Come ci si prepara per una recessione?
Attraversare una recessione
Come ci si prepara per una recessione?
  • Post category:Guide

Le recessioni sono una realtà economica difficile da prevedere con precisione: di solito iniziano prima che qualcuno sappia che stanno per arrivare e finiscono prima che gli economisti abbiano abbastanza dati per sapere che sono finite (sono piuttosto brevi). Dalla fine della Grande Depressione, ci sono state 13 recessioni negli Stati Uniti, e 9 di queste sono durate meno di un anno.

Ma gli impatti individuali di una recessione possono essere molto più grandi e duraturi, causando danni finanziari permanenti a coloro che non sono pronti a superare le implicazioni a breve termine e a rimettersi rapidamente in piedi. Milioni di americani non si sono ancora ripresi dalla Grande Recessione (2008-2009). Molti non lo faranno mai.

Prendere provvedimenti per proteggere voi stessi e la vostra famiglia, dalle potenziali conseguenze di una recessione, non è solo importante ma anche necessario. Diamo un’occhiata più da vicino a cos’è una recessione, come si misura e cosa si può fare (a partire da oggi) per essere sicuri di essere il più preparati possibile alla prossima recessione.

Quali sono le implicazioni reali di una recessione?

Guardando oltre la secca definizione da manuale, le recessioni significano un vero e proprio danno economico. Inoltre, la fine di una recessione è segnata da un ritorno alla crescita economica, non dal pieno recupero dell’economia ai livelli di pre-recessione. In altre parole, le persone colpite da una recessione spesso continuano a lottare anche dopo che gli economisti hanno detto che la recessione è finita.

Ad esempio, gli Stati Uniti hanno subito una recessione relativamente lieve nel 1990 e nel 1991 che è durata solo otto mesi e ha visto il PIL diminuire solo dell’1,4%. Ma mentre l’economia è tornata a crescere, la disoccupazione ha continuato a crescere per ben 16 mesi dopo la fine tecnica della recessione, raggiungendo un picco del 7,8%. Abbiamo visto un andamento simile nella recessione dei primi anni 2000, quando il tasso di disoccupazione ha raggiunto il suo apice più di un anno e mezzo dopo la fine della recessione.

Le perdite di posti di lavoro della Grande Recessione sono un potente esempio di quanto a lungo possano durare le lotte individuali dopo una recessione. Su base tecnica, l’economia è tornata a crescere nella seconda metà del 2009, e il tasso di disoccupazione ha raggiunto il suo picco quattro mesi dopo. Si tratta di un periodo relativamente “rapido”, in cui la disoccupazione raggiunge il suo picco e torna a creare posti di lavoro. Certo, è stato un bene che i posti di lavoro siano stati creati di nuovo, ma il tasso di disoccupazione ha raggiunto un picco del 10%, il doppio rispetto all’inizio della recessione.

Inoltre, la disoccupazione sarebbe rimasta al 9% o superiore per altri due anni e non è tornata al tasso di pre-recessione del 5% o prima del settembre 2015. Sono sei anni di alta disoccupazione. In altre parole, anche se la recessione era tecnicamente finita, una lenta ripresa dei posti di lavoro ha fatto sì che milioni di americani continuassero a lottare.

Le implicazioni di un’elevata disoccupazione prolungata sono molte. I tassi mediani di reddito delle famiglie mostrano l’impatto della debole e lenta ripresa: il reddito medio delle famiglie statunitensi è sceso di quasi il 10% all’indomani della Grande Recessione, un risultato diretto del fatto che il tasso di disoccupazione è quasi il doppio della media storica per un periodo di tempo prolungato. Inoltre, un’ampia parte della popolazione identificata come “sottoccupata”, avendo accettato un lavoro con uno stipendio molto più basso o con meno ore di lavoro rispetto a prima della recessione.

Un caso reale che può succedere in Italia

Come può apparire tutto questo su base individuale? Prendiamo per esempio un italiano medio, tra i 45 e i 54 anni, sposato con figli e con ancora qualche anno di mutuo da pagare. Oggi, ha circa 50.000 euro risparmiati in un fondo pensione e circa 20.000 euro su un conto bancario. Se sei più giovane o single, le probabilità di avere molto meno è pura realtà.

Mettiamo per esempio che lavorate da oltre 10 anni per la stessa azienda e il TFR è di circa 30 mila euro (così arriviamo a 100 mila tondi), sempre se l’azienda non fallisce, altrimenti i 30 mila rischiano di sfumare.

