Azioni su Internet of Things, quali scegliere e come investire
Internet of Things
Azioni su Internet of Things, quali scegliere e come investire
  • Post category:Guide

I computer e gli smartphone non sono gli unici dispositivi che si collegano a Internet. Oggetti di uso quotidiano come lampadine, televisori, grandi elettrodomestici e persino campanelli sono sempre più dotati di connettività internet. L’Internet degli oggetti (Internet of Things – IoT) comprende tutti questi dispositivi e oggetti, tutti in comunicazione tra loro e con i centri dati su Internet. Ne avevamo già parlato, analizzando i big del settore, cioè quelle multinazionali che hanno piedi radicati in ogni mercato. Ma l’IoT non è composto solo da Apple, Google ed Amazon, anzi, sono proprio le piccole aziende che costituiscono la rete nevralgica di questo nuovo mercato.

Investire in Internet of Things è difficile perché molte aziende sono coinvolte nei vari aspetti, comprese quelle che producono o forniscono:

  • Dispositivi di consumo come i tracker per il fitness, le telecamere di sicurezza collegate e gli altoparlanti intelligenti
  • Sensori, chip e altro hardware che serve per il mercato industriale e commerciale
  • Piattaforme software per la gestione dei dispositivi IoT
  • Servizi di cloud computing per la potenza di elaborazione necessaria a far girare tutti i dati che i dispositivi IoT generano

La pandemia COVID-19 ha complicato ulteriormente le cose. Dal punto di vista dei consumatori, la recessione dovuta alla pandemia metterà sotto pressione le vendite di gadget e dispositivi. Sul lato commerciale, le chiusure temporanee di attività, i fallimenti causati dalla pandemia e la prudenza generale sulla spesa in un contesto economico incerto potrebbero mettere sotto pressione la domanda di IoT.

Nonostante la pandemia, la storia a lungo termine rimane brillante. Molte aziende si stanno concentrando sull’internet degli oggetti, perché l’IoT è un business in crescita. IDC stima che la spesa totale per la tecnologia e i servizi dell’IoT di consumo e industriali supererà i 1.000 miliardi di dollari entro il 2022, crescendo a un tasso a due cifre. Si tratta di una torta enorme, e si sta espandendo rapidamente, anche se questa stima potrebbe ora essere troppo ottimistica data la pandemia.

Ci sono molti modi per investire nell’Internet of Things. Qui ci sono cinque opzioni, che vanno da un gigante tecnologico di provata efficacia a piccole aziende pure-play, passando per il più grande eCommerce al mondo.

AziendaTickerDescrizione
Cisco SystemsNASDAQ:CSCOIl fornitore leader di hardware di rete aziendale nell’occidente
Alarm.comNASDAQ:ALRMPiattaforma basata sul cloud per la gestione dei dispositivi domestici e aziendali connessi
DexcomNASDAQ:DXCMUn produttore di dispositivi medici per il monitoraggio del glucosio
ImpinjNASDAQ:PIUn produttore di prodotti per l’identificazione a radiofrequenza (RFID)
Global X IoT ETFNASDAQ:SNSRUn fondo quotato in borsa che comprende una vasta gamma di aziende IoT
NXP SemiconductorsNASDAQ:NXPIRealizza diversi prodotti che hanno applicazioni nello spazio IOT (sensori, interfacce, ecc)
Analog DevicesNASDAQ:ADILe loro tecnologie supportano lo sviluppo dei prodotti IOT
Orion Energy SystemsNASDAQ:OESXRealizza soluzioni di illuminazione a LED che utilizzano controlli intelligenti
Arlo TechnologiesNYSE:ARLOTelecamere di sicurezza wireless che utilizzano la tecnologia IOT
Breve lista di aziende impegnate nel mercato IoT

Alarm.com

Mentre Cisco vale oltre 150 miliardi di dollari, il fornitore di software cloud Alarm.com è valutato solo pochi miliardi di dollari. Le sue piccole dimensioni lo rendono più rischioso del gigante della tecnologia, ma l’azienda ha un grande potenziale di crescita.

