Investire in Azioni su Trasporti e Logistica
Logistica e Trasporti
Investire in Azioni su Trasporti e Logistica
  • Post category:Guide

Spostare persone e cose da un luogo all’altro è un grande business, e molte aziende di trasporto diverse puntano ad accaparrarsi una grande fetta di questo enorme mercato. Investendo nelle azioni di queste aziende, si può trarre profitto dal trasporto.

In questo momento, l’industria dei trasporti è stata seriamente perturbata dal Corona Virus. Di seguito, esamineremo più da vicino le azioni di trasporto e il modo migliore per investire in esse alla luce della pandemia.

Cosa sono le azioni della logistica?

Le azioni del mercato dei trasporti rientrano nel settore industriale, che comprende un’ampia gamma di produttori di attrezzature pesanti e fornitori di servizi chiave per le imprese. Troverete le seguenti attività nel settore dei trasporti:

  • Compagnie aeree, che trasportano passeggeri
  • Compagnie di trasporto aereo, che trasportano merci
  • Le ferrovie, che trasportano passeggeri e merci in treno
  • Aziende di autotrasporti, che trasportano merci su strada
  • Le compagnie di navigazione marittima, che movimentano i prodotti via mare
  • Le aziende di logistica, che escogitano la migliore combinazione di mezzi di trasporto per spostare le cose in modo rapido ed efficiente
  • Fornitori di servizi che aiutano altre aziende con tutte queste modalità di trasporto, come gli operatori aeroportuali, i porti marittimi e le compagnie di pedaggio private

Alcune aziende che muovono le cose non vengono trattate come azioni di trasporto. Per esempio, le compagnie di oleodotti che trasportano petrolio greggio, gas naturale e acqua sono considerate azioni di energia o di servizi pubblici.

Alcune azioni del settore trasporti di alto livello

Tra le azioni legate al business dei trasporti più conosciute ci sono le seguenti:

  • United Parcel Service (NYSE:UPS): colosso nella consegna dei pacchi, UPS ha visto un grande incremento di attività grazie all’ascesa dell’e-commerce. Non solo spedisce ogni anno miliardi di pacchi e documenti via terra, mare e aria, ma UPS gestisce anche una rete di negozi, centri clienti e drop box ad uso dei clienti
  • FedEx (NYSE:FDX): parlando del mercato dei servizi overnight di posta non possiamo non nominare FedEx, la quale, nonostante sia impegnata nella logistica dei pacchi, ha la terza flotta mondiale in quanto a numero di aerei, seconda solo a Delta ed American Airlines.
  • Union Pacific (NYSE:UNP): questa ferrovia ha una vasta rete di binari nei due terzi occidentali degli Stati Uniti, con diverse rotte che vanno dal fiume Mississippi all’Oceano Pacifico. La Union Pacific spedisce tutto, dal carbone e dai prodotti chimici alle colture e alle automobili
  • Deutsche Post DHL (ETR:DPW): lasciamo l’America e veniamo nel vecchio continente, dove il mercato è molto frammentato. C’è però un’azienda che lentamente si sta imponendo come la UPS europea e si tratta di DHL, ramo di Deutsche Post.
  • Poste Italiane (BIT:PST): se parliamo di business del trasporto non possiamo dimenticare la nostra Posta. Benché negli ultimi anni il proprio core business si sta sempre più spostando verso i servizi bancari e finanziari, comunque le Poste sono ancora oggi la rete più distribuita in Italia.
  • Gruppo FNM (BIT:FNM): rimanendo sempre in Italia abbiamo il secondo vettore ferroviario alle spalle di Ferrovie dello Stato. Ferrovie Nord Milano è posseduta per metà dalla Regione Lombardia ed è un’azienda fondamentale per gli spostamenti di persone nell’area economicamente più sviluppata del Paese.
  • J.B. Hunt Transport Services (NASDAQ:JBHT): torniamo dall’altra parte dell’oceano e con una vasta rete di autotrasporti, J.B. Hunt serve gli Stati Uniti, il Canada e il Messico. J.B. Hunt si avvale anche di partner per offrire trasporti diversi dall’autotrasporto
  • Kirby (NYSE:KEX): è il principale operatore di tank-barge negli Stati Uniti, che utilizza l’intero spartiacque del fiume Mississippi come canale per il trasporto di merci attraverso il cuore del paese. Kirby serve anche le coste occidentali, orientali e del Golfo insieme all’Alaska e alle Hawaii per la consegna di liquidi alla rinfusa ai clienti
  • Maersk (CPH:MAERSK-A): anziché saltare da un lato all’altro dell’oceano, questa volta rimaniamo in mare aperto con un’azienda che ha il proprio core business nel segmento dei trasporti marittimi. Si tratta di una holding danese, conosciuta dal grande pubblico grazie soprattutto ai container con il logo enorme stampato sopra
  • Lufthansa Group (ETR:LHA): prendiamo come esempio quella con la flotta più grande in Europa, ma potremmo anche mettere nella lista la anglo-iberica IAG, piuttosto che la low cost Ryanair o la franco-olandese Air France-KLM. Volando (è il caso di dirlo) dall’altra parte dell’oceano non possiamo non nominare American Airlines, Delta Air Lines e United Airlines

