Cosa è il Forex
Mercato del Forex
Cosa è il Forex

Molto semplicemente, il Forex è il mercato globale che permette lo scambio di una valuta con un’altra.

Se avete mai viaggiato in un altro paese con una moneta differente, avete dovuto trovare una cabina di cambio all’aeroporto e poi cambiare il denaro che avete nel portafoglio nella valuta del paese che state visitando.

Allo sportello di questi exchange avrete notato una schermata che mostra i diversi tassi di cambio per le diverse valute.

Trovi “Yen giapponesi” e pensi: “WOW, Il mio unico euro vale 100 yen?! E io ho dieci euro. Diventerò ricco”

Quando lo fai, hai essenzialmente partecipato al mercato del forex. Hai cambiato una valuta contro un’altra.

O in termini di trading sul forex, supponendo che tu sia un europeo in visita in Giappone, hai venduto euro e comprato yen.

Prima di tornare a casa, vi fermate alla cabina di cambio per cambiare lo yen che miracolosamente vi è rimasto (Tokyo è costosa) e notate che i tassi di cambio sono cambiati.

Sono questi cambiamenti nei tassi di cambio che ti permettono di fare soldi nel mercato dei cambi.

Il mercato dei cambi, che di solito è conosciuto come “forex” o “FX”, è il più grande mercato finanziario del mondo.

Rispetto al “misero” volume di 22,4 miliardi di dollari al giorno della Borsa di New York (NYSE), il mercato dei cambi appare assolutamente gigantesco con il suo volume di scambi di 5 TRILIARDI di dollari al giorno.

Giusto per essere chiari: 5 TRILIARDI di dollari equivalgono a 5.000 miliardi di dollari, che a loro volta sono 5 milioni di milioni di dollari.

Il più grande mercato azionario del mondo, la Borsa di New York (NYSE), scambia un volume di circa 22,4 miliardi di dollari al giorno.

Si sente parlare di Wall Street al telegiornale ogni giorno… diamine, probabilmente ne sentirete parlare anche nella vostra palestra locale. “Il Nasdaq è in onda oggi, bla, bla, bla”.

Quando la gente parla del “mercato”, di solito intende il mercato azionario. Così il NYSE o il NASDAQ si sentono grandi, sono rumorosi e amano fare molto rumore.

Ma se li si confronta con il mercato del forex…

Il mercato valutario è oltre 200 volte più grande! È ENORME! Ma attenzione, c’è una fregatura!

Quell’enorme numero di 5 triliardi di dollari copre l’intero mercato globale dei cambi, MA il volume giornaliero di trading dei trader al dettaglio (che siamo noi) rappresenta tra il 5-6% del volume complessivo, o tra i 300-400 miliardi di dollari.

Quindi vedete, il mercato del forex è sicuramente enorme, ma non così enorme come gli altri vorrebbero farvi credere. Non ci piace esagerare. Ci limitiamo a mantenere la realtà.

Orari del mercato Forex

A parte le sue dimensioni, il mercato chiude raramente!

Il mercato del forex è aperto 24 ore al giorno e 5 giorni alla settimana, e chiude solo durante il fine settimana. Ah, anche durante le festività, poche festività, giusto Natale, Pasqua e Capodanno…

Quindi, a differenza dei mercati azionari o obbligazionari, il mercato forex NON chiude alla fine di ogni giornata lavorativa.

Invece, il trading si sposta solo verso diversi centri finanziari in tutto il mondo.

La giornata inizia quando i trader si svegliano a Wellington, poi si spostano a Sydney, Singapore, Hong Kong, Tokyo, Francoforte, Milano, Londra e, infine, New York, prima di ricominciare a fare trading a Wellington!

Cosa si scambia nel Forex

La domanda, dopo tutte queste spiegazioni, potrebbe sembrare banale, ma in realtà non lo è affatto. Cosa si trada con il Forex?

La risposta semplice è MONEY, soldi, monete, bigliettoni.

E questa era la risposta semplice, ora però passiamo alla risposta complessa.

Poiché non stai comprando nulla di fisico, il trading sul forex può confondere.

Pensate all’acquisto di una valuta come all’acquisto di un’azione in un determinato paese, un po’ come l’acquisto di azioni di una società.

Il prezzo della valuta è di solito un riflesso diretto dell’opinione del mercato sulla salute attuale e futura della sua rispettiva economia.

Nel forex trading, quando si acquista, ad esempio, lo yen giapponese, si acquista fondamentalmente una “quota” dell’economia giapponese.

Si scommette che l’economia giapponese sta andando bene e che migliorerà con il passare del tempo.

Una volta rivendute queste “azioni” al mercato, si spera, si otterrà un profitto.

