Azioni legate ai beni di consumo, cosa sapere per investire
Supermarket
Azioni legate ai beni di consumo, cosa sapere per investire
  • Post category:Guide

Le aziende del segmento dei beni di prima necessità sono tra i marchi più riconoscibili sul mercato azionario. Le loro attività sono relativamente facili da capire e la maggior parte degli investitori sono probabilmente clienti abituali di molte delle aziende dietro le azioni. Questi fattori rendono il settore un luogo attraente per prendere in considerazione l’acquisto di azioni individuali.

Tuttavia, investire nello spazio dei beni di consumo di base comporta rischi specifici e compromessi che dovreste conoscere prima di aggiungerli al vostro portafoglio. Di seguito, daremo un’occhiata completa al segmento, dal settore più ampio fino ad alcuni interessanti modi per ottenere un’esposizione a questa importante parte dell’economia mondiale.

Cos’è un titolo di base per i consumatori?

I beni di consumo di base sono prodotti che tendono a figurare in cima alla lista della spesa di una persona. Si estendono a nicchie come il cibo, le bevande, la cura della casa e della persona e il tabacco. Questi prodotti sono chiamati “prodotti di base” per indicare che sono una parte essenziale del budget mensile della maggior parte dei consumatori. A differenza delle spese per le vacanze e per la ristrutturazione della casa, che possono essere rimandate durante i periodi di magra congiuntura economica, una famiglia tipica destina sempre denaro contante a generi di prima necessità come generi alimentari, igiene personale e prodotti per la pulizia della casa.

I beni di prima necessità per i consumatori si differenziano dall’industria “discrezionale”, soprattutto a causa di questa priorità di spesa non negoziabile. La spesa discrezionale, come suggerisce il nome, comporta acquisti come l’intrattenimento e la ristorazione fuori casa, che sono suscettibili di ampie oscillazioni della domanda dei consumatori che seguono i cambiamenti dell’economia in generale. La domanda di cose come la carta igienica e lo shampoo, invece, non scompare quando arriva la recessione.

I prodotti di base per i consumatori sono un buon investimento?

Ci sono diverse caratteristiche che rendono i beni di consumo di base interessanti piattaforme per generare solidi ritorni di investimento a lungo termine. Come già detto, le aziende sono protette dalle oscillazioni della domanda a breve termine trainate dall’economia, e quindi tendono a crescere costantemente, indipendentemente dallo stato dell’economia. Ecco perché le azioni di questa nicchia sono talvolta definite “difensive” o “a prova di recessione”. Questa reputazione di affidabilità è rafforzata dal fatto che le azioni spesso pagano dividendi generosi che hanno una lunga storia di crescita ogni anno. Insieme alle sue vendite protette, il pagamento di dividendi in crescita può rendere una raccolta di beni di consumo una forza stabilizzante nel portafoglio di un investitore. Funzionano particolarmente bene come peso di bilanciamento rispetto alle azioni in crescita.

Anche le preferenze dei consumatori sono simili in tutto il mondo, e questo significa che le aziende di successo in questo spazio hanno l’opportunità di beneficiare di enormi economie di scala. Il loro uso ripetitivo, nel frattempo, fornisce un flusso costante di domanda e la prospettiva di un profondo legame con i consumatori che può durare decenni. Non c’è da stupirsi, quindi, che alcuni dei marchi più preziosi del pianeta, come Coca-Cola, Colgate-Palmolive e Procter & Gamble’s (Pampers), siano tutti beni di prima necessità per i consumatori.

A fini di investimento, le scorte di beni di consumo di base comprendono i produttori di questi beni, oltre ai distributori e alle catene di vendita al dettaglio che sostengono le loro attività.

Informazioni sul settore

I beni di consumo di base si estendono su sei settori:

  1. bevande (compresi birra e alcolici)
  2. alimenti freschi
  3. prodotti alimentari
  4. prodotti per la casa
  5. prodotti personali
  6. tabacco

Insieme, essi costituiscono uno degli 11 principali gruppi industriali che compongono l’economia. A metà del 2019, le azioni di beni di consumo di base rappresentavano 3,6 trilioni di dollari di capitalizzazione di mercato, collocandosi al sesto posto per dimensioni relative, dietro alle tecnologie informatiche (8,3 trilioni di dollari), finanziarie (7,1 trilioni di dollari), sanitarie (5,6 trilioni di dollari), discrezionali per i consumatori (5,4 trilioni di dollari) e dei servizi di comunicazione (4,6 trilioni di dollari).

