Come investire durante una recessione?
Recessione e ripresa
Come investire durante una recessione?
  • Post Category:Guide

Durante una recessione, gli investitori devono agire con cautela, ma rimanere vigili nel monitorare il panorama del mercato alla ricerca di opportunità per raccogliere asset di alta qualità a prezzi scontati. Si tratta di ambienti difficili, ma che coincidono anche con le migliori opportunità.

In un contesto di recessione, gli asset con le peggiori performance sono strumenti ad alto indebitamento, ciclici e speculativi. Le aziende che rientrano in una di queste categorie possono essere rischiose per gli investitori a causa del potenziale di fallimento.

Al contrario, gli investitori che vogliono sopravvivere e prosperare durante una recessione investiranno in aziende di alta qualità che hanno bilanci solidi, un basso debito, un buon flusso di cassa, e che sono in settori che storicamente vanno bene durante i periodi di crisi economica.

Tipi di azioni con il maggior rischio

Sapere in quali attività evitare di investire può essere tanto importante per un investitore durante una recessione quanto sapere quali aziende fanno buoni investimenti.

Aziende ad alto indebitamento

Durante una recessione, per la maggior parte degli investitori sarebbe saggio evitare le società ad alta leva finanziaria che hanno un enorme carico di debito nel loro bilancio. Queste aziende soffrono spesso del peso di pagamenti di interessi superiori alla media che portano a un rapporto debito/capitale proprio insostenibile.

Mentre queste aziende stanno lottando per il pagamento del debito, si trovano anche a fronteggiare una diminuzione delle entrate causata dalla recessione. La probabilità di fallimento (o quanto meno di un calo precipitoso del valore per gli azionisti) è più alta per queste aziende rispetto a quelle con un minore carico di debito.

Settori ciclici

I titoli ciclici sono spesso legati all’occupazione e alla fiducia dei consumatori, che si trovano in una fase di recessione. Le azioni cicliche tendono ad andare bene durante i periodi di boom, quando i consumatori hanno un reddito più discrezionale da spendere in articoli non essenziali o di lusso. Ne sono un esempio le aziende che producono automobili, mobili o abbigliamento di fascia alta.

Quando l’economia vacilla, tuttavia, i consumatori in genere tagliano la spesa per queste spese discrezionali. Riducono la spesa per cose come viaggi, ristoranti e servizi per il tempo libero. Per questo motivo, i titoli ciclici di questi settori tendono a soffrire, rendendoli meno attraenti per gli investitori durante la recessione.

Azioni speculative

I titoli speculativi sono altamente valutati in base all’ottimismo degli azionisti. Questo ottimismo viene testato durante le recessioni e questi asset sono tipicamente i peggiori performer in una recessione.

I titoli speculativi non hanno ancora dimostrato il loro valore e sono spesso visti come opportunità “sotto il radar” dagli investitori che cercano di entrare al primo step della prossima grande opportunità di investimento.

Questi titoli ad alto rischio spesso cadono più velocemente durante una recessione, in quanto gli investitori tirano fuori i loro soldi dal mercato e si affrettano verso investimenti sicuri che limitano la loro esposizione durante le turbolenze del mercato.

Azioni che fanno bene durante le recessioni

Anche se potrebbe essere allettante cavalcare una recessione senza esposizione ai titoli, gli investitori potrebbero trovarsi a perdere opportunità significative se lo fanno. Storicamente, ci sono aziende che si comportano bene durante le recessioni economiche. Gli investitori potrebbero prendere in considerazione lo sviluppo di una strategia basata su azioni anticicliche con bilanci solidi nei settori resistenti alla recessione.

Bilanci forti

Una buona strategia d’investimento durante una recessione è quella di cercare aziende che mantengano bilanci solidi o modelli di business stabili nonostante i venti contrari all’economia. Alcuni esempi di questo tipo di aziende sono i servizi pubblici, i conglomerati di beni di consumo di base e le azioni di difesa. In previsione di un indebolimento delle condizioni economiche, gli investitori spesso aggiungono l’esposizione a questi gruppi nei loro portafogli.

Studiando i rapporti finanziari di una società, è possibile determinare se questa ha un debito basso, un flusso di cassa sano e genera un profitto. Sono tutti fattori da considerare prima di effettuare un investimento.

Industrie resistenti alla recessione

Anche se può sembrare sorprendente, alcuni settori industriali hanno ottenuto buoni risultati durante le recessioni. Gli investitori che cercano una strategia d’investimento durante le recessioni di mercato spesso aggiungono al loro portafoglio azioni di alcuni di questi settori resistenti alla recessione.

I titoli anticiclici come questi tendono ad andare bene durante le recessioni perché la loro domanda tende ad aumentare quando i redditi diminuiscono o quando prevale l’incertezza economica. Il prezzo dei titoli anticiclici si muove generalmente nella direzione opposta rispetto alla tendenza economica prevalente. Durante una recessione, questi titoli aumentano di valore. Durante un’espansione, diminuiscono.

Tra queste ultime figurano generalmente le aziende dei seguenti settori: beni di prima necessità, negozi di alimentari, discount, produttori di armi da fuoco e munizioni, produttori di alcolici, cosmetici e servizi funebri.

Investire durante il recupero

Una volta che l’economia sta passando dalla recessione alla ripresa, gli investitori dovrebbero adeguare le loro strategie. Questo contesto è caratterizzato da bassi tassi d’interesse e da una crescita in aumento.

I migliori risultati sono quelli delle aziende ad alta leva finanziaria, cicliche e speculative che sono sopravvissute alla recessione. Man mano che le condizioni economiche si normalizzano, sono le prime a rimbalzare e a beneficiare di un entusiasmo e di un ottimismo crescenti man mano che la ripresa prende piede.

Le azioni anticicliche tendono a non andare bene in questo contesto. Al contrario, incontrano una pressione di vendita quando gli investitori si spostano verso asset più orientati alla crescita.