Return on Equity (ROE) cosa è e come calcolarlo
ROE
Return on Equity (ROE) cosa è e come calcolarlo
  • Post category:Guide

Cos’è il Return on Equity (ROE)?

Il Return on Equity (ROE) è una misura della performance finanziaria calcolata dividendo l’utile netto per il patrimonio netto.

Poiché il patrimonio netto è pari al patrimonio netto di un’azienda meno il suo debito, il ROE è considerato il rendimento del patrimonio netto.

Il ROE è considerato una misura dell’efficacia con cui il management utilizza le attività di un’azienda per creare profitti.

Capire il rendimento del capitale proprio (ROE)

Il ROE è espresso in percentuale e può essere calcolato per qualsiasi società se l’utile netto e il patrimonio netto sono entrambi positivi. L’utile netto è calcolato prima dei dividendi pagati agli azionisti comuni e dopo i dividendi agli azionisti privilegiati e gli interessi ai finanziatori.

Return on Equity = Utile netto / Patrimonio netto medio

L’Utile netto è l’importo dei proventi, al netto dei costi e delle imposte che una società genera per un determinato periodo. Il patrimonio netto medio è calcolato sommando il patrimonio netto all’inizio del periodo. L’inizio e la fine del periodo devono coincidere con il periodo in cui il risultato netto è stato conseguito.

L’utile netto nell’ultimo anno fiscale completo, o dopo 12 mesi, si trova sul conto economico – una somma dell’attività finanziaria in quel periodo. Il patrimonio netto deriva dallo stato patrimoniale – un bilancio di esercizio dell’intera storia di un’azienda in termini di variazioni delle attività e delle passività.

È considerata la migliore pratica per calcolare il ROE sulla base del patrimonio netto medio di un periodo a causa del disallineamento tra il conto economico e lo stato patrimoniale.

Cosa dice il ROE?

Se il ROE è considerato buono o cattivo dipenderà da ciò che è normale tra i benchmark di un’azione. Ad esempio, le aziende di servizi pubblici hanno molti attivi e debiti a bilancio rispetto a un importo relativamente piccolo di reddito netto. Un ROE normale nel settore delle utilities potrebbe essere pari o inferiore al 10%. Un’azienda tecnologica o di vendita al dettaglio con conti di bilancio più piccoli rispetto all’utile netto può avere livelli di ROE normali del 18% o più.

Una buona regola empirica è quella di puntare ad un ROE pari o appena superiore alla media del paniere di riferimento. Per esempio, supponiamo che una società, TechCo, abbia mantenuto un ROE costante del 18% negli ultimi anni rispetto alla media dei suoi competitor, che era del 15%. Un investitore potrebbe concludere che la gestione di TechCo è superiore alla media nell’utilizzare gli attivi della società per creare profitti. I rapporti di ROE relativamente alti o bassi varieranno in modo significativo da un gruppo industriale o settore all’altro. Se utilizzato per valutare una società per un’altra società simile, il confronto sarà più significativo. Una scorciatoia comune per gli investitori è quella di considerare un rendimento del capitale proprio vicino alla media a lungo termine dell’S&P 500 (14%) come un rapporto accettabile e qualsiasi cosa inferiore al 10% come troppo risicato.

Usare il ROE per stimare i tassi di crescita

I tassi di crescita sostenibile e i tassi di crescita dei dividendi possono essere stimati utilizzando il ROE, supponendo che il rapporto sia all’incirca in linea o appena al di sopra della media del suo gruppo di pari. Anche se ci possono essere alcune sfide, il ROE può essere un buon punto di partenza per sviluppare le stime future del tasso di crescita di un titolo e del tasso di crescita dei suoi dividendi. Questi due calcoli sono funzionali l’uno dell’altro e possono essere usati per fare un confronto più semplice tra società simili.

Per stimare il tasso di crescita futuro di un’azienda, moltiplicare il ROE per l’indice di ritenzione dell’azienda. Il retention ratio è la percentuale dell’utile netto che viene trattenuto o reinvestito dall’azienda per finanziare la crescita futura.

