3 modi per avvantaggiarsi di una recessione
Termini di una recessione
3 modi per avvantaggiarsi di una recessione
  • Post category:Guide

La Grande Recessione si è conclusa nel 2009 e ha avuto un impatto sulla vita di molti. Ora che l’economia sembra essere diretta verso un’altra recessione, è un buon momento per rivedere come trarre vantaggio dalla recessione invece di lasciare che sia lei a trarre vantaggio da voi.

Ci sono state molte lezioni da imparare per gli investitori, molti dei quali hanno visto i loro conti di investimento devastati dalle vendite nel panico. Se avessero mantenuto i loro investimenti, si sarebbero ripresi completamente e avrebbero continuato ad aumentare il loro valore.

Questa è la prima lezione di ogni recessione. Una recessione è sempre seguita da una ripresa che include un forte rimbalzo del mercato azionario. La seconda lezione è che gli investitori non devono stare a guardare mentre i loro portafogli vengono colpiti dalle vendite massicce. Ci sono alcune strategie di investimento che possono trarre vantaggio dalle forze della recessione per posizionare un portafoglio per un rapido e forte rimbalzo.

Mediare il prezzo di acquisto

Come per la maggior parte delle recessioni, probabilmente non vedrete arrivare la prossima. Ma probabilmente vedrete una svendita sul mercato azionario con largo anticipo rispetto alla recessione. Quando ciò accade, ricordate la prima lezione: c’è una ripresa dopo una recessione.

Sapendo questo, gli investitori possono trarre vantaggio da un mercato in declino attraverso il metodo di investimento basato sulla media del prezzo di acquisto. Se versate contributi mensili, a un fondo o a una pensione integrativa, state già utilizzando questa tecnica. Ma quando il mercato inizia a scendere, è il momento di approfittarne aumentando i contributi o iniziando a calcolare il prezzo medio di carico in un conto d’investimento.

Lo stesso vale per l’acquisto di azioni o di altri strumenti sul mercato: quando il vostro investimento si basa sul prezzo medio di carico, riducete gradualmente la vostra base di costo complessiva nel prezzo dell’azione, in modo che quando il prezzo rimbalza, la vostra base di costo è sempre inferiore al prezzo. Ad esempio, se avete 200 azioni ENI in carico a 12 euro ciascuna avrete speso 2.400 euro; con l’abbassamento del valore dell’azione, facciamo ad esempio che arrivi a 6 euro ad azione, quindi perde il 50%, voi dovreste entrare a distanze regolari con altre azioni, quindi, per esempio, supponiamo queste entrate:

  • Partenza con 200 azioni a 12 euro = 2.400 euro
  • 200 azioni a 10 euro = 2.000 euro
  • 300 azioni a 8 euro = 2.400 euro
  • 400 azioni a 6 euro = 2.400 euro

Alla fine avrete 1.100 euro, per un totale speso di 9.200 euro e quindi con un prezzo medio di carico di 8,36 euro, contro i 12 euro iniziali. Nella ripresa successiva, con uno strumento che ha perso il 50%, il rimbalzo sarà immediato e potrebbe essere grosso, quindi 8,36 potrebbero essere raggiunti molto velocemente, portandovi in una posizione di utile, anziché essere ancora in perdita.

Questa ovviamente è una strategia che dura nel periodo medio / lungo, che ha bisogno di una certa liquidità per fare gli ingressi e che richiede una gestione poi delle azioni che avete. Facciamo un esempio di vendita:

  • cedete 250 azioni a 9 euro (quindi appena sopra il vostro pmc) = 2.250
  • 300 a 10 euro = 3.000
  • 300 a 11 euro = 3.300
  • 250 a 12 euro (che era il vostro vecchio pmc) = 3.000

In totale avrete incassato 11.550 euro contro una spesa di 9.200 quindi con un gain di 2.350 corrispondente al 25,54 % lordo.

Alla fine sarete di nuovo a 12 euro per azione, ma fermi a guardare sareste semplicemente a zero euro guadagnati e capitale bloccato per vari mesi; nel caso di mediazione del prezzo di carico sareste con tutte le azioni vendute e con un utile del 25%.

Acquistare in Dividendi

Se avete intenzione di detenere azioni durante un periodo di recessione, le migliori da possedere sono quelle di società affermate, a grande capitalizzazione, con bilanci e flussi di cassa solidi, insomma le blue chip. Non solo queste aziende sono meglio posizionate per resistere alle crisi economiche rispetto alle aziende più piccole con scarsi flussi di cassa, ma è anche più probabile che paghino dividendi.

Se una società ha una lunga storia di pagamenti e aumento dei dividendi, si può essere certi che sia finanziariamente solida e possa sopravvivere alla maggior parte degli ambienti economici. In secondo luogo, i dividendi forniscono un cuscinetto di rendimento. Anche se il prezzo delle azioni diminuisce, si ottiene comunque un ritorno sul proprio investimento. È per queste ragioni che le azioni con dividendi tendono a superare le azioni senza dividendi durante le flessioni del mercato.

Il modo migliore per possedere azioni con dividendi è attraverso fondi comuni d’investimento o fondi negoziati in borsa (ETF) che investono rigorosamente in società che pagano i dividendi. I fondi che investono in società con una lunga storia di pagamento di dividendi e con una forte storia di aumento di tali dividendi tendono a generare alti rendimenti correnti con l’apprezzamento del capitale.

Tuttavia, non aspettatevi che questi fondi superino il mercato durante i rimbalzi. Sono detenuti in portafogli per fornire rendimenti stabili in diversi cicli di mercato. Durante i rimbalzi di mercato, è possibile allocare gradualmente i fondi di dividendo, ma si dovrebbe sempre mantenere una parte come misura difensiva.

Investire in beni di consumo

Anche durante le recessioni, i consumatori hanno bisogno di acquistare cibo, farmaci, prodotti per l’igiene e forniture mediche. Questi sono i beni di consumo di base che sono gli ultimi articoli ad essere tagliati dal budget della famiglia. Così, mentre le aziende che vendono televisori a schermo piatto e altri prodotti discrezionali subiscono un calo delle entrate, le aziende che vendono prodotti alimentari e beni di prima necessità non lo fanno.

I dati mostrano che questo tipo di aziende ha superato l’S&P 500 durante gli ultimi cinque periodi di recessione. Tra le aziende di consumo di base vi sono Johnson & Johnson, Procter & Gamble e Wal-Mart, in Europa possiamo acquistare la francese Sanofi, la tedesca Bayer, l’anglo-olandese Unilever piuttosto che l’italiana Recordati. Queste particolari società pagano anche buoni dividendi, il che rafforza il loro profilo difensivo. Esistono anche fondi comuni di investimento che investono rigorosamente in società di beni di consumo di base.