In generale, il tasso di cambio di una valuta rispetto ad altre valute è un riflesso della condizione dell’economia di quel paese, rispetto alle economie di altri paesi.

Quando vi laureerete in questa Scuola di Pipsologia, sarete ansiosi di iniziare a lavorare con le valute.

Valute principali

Anche se ci sono potenzialmente molte valute che potete scambiare, come nuovo trader di forex, probabilmente inizierete a fare trading con le “valute principali”.

I simboli delle valute hanno sempre tre lettere, dove le prime due lettere identificano il nome del paese e la terza lettera identifica il nome della valuta di quel paese, di solito la prima lettera del nome della valuta.

Queste tre lettere sono note come codici valuta ISO 4217.

Nel 1973, l’Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) ha stabilito i codici di tre lettere per le valute che utilizziamo oggi.

Prendiamo ad esempio NZD…

NZ sta per Nuova Zelanda, mentre D sta per dollaro.

Abbastanza facile, vero?

Ecco, l’euro ha come sigla “EUR”… l’eccezione che conferma la regola.

CodiceNazioneMonetaNickname
USDStati Uniti d’AmericaDollaroBuck
EUREurozonaEuroFiber
JPYGiapponeYenYen
GBPGran BretagnaSterlinaCable
CHFSvizzeraFrancoSwissy
CADCanadaDollaroLoonie
AUDAustraliaDollaroAussie
NZDNuova ZelandaDollaroKiwi
CNYCinaRenminbiYuan
Le principali monete che si scambiano sul mercato del Forex

Le valute incluse nella tabella qui sopra sono chiamate “major” perché sono le più scambiate.

Comprare e vendere coppie di valute

Il trading sul Forex è l’acquisto simultaneo di una valuta e la vendita di un’altra. Ovviamente, se acquistate dollari non lo farete in dollari ma presumibilmente in euro, quindi, mentre state acquistando dollari state vendendo euro.

Le valute sono negoziate tramite un broker o un dealer e vengono scambiate in coppia.

Ad esempio, l’euro e il dollaro statunitense (EUR/USD) o la sterlina britannica e lo yen giapponese (GBP/JPY).

Quando si fa trading sul mercato forex, si compra o si vende in coppie di valute.

Immaginate ogni coppia di valute costantemente in un “tiro alla fune” con ogni valuta dalla propria parte.

I tassi di cambio fluttuano in base a quale valuta è più forte al momento.

Coppie di valute principali

Le coppie di valute sotto elencate sono considerate le “major”.

Queste coppie contengono tutte il dollaro USA (USD) o l’Euro (EUR) da un lato e sono le più frequentemente scambiate.

Le major sono le coppie di valute più liquide e ampiamente scambiate al mondo.

PairNazioniComunemente conosciuto
EUR/USDEurozona / Stati Unitieuro dollaro
USD/JPYStati Uniti / Giapponedollar yen
GBP/USDUnited Kingdom / Stati Unitipound dollar
USD/CHFStati Uniti / Svizzeradollar swissy
GBP/EURGran Bretagna / Eurozonapound euro
EUR/CHFEurozona / SvizzeraEuro Franco
EUR/JPYEurozona / GiapponeEuro Yen
Principali coppie di monete scambiate nel mondo

Coppie di valute incrociate principali o coppie di valute minori

Le coppie di valute che non contengono il dollaro USA (USD) o l’EUR sono note come coppie di valute incrociate o semplicemente come “incroci”.

Le croci maggiori sono conosciute anche come “minori”.

Gli incroci più attivamente scambiati derivano dalle tre principali valute non statunitensi: CHF, JPY e GBP.

Exotic Currency Pairs

No, le coppie esotiche non sono danzatrici del ventre esotiche che sono gemelle. Le coppie di valute esotiche sono costituite da una delle principali valute accoppiate con la valuta di un’economia emergente, come il Brasile, il Messico, il Cile, la Turchia o l’Ungheria.

Tenete presente che queste coppie non sono negoziate con la stessa intensità delle “major” o “cross”, quindi i costi di transazione associati al trading di queste coppie sono di solito più elevati.

Non è insolito vedere spread due o tre volte superiori a quelli di EUR/USD o USD/JPY.

Quindi, se volete fare trading su coppie di valute esotiche, ricordate di tenerne conto nella vostra decisione.

BRIICS

BRIICS è l’acronimo coniato per un’associazione di cinque grandi economie nazionali emergenti: Brasile, Russia, India, Indonesia, Cina e Sudafrica.

Originariamente i primi quattro erano raggruppati come “BRIC” (o “i BRIC”). BRICs era un termine coniato da Goldman Sachs per indicare le nuove economie emergenti ad alta crescita di oggi.

BRIICS è il termine usato dall’OCSE, il think tank. Hanno aggiunto l’Indonesia e il Sudafrica.