ROE e un tasso di crescita sostenibile

Si supponga che ci siano due società con un ROE e un utile netto identici, ma con coefficienti di trattenute diversi. La società A ha un ROE del 15% e restituisce agli azionisti il 30% del suo utile netto in un dividendo, il che significa che la società A trattiene il 70% del suo utile netto. Anche la società B ha un ROE del 15% ma restituisce agli azionisti solo il 10% del suo reddito netto per un rapporto di trattenute del 90%.

Per la società A, il tasso di crescita è del 10,5%, o il ROE moltiplicato per il rapporto di trattenute, che è del 15% per il 70%. Il tasso di crescita della società B è del 13,5%, o 15% volte il 90%.

Questa analisi viene definita come il modello di tasso di crescita sostenibile. Gli investitori possono utilizzare questo modello per fare stime sul futuro e per identificare le azioni che possono essere rischiose perché sono in anticipo sulla loro capacità di crescita sostenibile. Un titolo che cresce più lentamente del suo tasso di crescita sostenibile potrebbe essere sottovalutato, oppure il mercato potrebbe attualizzare i segnali rischiosi dell’azienda. In entrambi i casi, un tasso di crescita molto superiore o inferiore al tasso sostenibile richiede un’ulteriore indagine.

Questo confronto sembra rendere il business B più attraente rispetto alla società A, ma ignora i vantaggi di un tasso di dividendo più elevato che potrebbe essere favorito da alcuni investitori. Possiamo modificare il calcolo per stimare il tasso di crescita dei dividendi del titolo, che può essere più importante per gli investitori di reddito.

Stimare il tasso di crescita dei dividendi

Continuando con il nostro esempio di sopra, il tasso di crescita dei dividendi può essere stimato moltiplicando il ROE per il payout ratio. Il payout ratio è la percentuale dell’utile netto che viene restituito agli azionisti comuni attraverso i dividendi. Questa formula ci fornisce un tasso di crescita dei dividendi sostenibile, che favorisce la società A.

Il tasso di crescita dei dividendi della società A è del 4,5%, o il ROE moltiplicato per il payout ratio, che è il 15% per il 30%. Il tasso di crescita dei dividendi della società B è dell’1,5%, ovvero 15% volte il 10%. Un titolo che sta accrescendo il suo dividendo molto al di sopra, o al di sotto, del tasso di crescita del dividendo sostenibile può indicare rischi che dovrebbero essere esaminati.

Usare il ROE per identificare i problemi

È ragionevole chiedersi perché un ROE medio o leggermente superiore alla media sia buono piuttosto che un ROE doppio, triplo o anche superiore alla media del loro paniere. Le azioni con un ROE molto alto non hanno un valore migliore?

A volte un ROE estremamente elevato è una buona cosa se l’utile netto è estremamente elevato rispetto al patrimonio netto, perché la performance di una società è significativamente forte. Tuttavia, un ROE estremamente elevato è spesso dovuto a un piccolo conto di capitale proprio rispetto all’utile netto, il che indica un rischio.

Profitti incoerenti

Il primo potenziale problema con un ROE elevato potrebbe essere quello dei profitti incoerenti. Immaginate un’azienda, Telecom Italia (giusto per fare un esempio), che per diversi anni non è stata redditizia. Le perdite di ogni anno erano iscritte a bilancio nella quota di patrimonio netto come “perdita trattenuta”. Le perdite sono un valore negativo e riducono il patrimonio netto. Da qualche tempo Telecom ha avuto una forte pulizia e (supponiamo) nell’anno più recente e è tornata alla redditività. Il denominatore nel calcolo del ROE è ora molto piccolo dopo molti anni di perdite, il che rende il suo ROE ingannevolmente elevato.

