Azioni da comprare e tenere per sempre
Azioni da comprare e tenere per lungo periodo
Azioni da comprare e tenere per sempre
  • Categoria dell'articolo:Trading

Nel nostro sito è già presente una sezione nella quale indichiamo le operazioni che effettuiamo sui nostri portafogli, il nostro stile è quello da cassettista, cioè acquistare un’azione, decidere un take profit e uno stop lose e mantenere in portafoglio i titoli fino al raggiungimento di un livello.

I take e gli stop vengono aggiornati periodicamente, soprattutto in presenza di nuove trimestrali delle aziende.

Per decidere quali aziende acquistare e quali vendere, abbiamo un calcolo che parte da 67 indicatori differenti e ci restituiscono un numero sintetico sul valore dell’azienda stessa. Lo stesso meccanismo ci indica anche, partendo dai fondamentali, quale potrebbe essere il miglior take profit; lo stop lose, invece, lo posizioniamo manualmente, a una distanza che varia tra il 20 e il 35%.

Non vogliamo assolutamente consigliare l’acquisto di tali azioni, ma nella pagina suddetta c’è il nostro portafoglio di azioni che valgono qualcosa per noi. Ovviamente ogni lettore dovrà avere la propria idea e seguire il proprio calcolo. Noi cerchiamo di aiutare in ciò.

Quali azioni comprare?

Grazie a tale sistema, negli ultimi mesi, abbiamo chiuso un paio di operazioni come:

  • Adidas: entrati a 207,40 € e usciti a 290,90 € con un guadagno del 40,26% lordo
  • Hasbro: entrati a 62,53 $ e usciti a 96,76 $ con un guadagno lordo del 54,74%

Non è ovviamente un portafoglio molto movimentato e non lo vogliamo lo sia. In questo momento abbiamo all’interno circa 42 azioni e solo 4 di queste, dal momento in cui le abbiamo comprate, sono in negativo, con il rendimento peggiore che ci sta facendo perdere solo il 4%. Tutte le restanti 38 azioni sono in positivo, con alcune che superano il rendimento teorico del 240% (Carnival al momento in cui scriviamo).

Si tratta di un portafoglio di azioni da comprare e tenere per un lungo tempo.

Le migliori azioni da avere

Ma le azioni da tenere per sempre, spesso, non coincidono con le azioni migliori nel portafoglio. Per esempio, il calcolo di cui abbiamo parlato poco fa, ci segnala che le migliori aziende, tra le circa 500 che monitoriamo, sono nell’ordine:

  1. BPER Banca
  2. Unipol Gruppo
  3. BNP Paribas
  4. UnipolSai Assicurazioni
  5. Berkshire Hathaway
  6. Vertex Pharmaceuticals
  7. Credit Agricole
  8. Orange
  9. Munich Re
  10. Buzzi Unicem

Vedremo tra un po’ le azioni da tenere per sempre, ma vi anticipiamo già che questa lista è parzialmente differente rispetto a quella delle azioni da tenere per anni.

Quali azioni tenere per sempre?

Come già detto, il portafoglio in sé e per sé è già impostato in modo da immaginare dei lunghi tempi all’interno dello strumento, ciò perché sono azioni che hanno ottimi fondamentali e che, prevediamo, continueranno a rendere bene nei mesi / anni a venire.

Ci sono alcune aziende su cui abbiamo un orizzonte temporale più basso, come per esempio Mastercard, su cui siamo entrati a 298,53 $ e, considerando il prezzo attuale a 372 $, abbiamo un guadagno teorico del 24,61% che è molto vicino al prezzo di 421 $, punto in cui usciremo (ci manca quindi solo il 13% e speriamo di riuscirci nel prossimo trimestre).

Però ci sono anche azioni da cui difficilmente usciremo per almeno i prossimi 5 anni. Teoricamente ci sono anche aziende su cui il prezzo obiettivo è così alto che continueremo a incassare cedole e probabilmente non ne usciremo mai.

