Come analizzare un’azione?
Come analizzare delle azioni
Come analizzare un’azione?
  • Post category:Guide

Quando si investe in un’azione, l’obiettivo dovrebbe essere quello di pagare un prezzo inferiore al valore dei profitti futuri dell’azienda.

Purtroppo, prevedere con precisione i profitti futuri di qualsiasi azienda e la crescita futura è più facile a dirsi che a farsi. Dopotutto, se avessimo una sfera di cristallo per prevedere le entrate e i guadagni futuri di ogni società quotata in borsa, sarebbe facile diventare ricchi.

Quindi, quando investiamo nel mercato azionario usiamo la cosa migliore: analizzare le azioni.

L’analisi delle azioni aiuta gli investitori a trovare le migliori opportunità di investimento in un determinato momento. Usando metodi analitici, possiamo tentare di trovare azioni scambiate con uno sconto sul loro valore intrinseco, e quindi saremo in una grande posizione per catturare i rendimenti del mercato in futuro.

Analisi fondamentale vs. Analisi tecnica

Quando si tratta di analizzare le azioni, ci sono due strade fondamentali: l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica.

Analisi dei fondamentali

L’analisi fondamentale si basa sul presupposto che i prezzi delle azioni non riflettono necessariamente il vero valore intrinseco del business sottostante.

Gli analisti fondamentali utilizzano le metriche di valutazione e altre informazioni sul business di un’azienda per determinare se un’azione ha un prezzo interessante. L’analisi fondamentale è la scelta migliore per gli investitori alla ricerca di eccellenti rendimenti a lungo termine.

Analisi tecnica

L’analisi tecnica generalmente presuppone che il prezzo di un’azione rifletta tutte le informazioni disponibili e che i prezzi si muovano generalmente secondo le tendenze.

In altre parole, analizzando la storia dei prezzi di un titolo, gli analisti tecnici credono che si possa prevedere il suo comportamento futuro dei prezzi.

Se avete mai visto qualcuno cercare di identificare i modelli nei grafici azionari o discutere di medie mobili, per esempio, questa è una forma di analisi tecnica. L’analisi tecnica è spesso utilizzata dai trader a breve termine alla ricerca di profitti rapidi, ma in genere non è adatta agli investitori a lungo termine. Il trading di azioni basato sull’analisi tecnica comporta un grande rischio.

Le differenze tra tecnica e fondamentale

Una distinzione importante è che l’analisi fondamentale è tipicamente intesa a trovare opportunità di investimento a lungo termine, mentre l’analisi tecnica è spesso orientata a trarre profitto dalle fluttuazioni dei prezzi a breve termine.

In genere siamo sostenitori dell’analisi fondamentale e riteniamo che, concentrandoci sulle grandi imprese che operano a prezzi equi, sia del tutto possibile battere il mercato azionario nel tempo. L’analisi tecnica ha certamente il suo posto, ma crediamo fermamente che l’analisi fondamentale sia il modo migliore per trovare grandi opportunità di investimento a lungo termine.

Metriche da utilizzare nell’analisi azionaria

Con questo in mente, diamo un’occhiata a cinque delle metriche più importanti e di facile comprensione che dovreste avere nel vostro kit di strumenti analitici:

Rapporto prezzo / guadagni (P/E)

Le società quotate in borsa dichiarano i loro profitti agli azionisti come guadagni per azione, o in breve EPS. Se una società ha guadagnato 10 milioni di dollari e ha 10 milioni di azioni in circolazione, il suo EPS sarebbe di 1,00 dollari per quel periodo di tempo.

Rapporto P/E

Il rapporto prezzo/utile, o rapporto P/E, è il prezzo corrente delle azioni di una società diviso per gli utili per azione, tipicamente su base annuale.

Per esempio, se un’azione viene scambiata per 30,00 dollari e i guadagni della società sono stati di 2,00 dollari per azione nell’ultimo anno, diremmo che è stata scambiata con un rapporto P/E di 15, o “15 volte i guadagni”.

