Cosa è il NASDAQ Composite
NASDAQ
Cosa è il NASDAQ Composite
  • Post Category:Guide

Il Nasdaq Composite Index è l’indice ponderato per la capitalizzazione di mercato di oltre 2.500 azioni ordinarie quotate alla borsa valori del Nasdaq.

I tipi di titoli presenti nell’indice includono American Depositary Receipt, azioni ordinarie, fondi comuni d’investimento immobiliare (REIT) e azioni di monitoraggio, oltre a partecipazioni in società a responsabilità limitata. L’indice include tutte le azioni quotate al Nasdaq che non sono derivati, azioni privilegiate, fondi, fondi scambiati (ETF) o titoli obbligazionari.

Il Nasdaq Composite non è limitato alle società che hanno la sede centrale negli Stati Uniti, il ché lo distingue da una serie di altri indici.

Metodologia del Nasdaq Composite

Il Nasdaq Composite Index utilizza una metodologia di ponderazione della capitalizzazione di mercato. Il valore dell’indice è uguale al valore totale delle ponderazioni azionarie di ciascuno dei titoli costitutivi, moltiplicato per l’ultimo prezzo di ciascun titolo. Questo totale viene poi corretto dividendo per un divisore dell’indice, che scala il valore a una cifra più appropriata ai fini della rendicontazione. L’indice viene calcolato in modo continuo per tutta la giornata di negoziazione, ma viene riportato una volta al secondo e il valore finale confermato viene riportato alle 16:16 di ogni giorno di negoziazione.

Vengono calcolate due versioni dell’indice Nasdaq Composite Index: un indice di ritorno del prezzo e un indice di ritorno totale. L’indice total return include il reinvestimento dei dividendi in contanti sui rispettivi dividendi ex date. Entrambe le versioni dell’indice includono distribuzioni in contanti senza dividendi. Periodicamente entrambe le versioni dell’indice vengono sincronizzate.

Le variazioni di prezzo dovute ad azioni societarie come i frazionamenti azionari, i dividendi azionari o gli scorpori vengono effettuati alla data di chiusura dell’azione. Le variazioni del totale delle azioni in circolazione a causa di elementi quali conversioni, riacquisti di azioni, offerte secondarie o acquisizioni sono di solito effettuate la notte prima della data di entrata in vigore dell’azione.

I requisiti di ammissibilità per l’indice sono rivisti nel corso dell’anno. Un titolo che non soddisfa i requisiti di idoneità può essere rimosso in qualsiasi momento, di solito al suo ultimo prezzo di vendita.

Criteri di ammissibilità del Nasdaq Composite

Per poter essere inserito nell’indice Nasdaq Composite Index, il titolo deve essere quotato esclusivamente sul mercato azionario del Nasdaq (a meno che il titolo non sia stato quotato su un altro mercato statunitense prima del 1° gennaio 2004 e abbia mantenuto tale quotazione in modo continuativo).

Il tipo di titolo deve essere uno dei seguenti:

  • American Depositary Receipt (ADR)
  • Azioni ordinarie
  • Partecipazioni in accomandita semplice
  • Fondi comuni d’investimento immobiliare (REIT)
  • Azioni di Interesse Benefico (SBI)
  • Tracking Stocks

I tipi di titoli non ammissibili sono i fondi chiusi, le obbligazioni convertibili, i fondi negoziati in borsa, le azioni privilegiate, i diritti, i warrant, le quote e altri titoli derivati. Un titolo viene rimosso dall’indice composito se i criteri di ammissibilità non sono più soddisfatti.

Composizione del Nasdaq Composite

A metà marzo 2020, i pesi dei singoli titoli del Nasdaq Composite Index sono i seguenti: tecnologia al 48,39%, servizi al consumo al 19,43%, sanità al 10,21%, finanza al 7,21%, industria al 6,85%, beni di consumo al 5,51%, utilities allo 0,81%, telecomunicazioni allo 0,72%, petrolio e gas allo 0,55% e materiali di base allo 0,32%.

Diventa inutile e complesso riportare tutte le azioni (o anche un esempio di esse) poiché si tratta, come già più volte detto, di tutti i titoli che rispettano i criteri di ammissione e quotati sul Nasdaq.

Storia dell’indice Nasdaq Composite

L’indice è stato lanciato nel 1971, con un valore di partenza di 100. Nel corso degli anni, l’indice è salito enormemente nonostante i molteplici periodi di declino.

Boom e crisi della Dot-com

Il 17 luglio 1995 l’indice ha chiuso per la prima volta sopra i 1.000 punti. Negli anni successivi ha registrato guadagni costanti fino a raggiungere i 2.000 punti nel 1998, poi ha iniziato ad accelerare in modo significativo. Questo processo si è sviluppato alla fine del 1999. L’indice ha chiuso quell’anno a 4.069,31 punti. Il 10 marzo 2000, l’indice ha finalmente raggiunto il picco massimo intragiornaliero di 5.132,52 e ha chiuso a un massimo storico di 5.048,62. Da quel momento è iniziato il crollo che l’ha portato a 3.227 entro il 17 aprile e nei 30 mesi successivi è sceso del 78% dal suo picco.