Fino a che punto sareste in grado di estendere i vostri risparmi esistenti, insieme ad eventuali indennità di disoccupazione, se perdeste il lavoro? L’indennità di disoccupazione in Italia è di circa 1.000/1.200 euro per un lavoratore medio.

Sareste in grado di evitare di attingere ai risparmi per la pensione prima di esaurire i contanti o di trovare un nuovo lavoro? Ricordate che esiste una penale per i prelievi anticipati dalla maggior parte dei fondi pensione (più l’imposta sul reddito) quindi il saldo di oggi sarebbe notevolmente più piccolo nel mondo reale. Questo supponendo che il fondo pensione non diminuisca: ricordate, il mercato azionario di solito cala bruscamente durante una recessione.

Ora che avete considerato la vostra situazione, quanto siete preparati finanziariamente per la prossima recessione?

Le prime due cose da fare per prepararsi ad una recessione

Quando si tratta di prepararsi a eventi finanziari inaspettati, ci sono due cose che possono avere il maggiore impatto sulla vostra capacità di cavalcarla e di uscirne indenni dall’altra parte. Le due cose che dovete fare per prime sono:

  • pagare i debiti ad alto tasso d’interesse;
  • ridurre al minimo gli altri debiti

Diamo un’occhiata più da vicino al motivo per cui queste sono di gran lunga le due cose più importanti che tutti dovrebbero fare per prime.

Costruire risparmi d’emergenza

Questo è il passo più ovvio da fare, ed è quello che sicuramente avete visto in tutti gli altri articoli sulla preparazione finanziaria che avete letto finora. Quello che forse non vi è chiaro è quanto avreste dovuto risparmiare. Non c’è una sola risposta a questa domanda che si adatti a tutti, ma ci sono alcune linee guida di base piuttosto buone da seguire.

In generale, si raccomanda di avere almeno sei mesi di spese in risparmio. Questo significa abbastanza denaro per coprire l’alloggio e i servizi, i beni di prima necessità come il cibo e l’assistenza personale, e altri obblighi finanziari come il prestito per l’auto e i pagamenti dell’assicurazione.

E mentre troverete un po’ di spazio per tagliare le spese, se vi trovate senza lavoro o se il vostro reddito diminuisce, molte spese ricorrenti sono relativamente fisse nel costo.

In altre parole, prendetevi il tempo di sviluppare una misura precisa di quali sarebbero le vostre spese se doveste perdere il lavoro.

Il passo successivo è quello di costruire gradualmente la vostra rete di sicurezza. Potrebbe essere necessario un anno o anche di più per risparmiare abbastanza denaro da raggiungere i sei mesi di risparmio. Va bene, basta fissare l’obiettivo e mettere in atto un piano per raggiungerlo. Una volta arrivati a sei mesi, continuate a risparmiare con l’obiettivo di un anno di risparmio. Questo è particolarmente vero se si possiede una casa o si hanno persone a carico che vivono con voi. La realtà è che in queste situazioni le vostre responsabilità finanziarie sono più elevate e volete avere a disposizione le risorse per affrontare l’imprevisto.

Frustrati dal fatto che i vostri risparmi d’emergenza difficilmente ottengono un rendimento? È ora di lasciar perdere e di pensarla in questo modo: comprereste un salvagente che può essere indossato anche come giacca da smoking? Per quanto sarebbe fantastico, no.

Lo scopo del risparmio d’emergenza è quello di essere lì in caso di emergenza, non di ottenere rendimenti sexy. Certo, dovreste inserirlo nel conto bancario che vi darà il miglior rendimento; basta che non andiate a comprare azioni ad alto rendimento perché non potete ottenere un tasso di interesse del 3% dalla vostra banca.

Mantenere il debito al minimo (e pagare il debito ad alto interesse al più presto)

Il debito può essere uno strumento finanziario meraviglioso se utilizzato in modo responsabile. Per esempio, comprare una casa o un’automobile senza un prestito è impossibile per la maggior parte di noi. Inoltre, approfittare di un finanziamento a basso interesse (o addirittura a tasso zero) per acquistare un elettrodomestico o un altro oggetto di grande valore è anche un uso intelligente del denaro di qualcun altro.

Quando il debito è dannoso (specialmente durante una recessione, quando le vostre risorse finanziarie possono essere più limitate) è quando è costoso e non è vantaggioso. Ad esempio, usare la carta di credito e non rimborsare in tempo il debito è distruttivo per i vostri interessi, perché rischiate di finire sulla blacklist dei cattivi pagatori. Non parliamo poi del mutuo: se non rimborsate il mutuo avete chiuso a vita con il credito erogato dalle banche.