Ecco una breve lista delle azioni da tenere per sempre:

  • Netflix
  • ENI
  • Alphabet
  • Intesa San Paolo
  • Stellantis
  • Berkshire Hathaway
  • Vertex
  • Intuitive Surgical
  • Unipol Gruppo
  • Walt Disney

Successivamente capiremo, per ognuna di queste, il perché pensiamo di tenerle per lunghissimo tempo. Come possiamo facilmente notare la lista delle azioni migliori non è la medesima delle azioni da tenere per un lungo periodo, ciò è dato da vari fattori e li analizzeremo nel dettaglio più avanti.

Il metodo Warren Buffett

Quello che cerchiamo di ricalcare, con questa strategia, è il metodo Warren Buffett, cioè comprare aziende dai forti fondamentali e che distribuiscono dividendi, reinvestire quest’ultimi e continuare a far crescere il portafoglio.

Ciò non significa necessariamente non vendere, anzi, quando un’azione ha corso tanto e i fondamentali non la sostengono più è correttissimo venderla.

Capita soventemente anche di alienare solo una quota di azioni su un titolo (vendendone per esempio il 50%) per girare il portafoglio e prendere posizione su un altro titolo che è sottostimato.

Come dice Buffett:

Le opportunità arrivano raramente. Quando piove oro, metti fuori un secchio, non un ditale.

Warren Buffett

Analisi delle azioni da tenere per sempre

Ora, dopo aver spiegato come funziona il nostro algoritmo e aver visto le azioni migliori e quelle da tenere per sempre, andiamo ad analizzare singolarmente le azioni da tenere per un lungo periodo.

Queste che seguono sono azioni da cui non usciremo, probabilmente, per i prossimi 5 anni (almeno).

Netflix (NASDAQ: NFLX)

Capitalizzazione: 221,5 miliardi di $
P/E: 60,49
Prezzo attuale: 499,52 $
Target Price attuale: 615,06 $
Nostro ingresso: 497,51 $
Nostro Target Price: 3.975 $
Nostro Stop Lose: 310,94 $

Partiamo con un tecnologico, facente parte dei FAANG, cioè la società che ha inaugurato la stagione dello streaming tv flat. Lo abbiamo visto negli ultimi anni, lo streaming TV sta sostituendo la visione classica della stessa. In futuro possiamo immaginare come si guarderà la TV solo per programmi di attualità ed eventi live, mentre tutto ciò che sarà on-demand (film, serie tv, ecc) passerà da servizi di streaming.

In questa panoramica Netflix è ben posizionata, si tratta a tutti gli effetti della TV del futuro. Subisce la concorrenza della sola Amazon con Prime Video, che però pare molto in ritardo.

La capitalizzazione di mercato attuale è di 221 miliardi di dollari, un decimo di quella di Apple, un settimo di quella di Alphabet; certo, rispetto a queste due ha ancora molto da dimostrare, ma Netflix è in rampa di lancio e lo si denota anche dalla fiducia che gli danno gli investitori, con un P/E oltre 60, rispetto ad Apple e Alphabet che si aggirano intorno a 35/40.

I mercati da raggiungere sono ancora molti e anche dove è già presente, come in Italia, ancora ci sono grandi fette di mercato da colpire. In questo momento l’utente tipo di Netflix è nella fascia 25/45 medio/alto spendente ma, come già visto per Facebook in passato, il mercato dei boomer (50/70 anni) è ancora da esplorare. Inoltre ci sono anche grosse differenze in base alle regioni nelle stesse nazioni: per esempio, in Italia la penetrazione al nord è molto più ampia rispetto a quella del centro/sud.

In Netflix la nostra operazione è partita qualche mese fa, quando siamo entrati a 497,51 $, il prezzo ha sfiorato i 600 $ e ora si aggira di nuovo intorno al nostro prezzo di ingresso. Si tratta di una buona occasione di ingresso o di aumento del volume di azioni. Reputiamo che la capitalizzazione di mercato sia ancora molto bassa e pensiamo che il valore possa fortemente aumentare, soprattutto perché i prezzi di listino di Netflix sono ancora relativamente bassi per l’offerta che ha. Infine c’è un nuovo spiraglio possibile, già percorso da Amazon e su cui Netflix potrebbe fare dei ragionamenti: gli eventi live come la trasmissione delle gare di calcio; Amazon ha acquisito la licenza per poter trasmettere delle gare per il prossimo trimestre e non è detto che Netflix non possa seguire a ruota libera, inaugurando a tutti gli effetti un nuovo mercato. In tale circostanza il marketCap di Netflix è vermanete molto basso a oggi.