Alarm.com fornisce una piattaforma software basata sul cloud per la gestione di una casa o di un’azienda collegata. Gli abbonati utilizzano il software per gestire dispositivi abilitati a Internet, tra cui telecamere di sicurezza, luci, serrature, termostati e una serie di altri prodotti supportati.

Alarm.com collabora con i fornitori di servizi per vendere la sua piattaforma a consumatori e aziende. L’azienda lavora attualmente con oltre 9.000 fornitori di servizi e conta più di 6,8 milioni di abbonati. Le entrate sono aumentate del 19% nel 2019, raggiungendo i 502,4 milioni di dollari, e la società è stata redditizia.

Alarm.com prevede che il mercato globale della sicurezza intelligente crescerà fino a 21 miliardi di dollari entro il 2022, espandendosi del 24% all’anno. Con solo una piccola parte delle case che attualmente utilizzano la piattaforma di Alarm.com, l’azienda IoT ha una lunga pista di crescita.

La pandemia ha creato alcune sfide. Le linee guida di distanziamento sociale hanno portato molti dei partner fornitori di servizi di Alarm.com ad avere problemi nella vendita e nell’installazione dei sistemi. L’azienda ha visto diminuire i tassi di installazione una volta che gli ordini di permanenza a casa sono stati effettuati, e si prevede che il recupero richiederà molti mesi.

Alarm.com potrebbe anche sentire un po’ di dolore per il fallimento di alcuni dei suoi clienti commerciali. Le piccole imprese sono particolarmente colpite dalle recessioni, e la recessione attuale può essere lunga e dolorosa se la pandemia non può essere portata sotto controllo.

I prossimi due anni potrebbero essere duri per Alarm.com, ma è improbabile che la tendenza delle case intelligenti venga uccisa dalla pandemia.

Dexcom

Dexcom si concentra sulla gestione del diabete, in particolare sui dispositivi medici per il monitoraggio continuo del glucosio. Il sistema G6 dell’azienda comprende un auto-applicatore, un sensore e un trasmettitore e un ricevitore touchscreen che visualizza in tempo reale i dati sul glucosio. Per la visualizzazione dei dati possono essere utilizzati anche smartphone e smartwatch compatibili.

Il numero di persone negli Stati Uniti con diabete diagnosticato è cresciuto da 1,58 milioni nel 1958 a 23,35 milioni nel 2015.

La combinazione di tassi crescenti di diabete e il passaggio al monitoraggio continuo del glucosio darà a Dexcom molte opportunità di crescita nei prossimi anni. Nel 2019, il fatturato di Dexcom è cresciuto del 43% fino a 1,48 miliardi di dollari.

Durante la pandemia da Covid l’azienda ha beneficiato del passaggio alla telemedicina, ma si aspetta anche un impatto negativo sull’acquisizione di nuovi pazienti.

Le persone con condizioni mediche sottostanti, tra cui il diabete di tipo 2, sono a più alto rischio di sviluppare gravi casi di COVID-19. Mentre la pandemia può gettare una chiave di volta nella crescita a breve termine di Dexcom, potrebbe anche spingere più persone a rivolgersi al monitoraggio continuo del glucosio nel lungo periodo.

Dexcom è un titolo costoso in rapporto alle sue entrate, valutate a più di 35 miliardi di dollari. Ma per chi è disposto ad assumersi qualche rischio per acquisire esposizione sia all’internet degli oggetti che all’assistenza sanitaria, è uno stock da prendere in considerazione.

Orion Energy Systems

Orion Energy Systems realizza soluzioni di illuminazione a LED che utilizzano controlli intelligenti. Fornisce soluzioni di illuminazione sia per interni che per esterni, oltre che per la manutenzione.

Tali prodotti di illuminazione utilizzano la tecnologia IOT per risparmiare energia. Utilizzano sensori per accendersi e spegnersi automaticamente e possono integrarsi con altre tecnologie aziendali. I prodotti Orion aiutano i consumatori ad abbassare le bollette energetiche e ad essere più rispettosi dell’ambiente.