Questa è la metrica di valutazione più comunemente usata nell’analisi fondamentale, ed è più utile quando si confrontano aziende dello stesso settore con prospettive di crescita simili.

Price-to-earnings growth ratio (PEG)

Questa metrica porta il P/E ratio un passo avanti. Aziende diverse crescono a tassi diversi, quindi è importante tenerne conto. Quindi, il PEG ratio prende il rapporto P/E di un’azione e si divide per il tasso di crescita degli utili annualizzati previsto per i prossimi anni. Per esempio, un titolo con un P/E ratio del 20 e 10% di crescita degli utili prevista nei prossimi cinque anni avrebbe un PEG ratio di 2. L’idea è che le aziende a crescita rapida possono essere “più economiche” rispetto a quelle a crescita più lenta, anche se il loro P/E ratio le fa sembrare più costose.

Rapporto prezzo/valore contabile (P/B)

Il valore contabile di un’azienda è la somma del valore delle sue attività. Pensate al valore contabile come alla somma di denaro che un’azienda avrebbe teoricamente se chiudesse la sua attività e vendesse tutto ciò che possiede (proprietà tangibili così come cose come brevetti, marchi, ecc). Il rapporto prezzo/valore contabile, o rapporto P/B, è un confronto tra il prezzo delle azioni di una società e il suo valore contabile. Come il rapporto P/E, è molto utile per confrontare le aziende dello stesso settore che hanno caratteristiche di crescita simili e dovrebbe essere usato in combinazione con altre metriche di valutazione.

Rendimento del capitale proprio (ROE)

Una delle metriche di redditività più comunemente utilizzate, il rendimento del capitale proprio o ROE è calcolato dividendo l’utile netto di una società per il suo patrimonio netto (attività meno passività).

In poche parole, il ROE ci dice quanto efficientemente un’azienda stia usando il capitale investito per ottenere un profitto e, come la maggior parte delle metriche, è utile per confrontare le aziende dello stesso settore. In altre parole, si potrebbe considerare un’azienda con un ROE del 20% come più efficiente nel generare un profitto rispetto a una con un ROE del 10%.

Debito su EBITDA

La salute finanziaria di un’azienda dovrebbe essere presa in considerazione anche quando si analizzano le sue azioni, e un buon modo per valutare la salute finanziaria è guardare i debiti dell’azienda. Ci sono diverse metriche di debito che si possono usare, e il rapporto debito/Ebitda è un buon metodo per i principianti. Potete trovare il totale dei debiti di un’azienda nel suo stato patrimoniale e il suo EBITDA (utile prima di interessi, tasse, ammortamenti e svalutazioni) nel suo conto economico. Non c’è una regola fissa su quanto sia eccessivo il debito, ma se il debito di un’azienda nei confronti dell’EBITDA è significativamente più alto rispetto ai suoi omologhi, potrebbe essere un segno di un investimento a più alto rischio.

Analizzare un’azione oltre ai numeri

Anche importante capire che c’è di più nell’analisi di un titolo che guardare alle metriche di valutazione. Dopo tutto, è molto più importante investire in un buon business che in un titolo a basso costo. Con questo in mente, ecco altre tre componenti essenziali per l’analisi delle azioni che non bisogna trascurare:

Vantaggi competitivi durevoli

Come investitori a lungo termine, vogliamo sapere che un’azienda sarà in grado di sostenere (e, si spera, di crescere) la sua quota di mercato nel tempo. Quindi, è importante cercare di identificare un vantaggio competitivo duraturo (noto anche come fossato economico) nel modello di business dell’azienda quando si analizzano i potenziali titoli. Questo può assumere diverse forme. Solo per citare alcune possibilità, un marchio noto può dare ad un’azienda un potere di prezzo, i brevetti possono proteggerla da potenziali concorrenti, o una grande rete di distribuzione può darle un vantaggio di costo rispetto ai concorrenti.

