Azioni Information Technology, come e quali scegliere
Azioni Information Technology
Azioni Information Technology, come e quali scegliere
  • Post category:Guide

Il settore della tecnologia è molto ampio e permea oramai tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana. Qualsiasi azione voi compiate c’è certamente qualche azienda del settore tecnologico che ha lavorato in modo che ciò sia possibile.

Sviluppo software, Social, Provider di connettività (che sia fibra, WiFi o mobile), streaming televisivo, cloud computing… insomma, qualsiasi cosa oramai voi pensiate, questa è parallela alla tecnologia.

Un mercato che, nonostante la relativa giovinezza, ha vissuto già grandi evoluzioni nella storia (pensate per esempio cosa sono stati gli smartphone nel mercato dei telefoni cellulari) e altre sono in fase di svolgimento.

Una in particolare è la tendenza che in questi anni sta cambiando radicalmente questo mercato: l’adozione di Software-As-A-Service (SaaS), cioè l’acquisto di un abbonamento ricorrente che fornisce il servizio chiavi in mano, basato su cloud e su Intelligenza Artificiale. Scendendo nel dettaglio e facendo un esempio molto basilare, pensate per esempio a Netflix o a Spotify, cioè la fornitura di servizi multimediali con il semplice acquisto di un abbonamento anziché farvi andare in un negozio per acquistare il supporto fisico.

Questo, con le implicazioni molto più complesse rispetto al semplice esempio che abbiamo fatto, è certamente una comodità per gli utenti stessi, ma soprattutto è un modo per garantirsi flussi continui e ricorrenti da parte di chi quel prodotto lo sviluppa.

Guardando invece all’hardware abbiamo in essere un’evoluzione sui semiconduttori, che costituiscono la base di tutto l’hardware e che, per realizzare device sempre più tascabili, sta sperimentando dimensioni di CPU, GPU, ecc sempre più ridotte.

E cosa dire delle società di telecomunicazioni, che non più tardi di un decennio fa vivevano di traffico voce e sms e che oggi, grazie a Internet, si concentrano prevalentemente sulla rete?

Le aziende dell’Information Technology

Ovviamente questo mercato è enorme e le aziende che potremmo elencare sarebbero qualche decina di migliaia. Quindi ci limiteremo solo alle aziende più grandi o più innovative.

Settore
Activision Blizzard (NASDAQ:ATVI)Games
Adobe (NASDAQ:ADBE)Software
Advanced Micro Devices (NASDAQ:AMD)Hardware
Airbnb (NASDAQ:ABNB)Web
Akamai Technologies (NASDAQ:AKAM)Networking
Alphabet (NASDAQ:GOOG)Web / Cloud
Amazon.com (NASDAQ:AMZN)E-Commerce / Cloud
Apple (NASDAQ:AAPL)Device e servizi
AT&T Inc. (NYSE:T)Provider
Atlassian (NASDAQ:TEAM)Software
Broadcom Inc (NASDAQ:AVGO)Hardware
Cisco (NASDAQ:CSCO)Hardware
CloudFlare (NYSE:NET)Networking
Delivery Hero SE (ETR:DHER)Delivery
Dell Technologies (NYSE:DELL)Hardware
DocuSign (NASDAQ:DOCU)Software
Dropbox Inc (NASDAQ:DBX)Cloud
Electronic Arts (NASDAQ:EA)Games
Facebook (NASDAQ:FB)Social
Go Daddy (NYSE:GDDY)Brand e Domini
Hewlett-Packard (NYSE:HPQ)Hardware
IBM (NYSE:IBM)Hardware / Cloud
Intel (NASDAQ:INTC)Hardware
Microsoft (NASDAQ:MSFT)Software / Cloud
Netflix (NASDAQ:NFLX)Streaming
NVIDIA (NASDAQ:NVDA)Hardware
Oracle Corporation (NYSE:ORCL)Database
Paypal (NASDAQ:PYPL)FinTech
Pinterest Inc (NYSE:PINS)Web
Qualcomm (NASDAQ:QCOM)Hardware
Salesforce.com (NYSE:CRM)Software
SAP (ETR:SAP)Software
ServiceNow (NYSE:NOW)Cloud
Shopify (NYSE:SHOP)E-Commerce
Slack Technologies Inc (NYSE:WORK)Comunicazione
Sonos (NASDAQ:SONO)Hardware
Spotify (NYSE:SPOT)Streaming
STMicroelectronics NV (BIT:STM)Hardware
Take Two Interactive (NASDAQ:TTWO)Games
Texas Instruments (NASDAQ:TXN)Hardware
Twilio (NYSE:TWLO)Comunicazione
Twitter Inc. (NYSE:TWTR)Social
Uber (NYSE:UBER)Delivery
Verisign (NASDAQ:VRSN)Software
VMware Inc. (NYSE:VMW)Software
Zendesk (NYSE:ZEN)Software
Zoom Video Communications (NASDAQ:ZM)Comunicazione
Le azioni delle aziende più grandi nel settore della tecnologia