ENI (BIT: ENI)

Capitalizzazione: 37,25 miliardi di €
P/E: –
Prezzo attuale: 10,30 €
Target Price attuale: 18,06 €
Nostro ingresso: 6,67 €
Nostro Target Price: 23,62 $
Nostro Stop Lose: 4,82 $

Veniamo quindi a un’azione italiana: ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi fondato da Enrico Mattei. Storicamente ENI è sempre stata un’azione da cassettista, ciò grazie agli ottimi dividendi che ha sempre distribuito: non era insolito ricevere il 7/8% lordo di dividend yield.

La crisi del petrolio degli ultimi 3/4 anni ha un po’ modificato le carte in tavola, facendo crollare il prezzo delle azioni e facendo abbattere il dividendo distribuito. Allo stesso tempo ENI è stata in grado di ripulire i costi, abbattendo il prezzo limite del barile dal quale fare utili. Infatti nel 2014 a ENI, per fare utili, serviva un prezzo al barile di 90 dollari; nel 2016 ne bastavano 55 e negli ultimi anni si è ancora abbassato.

Oggi il brent prezza a circa 65 dollari al barile e quindi ENI è nelle condizioni di poter fare utili. Ciò rappresenta un’uscita da un tunnel che è durato svariati anni. Inoltre le previsioni per il futuro, sul prezzo al barile, sono in netto aumento, con le options sui future a 100$ che vengono comprati come biglietti delle lotterie.

Forse c’è una fiammata dei prezzi e un po’ di speculazione alla base, ma una cosa rimane certa: da più punti si sta parlando di inflazione in netta crescita, ne abbiamo parlato anche noi qualche tempo fa, e questo porterà i prezzi delle materie prime ad alzarsi. Un aumento dei prezzi del petrolio sarebbe oro per il titolo ENI. Quindi a questi prezzi c’è un’ottima opportunità di acquisto.

Dall’altro canto c’è l’evoluzione green in atto e il petrolio, tra 10/20 anni, varrà molto meno di ciò che vale oggi. In tal senso l’operazione di trasformazione di ENI è già iniziata da anni, soprattutto con gli investimenti in GNL, inoltre gli oltre 200 miliardi di euro del piano PNRR dati dal Next Generation UE, sono linfa vitale per l’azienda di Stato, che ne approfitterà per continuare con l’evoluzione.

Il nostro portafoglio è esposto verso ENI, con il prezzo di ingresso a 6,67 euro, realizzato durante il crollo per la pandemia da Corona Virus. Stiamo già realizzando un guadagno teorico del 54% ma non siamo intenzionati a realizzare. La nostra visione riporta i prezzi dell’azione fino a 23,62 euro e questa è sostenuta dalla distribuzione dei dividendi che, nei prossimi anni, dovrebbero continuare ad aumentare. Insomma, ENI è un’azione che probabilmente non taglieremo mai dal nostro portafoglio.

Alphabet (NASDAQ: GOOGL)

Capitalizzazione: 1.580 miliardi di $
P/E: 30,19
Prezzo attuale: 2.337 $
Target Price attuale: 2.405 $
Nostro ingresso: 1.430,50 $
Nostro Target Price: 4.723 $
Nostro Stop Lose: 857,13 $

Torniamo su un tecnologico e torniamo nel mercato degli Stati Uniti d’America. Alphabet è la capogruppo di Google e YouTube, oltre che di Nest e di un’altra serie di piccoli progetti. Come si vede anche dalla capitalizzazione di mercato, si tratta di un colosso del mercato tech.

Benché nel nostro portafoglio sia assente solo Amazon, per gli investimenti a lungho periodo, tra i veri colossi dell’Information Technology, abbiamo scelto Alphabet anziché Facebook, Apple, Amazon e Microsoft. Il motivo è molto semplice: Google è posizionata sulle nuove tecnologie, ha un’ottima infrastruttura cloud, fa utili con servizi semplici (come Google Maps, Google for Business e Google Analytics) ed è il big player dell’advertising oltre ad avere il sistema operativo più diffuso su mobile (Android). Rispetto ad Amazon non ha i costi fisici di distribuzione di prodotti, rispetto a Microsoft ha una visione più ampia, rispetto ad Apple ha molta più varietà e rispetto a Facebook ha molti più brevetti… insomma, è in assoluto l’azienda più completa del gruppo.

