Recessione e deflazione sono sempre il male?
Recessione e Deflazione
Recessione e deflazione sono sempre il male?
  • Post Category:Guide

Per tutta la paura, il dolore e l’incertezza che portano, le recessioni e le deflazioni sono una parte normale del ciclo economico. Di seguito spiegheremo cosa sono, cosa le provoca, come fanno male e come aiutano.

Cos’è la recessione?

Cominciamo con le recessioni. In generale, una recessione è definita come due o più trimestri consecutivi di crescita economica negativa, che si misura più comunemente con il prodotto interno lordo (PIL) reale. I criteri del National Bureau of Economic Research (NBER) sono più sfumati e comprendono i livelli di occupazione, i redditi reali, le vendite al dettaglio e la produzione industriale. Le recessioni sono spesso caratterizzate da calamità nel settore bancario, commerciale e manifatturiero, oltre che da prezzi in calo, credito estremamente ridotto, bassi investimenti, fallimenti in aumento ed elevata disoccupazione.

Numerosi fattori possono contribuire a rallentare l’attività economica, tra cui i problemi con il settore finanziario o gli shock economici come le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute alle politiche di quarantena estreme, come si è visto nel 2020 a causa del Covid-19. Tuttavia, il termine recessione si applica specificamente alla fase discendente in un ciclo di ripetuti alti e bassi dell’attività economica. Numerose teorie sono state proposte dagli economisti nel corso degli anni per spiegare perché l’economia vive questi modelli di espansione e contrazione irregolari, ma in qualche modo ondulatori.

Secondo la NBER, dal 1857 gli Stati Uniti hanno vissuto 33 recessioni, che variano in lunghezza da sei mesi (gennaio-luglio 1980) a 65 (ottobre 1873-marzo 1879). La contrazione media dura 17,5 mesi, ma dal 1945 le durate si sono notevolmente ridotte, con una media di 11,1 mesi.

Cos’è la deflazione?

Le deflazioni sono semplicemente più gravi delle normali recessioni e i loro effetti si fanno sentire per anni. Per questo motivo, superare una deflazione può essere una sfida sia per i consumatori che per le imprese.

Negli Stati Uniti, l’esempio più noto è la Grande Depressione degli anni Trenta. Questo termine si riferisce in realtà a due recessioni ufficialmente datate, con un periodo di leggera crescita nel mezzo, durante il quale l’economia non ha recuperato il picco pre-crisi prima di tuffarsi di nuovo nella recessione. La prima si è verificata dall’agosto 1929 al marzo 1933, durante la quale il PIL è diminuito del 33%. Il secondo si è verificato dal maggio 1937 al giugno 1938, durante il quale il PIL è diminuito del 18%.

Aspetti negativi della recessione

Le recessioni e le deflazioni hanno effetti sia negativi che positivi, e comprenderle è uno dei modi migliori per sopravvivere a una crisi. Prima gli effetti negativi:

Aumento della disoccupazione

L’aumento della disoccupazione è un classico segno sia di recessione che di deflazione. Quando le imprese falliscono, tagliano i salari per far fronte al calo dei guadagni. La disoccupazione è molto più grave in una deflazione che in una recessione. In generale, il tasso di disoccupazione raggiunge un picco del 6-11% durante una recessione. Al contrario, il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 25% nel 1933, alla fine del primo periodo della Grande Depressione. Gli studi hanno dimostrato che i disoccupati involontari tendono a soffrire livelli di ansia, stress e depressione più elevati rispetto agli occupati, così come i ricoveri ospedalieri più frequenti e le morti premature.

Distruzione del capitale

Non solo i lavoratori rimangono disoccupati durante le recessioni, ma grandi quantità di beni strumentali reali (fabbriche, edifici, strumenti e attrezzature) rimangono inattivi mentre gli investimenti e le attività commerciali che venivano utilizzati falliscono. Gran parte di questo capitale investito può essere recuperato e riorganizzato in nuove attività produttive sotto nuovi proprietari alla fine, ma alcuni andranno persi completamente a causa del deterioramento fisico o dell’obsolescenza prima che ciò possa accadere, e altri sono già legati a forme fisiche o a luoghi che rendono poco redditizio il recupero e saranno semplicemente abbandonati ad arrugginire (spesso letteralmente). Questa distruzione del capitale segna una perdita permanente di alcune delle scarse risorse della società.

Caduta del tenore di vita

La disoccupazione del lavoro e del capitale porta ad un calo della produzione economica e il reddito reale pro capite spesso diminuisce durante la recessione. Il declino dei beni e dei servizi reali prodotti significa di conseguenza meno da consumare. Di conseguenza, molte persone non sono in grado di mantenere il loro tenore di vita. I tassi di natalità diminuiscono e i tassi di divorzio aumentano man mano che le famiglie sentono la pressione. Nel peggiore dei casi, la malnutrizione e la mancanza di una casa aumentano.

Causano paura e depressioni

Le recessioni e le deflazioni creano una grande quantità di paura. Molti perdono il lavoro o l’attività, ma anche coloro che li mantengono si trovano spesso in una posizione precaria e sono preoccupati per il futuro. La paura, a sua volta, fa sì che i consumatori riducano le spese e le imprese riducano gli investimenti, rallentando ulteriormente l’economia.

Trascinamento delle attività

Alcuni investitori vedranno diminuire il valore on-paper dei loro beni durante la recessione. Le recessioni si verificano normalmente dopo anni di bolle dei prezzi delle attività alimentate dal debito. I prezzi delle attività affondano per le azioni, gli strumenti finanziari e gli immobili, poiché il credito facilmente disponibile che ha alimentato il precedente boom dei prezzi si prosciuga. I detentori di questi beni possono vedere il valore contabile del loro portafoglio crollare rapidamente.

Aspetti positivi di una recessione

Nonostante il dolore che portano, le recessioni possono anche avere alcuni effetti benefici:

Riassegnazione delle risorse

Quando una recessione comporta il fallimento di imprese e la liquidazione di investimenti la cui esistenza si basa su segnali di prezzi o tassi di interesse distorti, allora la rivelazione di questi investimenti erronei e la riallocazione delle risorse ad essi destinate verso usi più produttivi sotto nuova proprietà è un beneficio a lungo termine per l’economia, che compensa parte del dolore della disoccupazione temporanea dei lavoratori e del capitale che può verificarsi. In questo senso, la recessione stessa fa parte del processo di guarigione dell’economia, come la lancetta di una ferita infetta e il drenaggio del pus. In pratica è l’economia stessa a tagliare i propri rami secchi, allocando risorse a chi ha maggior prospettive.

Tuttavia, non è raro che questo processo sia ritardato o soppresso dalle politiche governative, come i tentativi di stimolo economico, che sostengono le imprese e le industrie in fallimento.

Disciplinare gli investitori

Le recessioni tendono a punire gli investitori marginali e le imprese che dipendono fortemente dal debito e dalla leva finanziaria per assumere strategie di investimento rischiose e speculative o investimenti commerciali. La correzione e la liquidazione di investimenti eccessivamente rischiosi o ottimistici, in modo che le risorse ad essi associate possano essere utilizzate in modo più prudente, è una caratteristica delle recessioni, non un bug, che infonde disciplina ai partecipanti al mercato nel lungo termine. Allo stesso modo può indurre gli operatori marginali e i proprietari di imprese ad uscire dai mercati mobiliari o dal mondo degli affari e a tornare a un’occupazione salariale regolare, dove il loro lavoro può essere impiegato in modo più adeguato. Tuttavia, questo processo può anche essere (e spesso è) cortocircuitato dalla politica del governo o della banca centrale per abbassare i tassi di interesse, aumentare il flusso di credito facile, o salvare investitori, imprese e istituzioni finanziarie in fallimento.

Opportunità di acquisto

Il rovescio della medaglia delle liquidazioni di massa che possono verificarsi durante una recessione è la riallocazione dei beni e delle risorse reali. Tempi economici difficili possono creare enormi opportunità di acquisto. Le azioni sono a buon mercato per chi entra nel mercato. L’accessibilità delle case aumenta e i nuovi acquirenti possono entrare negli immobili a prezzi stracciati. Gli imprenditori possono trovare la terra, la manodopera e il capitale di cui hanno bisogno per avviare un nuovo business. Man mano che la recessione lascia il posto alla ripresa, i mercati azionari raggiungono spesso picchi più alti rispetto a prima della recessione o della deflazione. Le contrazioni rappresentano quindi un’opportunità di guadagno per gli investitori che hanno il tempo di aspettare la ripresa. Tuttavia, come i già citati benefici della recessione, questo può essere ritardato o impedito se e quando i governi o le banche centrali intervengono per evitare che i prezzi degli attivi scendano e gonfino nuovamente i mercati.

Aumento del risparmio

Le difficoltà economiche possono creare un cambiamento nella mentalità dei consumatori. Così come la recessione può disciplinare gli investitori, così può indurre una maggiore prudenza tra i consumatori. Man mano che il credito si prosciuga e i redditi diventano stretti, i consumatori sono costretti a vivere entro il reddito che hanno, e smettono di cercare di vivere al di sopra delle loro possibilità. Questo generalmente fa aumentare il tasso di risparmio nazionale e permette agli investimenti nell’economia basata su persone che ritardano il bisogno di gratificazione immediata di aumentare ancora una volta. Ancora una volta, però, questo beneficio della recessione può essere sabotato dalle politiche governative per sopprimere i tassi di interesse e incoraggiare un consumo eccessivo durante le recessioni.

La Recessione in conclusione

Sopravvivere alle recessioni e alle deflazioni non richiede di capire tutto ciò che le provoca e quali effetti hanno sull’economia generale. L’ideale sarebbe non avere recessioni. Tuttavia, dato che le abbiamo, i costi e i benefici delle recessioni sono strettamente intrecciati l’uno con l’altro in un doloroso, ma forse necessario processo di aggiustamento, guarigione e recupero. È importante conoscere non solo i costi ma anche i benefici delle recessioni. Questi non necessariamente superano i costi e la distruzione che la recessione comporta per ogni individuo o impresa, ma potrebbero produrre maggiori effetti positivi a lungo termine per gli altri e per l’economia in generale.