In pratica le macrocategorie (o almeno una parte di esse, quella più importante) potrebbero essere le seguenti:

  • Cloud / Networking
  • Comunicazione
  • E-Commerce
  • FinTech
  • Games
  • Hardware
  • Provider
  • Servizi (Delivery, ecc)
  • Social
  • Software
  • Streaming
  • Web

L’impatto della pandemia COVID-19

La pandemia dovuta al corona virus è stata una manna per alcune di queste società e una disgrazia per altre.

Pensiamo per esempio ad Airbnb, fresca di IPO, la quale ha dovuto parzialmente rivoluzionato il proprio core business per contenere i mancati viaggi e quindi le mancate entrate dal principale servizio offerto.

Di contro, per esempio, pensiamo ad Amazon che grazie al Covid ha venduto molto di più rispetto a quanto non facesse precedentemente; idem per servizi di streaming in settori business, come per esempio Zoom o Teams di Microsoft, di Slack (fresco di offerta da parte di Salesforce) oppure di Netflix che ha visto un ottimo volano nei lockdown.

Ma la rivoluzione non c’è stata solo per i giganti dell’IT, ma anche per aziende molto più piccole e dinamiche che hanno saputo approfittare del momento. La mente corre veloce a Shopify, una piattaforma per eCommerce che ha saputo cavalcare il momento e presentarsi come una delle migliori soluzioni agli occhi di aziende che proprio nella vendita online vedevano il loro unico sbocco per sopravvivere.

Inoltre non è tutto oro ciò che luccica, pensiamo per esempio a Facebook e Alphabet (Google), premiate dagli utenti costretti a rimanere chiusi in casa ma con il core business principale legato al mondo dell’advertising, il quale è crollato poiché le aziende “normali” hanno ridotto gli investimenti in tempo di crisi. Il risultato è stato un maggior costo per sostenere gli utenti alla ricerca di informazioni a fronte di un minor introito dovuto a tagli pubblicitari.

Come analizzare le azioni di tecnologia

Le aziende mature, con un buon track record, che hanno esaurito la loro verve esplosiva nell’innovazione (pensiamo per esempio ad Apple, con prodotti maturi come iPhone, iPad e Macbook, che non sta innovando particolarmente ma che conta su buonissimi bilanci), possono basare la loro valutazione sul P/E, infatti il rapporto tra prezzo dell’azione e utili è un buonissimo indicatore per comprendere quali aziende, tra quelle mature, è più premiata di altre.

Attenzione però, perché il P/E potrebbe facilmente infiammarsi per annunci, innovazioni o idee in questo settore.