Inoltre, dando un occhio ai fondamentali, è anche l’azienda meglio posizionata e che sta crescendo di più, nonostante non sia una start-up. Poco debito, utili in costante crescita, investimenti calibrati in ricerca e sviluppo e sbaglia pochi colpi.

Benché sia il secondo player, alle spalle di AWS di Amazon, con il cloud ha ancora molta strada da percorrere e YouTube ancora dovrà evolvere per portare maggiori introiti. Google Home e, in generale, la platea di strumenti Nest, hanno ancora ampie fette di mercato da raggiungere e, inoltre, con Stadia è entrata pesantemente sul mercato del games.

Alphabet è presente nel nostro portafoglio da qualche mese oramai, siamo entrati a 1.430 e considerando il prezzo attuale a 2.337$ abbiamo già un guadagno teorico del 63%. Non abbiamo nessuna intenzione di vendere però, perché pensiamo che il prezzo delle azioni, nei prossimi anni, subiranno ancora rialzi. La nostra visione porta il prezzo di Alphabet fino a 4.723 $, anche se ci vorranno anni per arrivarci.

Chi ancora non è dentro potrà ancora approfittare del prezzo attuale che, secondo il nostro algoritmo, è ancora relativamente basso in rapporto ai fondamentali dell’azienda. Certo, forse un anno fa il prezzo era decisamente migliore…

Intesa San Paolo (BIT: ISP)

Capitalizzazione: 45,86 miliardi di €
P/E: 20,10
Prezzo attuale: 2,36 €
Target Price attuale: 2,58 €
Nostro ingresso: 1,40 €
Nostro Target Price: 3,78 €
Nostro Stop Lose: 0,82 €

Torniamo in Italia e guardiamo il miglior titolo del settore bancario, in particolare concentriamoci sulla terza banca più grande in Europa. Intesa San Paolo fino a pochi anni fa era la seconda banca italiana, alle spalle di Unicredit, negli ultimi anni una buona gestione da parte di Corrado Passera prima e Carlo Messina poi l’hanno portata a essere leader incontrastata di mercato. Ciò è stato migliorato nell’ultimo anno grazie all’operazione che le ha permesso di scalare UBI Banca.

I fondamentali dell’azienda sono ottimi, con poco debito, un buon patrimonio netto e dei bilanci che di volta in volta continuano a stupire. L’unico neo, se vogliamo, è la poca internazionalizzazione dell’istituto, a differenza di Unicredit che, invece, è il più internazionale tra gli istituti italiani.

Dalla sua ha una remunerazione degli azionisti continua e sempre in salita; eccezion fatta per il 2020, quando la BCE, a causa del Covid, ha bloccato la distribuzione dei dividendi, Intesa ha sempre saputo regalare gioie agli azionisti. Dividendi che comunque Intesa ha messo in cassaforte, pronta a distribuire non appena la BCE gli darà l’autorizzazione.

L’ultima trimestrale (la 1Q2021) pubblicata pochi giorni fa, conferma che la banca è in continua scalata e difficilmente si fermerà.

Il nostro portafoglio ha il titolo oramai da anni, con vari ingressi abbiamo mediato il prezzo medio di carico, siamo riusciti ad approfittare dell’occasione regalataci dal crollo causa Covid e oggi abbiamo un PMC di 1,40. Siamo posizionati benissimo soprattutto se consideriamo il prezzo attuale a 2,36.

La nostra visione dice che il prezzo di Intesa, visti i fondamentali, è ancora basso e che un’uscita possibile, stando a questi dati, potrà arrivare solo a 3,78 euro. C’è da dire che la distribuzione dei dividendi continua ad agire sul prezzo tenendo bassi gli exploit, quindi difficilmente l’azione raggiungerà quel prezzo, ciò ci va benissimo poiché guardando la politica di dividendi dell’azienda e il nostro PMC riusciremo a ripagarci l’investimento entro pochi anni, tutto ciò che arriverà successivamente sarà certamente un guadagno.

Infine, nell’ottica di cavalcare l’inflazione che sta per abbattersi sulle nostre teste, i titoli finanziari sono una delle migliori scelte, questo giustifica ancora di più il nostro investimento in ISP.

