Le recessioni sono inevitabili?
Meccanismi delle Recessioni
Le recessioni sono inevitabili?
  • Post Category:Guide

Il sentimento popolare degli analisti finanziari, e di molti economisti, è che le recessioni sono il risultato inevitabile del ciclo economico in un’economia capitalista. L’evidenza empirica, almeno in superficie, sembra sostenere fortemente questa teoria. Le recessioni sembrano verificarsi ogni decennio circa nelle economie moderne e, più specificamente, sembrano seguire regolarmente periodi di forte crescita. Questo modello si ripresenta con una coerenza impressionante, ma è inevitabile? In altre parole, le recessioni seguono necessariamente periodi di forte crescita economica? Le recessioni possono essere evitate o sono una caratteristica inevitabile di un’economia capitalistica moderna?

Cosa sono le recessioni?

“Recessione” è il titolo dato ad un periodo economico segnato da una crescita reale negativa, da un calo della produzione, da una depressione dei prezzi e da un aumento della disoccupazione, che spesso segue dopo un periodo di crescita economica particolarmente forte misurata da queste stesse variabili. Le recessioni sono caratterizzate da un insolito, simultaneo e ampio raggruppamento di errori aziendali, che alcuni economisti chiamano malinvestimenti.

Di fronte alla perdita finanziaria e al calo dei margini, le imprese ridimensionano la produzione o falliscono del tutto, e i manager aziendali (o i nuovi proprietari) riallocano le risorse legate ai progetti falliti a diversi usi. Durante il periodo di transizione, alcune di queste risorse dovranno essere rivalutate (in termini di prezzi dei beni, di valore delle attività, o nel caso della manodopera, di salari) e alcune rimarranno inattive per un certo periodo di tempo fino a quando non si troverà un nuovo utilizzo. Con il procedere di questo processo l’economia si riprende.

Come si crea una recessione?

La domanda da porsi per capire se questo processo di crescita-recessione-recupero della crescita è inevitabile è “cosa causa l’accumularsi di errori aziendali”? Perché le imprese non possono continuare a crescere e i prezzi degli attivi continuano a salire all’infinito? Nel corso degli anni gli economisti hanno sviluppato numerose spiegazioni per questi cluster di fallimenti aziendali.

Alcuni si basano su fattori psicologici. Queste spiegazioni evidenziano che le persone possono essere inclini a un eccessivo ottimismo e fiducia o a pessimismo e paura, portando alla propagazione e al collasso delle bolle di mercato e alle persistenti carenze della domanda aggregata. Alcune di queste cose possono anche essere riprodotte sperimentalmente in classe, simulazioni o esperimenti su scala molto limitata. Tali teorie sono molto popolari, ma in generale non riescono a spiegare come un cluster su larga scala di errori di business possa verificarsi tra i mercati e le classi di attività di un’intera economia, come accade durante una recessione.

Altre indicano gli shock economici, che sono eventi casuali come guerre o epidemie, che possono avere un impatto negativo sulla produzione, sulla domanda dei consumatori o sui costi dei beni e delle merci chiave in un’economia. Questo tipo di cose può certamente danneggiare le imprese in tutto il mondo e l’economia in una sola volta. Tuttavia non riescono a spiegare perché le recessioni sembrano verificarsi con una tale regolarità o perché seguono costantemente periodi di crescita particolarmente forte. Dopo tutto, gli shock economici sono per natura eventi casuali. Non c’è una ragione particolare per cui gli shock casuali seguano schemi come questi, che sono facilmente osservabili. Gli shock negativi casuali possono essere inevitabili, ma questo non dimostra perché i modelli osservati di boom-and-bust nell’economia dovrebbero essere inevitabili.

Altri ancora spiegano il ciclo ricorrente di crescita e recessione dell’economia in termini puramente finanziari. Spesso si tratta di errori da parte della banca centrale o dell’autorità monetaria che fornisce denaro all’economia. Forse troppa nuova moneta porta a un’inflazione eccessiva, ma troppo poca può portare a un inasprimento delle condizioni di credito e a default che portano alla deflazione del debito, ed è per questo che ci sono le recessioni. Tuttavia, queste teorie non riescono a spiegare perché le autorità monetarie dovrebbero sbagliare così tanto e con una regolarità così apparente da causare un ciclo di boom-and-bust dell’economia facilmente visibile. Essenzialmente queste teorie semplificano la domanda da “Perché si verificano cluster di gravi errori di business?” alla domanda “Perché dovrebbero verificarsi cluster di gravi errori delle banche centrali con una tale regolarità?

