Chiusura giovedì 30 Giugno 2022
5,56 €
Target Price: 6,38 €
Media del giudizio di 18 analisti

Target Price Italgas SpA

Tra i 18 analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Italgas SpA

TP MinoreTP MedioTP Maggiore
5,656,387,42
Aggiornati giovedì 23 Giugno 2022

Prezzo azioni Italgas SpA

Minimo
52 settimane
Ultima chiusuraMassimo
52 settimane
5,08 €5,56 €6,41 €
Quotazione di minimo e massimo a 52 settimane aggiornate il 01-07-2022, mentre l'ultima chiusura è aggiornata oggi

Informazioni su IG.MI

NomeItalgas SpA
Indirizzo11 via Carlo Bo
20143 Milan (MI)
Italy
NazioneItalia
CurrencyEUR
Data IPO07-11-2016
SettoreUtilities
IndustriaUtilities—Regulated Gas
Dipendenti3.586

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 01-07-2022

Dati finanziari IG.MI

I seguenti dati (eccetto il numero di azioni) sono espressi in milioni di €

Capitalizzazione4.326,71
Debiti6.207,70
Cassa e mezzi equivalenti1.231,00
Numero di azioni totali810.246.016

Ricavi e Utile Italgas SpA

Dati in milioni di EUR

Bilancio annuale Italgas SpA

AnnoRicaviUtile
20212.134,57362,81
20202.096,83384,63
20191.854,98417,24

Trimestrali Italgas SpA

TrimestreRicaviUtile
4Q20211.128,8789,21
3Q2021340,3097,50
1Q20220,000,00

Ultimi Dividendi Italgas SpA

Giorno Ex DividendoStacco
23-05-20220,29 €
24-05-20210,28 €

ItalGas Logo

Italgas S.p.A. è una società italiana specializzata nella distribuzione di gas naturale. Quotata alla Borsa di Milano ed è inserita nell’indice FTSE MIB.

Storia di ItalGas

La società fu fondata a Torino nel 1837 con il nome di Compagnia di Illuminazione a Gas per la Città di Torino e successivamente cambiò più volte denominazione, diventando prima Società Italiana per il Gas e poi Italgas S.p.A.

I finanziatori cattolici, guidati da Bernardino Nogara, si interessarono a Italgas negli anni che precedettero la seconda guerra mondiale. AmonENDTARGETg i presidenti della società erano l’avvocato e imprenditore Rinaldo Panzarasa. Nel 1967 il controllo della società passa a Snam, società del Gruppo Eni. Sotto la presidenza di Carlo Da Molo, Italgas intraprende una vasta campagna per la realizzazione di infrastrutture di distribuzione del metano, espandendosi notevolmente nel Centro e Sud Italia. Oltre a rafforzare la propria presenza nel settore del gas naturale, la società amplia la propria attività nel ciclo completo dell’acqua potabile ed entra nel settore della gestione dei rifiuti solidi urbani. Tali attività, tuttavia, sono state successivamente dismesse, consentendo a Italgas di concentrarsi sul proprio core business del gas naturale.

De-listing del 2003

Il 7 febbraio 2003 Eni ha lanciato un’offerta pubblica di acquisto che ha portato all’acquisizione di tutte le azioni in circolazione e quindi al declassamento della società. Nel 2009 Eni ha ceduto la società alla controllata Snam Rete Gas, che nel 2012 è diventata Snam.

Ritorno in borsa

In data 7 novembre 2016, dopo 13 anni di assenza, Italgas S.p.A. ha effettuato il suo rientro in Borsa a seguito della scissione parziale proporzionale di Snam, che ha comportato la cessione ai soci dell’86,5% della partecipazione detenuta in Italgas Reti S.p.A., in ragione di una azione Italgas assegnata a ciascuna delle cinque azioni Snam possedute. Il 4 aprile 2019 è stato nominato il nuovo consiglio di amministrazione, con il nuovo presidente Alberto Dell’Acqua, docente universitario.

Principali azionisti

A maggio del 2020 i principali azionisti sono:

  • CDP Reti S.p.A. – 26,05%
  • Snam S.p.A. – 13,5%
  • Lazard Asset Management LLC – 8,9%
  • Romano Minozzi – 4,29%
  • BlackRock – 4,7 %.
  • Altri azionisti – 42,56%

Operazioni commerciali

Nel tempo Italgas S.p.A. ha esteso la propria attività da Torino al resto d’Italia fino a coprire oltre il 34% del mercato, con concessioni in circa 1.700 comuni, tra cui alcuni dei più grandi, come Roma, gestiti direttamente o attraverso le proprie controllate.