Stellantis (BIT: STLA)

Capitalizzazione: 47 miliardi di €
P/E: –
Prezzo attuale: 15,00 €
Target Price attuale: 19,72 €
Nostro ingresso: 6,64 €
Nostro Target Price: 41,71 €
Nostro Stop Lose: 5,21 €

Come per Intesa San Paolo, anche per Stellantis abbiamo nel tempo mediato il prezzo, essendo posizionati oramai da anni (all’incirca dal momento in cui Sergio Marchionne annunciava l’azzeramento del debito) su quella che fu FCA e che ora è Stellantis, grazie alla fusione con Peugeot.

Metà del nostro prezzo di ingresso è già stato ripagato dalla distribuzione, ordinaria e straordinaria, dovute alla fusione con PSA. Quindi il nostro investimento, al di là del prezzo attuale, è già stato vincente. Se aggiungiamo che oggi scambia a 15 euro, con un guadagno teorico del 126% al quale vanno aggiunti i dividendi ricevuti negli ultimi 2/3 anni allora possiamo dire che anche Stellantis fallisse, noi comunque ne saremmo usciti vincitori.

Ma Stellantis ha una visione ben lontana dal fallimento e il nostro algoritmo ci dice che il prezzo è ancora fortemente sottovalutato. Stessa view paiono averla gli analisti che danno un prezzo obiettivo per Stellantis con un premio del 31,5% rispetto ai prezzi attuali.

Carlos Taveres, attuale CEO di Stellantis, ha già dimostrato, prima con Peugeot e poi con Opel, di riuscire a risanare situazioni complesse e di essere in grado di avere un occhio lungo sul futuro, per questo motivo pensiamo che Stellantis non possa fare altro che salire nei prossimi mesi/anni. Inoltre l’attenzione per gli analisti e i dividendi distribuiti sono un ottimo incentivo.

Come già accennato, abbiamo un prezzo medio di carico di 6,64 euro e un target a 41,71 euro, forse un po’ alto ma per il semplice motivo che venderemo Stellantis proprio se non ha più senso tenerla in portafoglio.

Berkshire Hathaway (NYSE: BRK.B)

Capitalizzazione: 661 miliardi di $
P/E: 6,60
Prezzo attuale: 290 $ / 435.000 $
Target Price attuale: 443.000 $
Nostro ingresso: 262,69 $
Nostro Target Price: 538 $
Nostro Stop Lose: 118,02 $

Potevamo seguire il metodo Warren Buffett senza possedere e ammirare l’azione da lui posseduta? Certo che no…

Ecco, chi non conosce Berkshire Hathaway deve sapere che le azioni originali sono quelli di classe A, su cui Buffett non ha mai voluto effettuare split, nemmeno in presenza di problemi tecnici da parte del Nasdaq, da qualche anno però sono state quotate anche le azioni di classe B, non tanto perché Buffett volesse offrire le proprie azioni a chiunque, ma per evitare che player potessero realizzare split non ufficiali e guadagnare alle spalle dell’oracolo di Omah.

Da ciò nasce la doppia valutazione di Berkshire Hathaway:

  • Classe A: attualmente quota a 435 mila dollari ad azione e ha in circolazione 580 mila azioni
  • Classe B: attualmente quota a 290$ e ha in circolazione circa 1.250 milioni di azioni

Naturalmente con il nostro portafoglio non ci possiamo permettere il lusso di acquistare solo un’azione di classe A di Berkshire Hathaway e non differenziare su altre azioni, quindi abbiamo optato per le classe B, decisamente più alla portata.

Il motivo dell’acquisto e del perché in questa lista di azioni da tenere per sempre è chiaro: ci ispiriamo alla sua metodologia e quindi pensiamo che i risultati ottenuti fin qua siano stratosferici: negli ultimi 20 anni ha una resa percentuale del proprio portafoglio del 20% medio annuo. In pratica, se iniziate oggi con 10 mila euro investiti, con questa resa, tra 20 anni avreste 383 mila euro. Bel risultato no!? Beh, questa è la resa degli ultimi anni, ma Berkshire Hathaway è attiva dagli anni ’60…

Il nostro ingresso in questa azione è relativamente recente, effettuato ad aprile del 2021, con prezzo di ingresso di 262,69 $, grazie alla buona trimestrale pubblicata a inizio maggio siamo già a un guadagno teorico del 10%, ma siamo assolutamente certi che questa azione avrà ancora tanto fiato per correre.

