Previsione del prezzo del petrolio 2020-2050
Pipeline per il trasporto del petrolio
Previsione del prezzo del petrolio 2020-2050
  • Post Category:Trading

I prezzi mondiali del greggio raggiungeranno una media di 33 dollari al barile nel 2020 e di 46 dollari al barile nel 2021. Questo secondo il Short-term Energy Outlook della U.S. Energy Information Administration (EIA).

La stima del prezzo è scesa dalla media del 2019 di 64 dollari al barile. La pandemia del coronavirus COVID-19 ha ridotto la domanda globale di petrolio.

La EIA prevede che i prezzi del petrolio raggiungeranno una media di 23$/b nel secondo trimestre del 2020, ma aumenteranno a 30$/b nella seconda metà dell’anno.

West Texas Intermediate proviene dagli Stati Uniti ed è il punto di riferimento per i prezzi del petrolio statunitense. Il petrolio Brent North Sea proviene dall’Europa nordoccidentale ed è il benchmark per i prezzi petroliferi mondiali.

La EIA prevede che il WTI sarà di 29,34 dollari al mb nel 2020 e di 41,12 dollari al mb nel 2021. Ciò fa sì che lo spread del Brent-WTI sia di 3,70 $/b nel 2020.

Il prezzo di un barile di petrolio WTI sarà molto più basso dei prezzi del Brent a causa dell’eccesso di offerta statunitense. Nel dicembre 2015, lo spread era di soli $2/b. Questo subito dopo che il Congresso ha eliminato il divieto quarantennale di esportazione del petrolio statunitense.

Quattro ragioni per la volatilità dei prezzi del petrolio di oggi

Un tempo i prezzi del petrolio avevano un’oscillazione stagionale prevedibile. Avevano un picco in primavera, in quanto i commercianti di petrolio anticipavano l’alta domanda per il consumo delle vacanze estive. Una volta che la domanda raggiungeva il picco, i prezzi scendevano in autunno e in inverno.

I prezzi del petrolio sono diventati volatili grazie alle oscillazioni inaspettate dei fattori che influenzano il prezzo del petrolio. La pandemia di coronavirus ha fatto precipitare la domanda di petrolio. Questo ha compensato gli altri tre fattori che influenzano i prezzi del petrolio: l’aumento della produzione petrolifera statunitense, la diminuzione del peso dell’OPEC e il rafforzamento del dollaro.

1. Rallentamento della domanda globale

EIA ha riferito che la domanda globale di petrolio nel marzo 2020 era inferiore di 11,4 milioni di b/g rispetto alla media annuale del 2019.

Essa prevedeva una domanda inferiore di 17,1 milioni di b/g in aprile. Per l’anno in corso, la EIA stima che la domanda sarà di 95,5 milioni di b/g, il 5,2% in meno rispetto al 2019. Si tratterebbe del calo maggiore da quando la EIA ha iniziato a tenere i registri.

2. Aumento della produzione di petrolio negli Stati Uniti

I produttori americani di olio di scisto e di carburanti alternativi, come l’etanolo, hanno aumentato l’offerta. Questo aumento è iniziato nel 2015 e da allora ha influenzato l’offerta.

La produzione di petrolio statunitense è aumentata fino a raggiungere il record di 12,4 milioni di barili al giorno nel settembre 2019.

È stata anche la prima volta, dal 1948, che gli Stati Uniti hanno esportato più petrolio di quanto ne abbiano importato. Nel 2018 gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore mondiale di petrolio.

L’industria petrolifera statunitense ha aumentato l’offerta lentamente, sostenendo prezzi abbastanza alti per pagare i costi di esplorazione. Molti produttori di olio di scisto sono diventati più efficienti nell’estrazione del petrolio. Hanno trovato il modo di tenere aperti i pozzi, risparmiando il costo della loro chiusura.

3. Diminuito il peso dell’OPEC

L’OPEC e l’OPEC+ non hanno tagliato la produzione a sufficienza per mettere un base sotto i prezzi. I produttori americani di scisto sono diventati più influenti, ma non operano come un cartello come l’OPEC.

Il leader dell’OPEC, l’Arabia Saudita, vuole prezzi del petrolio più alti perché questa è la fonte delle sue entrate governative. Ma deve bilanciare questo con la perdita di quote di mercato a favore delle compagnie statunitensi e russe.