Il declino da questo picco ha segnato l’inizio dello scoppio della bolla dot-com. Molteplici sono state le cose che hanno contribuito a questo boom e a questo busto di Dot-com.

Alcuni ottimisti pensavano che Internet e il World Wide Web sarebbero stati più significativi per il business di qualsiasi tipo di Rivoluzione Industriale del passato, permettendoci forse di raggiungere una Singolarità Tecnologica. I tipi più pessimisti erano preoccupati che il business avrebbe richiesto una massiccia sostituzione tecnologica per raggiungere la compatibilità con l’anno 2000. La verità, scritta a posteriori, è che la tecnologia era corsa tanto, più dell’adattamento delle aziende al tech stesso. La finanza ha creato una bolla seguendo l’evoluzione tecnologica e non il business.

L’indice è sceso alla metà del suo valore nel giro di un anno, e alla fine ha toccato il fondo del mercato orso il 10 ottobre 2002, con un minimo intragiornaliero di 1.108,49. Mentre l’indice si è gradualmente ripreso da allora, non si è scambiato per più della metà del suo valore di picco fino a maggio 2007. Gli anni 2000 hanno portato un mix di notizie pessimistiche derivanti dalla recessione dei primi anni 2000, dagli attentati dell’11 settembre e dall’imminente guerra afghana insieme all’invasione dell’Iraq del 2003.

La crisi finanziaria

L’indice ha aperto il quarto trimestre del 2007 con nuovi massimi a 80 mesi, chiudendo sopra i 2.800 punti il 9 ottobre 2007 e raggiungendo un livello intragiornaliero di 2.861,51 il 31 ottobre 2007, il punto più alto raggiunto sull’indice dal 24 gennaio 2001.

Gli alti prezzi dell’energia e la possibilità di recessione hanno fatto scendere il NASDAQ in un mercato orso all’inizio del 2008, che è stato riconosciuto il 6 febbraio quando il NASDAQ ha chiuso sotto il livello dei 2.300 punti, circa il 20% al di sotto dei recenti massimi.

Il fallimento di Lehman Brothers a settembre ha portato i mercati finanziari mondiali in tumulto. Il NASDAQ non ha fatto eccezione, registrando livelli record di volatilità del mercato. Il 29 settembre 2008, il NASDAQ è sceso di quasi 200 punti, il massimo dallo scoppio della bolla tecnologica, perdendo il 9,14% per scendere sotto il livello dei 2.000. Al contrario, il 13 ottobre 2008, il NASDAQ ha registrato un guadagno di quasi 200 punti (più dell’11%). Il 9 marzo 2009, il composito ha raggiunto un minimo intragiornaliero di sei anni di 1.265,52 prima di recuperare sotto l’influenza del quantitative easing (QE) della Federal Reserve.

Il toro durante gli anni ’10

Nella speranza che la Grande Recessione, la bolla immobiliare degli Stati Uniti e la crisi finanziaria globale del 2008-2009 si attenuassero e potessero concludersi, il NASDAQ ha stabilito una base volatile dalla quale l’indice avrebbe finalmente superato la soglia dei 3.000, e il minimo iniziale di crollo di metà 2000 (3.042,66), per la prima volta dalla fine del XX secolo. Questo si è verificato per la prima volta all’interno della giornata del 29 febbraio 2012, prima di ulteriori ritiri volatili. Più tardi, nel 2012, l’indice ha gestito una chiusura annuale superiore a 3.000 per la seconda volta nella sua storia, con un totale di 3.019,51 punti.

Con l’estensione delle aliquote fiscali relativamente basse per la maggior parte dei redditi, l’indice ha fatto un balzo in avanti per iniziare il 2013 con solo piccoli passi indietro. Il 26 novembre 2013, l’indice ha chiuso per la prima volta sopra i 4.000 dal 7 settembre 2000. Anche se si trovava ancora quasi il 20% al di sotto dei suoi massimi storici, l’indice ha stabilito un nuovo record di chiusura annuale di 4.176,59 al 31 dicembre 2013. Il 2 marzo 2015 il NASDAQ ha chiuso per la prima volta sopra i 5.000 dal 9 marzo 2000.

Il 23 aprile 2015, il NASDAQ ha finalmente battuto il record di 15 anni prima e ha fissato un nuovo massimo per una chiusura giornaliera, anche se era ancora appena al di sotto del massimo intragiornaliero di tutti i tempi stabilito nel 2000. Dopo la prima correzione significativa (superiore al 10%) in circa quattro anni, l’indice è tornato sopra i 5.000 con un guadagno a tre cifre il 23 ottobre 2015. Due anni dopo, il Nasdaq ha superato i 7.000 intraday, che erano a portata di mano dell’alta correzione dell’inflazione del 10 marzo 2000.

Il 16 gennaio 2018, per la prima volta dalla fine del boom del Dot-com, c’è stato il superamento del precedente record.

L’ultimo record, nel momento in cui scriviamo questo articolo, è del 14 febbraio 2020 a 9.731. Dopo quella data la crisi dovuta al Covid-19 ha portato la quotazione fino a un minimo di 6.879 il 20 marzo. In poco più di un mese l’indice ha perso quasi 3 mila punti che corrispondono a un crollo del 29,3%.