Con la tendenza mondiale a rispettare l’ambiente, sia per questioni normative (come le quote verdi) sia per questioni morali, Orion sembra sulla pista di lancio per riuscire ad avere un futuro roseo.

Impinj

Impinj è il più piccolo titolo di questa lista, valutato ben al di sotto di 1 miliardo di dollari. L’azienda è specializzata in soluzioni che prevedono l’identificazione a radiofrequenza, o RFID.

I tag RFID di Impinj sono utilizzati da rivenditori, produttori e aziende di logistica per tracciare l’inventario e i beni.

Il mercato dei prodotti RFID, inclusi tag, lettori, software e servizi, valeva 11 miliardi di dollari nel 2018, secondo IDTechEx, e si prevede che crescerà fino a 13,4 miliardi di dollari entro il 2022. La vendita al dettaglio di abbigliamento è finora uno dei più grandi mercati per volume della tecnologia RFID, con circa 8 miliardi di etichette RFID utilizzate nel 2018 per etichettare i capi d’abbigliamento.

I retailer di abbigliamento sono stati duramente colpiti dalla pandemia, con molti negozi costretti a chiudere i battenti durante i lockdown. In futuro, l’avversione a visitare i negozi e la riduzione della spesa per l’abbigliamento potrebbero far fallire alcuni rivenditori di abbigliamento.

Questo è ovviamente un problema per Impinj, e danneggerà i risultati dell’azienda. Ma Impinj ha ancora alcune opportunità di crescita create dal passaggio all’e-commerce. Mentre la maggior parte dei mercati finali dell’azienda non si presentava bene in aprile, tra i punti luminosi c’erano il retail omnicanale, la supply chain e la logistica.

Impinj stima che solo lo 0,1% degli articoli collegabili sono oggi collegati. Nel lungo periodo, trilioni di oggetti di consumo, che vanno dall’imballaggio alimentare ai pneumatici, potrebbero essere rintracciati utilizzando la tecnologia RFID. Ogni endpoint RFID costa solo pochi centesimi, rendendo la tecnologia economica per una vasta gamma di casi d’uso.

Impinj è una piccola azienda, con appena 152,8 milioni di dollari di fatturato nel 2019. Ha spedito oltre 30 miliardi di endpoint RFID nel corso della sua vita, e questo numero potrebbe aumentare notevolmente nei prossimi anni. Impinj è tutt’altro che un investimento sicuro, ma è un’azienda da tenere d’occhio nello spazio IoT.

Cisco Systems

Cisco Systems è il fornitore leader di hardware di rete aziendale. Poiché i suoi prodotti costituiscono la spina dorsale di Internet, il gigante della tecnologia trae vantaggio dall’esplosione dei dispositivi abilitati a Internet.

Cisco vende hardware di rete progettato per gestire un gran numero di dispositivi collegati, compresi prodotti robusti e durevoli destinati ad applicazioni industriali. Dal punto di vista del software, Cisco fornisce la piattaforma Cisco Kinetic e altri strumenti per la gestione dei dati e dei dispositivi IoT.

Cisco è anche una delle maggiori aziende di sicurezza informatica. L’azienda offre hardware, software e servizi volti a mettere in sicurezza tutte le reti contro le minacce, comprese quelle rivolte in modo specifico ai sistemi di IoT.

Cisco è un mezzo a basso rischio per investire nell’internet degli oggetti. L’azienda è estremamente redditizia, avendo generato un utile netto rettificato di 13,8 miliardi di dollari su un fatturato di 51,7 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2019. Cisco è sensibile alle condizioni economiche globali, dato che la sua base clienti comprende molte grandi aziende, organizzazioni e governi, ma investire in azioni è un buon modo per ottenere un’esposizione all’internet degli oggetti senza correre grossi rischi.

Questa sensibilità alle condizioni economiche si sta manifestando durante la pandemia, con l’azienda che sta vivendo una pausa nella domanda da parte di alcuni clienti che si trovano ad affrontare l’incertezza economica. Questo ha messo sotto pressione le vendite di Cisco, ma la storia a lungo termine non è cambiata. Quando questa crisi sarà passata, Cisco rimarrà dominante come sempre.

