Come funziona una bolla speculativa
Bolle speculative americane
Come funziona una bolla speculativa
  • Post Category:Guide

A causa delle bolle dei prezzi delle azioni abbiamo avuto alcune delle più devastanti recessioni, tra cui quelle che gli Stati Uniti hanno affrontato nella loro storia. La bolla dei mercati azionari degli anni Venti, la bolla dei dot-com degli anni Novanta e la bolla immobiliare degli anni Duemila sono state bolle di asset finanziari, seguite da brusche recessioni economiche.

Le bolle speculative in borsa sono particolarmente devastanti per quei privati e quelle imprese che decidono di investire troppo tardi, cioè poco prima che la bolla scoppi. A questo proposito, queste bolle hanno una somiglianza con le truffe di Ponzi o le truffe a piramide. L’inevitabile collasso delle bolle degli asset spazza via il patrimonio netto degli investitori e fa fallire le imprese esposte, toccando potenzialmente una cascata di deflazione del debito e di panico finanziario che può diffondersi in altre parti dell’economia con il risultato di un periodo di maggiore disoccupazione e di minore produzione che caratterizza una recessione.

Come fa una bolla speculativa a portare alla recessione?

Una bolla speculativa si verifica quando il prezzo di un bene, come le azioni, le obbligazioni, gli immobili o le materie prime, sale ad un ritmo rapido senza che i fondamentali sottostanti, come una domanda altrettanto rapida, giustifichino l’impennata dei prezzi.

È normale vedere i prezzi salire e scendere nel tempo, mentre acquirenti e venditori scoprono e si muovono verso l’equilibrio in una serie di scambi successivi nel tempo. È normale vedere i prezzi superare (e sottovalutare) i prezzi implicati dai fondamentali della domanda e dell’offerta man mano che questo processo procede, e questo può essere ed è stato prontamente dimostrato dagli economisti in esperimenti controllati ed esercizi in classe.

Nei mercati reali, infatti, i prezzi possono sempre essere superiori o inferiori al prezzo di equilibrio implicito in un dato momento, mentre i fondamentali della domanda e dell’offerta cambiano nel tempo, mentre il processo di scoperta del prezzo è contemporaneamente in movimento. Tuttavia, vi è sempre la tendenza dei prezzi a cercare o a muoversi verso il prezzo di equilibrio implicito nel tempo, man mano che gli operatori del mercato acquisiscono esperienza e informazioni sui fondamentali del mercato e sulle serie di prezzi del passato.

Ciò che rende una bolla diversa è che i prezzi per una data classe di beni superano il prezzo di equilibrio implicito del mercato e rimangono costantemente alti e continuano persino a salire piuttosto che correggere verso i prezzi di equilibrio attesi. Questo accade a causa di un aumento dell’offerta di denaro e di credito che fluisce in quel mercato, il che dà agli acquirenti la possibilità di continuare a offrire prezzi sempre più alti.

Quando una banca centrale o un’altra autorità monetaria espande l’offerta di moneta e credito in un’economia, le nuove unità di moneta entrano sempre nell’economia in un determinato momento e nelle mani di specifici partecipanti al mercato, per poi diffondersi gradualmente man mano che la nuova moneta cambia di mano nelle transazioni successive. Nel corso del tempo questo fa sì che la maggior parte, o tutti i prezzi, si adeguino al rialzo, nel familiare processo di inflazione dei prezzi, ma questo non accade istantaneamente a tutti i prezzi.

I primi destinatari della nuova moneta sono quindi in grado di offrire prezzi al rialzo per i beni e i servizi che acquistano prima che i prezzi nel resto dell’economia aumentino. Questo fa parte del fenomeno economico noto come Effetto Cantillon. Quando l’attività di acquisto sul mercato si concentra su una specifica classe di beni economici in base alle circostanze del momento, allora i prezzi relativi di tali beni aumentano rispetto ad altri beni dell’economia. Questo è ciò che produce una bolla. I prezzi di questi beni non riflettono più solo le reali condizioni della domanda e dell’offerta rispetto a tutti gli altri beni dell’economia, ma sono spinti più in alto dall’Effetto Cantillon del nuovo denaro che entra nell’economia.