Buona gestione

È difficile esagerare l’importanza di una grande gestione. Non importa quanto sia buono il prodotto di un’azienda o quanta crescita stia avendo luogo in un settore se sono le persone sbagliate a prendere le decisioni chiave.

Idealmente, l’amministratore delegato e gli altri principali dirigenti di un’azienda avranno una vasta esperienza di successo nel settore e i loro interessi saranno allineati con gli azionisti attraverso una remunerazione basata sul capitale e/o ampie posizioni in azioni dell’azienda.

Tendenze del settore

Gli investitori a lungo termine dovrebbero concentrarsi sui settori che hanno prospettive di crescita favorevoli a lungo termine. Per esempio, c’è una chiara tendenza verso le vendite al dettaglio online. Nell’ultimo decennio circa, la percentuale delle vendite al dettaglio che hanno avuto luogo online è cresciuta da meno del 5% a più dell’11% oggi.

Quindi, l’e-commerce è un esempio di un settore con un trend di crescita favorevole. Il cloud computing, la tecnologia dei pagamenti e la sanità sono solo alcuni altri esempi di settori che probabilmente cresceranno in modo significativo nei prossimi anni. Questo può essere utile per determinare su quali settori si dovrebbe concentrare (ed evitare) la propria analisi.

Un esempio di base di analisi delle azioni

Guardiamo velocemente a uno scenario ipotetico. Diremo che voglio aggiungere al mio portafoglio un titolo automobilistico e che sto cercando di decidere tra FCA e Volkswagen.

Prima di tutto, diamo un’occhiata ad alcuni numeri. Ecco come queste due aziende si affiancano in alcune delle metriche di cui abbiamo parlato:

MetricaFCAVolskwagen
Rapporto P/E3,694,21
Tasso di crescita degli utili previsto15,4%4,03%
PEG0,5680,088
Debito/Ebitda0,0833,67

Ecco la chiave di lettura di queste cifre. Su base P/E le due aziende sono vicine, gli investitori preferiscono leggermente Volkswagen, ma quando si tiene conto della crescita dei guadagni, FCA sembra essere il migliore acquisto su base PEG. La casa tedesca ha un debito più elevato nei confronti di Ebitda, quindi questo potrebbe indicare che Volkswagen potrebbe essere il più rischioso dei due (un rischio relativo, poiché il debito è in limiti normali). In realtà FCA beneficia della guerra fatta da Marchionne al debito e questo si vede sui numeri.

Per quanto riguarda il tasso di crescita, Volkswagen probabilmente ha meno terreno per correre, invece FCA potrebbe recuperare tanto. In realtà quest’analisi è zoppa poiché FCA sta per convolare a nozze con PSA, quindi bisognerebbe valutare anche l’azienda francese. Come esempio comunque va bene lo stesso.

Non direi che una delle due società abbia un grande vantaggio competitivo sull’altra. Volkswagen ha probabilmente il marchio e la rete di distribuzione migliori, ma non così tanto da influenzare la mia decisione di investimento. Sono un fan di entrambi i team di gestione, e il settore delle auto è un business che sarà sempre molto richiesto.

Se questo suona come se stessi scegliendo alcune metriche su cui concentrarmi e dando essenzialmente le mie opinioni sull’azienda, hai ragione. Ed è proprio questo il punto. Non c’è un modo perfetto per valutare le azioni, ed è per questo che investitori diversi scelgono azioni diverse in cui investire.

Un’analisi solida può aiutarvi a prendere decisioni intelligenti

Come ho appena detto (e vale la pena di ribadirlo), non c’è un modo corretto di analizzare le azioni. Lo scopo dell’analisi delle azioni è quello di trovare aziende che si ritiene siano buoni valori e grandi imprese a lungo termine in cui investire. Non solo questo vi aiuta a trovare le azioni che sono in grado di fornire forti rendimenti a lungo termine, ma l’utilizzo di metodi analitici come quelli qui descritti può aiutare a evitare di fare cattivi investimenti e di perdere denaro nel mercato azionario.