L’industria ha la reputazione di superare gli altri settori durante le prime fasi di rallentamento economico e di recessione. Al contrario, tende a ritardare altre parti dell’economia in periodi di forte crescita economica. Ciò avviene perché la natura difensiva di questi titoli attrae gli investitori durante i periodi di debolezza economica, mentre la gente si orienta maggiormente verso le imprese ad alta crescita durante i periodi di boom.

Le principali tendenze che influenzano il settore sono i cambiamenti nelle preferenze dei consumatori, e i cambiamenti in questo caso richiedono alle aziende di lavorare costantemente per rimanere rilevanti. Un importante cambiamento recente è stato l’allontanamento da quelli che sono percepiti come ingredienti innaturali nei cibi e nelle bevande. Questo cambiamento della domanda ha fatto crescere marchi globali come la Diet Coke e ha costretto molte aziende dell’industria alimentare confezionata a riorganizzare il loro intero portafoglio. Un esempio ne è PepsiCo, che negli ultimi anni ha acquisito vari marchi di prodotti naturali.

Metriche di investimento da conoscere

Quando si investe in un’azione di beni di consumo di base, ci sono alcune importanti metriche che dovreste conoscere. Alcune di esse si applicano a produttori come Coca-Cola, mentre altre si applicano a rivenditori come Carrefour.

Monitoraggio delle entrate

In generale, le aziende di beni di prima necessità godono di tassi di crescita costanti ma non spettacolari se paragonati ad altri settori come il software e l’elettronica di consumo. Le metriche chiave da conoscere in questo settore sono le vendite organiche, le vendite nei negozi comparabili e la quota di mercato.

Vendite organiche

Le vendite organiche, a volte chiamate vendite di base, rappresentano la variazione dei ricavi rispetto al periodo dell’anno precedente, dopo aver contabilizzato questioni temporanee come le vendite o gli acquisti di marchi, i cambiamenti dei tassi di cambio e gli oneri non monetari. La crescita delle vendite inorganiche può essere fortemente influenzata nel breve termine dall’acquisto di un nuovo franchising, ma tali guadagni non hanno lo stesso valore di quando un’azienda riesce ad aumentare la domanda dei propri prodotti core.

Due sono le principali tendenze di questa metrica: i volumi di vendita e i prezzi. In questo modo, le vendite organiche catturano la risonanza dei prodotti di un’azienda con i consumatori. Più alto è meglio, e gli investitori di solito cercano azioni che possano costantemente superare i concorrenti con un aumento equilibrato dei volumi e dei prezzi. Questo successo a lungo termine è indice di vantaggi competitivi duraturi. I tassi di vendita organici si applicano ai produttori di beni di consumo di base come Procter & Gamble.

Vendite in punti vendita comparabili

Questa metrica viene utilizzata dai rivenditori per esprimere la crescita annuale dopo l’adeguamento per l’apertura o la chiusura dei punti vendita. In questo modo, descrive lo slancio operativo fondamentale del business. Le vendite in punti vendita comparabili forti e in accelerazione, o comps, indicano che un’azienda sta attirando un forte traffico di clienti e si sta distinguendo in un settore della vendita al dettaglio competitivo.

L’indebolimento dei comps, d’altra parte, implica sfide commerciali sempre più impegnative.

Quota di mercato

Questa metrica si riferisce alla percentuale delle vendite complessive di un settore che un’azienda è responsabile di consegnare in un determinato periodo. È insolito vedere i produttori di beni di prima necessità mantenere posizioni dominanti sul mercato di oltre il 30% o più dell’industria globale per prodotti come dentifricio, pannolini o bibite gassate. Questo posizionamento è prezioso per molte ragioni. Si traduce in maggiori profitti ed è più facile da difendere dalle minacce della concorrenza, ad esempio. Un posizionamento del marchio leader rende più facile assicurare molto spazio sugli scaffali anche presso i rivenditori. Le aziende di beni di consumo di base puntano sempre a far crescere le vendite a un ritmo più veloce rispetto al settore più ampio, aumentando così la quota di mercato nel tempo.

Profitti e ritorni

Le migliori aziende di beni di prima necessità per il settore dei beni di consumo sono leader di mercato grazie ai loro marchi di valore, alle loro ampie basi di vendita e alla loro efficiente struttura operativa. Quando si giudica il potere reddituale di queste aziende, le due metriche chiave da conoscere sono il margine di profitto lordo e il margine di profitto operativo.

Margine di profitto lordo

Il margine lordo è ciò che rimane dopo che un’azienda paga i costi iniziali di produzione e distribuzione del suo prodotto. Agli investitori piace vedere un margine che è sia superiore a quello dei concorrenti che, idealmente, in aumento o stabile. La forza di questa metrica si traduce direttamente in guadagni più alti e dimostra che un titolo di consumo ha potere di prezzo.

Margine di profitto operativo

Il margine operativo è ciò che rimane dopo che le spese generali e le spese di vendita vengono dedotte dai profitti lordi. È una metrica dei profitti più descrittiva rispetto all’utile netto, perché non è influenzata, tra le altre cose, dalle variazioni del pagamento delle imposte. Un’azienda efficiente mostrerà un margine operativo più elevato rispetto ai suoi colleghi.

Rendimenti per gli azionisti

Poiché si tratta di imprese mature ed efficienti con modeste opportunità di crescita, i titoli di consumo di base tendono a generare molta liquidità, gran parte della quale viene restituita agli azionisti attraverso dividendi e riacquisti di azioni. Questa è una differenza fondamentale se paragonata alle azioni di crescita, che tendono a destinare ogni anno una parte maggiore dei loro guadagni all’espansione del business e quindi a fornire meno liquidità agli investitori.

I dividendi sono pagamenti ricorrenti in contanti che di solito avvengono ogni trimestre. Gli investitori cercano azioni che paghino un rendimento solido, sostenuto da un’ampia liquidità. È anche importante che il dividendo abbia una lunga storia di crescita ogni anno. I cosiddetti “aristocratici del dividendo” sono aziende che hanno incrementato il loro payout per almeno 25 anni consecutivi, e questa lista d’elite comprende molti giganti dei beni di prima necessità.

La spesa per il riacquisto di azioni è un altro modo chiave con cui le aziende restituiscono denaro agli azionisti, anche se è meno diretto del pagamento dei dividendi. Nel riacquistare le proprie azioni, un gigante dei beni di prima necessità abbassa il numero delle azioni in circolazione e quindi aumenta il valore delle azioni rimanenti, poiché il pool più piccolo significa che ogni azione residua rappresenta una parte maggiore del business.

Rischi legati all’investimento in azioni di beni di consumo di base

Come per tutti i titoli, anche per gli investimenti in beni di consumo di base ci sono dei rischi. Queste aziende sono resistenti ai forti cali della domanda durante le recessioni, ma i loro tassi di crescita sono ancora legati a tendenze economiche più ampie, come la crescita globale della popolazione e dei salari. Una grande recessione che colpisca più mercati geografici contemporaneamente ostacolerebbe necessariamente i guadagni e gli incrementi delle vendite.

L’enorme dimensione di queste imprese è normalmente un punto di forza competitivo, ma può diventare una debolezza durante i periodi di cambiamenti fondamentali della domanda dei consumatori. Sia Coca-Cola che Procter & Gamble, ad esempio, hanno passato anni a ristrutturare i loro portafogli e a modificare le loro strutture operative per competere meglio nei nuovi ambienti di vendita, mentre i rivali più piccoli si sono adattati più rapidamente. Non c’è alcuna garanzia che un titolo di consumo di base rimanga in anticipo sulla prossima tendenza del mercato.

C’è anche una buona probabilità che un determinato titolo di beni di consumo di base subisca un lungo periodo di crescita lenta che a malapena corrisponde alle tendenze più ampie del settore, che sono già modeste. Negli ultimi anni, gli investitori hanno visto all’opera molti esempi di questo triste processo. Mentre ognuno di questi giganti ha protetto il pagamento dei dividendi e ha inviato molti contanti agli azionisti nell’ultimo decennio, i rendimenti sono stati inferiori rispetto ad altre nicchie ad alta crescita.

