Chiusura martedì 24 Novembre 2020
44,96 $
Target Price: 42,18 $
Media del giudizio di 22 analisti

Informazioni su UAL

NomeUnited Airlines Holdings Inc
NazioneStati Uniti
CurrencyUSD
Data IPO01-10-2010
SettoreAirlines
Capitalizzazione11.061

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 25-11-2020

Consensi e Target Price UAL

News Sentiment

 ToroOrso
News Sentiment100,00%
Settore:59,49%
0,00%
Settore:40,51%
Art. ultima settim.46
Media news settimanali43.5
Ultimo periodoSe ne parla al solito
News Score United Airlines Holdings Inc100,00%
News Score del settore50,68%

Consensi United Airlines Holdings Inc

GiudizioConsensi
StrongBuy3
Buy6
Hold12
Sell1
StrongSell0
Aggiornati al 14-11-2020

Target Price United Airlines Holdings Inc

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a United Airlines Holdings Inc

TP MedioTP MaggioreTP Minore
42,1860,0032,00
Aggiornati al 14-11-2020

Analisi tecnica United Airlines Holdings Inc

SegnaleIndicatori
Buy10
Neutral7
Sell0
Segnale finalebuy

Livelli, Supporti e Resistenze UAL

Livelli storici
17,80
26,65
35,48
40,26
48,95

EPS United Airlines Holdings Inc

PeriodoRealizzatoPrevisto
30-09-2020-8,16-7,61
30-06-2020-9,31-9,11
31-03-2020-2,57-3,50
31-12-20192,672,68

United Airlines Logo

United Airlines, compagnia aerea internazionale americana che serve il Nord America, l’Asia, l’America Latina, i Caraibi e l’Europa. La sede centrale della società madre del vettore aereo, United Continental Holdings, è a Chicago.

United Airlines risale al 1929, quando William E. Boeing (1881-1956), Frederick B. Rentschler (1887-1956) e i loro soci fondarono la United Aircraft Transport Corporation, un conglomerato che comprendeva sia la produzione di aerei che il trasporto aereo. Nel 1930 aveva acquisito quattro compagnie postali – Boeing Air Transport (costituita nel 1927), Pacific Air Transport (1926), Varney Air Lines (1926) e National Air Transport (1925) – e nel 1931 fondò la United Airlines, Inc. a Chicago come holding che forniva una gestione a ombrello per le quattro divisioni operative.

Nel 1934, sotto la pressione del Congresso degli Stati Uniti, i conglomerati aerei furono costretti a sciogliersi, separando la produzione di aerei dal trasporto aereo. United Airlines, Inc. divenne una società operativa indipendente, unificando completamente tutte le divisioni di trasporto. Dalla dissoluzione sono emerse anche le società di produzione della Boeing e della United Aircraft. William A. (“Pat”) Patterson (1899-1980), il nuovo presidente, fu il principale innovatore sul progresso della compagnia fino al suo pensionamento nel 1966.

Dal 1930 la compagnia aveva una rete di rotte da New York City a San Francisco e Seattle insieme ad alcune rotte nord-sud in Occidente, e in quell’anno le prime hostess della compagnia – e le prime hostess al mondo – furono addestrate e messe in servizio sui voli Chicago-San Francisco. Seguirono i voli transcontinentali da New York. Dopo la seconda guerra mondiale, le rotte e i servizi della United si ampliarono notevolmente. Nel 1961, in seguito alla fusione con la Capital Airlines, la United divenne il più grande vettore aereo (in termini di numero di passeggeri) del mondo occidentale, superato a livello mondiale solo dall’Aeroflot dell’Unione Sovietica; la United mantenne questo primato per un paio di decenni.

Nel 1968-69 la United Airlines si riorganizzò e nel 1986 acquistò le rotte trans-pacifiche della Pan American World Airways (che collegavano gli Stati Uniti con l’Asia orientale e il Pacifico meridionale). Nel 1990 United Airlines ha acquisito le rotte Pan American tra Londra e gli Stati Uniti e nel 1991 ha acquistato il sistema di rotte latinoamericane e caraibiche della Pan American fallita.

Dopo la riorganizzazione del 1968-69, United ha anche avviato una serie di fusioni societarie. La sua nuova società madre e holding, UAL, Inc., ha acquisito la Western International (poi Westin) Hotels (una grande catena alberghiera americana) nel 1970, la Hertz Corporation (la più grande attività di autonoleggio negli Stati Uniti) nel 1985 e la Hilton International Co. Ltd. (un’altra grande catena alberghiera) all’inizio del 1987. Queste attività sono state però vendute alla fine del 1987, e da quel momento in poi la società madre si è concentrata sulla sua principale controllata, la United Airlines, che è rimasta uno dei più grandi vettori aerei del mondo.

Nel 1994 i dipendenti della United Airlines hanno acquistato una quota di controllo (55%) della compagnia aerea in cambio di 4,9 miliardi di dollari in concessioni salariali e di lavoro. L’acquisizione ha reso la United la più grande azienda di proprietà dei dipendenti negli Stati Uniti. Nonostante l’assistenza federale alla United e a molte altre compagnie aeree statunitensi dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, nel dicembre 2002 ha presentato istanza di riorganizzazione fallimentare. L’azienda è uscita dalla protezione fallimentare nel 2006.

All’inizio del 21° secolo, a causa delle crescenti difficoltà finanziarie in un settore aereo in difficoltà, la United ha subito un periodo di grande ristrutturazione, che ha incluso una diminuzione delle rotte di volo, una riduzione della capacità di posti a sedere, e licenziamenti di dipendenti e tagli di posti di lavoro. Nel 2004 United ha lanciato il suo vettore a basso costo Ted Airlines, che ha cessato di operare nel 2009, e nel 2007 ha acquisito una partecipazione in Aloha Airlines. L’anno successivo United si è associata con Continental Airlines per ampliare le sue opzioni di volo e nel 2010 si è fusa con Continental. Le due compagnie aeree hanno tuttavia continuato ad operare separatamente (come controllate della neonata United Continental Holdings) in attesa che l’Amministrazione Federale dell’Aviazione rilasciasse un’unica licenza di esercizio, che è stata concessa alla fine del 2011. Nel marzo 2012 le attività di Continental sono state ribrandizzate sotto il nome di United.

Le azioni del settore del Turismo, come investire sulle vacanze

C'è un settore che più di tutti durante questo periodo complesso ha affrontato momenti duri, si tratta del settore turistico e alberghiero. Causa lockdown, dovuto ovviamente al Corona Virus e agli ammalati di Covid, il settore turistico ha subito un forte stop. Tante aziende sono già andate perdute e alcune lo faranno ancora a causa della seconda ondata, ci sono però delle società con ottime capacità di resilienza, e con ottimi fondamentali, che possono affrontare…

Commenti disabilitati su Le azioni del settore del Turismo, come investire sulle vacanze
Le azioni del settore del Turismo, come investire sulle vacanze
Bagagli per viaggi in attesa di finire la crisi Covid

Investire in Azioni su Trasporti e Logistica

Spostare persone e cose da un luogo all'altro è un grande business, e molte aziende di trasporto diverse puntano ad accaparrarsi una grande fetta di questo enorme mercato. Investendo nelle azioni di queste aziende, si può trarre profitto dal trasporto. In questo momento, l'industria dei trasporti è stata seriamente perturbata dal Corona Virus. Di seguito, esamineremo più da vicino le azioni di trasporto e il modo migliore per investire in esse alla luce della pandemia.…

Commenti disabilitati su Investire in Azioni su Trasporti e Logistica
Investire in Azioni su Trasporti e Logistica
Logistica e Trasporti

Warren Buffett e le compagnie aeree americane

La Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha venduto in perdita l'intero portafoglio di azioni delle compagnie aeree statunitensi, che comprende: American AirlinesDelta Air LinesSouthwest AirlinesUnited Airlines. "Ci abbiamo messo, qualunque cosa fosse, sette o otto miliardi e non abbiamo tirato fuori nulla come sette o otto miliardi" [...] "Abbiamo venduto tutte le posizioni. Quando cambiamo idea non prendiamo mezze misure"Buffett durante la riunione annuale di Berkshire il 2 maggio Berkshire aveva una partecipazione dell'11% in…

Commenti disabilitati su Warren Buffett e le compagnie aeree americane
Warren Buffett e le compagnie aeree americane
Aeroplano sopra i grattacieli della finanza

Pare tu sia arrivato in fondo...

Non ci sono più pagine da caricare