7 azioni da comprare secondo Société Générale

La banca francese Société Générale, ha affrontato il tema dell'inflazione e della guerra in Ucraina, segnalando 7 società appartenenti al settore delle utility. Non si tratta necessariamente di azioni da acquistare, ma di indicazioni hold e buy per 7 utility. Eccole quindi, elencate una per una. Snam Rating hold (mantenere) per l'utility italiana Snam, responsabile della distribuzione del gas nel Bel Paese. Target price a 5,3 euro, sotto l'attuale prezzo (circa 5,47 €). Particolarmente interessante la cedola, con un rendimento,…

Commenti disabilitati su 7 azioni da comprare secondo Société Générale
Calcolo dividendi
Dividendi di Piazza Affari Oggi

Stacco dividendi, tutte le azioni che lo fanno oggi

Come ogni anno, il quarto lunedì del mese di maggio è dedicato ai dividendi, anche il 2021 non fa eccezione, anche se, rispetto al pre-Covid, il bottino rimane ancora magro. Il 2021, infatti, vedrà una pioggia di circa 17,3 miliardi di euro, cifra certamente più alta rispetto ai 13 miliardi del 2020, ma ancora distante dai 21 miliardi distribuiti nel 2019. Anche guardando dal punto di vista percentuale, il dividend yield di Piazza Affari, quest'anno, sarà intorno a 2,73%, contro…

Commenti disabilitati su Stacco dividendi, tutte le azioni che lo fanno oggi
Sede di Cassa Depositi e Prestiti
Sede di Cassa Depositi e Prestiti a Roma in via Goito - photo credits bonfa2k @flickr

Partecipazioni di Cassa Depositi e Prestiti

Cassa Depositi e Prestiti, con il Governo Conte 2, ha avuto un ruolo attivo nelle trattative per arrivare a 3 società differenti: Autostrade per l'Italia (in mano ad Atlantia)Telecom ItaliaEuronext I motivi, per i tre soggetti, sono differenti ma riconducono tutti al medesimo scopo: controllare pubblicamente gli asset strategici dello Stato. Infatti con Autostrade si voleva portare nel recinto pubblico la più grande rete autostradale italiana; con Telecom Italia si voleva accelerare nell'opera di merge con Open Fiber (di cdp…

Commenti disabilitati su Partecipazioni di Cassa Depositi e Prestiti
Performance azioni causa corona virus
Corona Virus

Azioni migliori e peggiori sul FTSE MIB, dall’arrivo del Corona Virus

Era il 16 marzo del 2020 e il FTSE MIB, insieme a gran parte dei mercati mondiali toccava minimi che non si vedevano da anni. In particolar modo il FTSE MIB toccava il minimo di 14.153, numero che non vedeva da agosto 2012. Quel giorno si veniva da quattro settimane di continue discese e con l'Italia che andava in lockdown non si vedeva una via d'uscita. Solo con il senno di poi possiamo dire che quel giorno si toccò il…

Commenti disabilitati su Azioni migliori e peggiori sul FTSE MIB, dall’arrivo del Corona Virus
Piazza Affari e il palazzo della Borsa (palazzo Mezzanotte)
Piazza Affari e il palazzo della Borsa (palazzo Mezzanotte)

Indici azionari della Borsa Italiana, cosa c’è oltre il FTSE MIB

Abbiamo già parlato del FSTE MIB e abbiamo dedicato ampio spazio ai principali indici azionari in tutto il mondo. In Italia però ci siamo concentrati poco, questo per due ragioni: Le grandi aziende italiane sono tutte sul FTSE MIBL'Italia, nello scacchiere delle borse mondiali, non occupa precisamente una posizione dominante. Questo secondo punto è dovuto in parte al primo e in parte al fatto che la finanza in Italia è stata sempre un po' bistrattata. Inoltre, se guardiamo alla classifica…

Commenti disabilitati su Indici azionari della Borsa Italiana, cosa c’è oltre il FTSE MIB
Aziende nel mondo dell'energia
Aziende nel mondo dell'energia

Investire nel settore dell’energia

Non si può considerare il settore dell'energia come un'unica entità, perché il termine "energia" copre molti terreni, dalle trivelle petrolifere alle aziende elettriche. Ma se si scava e si osservano i componenti del settore energetico, si trovano opportunità di investimento per qualsiasi tipo di investitore azionario. Ecco un primo passo per capire meglio il settore dell'energia, compresa una breve lista di alcune azioni del settore energetico che potreste voler guardare oggi. Il settore dell'energia in dettaglio L'espressione "energia" è spesso…

Commenti disabilitati su Investire nel settore dell’energia

Il Dividend Day 2020 sta arrivando

Ogni anno, nel mese di maggio, c'è un giorno ricco di stacchi di divendo. Tipicamente è il terzo lunedì di maggio e anche quest'anno non fa differenza, benché il bottino sia magro. Sì, poiché in questa data tipicamente si registrano gli stacchi da parte delle aziende industriali, dei finanziari (banche e assicurazioni) e dei servizi, ma quest'anno, con la crisi da Covid-19, tante aziende hanno deciso di posticipare o annullare il dividendo, tenendo quanto più possibile in cassa per affrontare…

Commenti disabilitati su Il Dividend Day 2020 sta arrivando

Pare tu sia arrivato in fondo...

Non ci sono più pagine da caricare