Vertex Pharmaceuticals (NASDAQ: VRTX)

Capitalizzazione: 55 miliardi di $
P/E: 20,28
Prezzo attuale: 213 $
Target Price attuale: 285,09 $
Nostro ingresso: 221,32 $
Nostro Target Price: 592 $
Nostro Stop Lose: 125,13 $

Per differenziare il nostro portafoglio portiamo in esame un titolo azionario del settore salute, nel dettaglio evitiamo qualsiasi azione legata ai vaccini, che potrebbero essere un boomerang e invece mettiamo in portafoglio un’azione che sviluppa medicinali principalmente per malattie rare.

Vertex non solo sviluppa normali farmaci, ma è addentrata nel mercato delle biotecnologiche, quindi con ottime prospettive per il futuro. Ha vari preparati allo stadio 2 e 3 di test e presto potrebbe presentarsi sul mercato con novità molto importanti.

Il nostro algoritmo ce la segnala come una delle più promettenti del panorama medico, con ottimi fondamentali e buona capacità di crescita. Siamo entrati in questa azione circa un anno fa a 227 $, poi abbiamo mediato qualche tempo dopo con prezzi un po’ più bassi e il nostro prezzo medio di carico è attualmente a 221,32 $. Allo stato attuale stiamo perdendo il 3,75%, quindi siamo ancora in un buon punto di ingresso per chi volesse affacciarsi su questo titolo.

Come sempre abbiamo un nostro prezzo obiettivo (592 $) decisamente più alto rispetto al target medio che gli assegnano gli analisti oggi (285,09 $). Per noi è un’azione che nei prossimi mesi regalerà grandi soddisfazioni, quindi è un’azione che visto il basso debito, il continuo sviluppo grazie all’area ricerca e le buone prospettive dei medicinali che si trovano all’ultima fase di sviluppo, potrebbe rapidamente crescere. Ciò gli viene riconosciuto anche dagli analisti, che non sono così spinti come lo siamo noi, ma comunque riconoscono un possibile premio del 29%.

Intuitive Surgical (NASDAQ: ISRG)

Capitalizzazione: 99,8 miliardi di $
P/E: 86,86
Prezzo attuale: 842 $
Target Price attuale: 871,13 $
Nostro ingresso: 759,50 $
Nostro Target Price: 2.812 $
Nostro Stop Lose: 455,60 $

Rimaniamo nel settore sanitario ma spostiamoci dai farmaci alla tecnologia. Intuitive Surgical è un’azienda americana che produce il da Vinci un sistema di assistenza chirurgica. In pratica grazie al da Vinci di Intuitive è possibile realizzare, da parte di chirurghi, operazioni molto complesse e che richiedono la precisione al millimetro.

Negli ultimi anni, grazie allo sviluppo di questa tecnologia, Intuitive Surgical è cresciuta in modo continuo, nell’ultimo anno, con le cliniche impegnate sul Covid e molto meno su operazioni procrastinabili, le vendite di nuovi sistemi sono un po’ rallentate. Ora, con l’uscita dall’emergenza pandemia, ci si aspetta un buon ritorno per Intuitive, con l’installazione di sistemi di assistenza che costano vari milioni di dollari.

In questo campo Intuitive Surgical ha praticamente il monopolio e all’orizzonte non si notano concorrenti degni di nota, quindi, tra nuove installazione e manutenzione di sistemi installati, che hanno cicli di vita decennali, non ci sono nubi all’orizzonte di questa società.

Il nostro algoritmo la piazza molto bene, grazie ai buoni fondamentali, anche se i risultati dell’ultimo anno hanno un po’ abbassato il rating facendola scivolare fuori dalle aziende migliori.

Il nostro ingresso risale a circa un anno fa, quando entrammo nell’azione con un prezzo di 759,50 $, il quale ci sta facendo guadagnare un teorico 11%. Il nostro prezzo obiettivo è molto lontano e siamo tranquilli che l’assenza di concorrenza e l’essenzialità delle operazioni ci permetteranno di raggiungerlo tra qualche anno.

