Chiusura venerdì 10 Luglio 2020
30,46 GBP
Target Price: 75,37 GBP
Media del giudizio di 28 analisti

Informazioni su LLOY.L

NomeLloyds Banking Group PLC
NazioneRegno Unito
CurrencyGBP
Data IPO08-10-1986
SettoreBanking
Capitalizzazione22.081

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 11-07-2020

Consensi e Target Price LLOY.L

Consensi Lloyds Banking Group PLC

GiudizioConsensi
StrongBuy5
Buy14
Hold2
Sell6
StrongSell1
Aggiornati al 07-07-2020

Target Price Lloyds Banking Group PLC

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Lloyds Banking Group PLC

TP MedioTP MaggioreTP Minore
75,3799,0056,00
Aggiornati al 07-07-2020

Analisi tecnica Lloyds Banking Group PLC

SegnaleIndicatori
Buy4
Neutral6
Sell7
Segnale finalesell

Livelli, Supporti e Resistenze LLOY.L

Livelli storici
25,67
39,37
73,66

EPS Lloyds Banking Group PLC

PeriodoRealizzatoPrevisto
31-03-20200,020,00
31-12-20190,010,02
30-09-20190,030,02
30-06-20190,020,02

Lloyds banking group

Lloyds Banking Group è una delle più grandi banche commerciali globali del Regno Unito, con banche controllate in altri Paesi. È anche un’importante compagnia di assicurazioni. Lloyds Banking Group ha sede a Londra.

La banca è stata fondata come Taylor e Lloyd nel 1765 e rinominata Lloyds and Company nel 1853. Con la fusione di Moilliet and Sons nel 1865, la società è stata costituita come Lloyds Banking Company Ltd., una società per azioni. Nel 1889 ha adottato il nome di Lloyds Bank Ltd..

Dal 1865 al 1923 la banca ha assorbito più di 50 altre banche. Nel 1971 la Lloyds Bank acquistò praticamente tutte le azioni della BOLSA International Bank, Ltd., creando la Lloyds e la BOLSA International Bank, Ltd. BOLSA (Bank of London and South America) era stata costituita nel 1923 con la fusione di due banche latinoamericane. BOLSA ha acquisito l’attività della Banca anglo-sudamericana nel 1936, dandogli interessi in Francia, Spagna e Portogallo, nonché nella maggior parte dei paesi dell’America Latina. Negli anni successivi Lloyds ampliò ulteriormente la sua base geografica: nel 1978 aveva uffici e filiali in 43 paesi, fornendo servizi bancari e finanziari in tutto il mondo. Nel 1995 Lloyds si fuse con la Trustee Savings Bank (TSB) per creare Lloyds TSB Group PLC. Nel gennaio 2009 Lloyds ha completato l’acquisizione di Halifax Bank of Scotland (HBOS) PLC, creando Lloyds Banking Group (LBG). Il nuovo colosso bancario era il più grande prestatore di mutui ipotecari della Gran Bretagna.

Nell’ottobre 2008 il governo del Regno Unito ha annunciato un piano di acquisizione di 37 miliardi di sterline in partecipazioni azionarie in diverse delle principali banche del paese, tra cui Lloyds, per evitare il crollo del settore finanziario sulla scia della crisi dei mutui subprime (una grave contrazione della liquidità sui mercati del credito in tutto il mondo causata da drastici cali di valore dei titoli garantiti da mutui subprime). Il governo è diventato così proprietario del 43 per cento dei Lloyds. Nel marzo 2009 il governo ha annunciato che avrebbe aumentato la sua partecipazione in LBG dal 43 per cento al 65 per cento. Nel 2013 la Lloyds ha iniziato a cedere la propria partecipazione in TSB in conformità a un piano di ristrutturazione adottato come condizione per la concessione di aiuti di Stato e approvato dalla Commissione europea nel 2009. All’inizio del 2015 il governo ha ridotto la sua partecipazione in LBG a circa il 24%.

Lloyds Banking Group è quotato sull’LSE con il ticket LLOY.

Società in cui investire con azioni che sono poco considerate

Esistono alcune società, spesso a caratura globale, che per un motivo o per un altro non vengono in mente appena si pensa a un investimento in borsa. Eppure alcune di queste sono addirittura leader nei propri settori e hanno dei fondamentali ottimi; si tratta quindi di buone possibilità di investimento. Ne abbiamo già vista qualcuna nel precedente articolo nel quale…

Commenti disabilitati su Società in cui investire con azioni che sono poco considerate
Società in cui investire con azioni che sono poco considerate
Azioni di colossi spesso nascoste

Azioni bancarie, cosa sapere per investire sugli istituti di credito

Non c'è da meravigliarsi che Warren Buffett ami le azioni delle banche. Il leggendario investitore miliardario ha più del 30% del suo portafoglio al Berkshire Hathaway dedicato a questo unico settore. Il motivo è semplice: i titoli bancari possiedono molti dei must da considerare per Buffett. In primo luogo, gli istituti bancari sono al servizio di un importante bisogno della…

Commenti disabilitati su Azioni bancarie, cosa sapere per investire sugli istituti di credito
Azioni bancarie, cosa sapere per investire sugli istituti di credito
Investire negli istituti di credito

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare