Cosa succede ai tassi di interesse durante una recessione?
Tasso di interesse
Cosa succede ai tassi di interesse durante una recessione?
  • Post Category:Guide

I tassi di interesse svolgono un ruolo fondamentale nell’economia e nel processo del ciclo economico di espansione e recessione.

I tassi di interesse di mercato sono il risultato dell’interazione tra domanda e offerta di credito. Essi rappresentano sia il prezzo della liquidità per le imprese sia le preferenze dei consumatori e dei risparmiatori per i consumi presenti e futuri, e costituiscono quindi un collegamento fondamentale tra la finanza su carta e gli interessi economici reali delle famiglie e degli individui. In quanto tali, sono anche un’area di primaria importanza per i responsabili delle politiche economiche e per le banche centrali, sia in generale che in particolare durante i periodi di crisi economica.

Ciò che accade ai tassi di interesse durante le recessioni è quindi il prodotto dell’interazione tra tutte queste forze, gruppi e istituzioni. Come ciò avvenga in una determinata recessione dipende dagli obiettivi, dalle scelte e dalle azioni di questi attori. In tempi moderni, sotto l’egida della banca centrale e della moneta, i tassi d’interesse scendono tipicamente durante le recessioni a causa di una politica monetaria fortemente espansiva.

Domanda e offerta

I tassi d’interesse di mercato sono determinati dalla domanda e dall’offerta di fondi finanziabili. Le imprese chiedono credito per finanziare i nuovi investimenti e le operazioni in corso. I consumatori chiedono credito anche per nuovi acquisti e per finanziare le loro spese a fronte delle loro entrate su base rotativa. Questi fondi possono essere forniti con i risparmi delle famiglie o con nuovi crediti creati dalle banche. Il mercato dei fondi finanziabili si comporta in molti modi in modo simile a qualsiasi altro mercato in cui le variazioni della domanda e dell’offerta modificano il prezzo (in questo caso il tasso d’interesse).

All’inizio di una recessione c’è un aumento della domanda di liquidità, di solito in modo generalizzato. Le imprese si affidano al credito per coprire le loro operazioni a fronte di un calo delle vendite, i consumatori ricorrono alle carte di credito o ad altre fonti di credito per compensare la perdita di reddito. Allo stesso tempo, tuttavia, vi è una diminuzione dell’offerta, poiché le banche riducono i prestiti per aumentare le riserve per coprire le perdite sui prestiti in sofferenza e le famiglie attingono ai risparmi per coprire le spese di vita quando il loro lavoro e le altre fonti di reddito si prosciugano. Come per ogni bene in un mercato, quando la domanda aumenta e l’offerta diminuisce, i prezzi aumentano fortemente, e quindi la normale aspettativa è che i tassi di interesse aumentino all’inizio della recessione.

Ruolo della Banca Centrale

Una banca centrale, come la Federal Reserve negli Stati Uniti o la BCE in Europa, ha la capacità di influenzare i tassi di interesse acquistando e vendendo strumenti di debito e aumentando o diminuendo l’offerta di credito nell’economia. Durante una recessione, le banche centrali di solito cercano di spingere i tassi al ribasso per salvare i mutuatari, soprattutto le banche, e stimolare l’economia aumentando l’offerta di credito disponibile.

La Fed e la BCE acquistano obbligazioni, di solito (ma non sempre) buoni del Tesoro o obbligazioni di alta qualità e basso rischio, possono persino arrivare ad acquistare obbligazioni di private società.

Così facendo iniettano una quantità equivalente di nuove riserve nel sistema bancario, che fornisce alle banche nuova liquidità e abbassa direttamente i tassi di riferimento o il tasso al quale le banche si prestano reciprocamente denaro per soddisfare le esigenze immediate di liquidità. Questo a sua volta porta ad un afflusso di nuovi prestiti, che abbassa i tassi d’interesse e fornisce alle imprese e ai privati i prestiti di cui hanno bisogno per finanziare gli acquisti e continuare la normale attività (o almeno questa è la speranza).

Il risultato finale è che l’espansione dell’offerta di credito da parte della banca centrale contrasta le forze di mercato della domanda e dell’offerta, e i tassi di interesse per le imprese e i consumatori diminuiscono durante la recessione. Tuttavia, sebbene il credito di nuova creazione estenda un’ancora di salvezza alle imprese dipendenti dal debito e ai mutuatari, ha anche altri effetti.

In primo luogo, i tassi di interesse più bassi del mercato scoraggiano il risparmio e danneggiano i risparmiatori che ora ricevono un rendimento inferiore in cambio della rinuncia al proprio consumo per il presente. In secondo luogo, poiché ciò significa che si verifica un minor risparmio, le risorse di rivendita che il risparmio libera per l’investimento in condizioni normali non si concretizzano.

Il nuovo credito della banca centrale incoraggia sia le imprese a utilizzare più risorse nei loro progetti di investimento, sia i consumatori a consumare contemporaneamente più risorse. A lungo termine, questo può causare ulteriori problemi nell’economia, come l’inflazione. Potrebbe persino gettare i semi per una futura recessione.