Pagando il debito ad alto tasso d’interesse e mantenendo gli altri debiti al minimo, farete a voi stessi e alla vostra situazione finanziaria due grossi favori:

  1. Spenderete meno soldi per acquistare le cose che comprate (e comprate meno roba che non vi serve).
  2. Ridurrete le vostre spese mensili, il che significa che non dovrete accantonare così tanti soldi per i risparmi di emergenza.

Altre tre cose che possono aiutarvi a prepararvi alla recessione

Una volta attuato un piano per accumulare risparmi di emergenza e pagare il debito, è il momento di iniziare a intraprendere azioni che potrebbero migliorare ulteriormente il vostro futuro finanziario a lungo termine:

  1. Massimizzare il vostro valore professionale
  2. Costruire il portafoglio in base agli obiettivi e non al comportamento del mercato
  3. Attuare un piano per aiutarvi a trarre profitto da un crollo del mercato

Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuno di questi elementi.

Massimizzare il vostro valore professionale

Una delle più grandi lotte che molte persone hanno affrontato dall’ultima recessione è stata la riconquista di livelli di occupazione e di reddito simili. Oltre alla perdita di opportunità, poiché molte aziende sono fallite o sono state ridimensionate, molte aziende hanno imparato a fare più lavoro con meno dipendenti e hanno sfruttato la tecnologia e l’automazione per ridurre il fabbisogno di manodopera.

Molti dei settori in più rapida crescita hanno bisogno di lavoratori con competenze e formazione che forse non esistevano nemmeno quando si andava a scuola, e il tipo di lavoro che si svolge attualmente potrebbe non essere così importante o necessario come lo era in passato. Se questo è il vostro caso, potrebbe essere il momento di prendere provvedimenti per rendere voi stessi più preziosi.

Questo potrebbe includere l’aggiunta di nuove certificazioni o la formazione nella vostra attuale professione per aumentare il vostro valore per il vostro datore di lavoro (o anche per un concorrente), o potrebbe essere il momento di esplorare un cambiamento di lavoro in un campo ad alta domanda, mentre l’economia è in buona forma e c’è l’opportunità. Certo, può essere spaventoso allontanarsi dal fattore noto del vostro lavoro esistente, ma il momento migliore per fare un cambiamento è quando si ha la leva dell’occupazione in corso e il sostegno di un’economia sana. In parole povere, è più facile trovare un lavoro migliore in una buona economia che trovare un lavoro durante o subito dopo una recessione.

Costruisci il tuo portafoglio a lungo termine

Dal 1990, gli Stati Uniti hanno subito tre recessioni e ogni volta il mercato azionario è sceso di oltre il 10%. Nelle due recessioni più recenti, il mercato azionario ha perso più del 30% del suo valore dal picco al fondo. Il fatto è che questo è del tutto normale durante la maggior parte delle recessioni.

Inoltre, è anche del tutto normale che il mercato si riprenda relativamente velocemente.

Purtroppo, uno dei più grandi errori che la gente commette durante una recessione è quello di vendere le proprie azioni o i fondi comuni d’investimento azionari, spesso dopo che il mercato è già sceso drasticamente, aspettandosi che scenda ancora di più. Purtroppo, per la maggior parte delle persone questo si traduce raramente in un “acquisto in fondo”. Più spesso, il mercato azionario inizia a riprendersi prima che le persone siano pronte a reinvestire, con il risultato di perdere la ripresa del mercato.

Allocazione del portafoglio per proteggere il vostro patrimonio

Il mercato azionario cade durante le recessioni (e spesso anche in altri momenti in cui non c’è una recessione). Questi cali possono avvenire in modo rapido e imprevedibile; anche i migliori investitori spesso non li vedono arrivare. Inoltre, la ripresa (quando il mercato azionario inizia a risalire) è altrettanto imprevedibile. Ecco perché non indovinerai mai il momento di acquistare sul “fondo” del mercato; più probabilmente, ti limiterai a vendere vicino al fondo e ti siederai in disparte, guardando il mercato risalire, ancorandoti al prezzo basso a cui hai venduto.

Pensate a più di cinque anni o, meglio ancora, decenni. Adottando un approccio “buy and hold” (come il nostro portafoglio), non commetterete l’errore di vendere nel momento peggiore e di perdere la ripresa del mercato.