Le aziende giovani, con grandi idee innovative, spesso hanno utili negativi poiché si trovano ancora nella fase di investimento. Per queste aziende ovviamente il P/E non ha alcun significato, ciò che c’è da analizzare è quindi la curva di crescita di fatturato e utile, così da comprendere se tra qualche mese/anno queste potranno essere competitive e ancora sul mercato oppure in difficoltà.

Le differenze tra le azioni della tecnologia

Facciamo giusto qualche esempio per meglio comprendere quanto stiamo dicendo.

Alphabet ha una capitalizzazione di 1.300 miliardi di dollari, il P/E si aggira stabilmente intorno ai 35 e nel 2019 (ultimo anno intero chiuso) è riuscita a registrare utili per 34 miliardi, in crescita rispetto ai 31 dell’anno prima e ai 13 del 2014. Insomma è un’azienda solida, in continua crescita ma che ha perso l’etichetta in rampa di lancio.

Netflix ha una capitalizzazione di 225 miliardi di dollari (circa un quinto di Google), P/E di 133 e ha chiuso il 2019 con utile netto a 1,86 miliardi, in crescita rispetto a 1,2 miliardi dell’anno precedente e a 122 milioni del 2015.

Square, che rappresenta un innovativo sistema di pagamento mobile, è ancora nel pieno della propria scalata, ha capitalizzazione di 108 miliardi di dollari, P/E di 763 e il 2019 è stato il primo anno chiuso con un’utile superiore allo zero (375 milioni) contro i 38 milioni persi nel 2018 e i 154 milioni persi nel 2014.

Come possiamo vedere si tratta di 3 aziende molto differenti tra di loro.

La prima, Alphabet, è un’azienda solida, che continua a innovare ma che ha trovato una propria dimensione, che continua a portare utili ai propri soci e ciò si denota dal P/E di 35, che nel settore è basso ma rispetto ad altri mercati è enorme. Si tratta dell’azione meno rischiosa da acquistare poiché ha servizi di cui difficilmente riusciremo a fare a meno in futuro, continua a innovare e continua regalare gioie, senza il rischio di essere sovraprezzata.

Netflix ha fatto capire di che pasta è fatta ed è già entrata tra i colossi della tecnologia. Nonostante ciò ancora ha ampi spazi per crescere e tanti clienti ancora da raggiungere; senza il timore di essere smentiti possiamo dire che è la televisione del futuro ma che ancora centinaia di milioni di persone vivono senza questa TV. Ecco, questo aspetto ci fa capire il perché del 133 di P/E; l’ampio margine la porterà a continuare a crescere con gli utili e la farà diventare sempre più solida. Sicuramente è più rischiosa rispetto ad Alphabet, poiché ancora non ha conquistato quel vantaggio competitivo certo. Ma sicuramente in futuro avrà un posto e quindi il rischio è limitato.

Di contro Square è la più rischiosa, potrebbero succedere qualche migliaio di fattori che potrebbero portarla a non avere la giusta spinta per mantenere le promesse. Inoltre il P/E di 763 è grande sia per il mercato della tecnologia che per altri mercati. La scommessa è enorme ma se manterrà ciò che promette sarà vincente. Ovviamente tutto dipende dalla vostra propensione al rischio.

Conclusione

Partiamo dal fondo e cioè dai 3 esempi che abbiamo fatto: appare evidente come ci siamo concentrati sui quasi estremi della torta, proprio per rappresentare la complessità e la grandezza di questo mercato, nel quale hanno posto aziende appena nate e colossi con decenni alle spalle.

Si tratta di un mercato tipicamente valutato in modo più generoso rispetto ad altri mercati e in alcuni casi con qualche azione che somigli a una bolla pronta a esplodere (per esempio Tesla con capitalizzazione da 900 miliardi e nemmeno un anno chiuso in utile, se nel Q4 non ci saranno sorprese il 2020 potrebbe essere il primo).

Aziende storiche o con basi solide possono rappresentare ottimi porti per i vostri soldi, le scommesse dipendono dal vostro giudizio e dalla vostra voglia di scommettere.