Cosa causa una recessione?
La recessione ai tempi del Covid
Cosa causa una recessione?
  • Post Category:Guide

“Un calo significativo dell’attività economica diffusa in tutta l’economia, che dura più di qualche mese, normalmente visibile nel Prodotto Interno Lordo (PIL) reale, nel reddito reale, nell’occupazione, nella produzione industriale e nelle vendite al dettaglio all’ingrosso”

National Bureau of Economic Research

Una recessione avviene anche quando le imprese cessano di espandersi, il PIL diminuisce per due trimestri consecutivi, il tasso di disoccupazione aumenta e i prezzi delle abitazioni diminuiscono.

La natura e le cause delle recessioni sono al tempo stesso ovvie e incerte. Le recessioni sono in sostanza un insieme di fallimenti aziendali che si realizzano simultaneamente. Le imprese sono costrette a ridistribuire le risorse, a ridimensionare la produzione, a limitare le perdite e, di solito, a licenziare i dipendenti. Queste sono le cause chiare e visibili delle recessioni. Ci sono diversi modi per spiegare cosa causa un cluster generale di fallimenti aziendali, perché vengono improvvisamente realizzati nello stesso momento e come possono essere evitati. Gli economisti non sono d’accordo sulle risposte a queste domande e sono state proposte diverse teorie.

Segni macroeconomici e microeconomici di una recessione

La definizione macroeconomica standard di recessione è due trimestri consecutivi di crescita negativa del PIL reale. L’attività privata, che era in espansione prima della recessione, ridimensiona la produzione e cerca di limitare l’esposizione al rischio sistematico. È probabile che i livelli misurabili di spesa e di investimento diminuiscano e che si verifichi una naturale pressione al ribasso dei prezzi con il crollo della domanda aggregata. Il PIL diminuisce e i tassi di disoccupazione aumentano perché le aziende licenziano i lavoratori per ridurre i costi.

A livello microeconomico, le imprese sperimentano margini in calo durante la recessione. Quando i ricavi, sia delle vendite che degli investimenti, diminuiscono, le imprese cercano di ridurre le loro attività meno efficienti. Un’azienda potrebbe smettere di produrre prodotti a basso margine o ridurre le retribuzioni dei dipendenti. Potrebbe anche rinegoziare con i creditori per ottenere uno sgravio temporaneo degli interessi. Purtroppo, il calo dei margini spesso costringe le aziende a licenziare i dipendenti meno produttivi.

Cause generali delle recessioni

In generale, le principali teorie economiche della recessione si concentrano su fattori finanziari, psicologici ed economici reali che possono portare alla cascata di fallimenti aziendali che costituiscono una recessione. Alcune teorie guardano alle tendenze economiche a lungo termine che gettano le basi per la recessione negli anni che la precedono, e alcune guardano solo ai fattori immediatamente visibili che appaiono all’inizio di una recessione. Molti, o tutti questi vari fattori possono essere in gioco in una determinata recessione.

I fattori finanziari possono sicuramente contribuire alla caduta di un’economia in recessione, come abbiamo scoperto durante la crisi finanziaria statunitense. La sovraestensione del credito e del debito sui prestiti a rischio e sui mutuatari marginali può portare a un enorme accumulo di rischio nel settore finanziario. L’espansione dell’offerta di denaro e credito nell’economia da parte delle Banche centrali e del settore bancario in generale può portare questo processo agli estremi, stimolando bolle dei prezzi delle attività a rischio. E quando la musica si ferma le ripercussioni possono abbattersi sull’economia reale.

Ancora peggio, i tassi di interesse artificialmente soppressi durante il periodo del boom che ha portato alla recessione possono distorcere la struttura delle relazioni tra imprese e consumatori, rendendo i progetti di business, gli investimenti e le decisioni di consumo sensibili ai tassi di interesse, come la decisione di acquistare una casa più grande o di avviare una rischiosa espansione commerciale a lungo termine, sembrano essere molto più attraenti di quanto dovrebbero essere. Il fallimento finale di queste decisioni, quando i tassi aumentano per riflettere la realtà, costituisce una componente importante dell’ondata di fallimenti aziendali che compongono una recessione.

