La FED come affronta una recessione?
Federal Reserve
La FED come affronta una recessione?

La banca centrale statunitense, la Federal Reserve, ha un duplice mandato:

  1. lavorare per raggiungere un basso tasso di disoccupazione
  2. mantenere prezzi stabili in tutta l’economia

Durante la recessione, la disoccupazione aumenta, e i prezzi a volte scendono in un processo noto come deflazione. La Fed, in caso di brusche recessioni economiche, può adottare misure drastiche per sopprimere la disoccupazione e sostenere i prezzi sia per adempiere al suo tradizionale mandato, sia per fornire un sostegno d’emergenza al sistema finanziario e all’economia degli Stati Uniti.

All’inizio di una recessione, alcune imprese cominciano a fallire tipicamente a causa di una combinazione di shock economici reali o di strozzature economiche che derivano dall’incompatibilità delle attività di produzione e di consumo con condizioni precedentemente distorte dei tassi di interesse e delle condizioni di credito. Queste imprese licenziano i lavoratori, vendono beni, e talvolta falliscono. Tutto ciò esercita una pressione al ribasso sui prezzi e sull’offerta di credito alle imprese in generale, che può innescare un processo di deflazione del debito.

La deflazione, sotto forma di caduta dei prezzi, non è, in generale, un processo dannoso per l’economia o un problema per la maggior parte delle imprese e dei consumatori. È tuttavia ampiamente temuta dalle banche centrali e dal settore finanziario in generale, soprattutto quando comporta una deflazione del debito, perché aumenta il valore reale dei debiti e quindi il rischio per i debitori. Le banche e le istituzioni collegate sono tipicamente tra i maggiori debitori di qualsiasi economia moderna. Al fine di proteggere le banche che la compongono dall’inadempienza dei loro debiti eccessivamente elevati, la Federal Reserve non esita ad agire in nome della stabilità.

La Federal Reserve dispone di una serie di strumenti per tentare di ri-gonfiare l’economia durante una recessione nel perseguimento di questi obiettivi. Questi strumenti rientrano in gran parte in quattro categorie, che descriviamo in dettaglio qui di seguito.

Operazioni di mercato

La Fed può abbassare i tassi d’interesse acquistando titoli di debito sul mercato aperto in cambio di credito bancario di nuova creazione. Le banche da cui la Fed acquista sono in grado di prestarsi reciprocamente denaro a un tasso inferiore di fondi Fed, che è il tasso che le banche usano reciprocamente durante la notte (quindi al trascorrere delle giornate). La Fed spera che un calo dei tassi d’interesse si diffonda in tutto il sistema finanziario, riducendo i tassi applicati alle imprese e ai privati.

Quando questo funziona, i tassi più bassi rendono più economico per le aziende contrarre prestiti, permettendo loro di continuare ad indebitarsi di più piuttosto che essere inadempienti o costretti a licenziare il personale. Questo aiuta a mantenere i dipendenti nei loro attuali posti di lavoro e a reprimere l’aumento della disoccupazione quando si verifica una recessione. I tassi d’interesse più bassi consentono inoltre ai consumatori di fare più acquisti a credito, mantenendo alti i prezzi al consumo e, allo stesso modo, si estendono ulteriormente nell’indebitamento piuttosto che vivere nei limiti delle proprie possibilità.

Ci sono momenti in cui i tassi d’interesse non scenderanno più in basso perché le banche si limitano a mantenere il credito di riserva appena iniettato per il loro uso proprio come riserva liquida a fronte dei loro obblighi di debito. In questi casi la Federal Reserve può scegliere di continuare semplicemente le operazioni di mercato, acquistando obbligazioni e altri attivi per inondare il sistema bancario di nuovo credito. Questo è noto come Quantitative Easing (QE), l’acquisto diretto di attività da parte della Federal Reserve (lo usa anche la Banca Centrale Europea dal 2012, su volontà di Mario Draghi) per iniettare più denaro nell’economia ed espandere la massa monetaria.

La Fed ha utilizzato il Quantitative Easing in diverse occasioni dal 2008, tra cui nel marzo del 2020, quando la banca centrale ha lanciato un piano iniziale di QE da 700 miliardi di dollari, volto a sostenere i debiti del sistema finanziario oltre alla maggior parte dei quasi 4 mila miliardi di dollari di Quantitative Easing che ha creato durante la Grande Recessione e che deve ancora liquidare. Non è chiaro dove sia il limite massimo della capacità della Fed di continuare ad inondare il sistema di protezione delle banche con miliardi di nuovi dollari.