Unipol Gruppo (BIT: UNI)

Capitalizzazione: 3,46 miliardi di €
P/E: 4,88
Prezzo attuale: 4,8 €
Target Price attuale: 4,89 €
Nostro ingresso: 4,34 €
Nostro Target Price: 13,17 €
Nostro Stop Lose: 2,60 €

Tornando a casa nostra, degna di nota è il Gruppo Unipol, il quale ha al proprio interno partecipazioni in UnipolSai e in BPER Banca, tutti e 3 i titoli facenti parte del gruppo dei migliori secondo il nostro algoritmo. Il nostro ingresso in questa azione risale a febbraio del 2021, quando abbiamo comprato per 4,34 €, il che ci garantisce già un gain teorico del 10,37%; anche per Unipol nessuna intenzione di cedere azioni poiché all’orizzonte ci sono ottime prospettive.

Oltre al fatto che il gruppo assicurativo/bancario ha fondamentali perfetti, con un patrimonio netto (7,6 miliardi) che supera la capitalizzazione (3,46 miliardi), quindi è certamente sottostimato, soprattutto se consideriamo che il debito è assolutamente sostenibile in rapporto ai ricavi e agli utili.

Inoltre, guardando un po’ più in là, la banca partecipata (BPER Banca) è in un gioco di strategie che la porterà certamente ad andare in sposa a qualche altra banca (probabilmente Banco BPM), così da creare il vero terzo polo del Paese. Posizione di vantaggio per il gruppo Unipol, che a quel punto potrebbe far entrare il polo assicurativo UnipolSai all’interno di un player di tutto rispetto.

Da non dimenticare infine la continua distribuzione di dividendi, con Yield che difficilmente scende sotto il 5%.

Walt Disney (NYSE: DIS)

Capitalizzazione: 330 miliardi di $
P/E: –
Prezzo attuale: 181,8 $
Target Price attuale: 209,42 $
Nostro ingresso: 133,26 $
Nostro Target Price: 362 $
Nostro Stop Lose: 82 $

Eccoci qui arrivati all’ultimo della lista di azioni da comprare e tenere per sempre (o quasi). Walt Disney è un colosso dell’intrattenimento e benché nell’ultimo anno i suoi parchi divertimento abbiano avuto qualche problema a causa del Corona Virus, nuove revenue stream stanno crescendo facendo sì che la Disney diventi a tutti gli effetti un colosso differenziato nell’intrattenimento per grandi e piccini.

Ci riferiamo in modo particolare alla piattaforma Disney+, in grado di diventare, in breve tempo, la tv di riferimento per i bimbi. Ciò che Netflix è per gli adulti Disney+ lo è per i bimbi. Ma non solo… perché Disney+ ha ambizione di essere anche qualcosa in più, non a caso l’ultimo film che ha vinto gli Oscar 2021 (Nomadland) è distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures e si trova solo su Disney+.

Casa di produzione, marchi di proprietà, licenze da riscuotere per ogni uso di un proprio personaggio, streaming tv e parchi divertimento… Walt Disney Company è in assoluto una delle migliori aziende dell’intrattenimento e ciò si denota dai fondamentali, con bilanci sempre migliori, trimestre dopo trimestre.

Ciò gli viene riconosciuto dagli analisti, che infatti hanno un premio del 15,5% sui prezzi attuali e glielo riconosciamo anche noi che, in ottica cassettista, ci libereremmo del titolo solo se raggiungesse velocemente i 362 $. Altrimenti continuiamo a goderci i dividendi e a osservare il verde del risultato che in questo momento segna +36,4%.

I titoli migliori che non avremo per sempre

Dopo aver terminato la carrellata dei titoli azionari da tenere per sempre, non possiamo non tornare su quelli che sono i titoli migliori, secondo il nostro algoritmo, ma che noi non terremo per sempre, anzi, ci aspettiamo che nei prossimi mesi raggiungano il nostro target price e quindi verranno ceduti.

