegnava quando era una professoressa fallimentare.

Perché il 20 per cento?

Secondo la nostra analisi, supponendo che tu abbia tra i venti e i trenta anni e che tu possa ottenere un rendimento medio degli investimenti del cinque per cento all’anno, dovrai risparmiare circa il 20 per cento del tuo reddito per avere la possibilità di raggiungere l’indipendenza finanziaria prima di essere troppo vecchio per goderne.

La questione è molto semplice: se vuoi lavorare come un cane ogni giorno fino alla morte, forse non hai bisogno di risparmiare così tanto. Certo, vorrai comunque una vacanza occasionale e qualcosa in un fondo di emergenza nel caso in cui la tua auto inizi a fare strani rumori.

Per la maggior parte di noi il giorno in cui non dovremo lavorare per avere un reddito non arriverà per molti decenni, ma ci sono persone che lavorano regolarmente e che arrivano a 40 o anche 35 anni a essere tranquille.

Per cosa risparmiate?

La vera indipendenza finanziaria significa che potete sostenere il vostro stile di vita scelto interamente dagli interessi e dai dividendi dei vostri investimenti.

Di quanto denaro avete bisogno per risparmiare?

La risposta è semplice: dipende.

Dipende se siete disposti a vivere al limite della povertà, se avete bisogno di due case e di una barca a vela o se vi trovate in mezzo a queste scelte. Dipende anche da quanto buoni sono i vostri investimenti. Se riuscite a guadagnare un rendimento medio annuo del sette per cento sul vostro denaro, potete smettere di lavorare con molto meno che se guadagnate solo il tre per cento.

Per semplicità, useremo la comune “regola del quattro per cento”, secondo la quale, in teoria, potreste prelevare ogni anno il quattro per cento del vostro saldo principale e vivere di questo a tempo indeterminato. Ciò significa che dovrete risparmiare 25 volte le vostre spese annuali per diventare finanziariamente indipendenti. Se la matematica non è il tuo forte, ricorda che 25 x 4 è 100, e 100 per cento = il tuo saldo totale.

Esempio semplice basato sullo stipendio

Giusto per essere ancora più chiari, facciamo un esempio semplice: voi guadagnate 30 mila euro netti all’anno, con questi riuscite a vivere benino e vorreste guadagnarli senza fare particolari sforzi.

Perfetto, considerando la resa del 4% all’anno sui vostri investimenti avrete bisogno di 25 volte il vostro stipendio netto; quindi avrete bisogno di (30 x 25) 750 mila euro che, investendoli, con una resa del 4%, vi daranno appunto 30 mila euro di reddita / anno.

Semplice no!? Ora bisogna trovare 750 mila euro, ma tranquilli che ci arriviamo a breve.

I problemi del 4%

Ci sono problemi con la regola del quattro per cento, naturalmente. Per prima cosa, non ci sono investimenti privi di rischio che oggi rendano quasi il quattro per cento. Anche l’inflazione improvvisa potrebbe diventare un problema. Per tenere conto di questo, e per semplicità, baseremo quanto dovrete risparmiare sul vostro reddito lordo (al lordo delle imposte) e non sulle vostre spese.

Nel nostro esempio, supponiamo che vogliate risparmiare 25 volte il vostro reddito annuale, piuttosto che le vostre spese annuali. Per default, in realtà risparmierete più del necessario (perché una volta che sarete finanziariamente indipendenti potreste smettere di risparmiare). Ma quando si parla della vostra fonte di reddito per il resto della vostra vita, è meglio essere conservatori.

Quanto tempo ci vorrà?

La tabella qui sotto mostra quanto tempo ci vorrà per accumulare 25 volte il vostro reddito in base alla percentuale del vostro reddito che risparmiate. Si ipotizza un rendimento medio annuo del cinque per cento per tenere conto di un’asset allocation più aggressiva mentre si risparmia.

% di stipendio salvataAnni necessari per 25x
1%100 anni
2%86 anni
5%67 anni
10%54 anni
15%46 anni
20%41 anni
25%37 anni
50%26 anni

Risparmiando il 20% del vostro reddito, raggiungerete 25 volte il vostro reddito annuo in poco più di 40 anni. Ciò significa che un trentenne che inizia a risparmiare oggi (supponendo che non abbia risparmiato in precedenza) raggiungerà questo obiettivo a 71 anni. Se risparmiate meno del 20%, ci vorrà semplicemente troppo tempo perché il vostro denaro cresca al punto da permettervi di vivere solo di interessi.