Come una palla di neve, una bolla di speculativa si alimenta di sé stessa. Quando il prezzo di un asset inizia a salire a un tasso sensibilmente superiore a quello del mercato, gli investitori opportunisti e gli speculatori fanno offerte ancora più alte. Questo porta a ulteriori speculazioni e ad ulteriori aumenti di prezzo non supportati dai fondamentali del mercato. L’aspettativa di un futuro apprezzamento dei prezzi nelle attività della bolla stessa spinge gli acquirenti ad offrire prezzi più alti. La conseguente inondazione di moneta e di investimenti nell’asset spinge il prezzo a livelli ancora più gonfiati.

I veri problemi cominciano quando la bolla prende così tanta velocità che la gente comune (di fatto gli ultimi destinatari del denaro appena creato, molti dei quali hanno poca o nessuna esperienza di investimento), se ne accorgono e decidono che anche loro possono trarre profitto dall’aumento dei prezzi.

A questo punto i prezzi in tutta l’economia hanno già cominciato a salire, poiché il nuovo denaro si è diffuso nell’economia per raggiungere le tasche di queste persone comuni. Poiché ora circola in tutta l’economia, il nuovo denaro non ha più il potere di continuare a spingere i prezzi relativi dei beni della bolla verso l’alto rispetto ad altri beni e attività.

I primi destinatari del nuovo denaro lo vendono ai ritardatari, realizzando profitti sovradimensionati.

Questi acquirenti tardivi, tuttavia, realizzano pochi o nessun guadagno, poiché la bolla dei prezzi si blocca per mancanza di nuovi soldi. La bolla dei prezzi non è più sostenibile senza ulteriori iniezioni di nuova moneta (o credito) da parte della banca centrale o dell’autorità monetaria. La bolla inizia quindi a sgonfiarsi.

Altri prezzi nell’economia stanno salendo per normalizzare i prezzi relativi degli asset della bolla e nessuna nuova moneta entra nell’economia per alimentare l’aumento del prezzo della bolla, entrambi i fattori che smorzano le aspettative di un futuro apprezzamento del prezzo della bolla. Gli acquirenti in ritardo sono delusi dai guadagni poco brillanti e l’ottimismo speculativo che ha amplificato l’aumento della bolla ora si inverte. I prezzi delle bolle cominciano a scendere verso quelli impliciti nei fondamentali di mercato.

La banca centrale o un’altra autorità monetaria può a questo punto cercare di continuare a gonfiare la bolla iniettando nuova moneta, e ripetere il processo sopra descritto, o dopo un periodo prolungato di iniezioni monetarie e inflazione della bolla può ridurre l’iniezione di nuova moneta per ridurre i prezzi al consumo e l’inflazione dei salari. A volte un vero e proprio shock economico, come un picco dei prezzi del petrolio, aiuta a innescare un taglio delle iniezioni monetarie.

Quando il flusso di nuova moneta si ferma, o addirittura rallenta in modo sostanziale, questo può causare lo scoppio della bolla. Questo fa precipitare i prezzi in caduta libera e crea scompiglio per i ritardatari, la maggior parte dei quali perde una grossa percentuale dei propri investimenti. Lo scoppio della bolla è anche la realizzazione finale dell’Effetto Cantillon, in quanto non solo un cambiamento dei prezzi relativi sulla carta, durante l’ascesa della bolla, ma un trasferimento su larga scala di ricchezza reale e di reddito dai ritardatari ai primi destinatari del denaro appena creato che ha dato inizio alla bolla.

Quando questo processo è guidato dal denaro nella sua forma moderna di moneta, costituita per lo più da credito a riserva frazionaria creato dalla banca centrale e dal sistema bancario, allora lo scoppio della bolla non solo induce perdite agli attuali detentori degli attivi della bolla, ma può anche portare ad un processo di deflazione del debito che si diffonde oltre a quelli esposti direttamente agli attivi della bolla ma anche a tutti gli altri debitori. Ciò significa che una bolla sufficientemente grande può far precipitare l’intera economia in recessione nelle giuste condizioni monetarie.

Esempi storici di bolle speculative

Le più grandi bolle speculative della storia recente sono state seguite da profonde recessioni. Il rovescio della medaglia è altrettanto vero: le crisi economiche più grandi e di più alto profilo negli Stati Uniti sono state precedute da bolle speculative. Mentre la correlazione tra le bolle e le recessioni è inconfutabile, gli economisti discutono la forza del rapporto di causa-effetto.

