Le 5 linee di business più redditizie di Apple
Apple
Le 5 linee di business più redditizie di Apple
  • Post Category:Trading

Apple Inc. (AAPL), fondata nel 1976, è diventata la prima società statunitense a superare i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato nel 2018 e fa parte dei famosi tecnologici FAANG.

La spettacolare crescita delle vendite, dei profitti e del prezzo delle azioni di Apple è stata storicamente trainata dalle solide vendite dei suoi prodotti per iPhone.

Tuttavia, con il rallentamento delle vendite dello smartphone e di altri dispositivi hardware tecnologici, l’azienda ha compiuto sforzi enormi per trasformarsi in uno dei principali fornitori di servizi digitali al mondo.

L’anno fiscale 2019 di Apple è stato caratterizzato da una serie di alti e bassi, ma nel complesso sono riusciti ad aumentare i ricavi dei servizi, mentre i guadagni dei prodotti più popolari, come gli iPhone e i portatili MacBook, sono scesi un po’ al di sotto dei livelli del 2018.

Per il primo trimestre fiscale del 2020, Apple aveva previsto entrate tra gli 85,5 e gli 89,5 miliardi di dollari. L’azienda ha annunciato un fatturato di 91,8 miliardi di dollari e un utile di 22,2 miliardi di dollari, un record assoluto sia per l’utile netto che per le entrate.

Il nuovo profilo di Apple

Il business dei servizi Apple è guidato dall’App Store e da Apple Music.

Nell’anno fiscale 2019, Apple ha registrato un fatturato di 260,17 miliardi di dollari su un utile netto di 55,25 miliardi di dollari. Nel primo trimestre del 2019, l’utile è stato di 4,18 dollari per azione; all’epoca, questo era un record per l’azienda. Ma nel primo trimestre fiscale del 2020, l’utile per azione ha raggiunto i 4,99 dollari.

Per l’anno fiscale 2019, il business dell’iPhone dell’azienda ha rappresentato circa il 54,7% delle vendite totali. Il segmento dei servizi in crescita di Apple ha rappresentato circa il 17,7% del fatturato, prima del Mac, che ha generato il 9,8% del fatturato totale. Il segmento dei beni indossabili, della casa e degli accessori ha rappresentato il 9,4% delle vendite, mentre l’iPad ha rappresentato l’8,1%.

Ecco uno sguardo più dettagliato alle cinque linee di business più redditizie di Apple.

iPhone

Il prodotto principale di Apple, l’iPhone, si è classificato tra i primi cinque fornitori di smartphone al mondo dal 2009. Per il primo trimestre fiscale del 2020, che si è concluso il 28 dicembre 2019, le vendite di iPhone sono state pari a 55,96 miliardi di dollari. Nel complesso, i profitti e le entrate di Apple per il trimestre sono stati significativamente superiori alle previsioni degli analisti di Wall Street; ciò è dovuto in parte alla popolarità dei nuovi modelli di iPhone. Il primo trimestre dell’anno fiscale è un periodo molto importante per Apple perché copre la stagione delle vacanze e i tre mesi più lucrativi dell’anno: ottobre, novembre e dicembre.

Nei trimestri precedenti, il calo delle vendite di iPhone è stato attribuito a un rallentamento in Cina, a un ciclo di sostituzione dell’iPhone più lungo e a una maggiore concorrenza nel mercato globale degli smartphone. L’iPhone 11 di Apple è diventato lo smartphone più venduto da quando è stato lanciato.

Per quanto riguarda la performance di Apple nel primo trimestre del 2020, il CEO Tim Cook ha dichiarato: “Siamo entusiasti di annunciare il più alto fatturato trimestrale mai realizzato da Apple, alimentato dalla forte domanda dei nostri modelli iPhone 11 e iPhone 11 Pro, e dai record di tutti i tempi per i Servizi e i Wearables”.

Segmento dei servizi

Il segmento Servizi di Apple ha registrato un fatturato di 46,3 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2019 e di 12,72 miliardi di dollari nel primo trimestre dell’anno fiscale 2020. Nell’anno fiscale 2019, il segmento Servizi di Apple ha registrato margini lordi del 63,7%, avvicinandosi al doppio del 32,2% del margine lordo del settore prodotti dell’azienda. Nel complesso, l’attività di abbonamenti di Apple (incluse le applicazioni in abbonamento) è cresciuta del 40% su base annua. Questo fatturato deriva dalla vendita di una serie di servizi, come i servizi di storage iCloud, gli abbonamenti Apple Music e le garanzie AppleCare. Secondo Apple, ci sono oltre 450 milioni di abbonamenti a pagamento sulla piattaforma Apple.

Nel 2010, le entrate del business dei servizi Apple hanno generato solo 5,2 miliardi di dollari di fatturato. Nei due anni successivi, è quasi raddoppiato fino a raggiungere i 10,2 miliardi di dollari. Da allora il fatturato trimestrale dei servizi è salito alle stelle, e il CEO di Apple, Tim Cook, si è posto l’obiettivo di accelerare questa crescita. Recentemente, ci sono state diverse aggiunte al business dei servizi Apple, tra cui un servizio di film e TV in streaming, un nuovo abbonamento per videogiochi e la Apple Card, che competerà con altri giganti dei pagamenti finanziari.

Le prestazioni di alcuni di questi nuovi servizi, come Apple Arcade e Apple TV+, si riflettono per la prima volta nei risultati finanziari del primo trimestre 2020.

Mac

Il business dei personal computer di Apple, costruito intorno al Mac, ha generato vendite per 25,7 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2019. Il contributo del Mac alla crescita di Apple è costantemente diminuito, poiché l’industria dei personal computer ha registrato un rallentamento della domanda in tutto il mondo. Per il quarto trimestre dell’anno fiscale 2019, i prodotti Mac hanno rappresentato solo l’11% circa del fatturato dell’azienda. Tuttavia, da un punto di vista strategico, il business dei personal computer di Apple è molto importante per l’azienda perché fa parte di un’ampia famiglia di prodotti interconnessi che funzionano sul sistema operativo iOS.

iPad

Quando Apple ha lanciato il suo iPad nel 2010, è diventato rapidamente il primo tablet computer di successo sul mercato. Nei primi tre mesi dopo il suo lancio, il dispositivo ha venduto più di tre milioni di unità. Dal quarto trimestre del 2019, l’iPad detiene una quota del 36,5% del mercato globale dei tablet. Nell’anno fiscale 2019, le vendite dell’iPad hanno raggiunto i 21,3 miliardi di dollari.

Indossabili, Casa e Accessori

Il segmento Wearables, Home and Accessories di Apple è composto da dispositivi come AirPods, Apple Watch e HomePods. Il segmento ha registrato vendite per 24,5 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2019.

Apple ha incrementato il rilascio di prodotti in questa categoria. La seconda generazione di AirPods, le popolari cuffie wireless dell’azienda, è stata lanciata nella prima metà del 2019 e le cuffie wireless AirPod Pro con cancellazione del rumore sono state lanciate nell’ottobre 2019.