I fattori psicologici sono spesso citati dagli economisti anche per il loro contributo alla recessione. L’eccessiva esuberanza degli investitori durante gli anni del boom che portano l’economia al suo apice, e il pessimismo reciproco che si instaura dopo un crollo del mercato al minimo amplificano gli effetti dei fattori economici e finanziari reali man mano che il mercato oscilla. Inoltre, poiché tutte le azioni e le decisioni economiche sono sempre in una certa misura lungimiranti, le aspettative soggettive degli investitori, delle imprese e dei consumatori sono sempre coinvolte nell’inizio e nella diffusione di una recessione economica.

Anche i cambiamenti reali dei fondamentali economici, al di là dei conti finanziari e della psicologia degli investitori, contribuiscono in modo determinante alla recessione. Alcuni economisti spiegano le recessioni solo come risultato di veri e propri shock economici, come le interruzioni delle catene di fornitura, e i danni che possono causare a una vasta gamma di imprese. Gli shock che hanno un impatto su settori chiave come l’energia o i trasporti possono avere effetti talmente diffusi da indurre molte aziende in tutta l’economia a ridurre e annullare i piani di investimento e di assunzione contemporaneamente, con effetti a catena sui lavoratori, sui consumatori e sul mercato azionario.

Alcuni fattori economici reali possono anche essere legati ai mercati finanziari. Poiché i tassi di interesse di mercato non rappresentano solo il costo della liquidità finanziaria per le imprese, ma anche le preferenze temporali dei consumatori, dei risparmiatori e degli investitori per i consumi presenti e futuri, la soppressione artificiale dei tassi di interesse da parte di una banca centrale durante gli anni del boom prima di una recessione distorce non solo i mercati finanziari, ma anche le decisioni reali di business e di consumo.

A loro volta, le reali preferenze dei consumatori, dei risparmiatori e degli investitori pongono dei limiti a quanto possa procedere un tale boom artificialmente stimolato. Questi si manifestano come reali vincoli economici alla crescita continua, sotto forma di carenze del mercato del lavoro, colli di bottiglia nella catena di fornitura e picchi nei prezzi delle materie prime (che portano all’inflazione) quando non si possono mettere a disposizione risorse reali sufficienti per sostenere tutti i piani di investimento aziendali sovrastimolati basati su politiche di facile gestione del denaro. Una volta che questi si sono messi in moto, inizia un’ondata di fallimenti aziendali a fronte dell’aumento dei costi di produzione e l’economia si avvia verso la recessione.

Alcune cause della recessione in corso

Anche se non è stata ancora dichiarata una recessione ufficiale, l’economia si sta chiaramente muovendo in quella direzione. Una delle cause principali è ovviamente evidente nel vero e proprio shock economico del diffuso sconvolgimento delle catene di fornitura globali e nazionali e dei danni diretti alle imprese di tutti i settori, dovuto all’epidemia di Covid-19 e alla risposta sanitaria pubblica. Sia l’impatto dell’epidemia che la paura e l’incertezza che la circonda sono importanti.

Ma una delle principali cause di fondo è anche l’eccessiva estensione delle catene di fornitura, l’eccesso di investimenti in attività marginali, le scorte sottili e i fragili modelli di business che sono diventati la norma nel corso del decennio di tassi di interesse estremamente bassi e di politica monetaria da parte delle banche centrali di tutto il mondo, e in particolare della Federal Reserve, dopo l’ultima recessione. Le profonde distorsioni nel business, negli investimenti e nel comportamento dei consumatori, che entro il 2020 sono diventati tutti completamente dipendenti da un flusso infinito di denaro facile, hanno posto le basi per la devastazione economica che è attualmente in corso, lasciando l’economia con zero margine di resilienza per ammortizzare gli shock economici negativi.

Ciò era diventato chiaro già nel 2018 e nel 2019, quando la diffusa carenza di personale necessario e le condizioni generalmente rigide del mercato del lavoro si sono fatte sentire e hanno spinto la Fed a rallentare leggermente l’espansione del denaro e del credito. Il mercato azionario è crollato e indicatori di punta come la curva dei rendimenti hanno rapidamente iniziato a lampeggiare segnali di allarme di imminente recessione. Una sfida seria come quella rappresentata da Covid-19 e dai blocchi associati negli ultimi mesi, le ricadute economiche sono state anni in corso. L’economia era seduta su una polveriera, e Covid-19 è stato un fiammifero.