Molti sostengono che altri fattori economici possono contribuire alle recessioni, o che ogni recessione è così unica che le cause generali non possono essere realmente identificate. Alcuni economisti contestano persino l’esistenza di bolle, e sostengono che i grandi shock economici reali mettono l’economia in recessione di tanto in tanto, indipendentemente dai fattori finanziari, che le bolle dei prezzi e i crolli sono semplicemente la risposta ottimale del mercato al cambiamento dei fondamentali reali. Esiste tuttavia un accordo più ampio sul fatto che lo scoppio di una bolla ha avuto almeno un certo ruolo in ciascuna delle seguenti recessioni economiche.

La Bolla di Borsa degli anni ’20 / La Grande Depressione

Gli anni Venti del passato secolo sono iniziati con una profonda ma breve recessione che ha lasciato il posto a un prolungato periodo di espansione economica. La ricchezza sfarzosa, quella raffigurata ne “Il grande Gatsby” di F. Scott Fitzgerald, divenne un pilastro americano durante i ruggenti anni Venti. La bolla iniziò quando la Fed alleggerì le esigenze di credito e abbassò i tassi d’interesse nella seconda metà del 1921 fino al 1922, nella speranza di stimolare l’indebitamento, aumentare la massa monetaria e stimolare l’economia. Funzionò, ma troppo bene. I consumatori e le imprese iniziarono ad indebitarsi più che mai. A metà del decennio, c’erano in circolazione altri 500 milioni di dollari in più rispetto a cinque anni prima. Le politiche monetarie facili della Fed si estesero per gran parte degli anni ’20 e i prezzi delle azioni salirono vertiginosamente in seguito al flusso di nuova moneta nell’economia attraverso il sistema bancario.

L’eccesso degli anni ’20 è stato divertente finché è durato, ma tutt’altro che sostenibile. Nel 1929 cominciarono a comparire delle crepe nella facciata. Il problema era che il debito aveva alimentato troppo la stravaganza del decennio. Gli investitori, il pubblico in generale e le banche divennero alla fine scettici sul fatto che la continua estensione del nuovo credito potesse durare per sempre, e cominciarono a tagliare per proteggersi da eventuali perdite speculative. Gli investitori esperti, quelli sintonizzati sull’idea che i bei tempi stavano per finire, iniziarono a trarre profitto. Hanno bloccato i loro guadagni, anticipando un imminente declino del mercato.

In breve tempo, un massiccio sell-off ha preso il sopravvento. La gente e le imprese cominciarono a ritirare i loro soldi a un ritmo tale che le banche non avevano il capitale disponibile per soddisfare le richieste. La deflazione del debito è iniziata nonostante i tentativi della Fed di reinventare il debito.

Il rapido peggioramento della situazione culminò con il crollo del 1929, che vide l’insolvenza di diverse grandi banche a causa di corse agli sportelli.

Il crollo e la conseguente Grande Depressione, ancora oggi è conosciuta come la peggiore crisi economica della storia moderna americana. Mentre gli anni ufficiali della Depressione andavano dal 1929 al 1939, l’economia non si riprese a lungo termine fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale nel 1945. E probabilmente proprio la guerra servì per innalzare l’inflazione e far sì che il debito pesasse meno.

La Bolla Dot-Com degli anni ’90 e la recessione dell’inizio del 2000

Nel 1990 le parole Internet, Web e online non esistevano nemmeno nel lessico comune. Nel 1999, hanno dominato l’economia. L’indice Nasdaq, che tiene traccia delle azioni basate principalmente sulla tecnologia, all’inizio degli anni Novanta era inferiore a 500. Al volgere del secolo, ha superato i 5.000.

Nel 1995, la Fed ha iniziato ad allentare la politica monetaria per sostenere il salvataggio governativo dei detentori di obbligazioni messicane in risposta alla crisi del debito messicano. La crescita della massa monetaria statunitense ha subito una rapida accelerazione, passando da meno dell’1% all’anno a oltre il 5%, quando la Fed ha iniziato ad iniettare nuove riserve nel sistema bancario, raggiungendo un picco di oltre l’8% all’inizio del 1999. Il nuovo credito liquido che la Fed ha aggiunto all’economia ha cominciato a confluire nel settore tecnologico emergente. Con il calo dei tassi d’interesse da parte della Fed a partire dal 1995, il Nasdaq ha iniziato a decollare, Netscape ha lanciato la sua IPO, e la bolla delle dot-com è iniziata.