Ricapitoliamo la lista per evitare che dobbiate tornare in cima all’articolo:

  1. BPER Banca
  2. Unipol Gruppo
  3. BNP Paribas
  4. UnipolSai Assicurazioni
  5. Berkshire Hathaway
  6. Vertex Pharmaceuticals
  7. Credit Agricole
  8. Orange
  9. Munich Re
  10. Buzzi Unicem

Questi sono i titoli migliori secondo il nostro algoritmo. Di questi, abbiamo visto, come quelli che terremo per sempre sono: Unipol Gruppo, Berkshire Hathaway e Vertex Pharmaceuticals. Ne rimangono quindi sette, che reputiamo molto interessanti (e infatti li abbiamo acquistati) ma altrettanto velocemente (arco temporale massimo di 12 mesi) li venderemo.

BPER Banca e UnipolSai

Partiamo dai primi 2, con BPER che secondo il nostro algoritmo è in assoluto l’azienda più sottovalutata tra le 500 circa che analizziamo. Ovviamente l’abbiamo acquistata e abbiamo un target price abbastanza alla portata, soprattutto perché pensiamo che le voci di fusione tra BPER e BPM faranno sì che presto la banca emiliana vada in rally e arrivi a livelli ben più alti di quanto visto fino a ora.

Discorso simile per UnipolSai, certamente la miglior assicurazione che abbiamo in lista, seguita a poca distanza da Axa, ma che terremo poco in portafoglio.

Entrambi i titoli, inoltre, sono nella galassia di Unipol Gruppo, candidato a rimanere per sempre nel nostro portafoglio, quindi mantenere la capogruppo e 2 società satellite sarebbe un po’ tanto. Nell’ottica di diversificazione, quindi, approfittiamo dei prezzi bassi di UnipolSai e di BPER ma terremo sul lungo periodo solo Unipol Gruppo.

BNP Paribas e Credit Agricole

Discorso parzialmente simile per BNP Paribas e Credit Agricole: i titoli si trovano nel nostro portafoglio ma l’orizzonte temporale per la cessione è a 12 mesi. Non perché non crediamo nelle banche francesi, ma per il semplice motivo che preferiamo avere la miglior banca italiana, quindi Intesa San Paolo, e per una questione di differenziazione del portafoglio un assicurativo e un bancario ci bastavano.

Intesa ha più prospettive di crescita rispetto a BNP, forse uguali a Credit Agricole, che continua a fare acquisizione, come l’ultima in Italia: il Creval.

Stiamo comunque parlando di 3 tra le banche migliori in Europa, con BNP che occupa stabilmente il primo posto in termini di capitalizzazione.

Orange

Per fondamentali meriterebbe di stare a piena regola tra i titoli azionari da tenere per sempre, la questione è che il mercato degli ISP è in continuo movimento e l’azienda leader di oggi potrebbe non esserlo più tra un paio d’anni (per esempi vedere cosa è successo in Italia con l’arrivo di Iliad).

In questo momento approfittiamo della segnalazione del nostro algoritmo e cerchiamo nel giro di pochi mesi di ricavarne il più possibile; non è detto che non questa azione non ci faccia compagnia per qualche anno, ma certamente la sua presenza nel nostro portafoglio sarà attenzionata continuamente, per capire se i fondamentali saranno ancora stabili.

Munich Re

Munich Re è un titolo tedesco assicurativo, escluso dalla lista dei “per sempre” per il semplice motivo che il nostro algoritmo ci segnala come migliore Unipol.

Certo è che con questi fondamentali farà una bella presenza nel nostro portafoglio e i generosi dividendi che stacca sono particolarmente preziosi. Ci accompagnerà per un po’ di tempo.

Buzzi Unicem

Il decimo miglior titolo segnalatoci dal nostro algoritmo è un industriale italiano che lavora molto all’estero e in particolare negli Stati Uniti. Buzzi Unicem rientra in questa particolare classifica dei migliori, oltre che per gli ottimi fondamentali, perché i nuovi piani di sviluppo varati in America e in Europa, puntano moltissimo sullo sviluppo edile e cantieristico, con ottimi ritorno in vista per Buzzi Unicem.

Non è un titolo da “per sempre” perché vive di fiammate e benché in questo momento si trovi nel momento di gloria tra qualche anno potrebbe non essere più tra i migliori. Nel mentre ce lo godiamo nel nostro portafoglio e attendiamo i ritorni, per i prossimi 2/3 anni, dati dai piani emergenziali made in USA e in Europa.