Indici di valutazione di una società o di un’azione
Come valutare un'azienda
Indici di valutazione di una società o di un’azione
  • Post Category:Guide

La valutazione è il processo finanziario per determinare il valore di un’azienda.

I coefficienti di valutazione collocano questa visione nel contesto del prezzo delle azioni di un’azienda, dove servono come strumenti utili per valutare il potenziale di investimento. Ecco un elenco dei principali indici di valutazione.

Rapporto prezzo/utili (Price-to-Earnings)

Il rapporto prezzo/utili (P/E) analizza il rapporto tra il prezzo delle azioni di una società e i suoi utili. Il rapporto P/E dà agli investitori un’idea di quanto il mercato è disposto a pagare per i guadagni dell’azienda. Il rapporto è determinato dividendo il prezzo corrente delle azioni di una società per i suoi utili per azione.

Ad esempio, se una società è attualmente scambiata a 25 dollari per azione e i suoi guadagni negli ultimi 12 mesi sono pari a 1,35 dollari per azione, il rapporto P/E per l’azione sarebbe di 18,5 (25 dollari/1,35 dollari).

Man mano che il P/E sale, dimostra che l’attuale sentimento degli investitori è favorevole. Un P/E in calo è un’indicazione che la società non è favorevole agli investitori.

Valore Price-to-book

Il Price-to-book value (P/B) è una misura che guarda al valore di mercato sul valore contabile dell’azienda. Viene calcolato prendendo il prezzo corrente per azione e dividendo per il valore contabile per azione. Il valore contabile di una società è la differenza tra l’attivo e il passivo del bilancio. Si tratta di una stima del valore della società in caso di liquidazione.

Ad esempio, una società con un prezzo delle azioni di 60 dollari e un valore contabile di 65 dollari per azione avrebbe un rapporto P/B di 0,9. Un rapporto superiore a 1 implica generalmente che il mercato è disposto a pagare più del capitale azionario per azione, mentre un rapporto inferiore a 1 implica che il mercato è disposto a pagare meno.

Price-to-sales

Il rapporto prezzo/vendita (P/S) mostra quanto il mercato valuti ogni dollaro delle vendite dell’azienda. Per calcolarlo, prendete la capitalizzazione di mercato dell’azienda e dividetela per le vendite totali dell’azienda negli ultimi 12 mesi. Il limite massimo di mercato di una società è il numero di azioni emesse moltiplicato per il prezzo delle azioni. Il rapporto P/S può essere utilizzato al posto del rapporto P/E in situazioni in cui la società ha una perdita netta.

Uno dei vantaggi dell’utilizzo del rapporto P/S è che le vendite sono molto più difficili da manipolare rispetto ai guadagni. Poiché le vendite di una società sono generalmente più stabili rispetto al livello dei suoi profitti, qualsiasi grande cambiamento nel rapporto P/S è spesso più probabile che indichi uno scostamento dal valore intrinseco della società (sia in aumento che in diminuzione).

Rapporto prezzo/valore in contanti

Il Price-to-cash flow ratio (P/CF) valuta il prezzo delle azioni di una società in relazione al flusso di cassa generato dalla società. Viene calcolato dividendo il limite massimo di mercato dell’azienda per il flusso di cassa operativo degli ultimi 12 mesi. Può anche essere calcolato dividendo il prezzo delle azioni per azione per il flusso di cassa operativo per azione.

Il rapporto P/CF è un metodo alternativo al rapporto P/E. Molti investitori preferiscono utilizzare un metrico P/CF perché è considerato più difficile manipolare i contanti di quanto non lo sarebbe manipolare i rapporti sui guadagni secondo i principi contabili generalmente accettati, il che potrebbe rendere il benchmark basato sulla liquidità un indicatore più affidabile.

Price/earnings-to-growth (PEG)

Il rapporto prezzo/utile sulla crescita è il rapporto tra il rapporto P/E e la crescita prevista degli utili di un’azienda. Si calcola dividendo il rapporto P/E per la crescita dell’utile per azione.

Ad esempio, se il rapporto P/E di un’azienda è pari a 16,5 e la sua crescita dell’utile per azione nei prossimi 3 anni dovrebbe essere del 10,8%, il suo PEG ratio sarebbe pari a 1,5.

Un PEG pari o inferiore a 1 è tipicamente considerato un indicatore che indica che l’azienda è sottovalutata. Un PEG superiore a 1 è tipicamente considerato indice di sopravvalutazione dell’azienda.

Per avere un quadro più chiaro del valore, il PEG dell’azienda dovrebbe anche essere confrontato con il PEG del mercato e del settore in cui l’azienda è in concorrenza.