Eccesso di debito

Un secondo problema che potrebbe causare un ROE elevato è l’eccesso di debito. Se un’azienda ha preso a prestito in modo aggressivo, può aumentare il ROE perché il capitale proprio è pari alle attività meno il debito. Maggiore è l’indebitamento di un’azienda, minore è il patrimonio netto che può diminuire. Uno scenario comune è quello in cui un’azienda prende in prestito grandi quantità di debito per riacquistare le proprie azioni. Questo può gonfiare gli utili per azione (EPS), ma non influisce sulla performance effettiva o sui tassi di crescita.

Utile netto negativo

Infine, un utile netto negativo e un patrimonio netto negativo possono creare un ROE artificialmente elevato. Tuttavia, se una società ha una perdita netta o un patrimonio netto negativo, il ROE non dovrebbe essere calcolato.

Se il patrimonio netto è negativo, il problema più comune è l’eccessivo indebitamento o la redditività incoerente. Tuttavia, ci sono eccezioni a questa regola per le società che sono redditizie e che hanno utilizzato il flusso di cassa per riacquistare le proprie azioni. Per molte aziende, questa è un’alternativa al pagamento dei dividendi, e può alla fine ridurre il capitale proprio (i riacquisti vengono sottratti dal capitale proprio) abbastanza da rendere il calcolo negativo.

In tutti i casi, livelli di ROE negativi o estremamente elevati dovrebbero essere considerati un segnale d’allarme che vale la pena di indagare. In rari casi, un ROE ratio negativo potrebbe essere dovuto a un programma di riacquisto di azioni supportato dal flusso di cassa e da una gestione eccellente, ma questo è il risultato meno probabile. In ogni caso, una società con un ROE negativo non può essere valutata rispetto ad altre azioni con un ROE ratio positivo.

ROE vs. Rendimento del capitale investito (ROIC)

Mentre il ritorno sul capitale proprio guarda a quanto profitto può generare un’azienda rispetto al capitale proprio, il ritorno sul capitale investito (ROIC) porta questo calcolo un paio di passi avanti.

Lo scopo del ROIC è quello di calcolare la somma di denaro dopo i dividendi che un’azienda realizza sulla base di tutte le sue fonti di capitale, che includono il capitale proprio e il debito. Il ROE guarda a quanto bene una società utilizza il capitale azionario, mentre il ROIC ha lo scopo di determinare quanto bene una società utilizza tutto il suo capitale disponibile per fare soldi.

Limitazioni del ROE

Un ROE elevato potrebbe non essere sempre positivo. Un ROE sovradimensionato può essere indicativo di una serie di problemi, come i profitti incoerenti o l’eccessivo indebitamento. Inoltre, un ROE negativo dovuto al fatto che la società ha una perdita netta o un patrimonio netto negativo non può essere utilizzato per analizzare la società, né può essere utilizzato per fare un confronto con le società con un ROE positivo.

Esempio di come utilizzare il ROE

Ad esempio, immaginate una società con un reddito annuo di 1.800.000 dollari e un patrimonio netto medio di 12.000.000.000 di dollari. Il ROE di questa società sarebbe il seguente:

ROE = ($1.800.000​ / $12.000.000) = 15%

Considerate Apple Inc. (AAPL)-per l’anno fiscale che si è concluso il 29 settembre 2018, la società ha generato 59,5 miliardi di dollari netti. Alla fine dell’anno fiscale, il suo patrimonio netto era di 107,1 miliardi di dollari contro 134 miliardi di dollari all’inizio. Il rendimento del capitale proprio di Apple, quindi, è del 49,4%, ovvero 59,5 miliardi di dollari / ((107,1 miliardi di dollari + 134 miliardi di dollari) / 2).

Rispetto al paniere di benchmark, Apple ha un ROE molto forte.

  • Amazon.com Inc. (AMZN) ha un ritorno sul capitale proprio del 27%.
  • Microsoft Corp. (MSFT) 23%
  • Google-ora conosciuto come Alphabet Inc. (GOOGL) 12%