L’Arabia Saudita, guidata dai sunniti, non vuole perdere quote di mercato a favore del suo acerrimo rivale, l’Iran guidato dagli sciiti. Il trattato di pace nucleare del 2015 ha revocato le sanzioni economiche del 2010 e ha permesso al più grande rivale dell’Arabia Saudita di esportare di nuovo petrolio nel 2016. Ma questa fonte si è prosciugata quando il presidente Donald Trump ha reintrodotto le sanzioni nel 2018.

4. Aumento del valore del dollaro

Dal 2014 i trader di valuta estera hanno aumentato il valore del dollaro. Ad esempio, il valore del dollaro rispetto all’euro è aumentato del 25% tra il 2013 e il 2016.

Tutte le transazioni petrolifere sono pagate in dollari statunitensi. La maggior parte dei Paesi esportatori di petrolio ancorano le loro valute al dollaro. Di conseguenza, un aumento del 25% del dollaro compensa un calo del 25% del prezzo del petrolio. L’incertezza economica globale mantiene forte il dollaro statunitense.

Previsione del prezzo del petrolio per il 2025 e il 2050

Questa previsione è stata fatta prima della pandemia di coronavirus.

L’EIA prevede che, entro il 2025, il prezzo medio del barile di greggio Brent salirà a 81,73 dollari al barile. Questa cifra è in dollari del 2018, il che elimina l’effetto dell’inflazione.

Entro il 2030 la domanda mondiale porterà il prezzo del petrolio a 92,98/b.

Entro il 2040, i prezzi saranno di 105,16 $/b, sempre in dollari del 2018. Per allora, le fonti di petrolio a basso costo saranno esaurite, rendendo più costoso estrarre il petrolio.

Entro il 2050, il prezzo del petrolio sarà di 107,94/b dollari. L’EIA ha abbassato le sue stime di prezzo a partire dal 2017, riflettendo la stabilità del mercato del petrolio scistoso.

L’EIA presuppone che la domanda di petrolio si appiattisca man mano che le utilities si affidano maggiormente al gas naturale e alle energie rinnovabili. Suppone inoltre che l’economia cresca in media di circa il 2% all’anno, mentre il consumo di energia aumenta dello 0,4% all’anno. L’EIA ha anche previsioni per altri possibili scenari.

Petrolio a 200 dollari al barile?

Nel 2008 il prezzo del petrolio ha raggiunto il livello record di 145 dollari al barile. Sono scesi a 35 dollari al barile prima di salire a 100 dollari al barile nel 2014. È stato allora che l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha previsto che il prezzo del petrolio Brent potrebbe raggiungere i 270 dollari al barile.

La previsione si basava sulla domanda alle stelle della Cina e di altri mercati emergenti.

Ma sarebbe una cosa così negativa? Le tasse sul carbone sono state emesse come un modo per fermare il cambiamento climatico. I critici dicono che aumenterebbe troppo il prezzo del petrolio, imponendo una tassa regressiva ai poveri.

L’Ocse ha detto che gli alti prezzi del petrolio portano alla “distruzione della domanda”. Se i prezzi elevati durano abbastanza a lungo, la gente cambia le proprie abitudini di acquisto. La distruzione della domanda è avvenuta dopo lo shock petrolifero del 1979. I prezzi del petrolio sono peggiorati costantemente per circa sei anni. Alla fine sono crollati quando la domanda è diminuita, e l’offerta ha recuperato terreno.

L’idea del petrolio a 200 dollari al barile sembra catastrofica per lo stile di vita americano. Ma la gente nell’Unione Europea ha pagato per anni l’equivalente di circa 250 dollari al barile a causa delle tasse elevate. Questo non ha impedito all’Unione Europea di essere uno dei maggiori consumatori di petrolio al mondo. Finché la gente avrà il tempo di adattarsi, troverà il modo di vivere con i prezzi del petrolio più alti.

Prezzo del Petrolio a 20$ al barile

Nel mentre però l’obiettivo di 200 dollari è decisamente lontano e durante il mese di aprile 2020 un barile viene scambiato a 20 dollari.

Certamente questi prezzi non potranno durare a molto, anche perché buona parte delle aziende facenti parte della filiera, con prezzi così bassi per lungo periodo potrebbero fallire.

Ciò però non impedisce al prezzo del petrolio di fare delle cadute brusche, anche al di sotto di 10 dollari, per brevi periodi, quindi se tradate il petrolio fate molta attenzione.