Si è spesso detto che il rischio a breve termine delle azioni, la volatilità che vediamo in tempi di incertezza, è il “prezzo di ammissione” per investire nel mercato azionario. Se si può stare con le mani in mano e non vendere ad ogni segno di flessione, è un prezzo che non si deve pagare. Uno dei modi migliori per rendere più facile non vendere durante la prossima recessione è mettere una parte del vostro portafoglio in investimenti a bassa volatilità, come le obbligazioni. La differenza tra azioni e obbligazioni è che con le azioni sei in parte proprietario di un’azienda, mentre un’obbligazione è un prestito.

Questa differenza è il motivo per cui le azioni e le obbligazioni variano molto nella volatilità. In parole povere, il valore di un’obbligazione è molto facile da misurare: l’importo in dollari dell’obbligazione più l’importo degli interessi che renderà prima della scadenza. Finché l’entità che emette l’obbligazione rimane solvibile, il valore dell’obbligazione rimarrà stabile.

Le azioni, invece, sono di natura più speculativa, con persone che variano molto in ciò che possono pensare che un particolare business valga. Aggiungete l’incertezza di una recessione al mix, e la gente spesso esagera nella paura e decide di vendere i propri titoli a quello che alla fine si rivela essere un prezzo d’occasione. Possedere obbligazioni è un ottimo modo per coprire il rischio da quella volatilità per la parte di portafoglio che potrebbe essere necessario vendere nei prossimi anni.

Perché non possedere tutte le obbligazioni, vi chiedete? Le obbligazioni hanno un valore più stabile come classe di attività, ma il persistente contesto di bassi tassi d’interesse in cui siamo stati nell’ultimo decennio le rende anche un’attività a basso rendimento da possedere nel lungo termine.

Possedere obbligazioni vi aiuterà ad evitare i cali a breve termine, ma vi perderete anche tutti i guadagni a lungo termine.

Cosa deve fare un investitore? Considerate i vostri obiettivi a breve e lungo termine e investite di conseguenza. Se avrete bisogno di accedere ad alcuni dei vostri investimenti a partire dai prossimi anni, dovreste investire queste risorse in obbligazioni di alta qualità. Potreste perdere alcuni dei vantaggi delle azioni, ma non vi farete prendere alla sprovvista durante una recessione o un crollo del mercato con tutte le vostre uova in un paniere volatile di azioni.

In generale, più ci si allontana dal pensionamento, meno si dovrebbe destinare alle obbligazioni. Ma man mano che vi avvicinate al pensionamento (o pagate il college di un ragazzo o qualche altro obiettivo finanziario), dovreste aumentare gradualmente la vostra allocazione di obbligazioni.

Per gli investitori più giovani, questo può significare non possedere ancora nessuna obbligazione (a 41 anni, ho un portafoglio senza obbligazioni) a patto che si possa evitare di vendere quando il mercato crolla.

Avere un piano di acquisto durante una recessione

Se da un lato i cali di mercato sono spesso legati a crisi del mondo reale, come le recessioni che hanno implicazioni nel mondo reale, dall’altro ci offrono anche alcune delle migliori opportunità per acquistare azioni. Per questo motivo, può essere utile mettere da parte una piccola quantità di denaro nel vostro conto di investimento o nel vostro conto pensione in modo da poter agire quando il mercato scende.

Cos’è un importo ragionevole? Una serie di fattori può rendere la situazione molto diversa da una persona all’altra, tra cui la dimensione del vostro portafoglio, se state ancora lavorando e versando regolarmente nuovi fondi sui vostri conti, e quanto siete vicini al pensionamento o a qualche altra esigenza finanziaria. Ma in generale, avere il 5% del vostro portafoglio specificamente destinato all’investimento quando il mercato scende di un certo importo è un livello ragionevole. Questo può essere un po’ di più o un po’ di meno, a seconda delle vostre preferenze personali, ma anche delle regole più o meno severe.

Non è una buona idea riservare tutti i vostri acquisti per i crolli del mercato. Un’azione di questo tipo vi porterebbe a spendere la maggior parte dell’ultimo decennio a costruire e a rimanere seduti sul vostro denaro, mentre il mercato continua a marciare sempre più in alto. Pensatela in questo modo: Se l’S&P 500 scendesse del 50% rispetto ai massimi pre-covid, sarebbe ancora del 35% più alto di quando il mercato ha raggiunto il suo picco prima della Grande Recessione.

È anche utile implementare alcune linee guida per aiutarvi a sapere quando agire. Due punti di ingresso che ho identificato per investire opportunisticamente il denaro di riserva sono al 20% e 30% di calo del mercato.

Perché il 20% e il 30%? Perché in media il mercato scende del 20% circa una volta ogni quattro anni, mentre noi vediamo un calo del 30% circa una volta ogni dieci anni. Ciò significa che sono entrambi abbastanza frequenti e significativi da giustificare la necessità di mettere da parte un po’ di denaro.