Abbassare i requisiti patrimoniali

La Fed può anche regolamentare le banche per garantire che non siano tenute a detenere capitale a fronte di un potenziale rimborso del debito. Storicamente la Fed era incaricata di regolamentare le banche per assicurarsi che mantenessero riserve liquide adeguate per soddisfare le richieste di rimborso e rimanere solvibili. Durante le recessioni, la Fed potrebbe anche ridurre i requisiti per consentire alle banche una maggiore flessibilità nel gestire le proprie riserve, con il rischio che ciò possa aumentare la vulnerabilità finanziaria delle banche.

Tuttavia, dopo la crisi finanziaria del 2007-08, la campagna di allentamento quantitativo della Fed ha fatto sì che le banche mantenessero massicci saldi di riserve in corso in eccesso rispetto al coefficiente di riserva richiesto. Anche per questo motivo, a partire da marzo 2020, la Fed ha eliminato tutti i requisiti di riserva per le banche. Ciò non lascia alla Fed più spazio per utilizzare questo strumento per allentare le condizioni di credito per l’imminente recessione.

Sconto sui prestiti

La Fed può prestare direttamente fondi alle banche che ne hanno bisogno attraverso la cosiddetta discount window.

Storicamente, questo tipo di prestito è stato effettuato come prestito di salvataggio d’emergenza di ultima istanza per le banche e può, con un pesante tasso d’interesse, proteggere gli interessi dei contribuenti data la natura rischiosa dei prestiti stessi.

Tuttavia, negli ultimi decenni la pratica del prestito a sconto da parte della Fed si è spostata verso la realizzazione di questi prestiti rischiosi a tassi di interesse molto più bassi per favorire il più possibile gli interessi del settore finanziario. Ha inoltre lanciato una serie di nuove agevolazioni creditizie simili ai prestiti a sconto, mirate a sostenere specifici settori dell’economia o i prezzi di specifiche classi di attività.

A partire da marzo 2020, la Fed ha abbassato il tasso di sconto a un minimo record dello 0,25% per dare condizioni straordinariamente favorevoli ai mutuatari più rischiosi. Potrebbe non essere più possibile abbassare ulteriormente questo tasso in quanto l’economia scivola più in profondità nel malessere economico.

Gestione delle aspettative

La gestione delle aspettative è anche nota come guida per il futuro. Si tratta della mossa migliore che qualsiasi banca centrale ha a disposizione. Nel 2012, per esempio, a Mario Draghi bastò pronunciare le paroline “whatever it takes” (in una frase più articolata che era: “Nei limiti del nostro mandato, la Bce è pronta a fare qualsiasi cosa – whatever it takes – per salvare l’euro. E credetemi, sarà abbastanza”; whatever it takes significa “costi quel che costi”) per far abbassare gli spread dell’area euro e per salvare probabilmente la moneta unica, che in quel momento era fortemente in pericolo.

Gran parte della ricerca e della teoria economica sui mercati finanziari e sui prezzi degli attivi riconosce il ruolo che le aspettative del mercato svolgono nel settore finanziario e più in generale nell’economia, e questo non va perso per la Fed. Dubitare che la Fed agisca per salvare le banche e mantenere i prezzi degli asset gonfiati può portare al pessimismo degli investitori, delle banche e delle imprese, oltre ai problemi reali dell’economia.

In conclusione

Durante le recessioni, la Fed cerca generalmente di rassicurare in modo credibile gli operatori del mercato attraverso le sue azioni e gli annunci pubblici che eviterà o attutirà le perdite troppo pesanti subite dalle banche e dal sistema finanziario, utilizzando gli strumenti sopra descritti.

Tuttavia, con il tasso dei fondi Fed, il tasso di sconto e l’indice di riserva richiesto già a marzo 2020 o prossimo allo zero, questa credibilità sembra dipendere in modo critico dalla capacità della Fed di impegnarsi in un allentamento quantitativo illimitato per il prossimo futuro, salvo l’introduzione di una nuova e ancor più non standard politica monetaria.