Ricordate che vi servono solo 25 volte le vostre spese annuali, non le vostre entrate, per diventare finanziariamente indipendenti. Quanto più basse sono le spese, tanto prima raggiungerete il vostro obiettivo di risparmio personale. Inoltre, la nostra tabella dei risparmi non tiene conto delle tasse.

Arrivare al 20% – un esempio su base mensile

Diciamo che guadagni 3.000 euro ogni mese (un RAL medio di 40 mila euro). Dopo le tasse, sono circa 1.600 euro. Il vostro obiettivo di risparmio dovrebbe essere il 20% del reddito netto (al netto delle imposte), o 320 euro da ogni stipendio.

Bisogna abituarsi a vivere con 1.280 euro per essere delle buone formichine.

Se ti iscrivi a un fondo pensione integrativo (esistono i PIP o i piani aperti, ma per ogni categoria esistono anche i piani chiusi) del cinque per cento del tuo stipendio, questo significa che metti da parte € 80 dal tuo assegno al lordo delle tasse (e il tuo datore di lavoro, se hai un piano chiuso, ne versa altri € 80). Sono 160 euro nel tuo conto pensione ogni mese. Aggiungici anche il versamento del TFR nello stesso fondo e hai circa un altro 8%; quindi ancora 128 euro. Sulla somma libera, quindi al netto del TFR, puoi anche recuperare qualcosa dall’IRPEF (circa il 19%), quindi potenzialmente lo Stato ti regala a fine anno ancora 30 euro. Sommando tutto stai mettendo da parte circa 318 euro ogni singolo mese.

Ecco che sei quasi arrivato al 20%.

Poi rimane da trovare un fondo pensione che di questi tempi renda almeno il 4%, ma questa è un’altra storia.

E se non riuscissi a risparmiare così tanto?

Non stressatevi. Risparmiare qualcosa è meglio di niente.

Se lo scenario del 20% che ho appena delineato non si adatta alla tua situazione (che per te sarà unica), non pensare di essere un fallito. Come ho detto, noi crediamo che tutti dovrebbero puntare al 20 per cento, non che tutti dovrebbero colpire quell’obiettivo al primo tentativo.

Cominciate in piccolo. Iniziate con l’1 per cento. Quando questo non brucia così tanto, salite a due, o anche a tre. Magari arrivate al 5 per cento, e questo è una bella sensazione. Magari fai un balzo pazzesco per il 10 per cento. È un processo, un vero e proprio dare e prendere.

In tutto questo, tieni a mente l’obiettivo del 20%. Ti impedirà di diventare compiacente. Ogni volta che ottieni un aumento, aumenta il tuo tasso di risparmio. Prima te la cavavi bene senza quei soldi, e non dovresti perderteli se non ti abitui mai ad averli.

Infine, se sei indebitato, potresti già risparmiare più di quanto pensi. Questo perché pagare il debito è essenzialmente risparmiare al contrario.

Pensatela in questo modo: Un giorno sei senza debiti. Ma sono anni che fai grossi pagamenti mensili per i tuoi debiti. Se improvvisamente iniziassi a risparmiare quei soldi, quale sarebbe il tuo tasso di risparmio?

Pensatelo per esempio con il mutuo.

Inoltre, provate a investire

Se non riuscite a risparmiare una buona parte del vostro stipendio ogni mese, investire una volta (per ora) può aiutarvi a iniziare a risparmiare a lungo termine.

Ho raggiunto il 20 per cento: qual è la prossima mossa?

Continua!

Accetta lo stesso consiglio che abbiamo dato a chi fa fatica a raggiungere il 20 per cento: Mettete alla prova i vostri limiti e cercate di aumentarli. Per costruire la propria forza (fisica o finanziaria) ci vogliono disciplina e coerenza, oltre che la volontà di ascoltare il proprio corpo (o il proprio conto in banca) quando ti dice che il tuo regime attuale è troppo intenso.

Ma risparmiare di più è sicuramente una buona idea. Gli esperti di pensionamento dicono che la tradizionale raccomandazione del 15% del reddito è onestamente troppo bassa per garantire un pensionamento confortevole, e che il 25% o 30% è una scommessa più sicura.

Inoltre, tenete presente che se il vostro obiettivo è quello di andare in pensione presto o di lasciare un lavoro ben pagato ma ad alto stress, il vostro tasso di risparmio dovrà probabilmente essere del 50% o più. Questo può sembrare impossibile, ma potrebbe farti riflettere quando prendi importanti decisioni finanziarie come decidere quanto puoi permetterti una casa o che tipo di auto comprare.

La cosa più importante è iniziare a risparmiare. Quanto varierà da persona a persona, così come da un anno all’altro.