Azioni migliori e peggiori sul FTSE MIB, dall’arrivo del Corona Virus
Corona Virus
Azioni migliori e peggiori sul FTSE MIB, dall’arrivo del Corona Virus
  • Post category:Trading

Era il 16 marzo del 2020 e il FTSE MIB, insieme a gran parte dei mercati mondiali toccava minimi che non si vedevano da anni.

In particolar modo il FTSE MIB toccava il minimo di 14.153, numero che non vedeva da agosto 2012.

Quel giorno si veniva da quattro settimane di continue discese e con l’Italia che andava in lockdown non si vedeva una via d’uscita. Solo con il senno di poi possiamo dire che quel giorno si toccò il momento più brutto, almeno sulle borse, del 2020 nel pieno dell’emergenza Covid.

Da quel 16 marzo 2020 sembra passata una vita ma in realtà siamo a soli 8 mesi di distanza. In questi 2 quadrimestri cosa è successo?

Inoltre, al di là del punto più basso, qual è la performance delle azioni da prima che il Covid diventasse una triste realtà?

Vediamo la lista delle azioni presenti nel FTSE MIB e capiamo quali azioni hanno già recuperato, quante hanno addirittura sovraperformato e quante invece ancora devono recuperare del terreno.

Da metà marzo a metà novembre (8 mesi)

Questa che segue è la performance dei titoli azionari facenti parte del FTSE MIB tra il 16 marzo 2020 e il 16 novembre 2020.

AzioniTicketPerformance
AmplifonBIT:AMP119,00%
STMicroelectronicsBIT:STM81,03%
Fiat Chrysler AutomobilesBIT:FCA75,59%
PrysmianBIT:PRY73,82%
Davide CampariBIT:CPR72,49%
Interpump GroupBIT:IP64,87%
Banca GeneraliBIT:BGN63,18%
FinecoBank Banca FinecoBIT:FBK61,76%
DiaSorinBIT:DIA60,76%
MediobancaBIT:MB60,04%
Banco BPMBIT:BAMI55,56%
Banca MediolanumBIT:BMED54,29%
MonclerBIT:MONC49,98%
NexiBIT:NEXI48,55%
EnelBIT:ENEL47,36%
CNH IndustrialBIT:CNHI46,35%
Azimut HoldingBIT:AZM45,15%
FTSE MIB (benchmark indice)44,30%
AtlantiaBIT:ATL43,47%
FerrariBIT:RACE43,44%
RecordatiBIT:REC42,91%
Buzzi UnicemBIT:BZU42,38%
TenarisVIE:TEN36,97%
InWIT (Infrastr. Wireless Italiane)BIT:INW35,24%
Unipol GruppoBIT:UNI33,94%
Pirelli & C.BIT:PIRC32,60%
Poste ItalianeBIT:PST32,46%
Intesa SanpaoloBIT:ISP31,43%
ExorBIT:EXO29,93%
Terna – Rete Elettrica NazionaleBIT:TRN29,81%
SnamBIT:SRG29,63%
ItalgasBIT:IG24,24%
Assicurazioni GeneraliBIT:G23,63%
UniCreditBIT:UCG23,15%
EniBIT:ENI22,80%
Telecom ItaliaBIT:TIT20,69%
A2ABIT:A2A19,42%
LeonardoBIT:LDO6,18%
HERABIT:HER0,97%
SaipemBIT:SPM-1,52%
Bper BancaBIT:BPE-16,46%
Componenti del FTSE MIB ordinati per performance tra il 16 marzo 2020 e il 16 novembre 2020

Come si può facilmente notare la quasi totalità delle azioni ha registrato una performance invidiabile dal momento più basso del FTSE MIB.

Circa la metà delle azioni (17) hanno sovraperformato la resa dell’indice (44,30%) mentre l’altra metà (23) hanno sottoperformato.

Tra i migliori ci sono principalmente titoli industriali, mentre tra i peggiori troviamo tanti finanziari ed energetici.

Pre-Covid vs Oggi

Però ha poco senso guardare dal minimo annuale a oggi se non consideriamo come si trovavano quei titoli prima del minimo di marzo.

In particolar modo l’ultimo giorno prima del crollo dovuto al Covid si è registrato sul FTSE MIB in data 19 febbraio 2020, quando l’indice toccò il massimo di 25.271 punti.

Questa invece la performance dei titoli del FTSE MIB dal pre-Covid a oggi, dopo circa 9 mesi (3 interi trimestri).

AziendeTicketPerformance
DiaSorinBIT:DIA43,10%
AmplifonBIT:AMP19,67%
Interpump GroupBIT:IP14,71%
RecordatiBIT:REC12,17%
Davide CampariBIT:CPR11,64%
FinecoBank Banca FinecoBIT:FBK10,01%
PrysmianBIT:PRY6,92%
MonclerBIT:MONC5,23%
FerrariBIT:RACE4,67%
Fiat Chrysler AutomobilesBIT:FCA2,61%
STMicroelectronicsBIT:STM2,27%
CNH IndustrialBIT:CNHI0,00%
InWIT – Infrastrutture Wireless ItalianeBIT:INW-4,51%
EnelBIT:ENEL-5,60%
Terna – Rete Elettrica NazionaleBIT:TRN-7,66%
Buzzi UnicemBIT:BZU-7,78%
NexiBIT:NEXI-9,64%
SnamBIT:SRG-10,78%
Banca GeneraliBIT:BGN-12,97%
Pirelli & C.BIT:PIRC-13,14%
Banca MediolanumBIT:BMED-13,50%
FTSE MIB Indice (benchmark)-15,15%
ItalgasBIT:IG-15,26%
MediobancaBIT:MB-24,82%
ExorBIT:EXO-25,01%
Poste ItalianeBIT:PST-25,20%
Assicurazioni GeneraliBIT:G-26,01%
Banco BPMBIT:BAMI-26,02%
Azimut HoldingBIT:AZM-27,70%
Intesa SanpaoloBIT:ISP-29,23%
HERABIT:HER-30,04%
Telecom ItaliaBIT:TIT-32,69%
Unipol GruppoBIT:UNI-33,27%
TenarisVIE:TEN-34,85%
A2ABIT:A2A-35,26%
AtlantiaBIT:ATL-36,14%
EniBIT:ENI-38,41%
UniCreditBIT:UCG-41,26%
SaipemBIT:SPM-48,81%
LeonardoBIT:LDO-49,64%
Bper BancaBIT:BPE-52,69%
Performance delle azioni sul FTSE MIB da prima del Covid a metà novembre (dopo 9 mesi)

Mentre la performance del FTSE MIB dal 19 febbraio al 17 novembre è stato del -15,15%, ci sono titoli che hanno ampiamente recuperato e sono addirittura in attivo e altre azioni che invece ancora valgono la metà di quanto valevano prima della pandemia.

Appare evidente come tra i primi 4 per performance ben 3 sono legati al farmaceutico e alla salute. Interpump e Campari, che compongono la TOP 5 hanno avuto importanti cambiamenti nel periodo, con la società di beverage che è passata da un trasferimento all’estero e la società industriale che a marzo non era nel FTSE MIB, quindi beneficia della promozione.