Chiusura mercoledì 08 Luglio 2020
46,66 €
Target Price: 51,42 €
Media del giudizio di 33 analisti

Informazioni su UNA.AS

NomeUnilever NV
NazionePaesi Bassi
CurrencyEUR
Data IPO02-01-1985
SettoreConsumer products
Capitalizzazione128.050

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 09-07-2020

Consensi e Target Price UNA.AS

Consensi Unilever NV

GiudizioConsensi
StrongBuy6
Buy12
Hold11
Sell3
StrongSell1
Aggiornati al 07-07-2020

Target Price Unilever NV

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Unilever NV

TP MedioTP MaggioreTP Minore
51,4262,0037,00
Aggiornati al 07-07-2020

Livelli, Supporti e Resistenze UNA.AS

Livelli storici
38,42
44,58
48,26
52,22
55,39

Unilever

Unilever è il brand di due società gemelle, Unilever PLC (con sede a Londra) e Unilever NV (con sede a Rotterdam), che sono le holding di oltre 500 aziende in tutto il mondo impegnate nella produzione e vendita di saponi, alimenti e altri prodotti per il consumo domestico. I consigli di amministrazione delle due società sono identici per quanto riguarda i membri, e gli accordi reciproci equalizzano i dividendi sul capitale ordinario, cosicché le società, anche se in apparenza doppie, sono di fatto unitarie.

La moderna Unilever discende principalmente da tre società fondate nel XIX secolo. In Olanda la famiglia Jurgens era nel settore caseario da circa 50 anni quando nel 1854 due fratelli, Anton e Johannes, costituirono una società di persone, la Gebroeders Jurgens, a Oss e iniziarono a concentrarsi sull’esportazione di burro, soprattutto in Gran Bretagna. La forte richiesta di burro sempre più costoso, tuttavia, portò l’azienda nel 1871 ad iniziare la produzione della margarina di nuova invenzione. Nel frattempo, un’altra famiglia di Oss, i Van den Berghs, si era affermata a metà del secolo scorso nel commercio del burro e, negli anni Settanta del XIX secolo, iniziò a produrre anche la margarina.

Nel decennio successivo, nel 1885, in Gran Bretagna, William Hesketh Lever (poi Visconte Leverhulme), insieme al fratello James Darcy Lever, fondò la Lever Brothers per la produzione e la vendita di sapone. Fu il primo a commercializzare la saponetta confezionata a base di sego e olii vegetali e di semi di cotone e, cosa ancora più importante, introdusse una pubblicità energica, con slogan e campagne pubblicitarie a premio.

Le tre aziende sono cresciute a ritmo serrato, espandendo le loro attività nell’Europa continentale e oltreoceano, e i fratelli Jurgens e Van den Berghs si sono estesi in Gran Bretagna e in altre parti del mondo. Con la prima guerra mondiale gli inglesi producevano anche la margarina, e gli olandesi producevano anche il sapone, poiché entrambi i prodotti erano realizzati con oli e grassi simili.

Nel 1927 le due aziende olandesi si fusero per formare la Margarine Unie NV nei Paesi Bassi e la Margarine Union Limited in Gran Bretagna, si unirono con amministratori comuni e unificarono i dividendi e i valori del capitale. Nel 1928 furono introdotti altri importanti produttori europei di oli, saponi e margarine. Infine, nel 1929, la Lever Brothers e le sue consociate entrarono a far parte del gruppo e le società gemelle furono rinominate Unilever.

Nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale, Unilever iniziò a produrre detersivi e altri prodotti sintetici. Negli anni ’80 l’azienda ha intrapreso un programma di diversificazione più ambizioso con l’acquisto (1986) di Chesebrough-Pond’s, Inc. e di altri produttori di prodotti per la cura della persona. Unilever è stata uno dei principali produttori di profumi e cosmetici con l’acquisto di Calvin Klein, Inc., Faberge Inc. ed Elizabeth Arden nel 1989. Il gruppo di cosmetici che ne è scaturito, Unilever Cosmetics International, è stato venduto nel 2005. L’azienda ha venduto le sue specialità chimiche nel 1997 per concentrarsi sulle linee di prodotti di consumo e per la casa.

La grande maggioranza delle vendite di Unilever riguarda prodotti per la casa come saponi e detergenti, margarine, grassi da cucina, condimenti per insalate, gelati, prodotti per l’igiene personale (dentifrici, lacche per capelli, deodoranti), alimenti confezionati e trasformati e bevande. L’acquisizione da 20 miliardi di dollari della società Bestfoods, con sede nel New Jersey, nel 2000 ha reso Unilever una delle più grandi aziende alimentari del mondo. Le vendite di Unilever hanno sede principalmente in Europa, seguita dal Nord America.

Chi sono le persone chiave alla Unilever?

Paul Polman è amministratore delegato di Unilever dal gennaio 2009. Graeme Pitkethly è Chief Financial Officer. Tra le altre figure chiave della società vi sono Amanda Sourry (Presidente della divisione Foods di Unilever), Nitin Paranjpe (Presidente, Assistenza domiciliare), Kevin Havelock (Presidente, Rinfresco) e Alan Jope (Presidente, Assistenza personale).

