Cosa è il Dividendo?
Creare una rendita grazie ai dividendi
Cosa è il Dividendo?
  • Post Category:Guide

Un dividendo è la distribuzione di una parte degli utili della società, decisa e gestita dal consiglio di amministrazione della società, e pagata a una classe di azionisti.

Comprensione dei dividendi

I dividendi devono essere approvati dagli azionisti attraverso il loro diritto di voto.

Sebbene i dividendi in contanti siano i più comuni, i dividendi possono essere emessi anche sotto forma di azioni o altre proprietà.

Oltre alle società, anche diversi fondi comuni d’investimento e fondi negoziati in borsa (ETF) pagano dividendi.

Un dividendo è una ricompensa simbolica pagata agli azionisti per il loro investimento nel patrimonio netto di una società, e di solito proviene dagli utili netti della società.

Mentre la maggior parte degli utili viene mantenuta all’interno dell’azienda come utile non distribuito – che rappresenta il denaro da utilizzare per le attività aziendali in corso e future – il resto può essere assegnato agli azionisti come dividendo.

A volte, le aziende possono ancora effettuare il pagamento dei dividendi anche quando non realizzano utili adeguati. Possono farlo per mantenere la loro consolidata esperienza di pagamento regolare dei dividendi.

Il consiglio di amministrazione può scegliere di emettere dividendi in vari periodi di tempo e con diversi tassi di pagamento. I dividendi possono essere pagati con una frequenza programmata, ad esempio mensile, trimestrale o annuale. Ad esempio, Walmart Inc. (WMT) e Unilever PLC ADR (UL) effettuano regolarmente il pagamento dei dividendi trimestrali.

Le aziende possono anche emettere dividendi straordinari non ricorrenti, sia individualmente che in aggiunta a un dividendo programmato. Sostenuta da una forte performance aziendale e da una migliore prospettiva finanziaria, Microsoft Corp. (MSFT) ha dichiarato un dividendo speciale di 3,00 dollari per azione nel 2004, che è stato di gran lunga superiore ai consueti dividendi trimestrali nell’intervallo da 0,08 a 0,16 dollari per azione. Idem in Italia, dove FCA ha staccato dividendi straordinari nel 2019, a seguito della cessione di Magnete Marelli e prevede di farlo anche nel 2021, grazie all’aggregazione con PSA.

Aziende che pagano i dividendi

Le società più grandi e più affermate con profitti più prevedibili sono spesso i migliori pagatori di dividendi. Queste società tendono ad emettere dividendi regolari perché cercano di massimizzare la ricchezza degli azionisti in modi diversi dalla normale crescita. Si osserva che le aziende dei seguenti settori industriali mantengono un record regolare di pagamenti di dividendi:

  • Materiali di base
  • Petrolio e gas
  • Banche e finanziarie
  • Sanità e prodotti farmaceutici
  • Utilità

Anche le società strutturate come società in accomandita semplice (MLP) e i fondi comuni d’investimento immobiliare (REIT) sono tra i principali distributori di dividendi, poiché la loro designazione richiede una specifica distribuzione agli azionisti. I fondi possono anche emettere regolarmente pagamenti di dividendi come indicato nei loro obiettivi d’investimento.

Le start-up e altre società a forte crescita, come quelle del settore tecnologico o biotecnologico, possono non offrire dividendi regolari. Poiché queste società possono trovarsi nelle prime fasi di sviluppo e possono sostenere costi elevati (nonché perdite) attribuiti alla ricerca e sviluppo, all’espansione dell’attività e alle attività operative, potrebbero non disporre di fondi sufficienti per l’emissione di dividendi. Anche le società che realizzano profitti nelle fasi iniziali e intermedie evitano di pagare i dividendi se puntano a una crescita e a un’espansione superiore alla media e vogliono investire i loro profitti nella loro attività piuttosto che pagare i dividendi.

Date dei dividendi importanti

Il pagamento dei dividendi segue un ordine cronologico degli eventi e le date associate sono importanti per determinare gli azionisti che hanno i requisiti per ricevere il pagamento dei dividendi.

Data di annuncio: I dividendi sono annunciati dal management della società alla data dell’annuncio e devono essere approvati dagli azionisti prima di poter essere pagati.

Data di distribuzione dei dividendi: La data in cui scade l’idoneità al pagamento dei dividendi si chiama data di stacco della cedola o semplicemente data di scadenza. Per esempio, se un’azione ha una data di stacco della cedola di lunedì 5 maggio, allora gli azionisti che acquistano l’azione in quel giorno o dopo tale giorno NON avranno diritto a ricevere il dividendo in quanto lo stanno acquistando alla data di scadenza del dividendo o dopo la data di scadenza. Gli azionisti che possiedono le azioni un giorno lavorativo prima della data di scadenza – cioè venerdì 2 maggio o prima – riceveranno il dividendo.

Data di registrazione: La record date è la data di chiusura, stabilita dalla società al fine di determinare quali azionisti hanno diritto a ricevere il dividendo o la distribuzione.

Data di pagamento: La società emette il pagamento del dividendo alla data di pagamento, che è il momento in cui il denaro viene accreditato sui conti degli investitori.

Impatto dei dividendi sul prezzo delle azioni

Poiché i dividendi sono irreversibili, i loro pagamenti portano a far uscire denaro dai libri contabili e dai conti dell’azienda per sempre. Pertanto, il pagamento dei dividendi ha un impatto sul prezzo delle azioni – aumenta all’annuncio all’incirca dell’importo del dividendo dichiarato e poi diminuisce di un importo simile alla sessione di apertura della data di stacco del dividendo.

Ad esempio, una società che è scambiata a 60 dollari per azione dichiara un dividendo di 2 dollari alla data dell’annuncio. Non appena la notizia diventa pubblica, il prezzo dell’azione salirà di circa $2 e raggiungerà i $62. Diciamo che le azioni vengono scambiate a $63 un giorno lavorativo prima della data di stacco del dividendo. Alla data dell’ex dividendo, scenderà di circa $2 e inizierà a negoziare a $61 all’inizio della sessione di trading alla data dell’ex dividendo, perché chiunque acquisti alla data dell’ex dividendo non riceverà il dividendo.

Perché le aziende pagano i dividendi

Le aziende pagano i dividendi per una serie di motivi. Queste ragioni possono avere implicazioni e interpretazioni diverse per gli investitori.

I dividendi possono essere attesi dagli azionisti come ricompensa per la loro fiducia in una società. Il management della società può puntare a onorare questo sentimento fornendo un solido track record di pagamenti di dividendi. Il pagamento dei dividendi si riflette positivamente su una società e aiuta a mantenere la fiducia degli investitori. I dividendi sono anche preferiti dagli azionisti perché sono trattati come reddito esente da imposte per gli azionisti in molte giurisdizioni (non in Italia). Al contrario, le plusvalenze realizzate attraverso la vendita di un’azione il cui prezzo è aumentato sono considerate reddito imponibile. Gli operatori che cercano guadagni a breve termine possono anche preferire il pagamento di dividendi che offrono guadagni istantanei esenti da imposte.

Una dichiarazione di dividendi di alto valore può indicare che la società sta andando bene e ha generato buoni profitti. Ma può anche indicare che la società non ha progetti adeguati per generare rendimenti migliori in futuro. Pertanto, sta utilizzando la sua liquidità per pagare gli azionisti invece di reinvestirla nella crescita.

Se un’azienda ha una lunga storia di pagamenti di dividendi, una riduzione dell’importo dei dividendi, o la loro eliminazione, può segnalare agli investitori che l’azienda è in difficoltà. L’annuncio di una riduzione del 50% dei dividendi da parte di General Electric Co. Ltd. (GE), una delle maggiori società industriali americane, è stato accompagnato da un calo di oltre il sette per cento del prezzo delle azioni GE il 13 novembre 2017. Lo stesso si è registrato in Italia quando Intesa San Paolo, su indicazione della BCE, ha deciso di annullare il dividendo del 2020.

Una riduzione dell’importo dei dividendi o una decisione contraria al pagamento dei dividendi non si traduce necessariamente in cattive notizie su una società. Può essere possibile che il management della società abbia piani migliori per investire il denaro, date le sue finanze e le sue operazioni. Ad esempio, il management di un’azienda può scegliere di investire in un progetto ad alto rendimento che ha il potenziale di aumentare i rendimenti per gli azionisti nel lungo periodo, rispetto ai piccoli guadagni che realizzeranno con il pagamento dei dividendi.