Arlo Technologies

Arlo Technologies produce telecamere di sicurezza wireless che utilizzano la tecnologia IOT. Si tratta di una delle migliori azione di IoT a prezzi accessibili al momento.

I prodotti Arlo includono telecamere di sicurezza, baby camera, campanelli video e altro ancora. Utilizzano il WiFi per connettersi con un’applicazione per smartphone. Arlo utilizza sensori per rilevare persone, animali e oggetti per notifiche più accurate.

NXP Semiconductors

Questa azienda olandese realizza diversi prodotti che hanno applicazioni nello spazio IOT. Questi includono sensori, interfacce, strumenti di connettività wireless e strumenti di sicurezza. Questi prodotti sono utilizzati anche nell’industria automobilistica.

Come suggerisce il nome, NXP è specializzata in semiconduttori. I chip a semiconduttore sono realizzati con materiali che conducono l’elettricità. Questi chip sono utilizzati in molti dei dispositivi elettronici essenziali su cui facciamo affidamento oggi.

NXP ha registrato forti ricavi nell’ultimo anno. Nonostante la pandemia con relativi lockdown, NXP continua a registrare numeri forti.

Con il ritorno della vita in Cina alle condizioni pre-pandemiche, possiamo aspettarci di vedere aumentare la domanda sia di prodotti IOT che di prodotti automobilistici. Questo può continuare a spingere in avanti il valore di NXP.

I prodotti di NXP sono particolarmente importanti per lo sviluppo dell’IOT nelle automobili. La domanda di automobili è relativamente bassa al momento, ma si prevede che tornerà alla normalità man mano che la pandemia globale comincerà a rallentare.

Poiché NXP è parte integrante del progresso della tecnologia automobilistica, questa è una buona azione IOT da acquistare a lungo termine.

Analog Devices

Analog Devices è un’azienda con sede negli Stati Uniti che produce tecnologia di elaborazione dei segnali e soluzioni per l’analisi dei dati. Le loro tecnologie supportano lo sviluppo di prodotti IOT, sia per i consumatori che per le imprese.

I circuiti prodotti da Analog Devices sono utilizzati in tecnologie di molti settori diversi. I loro circuiti elaborano gli input sensoriali, come il movimento, la luce e il suono.

Nonostante le sfide di quest’anno, Analog Devices ha sviluppato forti partnership con i clienti. Mentre continuano ad espandere la loro base di clienti, i loro prodotti saranno utilizzati in soluzioni IOT più innovative.

Analog Devices è una delle molte aziende tecnologiche posizionate per realizzare guadagni con l’aumento della domanda di soluzioni IOT. Le azioni sono già stabili a prezzi pre-pandemici.

Global X IoT ETF

Se la scelta di singoli titoli non fa per voi, potete comunque acquisire un’esposizione all’internet degli oggetti investendo nel fondo quotato Global X Internet of Things. Questo ETF detiene posizioni in decine di società collegate all’internet degli oggetti; Dexcom rappresenta la sua maggiore partecipazione. Tra le altre figurano aziende di semiconduttori che producono chip per i dispositivi dell’internet degli oggetti, aziende che producono i dispositivi stessi e giganti della tecnologia come Cisco e IBM.

L’utilizzo di questo ETF per investire su IoT offre una certa esposizione ai titoli più rischiosi che potrebbero salire nei prossimi anni, fornendo al tempo stesso una diversificazione sufficiente a proteggere l’utente nel caso in cui uno di questi titoli si rivelasse un fallimento. La diversificazione può essere particolarmente importante visti i rischi posti dalla pandemia.

Un settore in crescita a lungo termine

È chiaro che nei prossimi anni un numero sempre maggiore di oggetti di uso quotidiano si collegherà a internet. Applicazioni come la sicurezza domestica, il tracciamento dei dispositivi e la gestione delle malattie croniche offriranno molte opportunità di crescita per un’ampia varietà di aziende.