Ad esempio, l’S&P 500 è sceso di circa il 20% dall’inizio di ottobre al 24 dicembre 2018, mentre il NASDAQ Composite è sceso ancora di più.

Sei mesi dopo, entrambi gli indici avevano recuperato completamente quelle perdite, e gli investitori che hanno agito rapidamente durante il sell-off hanno goduto di forti (e veloci) guadagni.

Ma dato che il signor Mercato non si ferma sempre al 20% e ricomincia a marciare verso l’alto, riservare un po’ di quella “polvere secca” per un maggiore sell-off può essere utile.

Ad esempio, a marzo del 2020, durante la paura per il Covid-19, il mercato italiano ha perso mediamente il 38% rispetto ai dati di solo 30 giorni prima. La ripresa si presenta lenta, ma ci sarà.

Se invece allunghiamo lo sguardo al Nasdaq-100, il crollo è stato da 9.700 di febbraio a circa 6.500 di marzo, con un calo del 33% malcontato. Il 3 giugno, quindi a distanza di circa 70 giorni dal minimo, il Nasdaq 100 era di nuovo a sfiorare i 9.700 punti.

Storicamente, durante la Grande Recessione, l’S&P 500 è sceso del 20% da ottobre 2007 a luglio 2008. Ma a differenza del più recente rimbalzo nel 2018-2019, il mercato è sceso di un altro 45% prima di toccare il fondo il 9 marzo 2009. In totale, l’S&P 500 ha perso quasi il 60% del suo valore da ottobre 2007 a marzo 2009.

Mantenere la metà del denaro del mercato pronto per essere impiegato in una più profonda correzione del mercato può servire a due scopi. Il primo e più ovvio è che vi dà la possibilità di approfittare di un mercato azionario ancora più profondamente scontato e di godere di maggiori guadagni a lungo termine quando le cose inevitabilmente migliorano. Il secondo scopo può essere ancora più importante: può aiutarvi a gestire le vostre emozioni ed evitare di cadere nella trappola della vendita perché pensate di dover fare qualcosa.

Cosa fare se il mercato scende di oltre il 30%? Usando la storia come guida, possiamo prevedere che probabilmente cadrà del 40% nei prossimi 30 o 40 anni. Ad un certo punto nel corso del prossimo secolo, probabilmente perderà di nuovo la metà o più del suo valore. Noi non teniamo da parte denaro extra per questi eventi perché accadono così raramente. Si perderà di più in termini di costi di opportunità (quanto il mercato sale prima che cada) per far sì che ne valga la pena.

Tuttavia, se la vostra preoccupazione è quella di gestire le vostre emozioni e di avere un piano che vi aiuti a non vendere, potrebbe valere la pena di mettere da parte una piccola quantità di denaro da impiegare al 40% o addirittura al 50% di ribassi. Anche in questo caso, non suggerirei che sia una somma molto grande; il mercato avrà probabilmente un valore triplo rispetto ai prezzi odierni prima di vedere un altro 50% di ribasso.

Dare priorità, pianificare e agire

Non possiamo dirvi quando la prossima recessione avverrà con una certa precisione. Nemmeno gli esperti televisivi e nemmeno i migliori economisti. Ma sappiamo che accadrà di nuovo. Le imprese reali falliranno. Le persone reali perderanno il lavoro e venderanno le loro azioni dopo il crollo del mercato.

È anche vero che molti di noi attraverseranno la prossima recessione, generalmente senza che ci faccia molto male. Ma allo stesso tempo, il rischio di danni finanziari permanenti (milioni di baby boomer non potranno mai ritirarsi completamente a causa della Grande Recessione) è semplicemente troppo grande per non fare nulla.

Iniziate con un piano basato sulla vostra situazione individuale, dando priorità alle seguenti cose:

  1. Costruire risparmi di emergenza e pagare costosi debiti
  2. Massimizzare il vostro valore professionale e le vostre prospettive
  3. Assegnare il vostro portafoglio in base ai vostri obiettivi e non a come sta andando il mercato in questo momento

Le vostre priorità e il piano che farete saranno unici per voi. Ma una volta messo in atto, dovrebbe aiutarvi a ridurre al minimo i danni di una recessione, a rimbalzare rapidamente e persino a far crescere la vostra ricchezza. Il semplice atto di mettere in atto un piano (darvi qualcosa da fare) migliorerà le vostre prospettive di uscire indenni dalla prossima recessione.