Internet ha cambiato il modo in cui il mondo vive e fa affari. Molte aziende robuste si sono lanciate durante la bolla delle dot-com, come Google, Yahoo e Amazon.

Lasciando da parte le aziende che hanno avuto successo e che avevano basi solide, come le appena citate, molte aziende nate in quegli anni non avevano una visione a lungo termine, non c’era innovazione e spesso non c’era nessun prodotto. Queste aziende hanno comunque attirato milioni di dollari di investimenti, molti riuscendo addirittura a diventare pubbliche senza mai rilasciare un prodotto sul mercato.

Mentre le pressioni sui salari e sui prezzi al consumo aumentavano in un’ondata di liquidità destinata a combattere gli effetti travolgenti del bug del millennium bug, la Fed ha iniziato a tagliare la crescita della massa monetaria e ad aumentare i tassi d’interesse all’inizio del 2000. Questo ha fatto esplodere la mania alimentata dalla Fed del boom tecnologico.

Una svendita del Nasdaq nel marzo 2000 ha segnato la fine della bolla delle dot-com. La recessione che ne è seguita è stata relativamente superficiale per l’economia in generale, ma devastante per l’industria tecnologica. La Bay Area in California, sede della Silicon Valley, dove si trova la Silicon Valley tecnologica, ha visto i tassi di disoccupazione raggiungere i livelli più alti degli ultimi decenni.

La bolla immobiliare degli anni 2000 / La Grande Recessione

Molti fattori si sono allineati per produrre la bolla immobiliare degli anni 2000. I maggiori sono stati l’espansione monetaria che ha portato a bassi tassi d’interesse e a un notevole allentamento degli standard di prestito. Dal 2000 alla metà del 2004 la Fed ha abbassato il tasso d’interesse, con l’obiettivo di portarlo ai successivi minimi storici, e la massa monetaria è cresciuta in media del 6,5% all’anno. Le politiche edilizie federali sotto il titolo generale della “Società di proprietà”, sostenuta dal Presidente Bush, hanno contribuito a spingere il credito appena creato nel settore immobiliare, e la deregolamentazione del settore finanziario ha permesso la moltiplicazione di nuovi prodotti esotici di mutuo per la casa e di derivati del credito basati su di essi.

Mentre la febbre della casa si diffondeva come una conflagrazione, i mutuanti, in particolare quelli dell’area ad alto rischio nota come subprime, iniziarono a competere tra loro su chi poteva allentare gli standard più rilassanti e attrarre gli acquirenti più rischiosi. Un prodotto di prestito che meglio incarna il livello di follia raggiunto dai mutuanti subprime a metà degli anni 2000 è il prestito NINJA: per l’approvazione non sono stati richiesti né reddito, né lavoro, né verifica patrimoniale.

Per gran parte degli anni 2000, ottenere un mutuo è stato più facile che ottenere l’approvazione per l’affitto di un appartamento. Di conseguenza, la domanda di immobili è aumentata. Agenti immobiliari, costruttori, banchieri e mediatori di mutui si divertivano abbondantemente, facendo mucchi di soldi con molta facilità.

Come ci si può aspettare, una bolla alimentata in gran parte dalla pratica di prestare centinaia di migliaia di dollari a persone incapaci di dimostrare di avere un patrimonio o addirittura un lavoro era insostenibile. In alcune parti del Paese, come in Florida e a Las Vegas, i prezzi delle case hanno cominciato a scendere già nel 2006. Nel 2008, l’intero Paese era in pieno tracollo economico. Le grandi banche, tra cui la storica Lehman Brothers, sono diventate insolventi, a causa dell’accumulo di troppi soldi in titoli garantiti dai suddetti mutui subprime. I prezzi delle case sono crollati di oltre il 50% in alcune aree. La Grande Recessione che ne è derivata avrebbe fatto crollare i mercati di tutto il mondo, avrebbe fatto perdere molti milioni di posti di lavoro e avrebbe rimodellato in modo permanente la struttura dell’economia.