Le più grandi azioni di beni di consumo di base

Gli investitori non mancano di opzioni quando si pensa di investire nei beni di prima necessità, ma qui ci sono alcuni nomi degni di nota nei segmenti della produzione e della vendita al dettaglio. Di seguito, daremo un’occhiata più da vicino a una di queste aziende che hanno recentemente realizzato performance di market-changing.

NomeTicketCapitalizzazioneP/E
Procter & GambleNYSE:PG287 mlrd $61,5
Coca-ColaNYSE:KO202 mlrd $20,3
PepsiCoNASDAQ:PEP183 mlrd $25,6
WalmartNYSE:WMT351 mlrd $23,5
Colgate-PalmoliveNYSE:CL61,7 mlrd $24,5
HeinekenAMS:HEIA49 mlrd €29,5
UnileverAMS:UNA124 mlrd €21,6
CarrefourEPA:CA10,5 mlrd €14,5
CampariBIT:CPR8,6 mlrd €28,0
NestlèSWX:NESN307 mlrd CHF24,0

Procter & Gamble

Per molti versi, Procter & Gamble è la società prototipale di beni di consumo di base. La maggior parte dei suoi oltre 60 marchi sono considerati prodotti essenziali per le persone di tutto il mondo, che si tratti di rasoi Gillette, shampoo Head & Shoulders o Pampers.

Il tasso di crescita di P&G è stato testardamente lento nei tre anni successivi al lancio di un riavvio del portafoglio nel 2012, ma ultimamente le tendenze sono migliorate.

P&G ha guadagnato quote di mercato nei segmenti dei tessuti e dell’assistenza domiciliare, ma ha perso terreno in settori come la toelettatura e la cura dei bambini.

Le efficienti operazioni dell’azienda illustrano il motivo per cui molti investitori la considerano tra le aziende più sicure. P&G stanzia regolarmente miliardi di dollari per il riacquisto di azioni ogni anno e per l’incremento del dividendo, che ha una delle più lunghe fasi di crescita del mercato. Il suo modesto tasso di crescita potrebbe non far girare la testa, ma questo titolo potrebbe giocare un ruolo importante in un portafoglio ben diversificato.

ETF di base per i consumatori e fondi indicizzati

Se non siete interessati a scegliere specifici potenziali vincitori, potreste preferire semplicemente possedere una selezione dell’intero gruppo industriale. Fortunatamente, ci sono molti fondi tra cui scegliere per raggiungere questo obiettivo, compresi i fondi negoziati in borsa (ETF) e i fondi indicizzati. Di seguito ne riportiamo alcuni tra i più grandi. Come al solito, quando si valutano gli ETF, è importante cercare una buona copertura del settore abbinata a basse commissioni.

NomeTicketCommissioni
Consumer Staples Select SPDR FundNYSEMKT:XLP0,13%
iShares U.S. Consumer Goods ETFNYSEMKT:IYK0,43%
Vanguard Consumer Staples ETFNYSEMKT:VDC0,10%
ETF con azioni di beni di consumo come componenti

Fondi come questi offrono la maggior parte dei vantaggi del settore dei beni di prima necessità, tra cui una performance costante durante le fasi di contrazione del mercato e rendimenti dei dividendi superiori alla media. Dal momento che si concentrano anche sui maggiori player, è probabile che otterrete un’esposizione ai giganti globali, tra cui P&G, Coca-Cola, PepsiCo e Altria Group.

Che si tratti di singoli titoli come Heineken o di un ETF come il fondo di beni di consumo di Vanguard, gli elementi di questo gruppo industriale meritano un posto nel portafoglio di quasi tutti gli investitori. Acquistate alcune società di qualità, o un fondo indicizzato diversificato, e preparatevi meglio ad affrontare la prossima flessione del mercato. Nel frattempo, è possibile riscuotere dividendi sani che aiutano a compensare il fatto che il segmento dei beni di prima necessità tende a rimanere indietro rispetto ad altri settori durante le fasi di ripresa ciclica. Questo attraente mix di crescita, reddito e stabilità garantirà probabilmente che questa nicchia di mercato rimanga popolare tra gli investitori per i decenni a venire.