I dividendi dei fondi

I dividendi pagati dai fondi sono diversi dai dividendi pagati dalle società. I dividendi aziendali sono di solito pagati dagli utili generati dalle operazioni commerciali della società. I fondi operano in base al principio del valore patrimoniale netto (NAV), che riflette la valutazione delle loro partecipazioni o il prezzo del(i) bene(i) che un fondo può tracciare. Poiché i fondi non hanno profitti intrinseci, pagano i dividendi derivanti dal loro NAV.

A causa del funzionamento dei fondi basato sul NAV, il pagamento regolare e ad alta frequenza dei dividendi non deve essere frainteso come una performance stellare del fondo. Ad esempio, un fondo che investe in obbligazioni può pagare dividendi mensili in quanto riceve denaro sotto forma di interessi mensili sulle proprie partecipazioni fruttifere. Il fondo si limita a trasferire il reddito derivante dagli interessi in tutto o in parte agli investitori del fondo. Un fondo di investimento azionario può anche pagare dividendi. I suoi dividendi possono provenire dai dividendi che riceve dalle azioni in portafoglio o dalla vendita di una certa quantità di azioni. In sostanza, gli investitori che ricevono il dividendo dal fondo riducono il loro valore di detenzione, che si riflette nel NAV ridotto alla data di stacco del dividendo.

I dividendi sono irrilevanti?

Qualche economista sostiene che la politica dei dividendi di una società è irrilevante e non ha alcun effetto sul prezzo delle azioni di un’impresa o sul suo costo del capitale. Teoricamente, un azionista può rimanere indifferente alla politica dei dividendi di una società. In caso di pagamento di dividendi elevati, può utilizzare il denaro ricevuto per acquistare altre azioni. In caso di pagamenti bassi, possono vendere alcune azioni per ottenere la liquidità necessaria. In entrambi i casi, la combinazione del valore di un investimento nella società e della liquidità in loro possesso rimarrà invariata. Quindi i dividendi sono irrilevanti, e gli investitori non dovrebbero preoccuparsi della politica dei dividendi dell’azienda in quanto possono crearne di propri sinteticamente.

In realtà, però, i dividendi permettono di mettere a disposizione degli azionisti denaro, il che dà loro la libertà di ricavarne una maggiore utilità. Possono investire in un’altra sicurezza finanziaria e ottenere rendimenti più elevati, oppure spendere per il tempo libero e altre utilità. Inoltre, costi come le tasse, i broker, gli interessi e le azioni indivisibili rendono i dividendi una considerevole utilità nel mondo reale.

I dividendi possono aiutare a compensare i costi del vostro broker e le vostre tasse. In definitiva, questo può rendere gli investimenti in dividendi più attraenti.

Acquistare investimenti con pagamento di dividendi

Gli investitori che cercano investimenti con dividendi hanno una serie di opzioni, tra cui azioni, fondi comuni d’investimento, fondi negoziati in borsa (ETF) e altro ancora. Il modello di sconto dei dividendi o il modello di crescita Gordon può essere utile nella scelta degli investimenti azionari. Queste tecniche si basano sui flussi di dividendi futuri previsti per valutare le azioni.

Per confrontare più azioni in base alla loro performance di pagamento dei dividendi, gli investitori possono utilizzare il dividend yield che misura il dividendo in termini di una percentuale dell’attuale prezzo di mercato dell’azione della società. Il dividend yield può anche essere quotato in termini dell’importo in dollari che ogni azione riceve – dividendi per azione (DPS). Oltre al dividend yield, un’altra importante misura di performance per valutare i rendimenti generati da un particolare investimento è il fattore di rendimento totale. Questo dato tiene conto, tra l’altro, degli interessi, dei dividendi e degli aumenti del prezzo delle azioni.

La tassazione è un’altra importante considerazione quando si investe per i guadagni da dividendi. Si osserva che gli investitori in fasce di tassazione elevate preferiscono le azioni che pagano dividendi se la giurisdizione consente un’imposta sui dividendi pari a zero o relativamente più bassa rispetto alle aliquote normali. Ad esempio, gli Stati Uniti e il Canada hanno un’imposta più bassa sul reddito da dividendi per gli azionisti, mentre i guadagni da dividendi sono esenti da imposte in India. In Italia la tassazione sui dividendi è identica alla tassazione sul gain, cioè al 26%.