Ognuno di questi tipi di spiegazioni per il ciclo di crescita e di recessione che si può osservare nel corso dei decenni sembra avere un certo potere e forse un po’ di verità. Ma nessuna di queste dimostra che le recessioni sono inevitabili, o che un ciclo di espansione e contrazione dell’economia dovrebbe davvero esistere.

Spiegazione alternativa

Un’altra spiegazione alternativa per le recessioni viene dalla teoria austriaca del ciclo economico ABCT. Questa teoria prende in esame molti dei tipi di fattori discussi in precedenza. Si concentra su come la banca centrale e la politica monetaria interagiscono con gli eventi economici reali e sulla psicologia e gli incentivi che gli investitori, i produttori e i consumatori affrontano nell’economia. Osservando come tutte queste cose si relazionano tra loro, possiamo avere una visione più completa di come funzionano i cicli economici e se sono inevitabili o meno.

In ABCT, la causa principale delle recessioni è la creazione di nuova moneta sotto forma di prestiti e relativi depositi da parte del sistema bancario, noto come mezzo fiduciario di scambio. Le banche, e soprattutto le banche centrali, non lo fanno per un errore di calcolo della corretta politica monetaria, ma perché è il loro modello di business essenziale. Questo mette in moto una serie di malinvestimenti nell’economia, distorcendo gli incentivi degli investitori, dei consumatori e dei risparmiatori a favore degli investimenti e dei consumi finanziati dal debito e della contemporanea diminuzione del risparmio.

Questo crea un’illusione temporanea di un’economia forte mentre i prezzi e la spesa in tutta l’economia aumentano, ma poiché i piani degli investitori, dei consumatori e dei risparmiatori sono fondamentalmente in conflitto, questa illusione non può durare. I progetti di investimento delle imprese che in precedenza ci si aspettava fossero redditizi sotto l’illusione di incentivi distorti e l’esuberanza ottimistica del boom si rivelano alla fine un ammasso di errori.

Spesso questa rivelazione dell’ammasso di errori può essere in parte scatenata da qualche shock economico casuale, ma non necessariamente. I conflitti che sorgono quando gli investitori, i consumatori e i risparmiatori cercano di aumentare i consumi presenti e futuri, mentre la diminuzione del risparmio spesso si traduce in veri e propri vincoli e colli di bottiglia nelle catene di fornitura che possono assomigliare a shock economici casuali, anche se sono comunque sistematicamente causati dall’iniziale eccesso di emissione di nuova moneta e di credito. Questi portano al fallimento delle imprese, all’aumento della disoccupazione, alla deflazione del debito e a tutte le sofferenze economiche di una recessione.

Quindi le recessioni sono inevitabili?

Alla fine, una volta avviato il processo di boom artificiale dell’economia attraverso l’emissione di mezzi di comunicazione fiduciaria, allora il fallimento e la recessione che ne consegue sono davvero inevitabili. Ma questo non significa che le recessioni siano sempre e in generale inevitabili, se non dopo episodi di inopportuna creazione di nuova moneta e credito. Le recessioni non sono logicamente inevitabili in nessuna economia, ma dipendono dalle pratiche monetarie e dalle istituzioni che una società adotta.

Tuttavia, nel bene e nel male, tutte le economie moderne e capitalistiche includono sistemi bancari basati su prestiti a riserva frazionaria coordinati da banche centrali che emettono regolarmente e continuamente nuovi mezzi fiduciari nell’economia. Fino a quando questo sarà il caso, allora i cicli di boom-and-bust che regolarmente viviamo, come descritto da ABCT, saranno purtroppo inevitabili. Data l’ubiquità e la posizione radicata degli attuali accordi monetari, per il momento le recessioni sono solo parte integrante del funzionamento della nostra economia.