Come valutare le migliori scorte di trasporto

Vedrete alcuni aspetti comuni se investirete in azioni di trasporto. Per valutare come si comporteranno queste aziende, tenete presente quanto segue.

Costi del carburante

Le aziende di trasporto usano molta energia per portare le cose dove devono andare. Sono quindi sensibili ai prezzi del petrolio greggio e ai costi del carburante. Sia che utilizzino jet fuel per aerei, diesel per camion e treni, o una combinazione di elettricità e gas naturale per far funzionare attrezzature aggiornate, le migliori aziende di trasporto cercano di essere il più possibile efficienti dal punto di vista dei consumi.

Debito

È costoso per le aziende di trasporto acquistare l’attrezzatura di cui hanno bisogno. Finanziare gli acquisti attraverso il debito a lungo termine può essere intelligente, ma le migliori aziende evitano che i loro livelli di debito diventino insostenibili.

Forza economica

Quando l’economia è forte, le aziende di trasporto tendono a fare bene, perché molte persone e imprese vogliono spedire oggetti. Ma la domanda di spedizione può diminuire drasticamente durante i periodi di crisi economica. Gli investitori devono abituarsi agli alti e bassi dell’industria dei trasporti in risposta alle mutevoli condizioni dell’economia globale.

Concorrenza

È comune che diverse aziende si battano per lo stesso gruppo di clienti. Per esempio, anche solo negli Stati Uniti, si trovano vettori come American Airlines Group (NASDAQ:AAL), Southwest Airlines (NYSE:LUV), Delta Air Lines (NYSE: DAL) e JetBlue (NASDAQ:JBLU) che combattono l’uno contro l’altro e i loro pari. Come per altre azioni di trasporto, il confronto di metriche chiave come la capacità e la redditività può essere utile per valutare se uno stock è migliore di un altro.

COVID-19

La pandemia di coronavirus ha sconvolto il settore dei trasporti sia a livello nazionale che globale. L’aviazione, ad esempio, è stata colpita duramente come requisiti normativi (compresi i mandati governativi per servire alcune città e volare su rotte specifiche) in conflitto con le restrizioni di viaggio e la mancanza di domanda. Tutte le principali compagnie aeree statunitensi hanno sospeso i loro dividendi in risposta all’emergenza.

Nel frattempo, gli ordini di soggiorno a domicilio e le chiusure di attività hanno incrementato la domanda di servizi di spedizione per l’e-commerce, ma hanno danneggiato le spedizioni business-to-business. Questa è stata una benedizione mista per gli spedizionieri come UPS, che continuano a costruire le loro reti di e-commerce.

D’altro canto ci sono aziende di trasporto, come quelle legate alle crociere (Carnival, Norwegian Cruise e Royal Caribbean), che hanno bloccato le loro navi in porto e non hanno idea di quando potranno tornare a lavorare a pieno regime.

Poiché gli effetti di COVID-19 si ripercuotono sull’economia globale, gli investitori del settore dei trasporti dovrebbero essere pronti a fare i conti con i colpi.

Le azioni della logistica fanno per voi?

I titoli legati al mondo della logistica possono dare un prezioso contributo al vostro portafoglio azionario. Con un’esposizione diretta allo stato dell’economia, i titoli di trasporto hanno la reputazione di segnalare se ci si trova di fronte a tempi buoni o cattivi. Questo però vuol dire spesso anticipare i restanti mercati, quindi un investitore deve essere conscio del fatto che potrebbe avere perdine o guadagni senza preavvisi.