Quali sono gli ultimi sviluppi di Unilever?

Nel 2017 c’è stata l’offerta a sorpresa, da 143 miliardi di dollari, della società alimentare statunitense Kraft Heinz Co per Unilever. L’azienda ha rifiutato fermamente l’offerta e ha fatto diverse acquisizioni in quell’anno, tra cui quella del produttore di condimenti americano Sir Kensington’s; le marche di prodotti per la cura della persona e della casa di Quala; il marchio di cosmetici Hourglass; e il business delle tisane biologiche Pukka Herbs. Poi, alla fine del 2017, Unilever ha accettato di vendere la sua margarina e diffonde il suo business a KKR per 6,83 miliardi di euro, al fine di concentrarsi su prodotti a crescita più rapida.

Al netto delle acquisizioni di quell’anno, nei risultati finanziari dell’intero anno 2017, Unilever ha registrato un aumento del 2,2% del fatturato a 50,7 miliardi di euro, con una crescita di base delle vendite del 3,5%. La società ha inoltre registrato un aumento di 110 punti base del margine operativo annuale sottostante al 17,5% e un aumento del 9% dell’utile ante imposte a 8,1 miliardi di euro.

Dove è quotata Unilever?

Le azioni Unilever sono quotate al London Stock Exchange (LSE), all’Euronext Amsterdam e al New York Stock Exchange (NYSE). Le azioni sono un componente dell’indice FTSE 100.

Euronext 100, indice (quasi) paneuropeo

Euronext è la più grande borsa valori d'Europa e la sesta al mondo. È stata creata originariamente dalle fusioni delle borse di Amsterdam, Parigi e Bruxelles. Nel corso degli anni si è fusa con diverse altre borse, in particolare con la Borsa di New York, prima di essere acquisita dalla Borsa Intercontinentale. Nel 2014, Euronext è stata scorporata per tornare…

Commenti disabilitati su Euronext 100, indice (quasi) paneuropeo

Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500

Spesso ci si riferisce alle varie classifiche mondiali guardando alle aziende che hanno più profitti, che hanno più ricavi oppure semplicemente che hanno una maggiore capitalizzazione. La questione di base, però, è che la maggior parte degli investitori non va OTC e quindi le azioni che riescono ad acquistare arrivano dai seguenti mercati: USAGran BretagnaGermaniaFranciaItaliaSpagnaSvizzeraOlandaPortogallo Si tratta di pochi mercati…

Commenti disabilitati su Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le 100 azioni migliori sui mercati occidentali

Boicottaggio Facebook per la campagna Stop Hate For Profits

Quando un'azienda come Unilever, che è una potenza mondiale con decine di brand di largo consumo, o un brand storico come Coca Cola decidono di boicottare i social, vuol dire che un'evoluzione sociologica sta avendo atto. Con un comunicato di venerdì 26 luglio, l'azienda anglo olandese Unilever ha deciso di non investire più in pubblicità sulle pagine dei social network…

Commenti disabilitati su Boicottaggio Facebook per la campagna Stop Hate For Profits
Boicottaggio Facebook per la campagna Stop Hate For Profits
Facebook e Twitter colpiti dalla campagna Stop Hate For Profits

Azioni legate ai beni di consumo, cosa sapere per investire

Le aziende del segmento dei beni di prima necessità sono tra i marchi più riconoscibili sul mercato azionario. Le loro attività sono relativamente facili da capire e la maggior parte degli investitori sono probabilmente clienti abituali di molte delle aziende dietro le azioni. Questi fattori rendono il settore un luogo attraente per prendere in considerazione l'acquisto di azioni individuali. Tuttavia,…

Commenti disabilitati su Azioni legate ai beni di consumo, cosa sapere per investire
Azioni legate ai beni di consumo, cosa sapere per investire
Supermarket

Cosa è il FTSE All-Share Index

L'indice FTSE All-Share Index, originariamente noto come FTSE Actuaries All Share Index, è un indice ponderato in base alla capitalizzazione, composto da circa 600 (dal 29 dicembre 2017 i componenti di questo indice sono stati aumentate a 641 società) di oltre 2.000 società quotate alla Borsa di Londra (LSE). Il FTSE All-Share è l'aggregazione dell'Indice FTSE 100 e dell'Indice FTSE…

Commenti disabilitati su Cosa è il FTSE All-Share Index
Cosa è il FTSE All-Share Index
Londra, sede della LSE

Cosa è l’Euro Stoxx 50

L'indice EUROSTOXX 50 (talvolta chiamato Dow Jones EUROSTOXX 50) è l'indice Blue-chip leader in Europa per l'Eurozona e fornisce una rappresentazione dei leader nell'Eurozona. Contiene aziende leader nei loro settori e contiene 50 azioni di 11 paesi dell'Eurozona: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Ulteriori derivati sono i seguenti indici di singoli paesi:…

Commenti disabilitati su Cosa è l’Euro Stoxx 50
Cosa è l’Euro Stoxx 50
Bandiera europea

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare