Cosa sono gli American Depositary Receipt
ADR USA
Cosa sono gli American Depositary Receipt
  • Post category:Guide

In Italia, e in generale in Europa, guardiamo al mercato americano come al principale listino mondiale di scambio di strumenti.

Ciò è particolarmente vero soprattutto se guardiamo le capitalizzazioni delle aziende quotate su NYSE e NASDAQ.

Soventemente investitori europei acquistano azioni direttamente sui mercati americani, o in alternativa usano dei CFD.

In America però hanno uno strumento completamente differente, regolarizzato dalla SEC e che in alcuni casi richiede quasi una quotazione.

Si chiama American Depositary Receipt (ADR) ed è un certificato negoziabile emesso da una banca depositaria statunitense che rappresenta un determinato numero di azioni o un solo investimento azionario in azioni di una società estera. L’ADR è negoziabile sui mercati degli Stati Uniti come qualsiasi azione.

Gli ADR rappresentano un modo semplice e liquido per gli investitori statunitensi di acquistare azioni di società all’estero. Anche le imprese straniere traggono vantaggio dagli ADR, in quanto facilitano l’attrazione di investitori e capitali americani, senza la seccatura e le spese di quotazione nelle borse americane. I certificati forniscono anche l’accesso a società straniere quotate che altrimenti non sarebbero aperte agli investimenti americani.

Come funzionano le ricevute di deposito americane – ADR – come funzionano?

Gli ADR sono denominati in dollari statunitensi e il titolo sottostante è detenuto da un istituto finanziario statunitense all’estero. I titolari di ADR non devono effettuare transazioni in valuta estera o preoccuparsi di scambiare valuta sul mercato forex. Questi titoli vengono liquidati attraverso i sistemi di regolamento statunitensi.

Per offrire gli ADR, una banca statunitense acquista azioni in valuta estera. La banca terrà le azioni come inventario ed emetterà un ADR per la negoziazione sul mercato interno. Gli ADR sono quotati alla Borsa di New York (NYSE), all’American Stock Exchange (AMEX) o al Nasdaq, ma sono anche venduti fuori borsa (OTC).

Le banche statunitensi richiedono che le società estere forniscano loro informazioni finanziarie dettagliate. Questo requisito rende più facile per gli investitori americani valutare la salute finanziaria di una società.

Tipi di ADR

I certificati di deposito americani si suddividono in due categorie di base:

Una banca emette un ADR sponsorizzato per conto della società estera. La banca e l’azienda stipulano un accordo legale. Di solito, la società estera paga i costi di emissione di un ADR e ne mantiene il controllo. Mentre la banca gestirà le transazioni con gli investitori. Gli ADR sponsorizzati sono classificati in base al grado di conformità della società estera alle norme della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti e alle procedure contabili americane.

Una banca emette anche un ADR non sponsorizzato. Tuttavia, questo certificato non ha un coinvolgimento diretto, una partecipazione o anche un’autorizzazione da parte della società straniera. Teoricamente, potrebbero esserci diversi ADR non sponsorizzati per la stessa società straniera, emessi da diverse banche statunitensi. Queste diverse offerte possono anche offrire dividendi variabili. Con i programmi sponsorizzati, esiste un solo ADR, emesso dalla banca che lavora con la società straniera.
Una differenza primaria tra i due tipi di ADR è dove gli investitori possono acquistarli. Tutti, tranne il livello più basso di ADR sponsorizzati, si registrano presso la SEC e fanno trading sulle principali borse americane. Gli ADR non sponsorizzati vengono negoziati solo over-the-counter. Inoltre, gli ADR non sponsorizzati non includono mai i diritti di voto.

Gli ADR sono inoltre classificati in tre livelli, a seconda della misura in cui la società estera ha avuto accesso ai mercati statunitensi:

ADR di Livello I: questo è il tipo più elementare di ADR in cui le società straniere non si qualificano o non vogliono che il loro ADR sia quotato in borsa. Questo tipo di ADR può essere utilizzato per stabilire una presenza commerciale ma non per raccogliere capitali. Gli ADR di livello I si trovano solo sul mercato over-the-counter e hanno i requisiti più flessibili della Securities and Exchange Commission (SEC), sono tipicamente altamente speculativi. Pur essendo più rischiosi per gli investitori rispetto ad altri tipi di ADR, sono un modo semplice ed economico per una società estera di valutare l’interesse per i propri titoli negli Stati Uniti.

ADR di Livello II: come per gli ADR di livello I, gli ADR di livello II possono essere utilizzati per stabilire una presenza di negoziazione in borsa e non possono essere utilizzati per raccogliere capitali. Gli ADR di livello II hanno requisiti leggermente più severi da parte della SEC rispetto agli ADR di livello I, ma ottengono una visibilità e un volume di scambi più elevati.

ADR di livello III: gli ADR di livello III sono i più prestigiosi dei tre livelli ADR. Con questi, un emittente lancia un’offerta pubblica di ADR su una borsa statunitense. Possono essere utilizzati per stabilire una sostanziale presenza commerciale sui mercati finanziari statunitensi e per raccogliere capitali per l’emittente straniero. Sono soggetti a un reporting completo con la SEC.

Prezzi e costi delle ricevute dei depositari americani

Un ADR può rappresentare le azioni sottostanti con un rapporto uno a uno, una frazione di azione o più azioni della società sottostante. La banca depositaria fisserà il rapporto di ADR statunitensi per azione del paese d’origine ad un valore che riterrà interessante per gli investitori. Se il valore di un ADR è troppo alto, potrebbe scoraggiare alcuni investitori. Al contrario, se è troppo basso, gli investitori potrebbero pensare che i titoli sottostanti assomiglino alle azioni da un centesimo più rischiose.

Il prezzo di un ADR di solito è parallelo a quello delle azioni della società in borsa. Per esempio, la British Petroleum (BP) ha un ADR, che opera sulla NYSE: il rapporto è di 1:6, cioè un ADR rappresenta sei azioni di BP.

I titolari di ADR realizzano i dividendi e le plusvalenze in dollari statunitensi. Tuttavia, i pagamenti dei dividendi sono al netto delle spese di conversione valutaria e delle imposte estere. Di solito, la banca trattiene automaticamente l’importo necessario per coprire le spese e le imposte estere. Poiché questa è la prassi, gli investitori americani dovrebbero chiedere un credito all’IRS o un rimborso all’autorità fiscale del governo straniero per evitare la doppia imposizione sulle plusvalenze realizzate.

Pro degli ADR per gli americani

  • Facile da rintracciare e scambiare
  • Denominato in dollari
  • Disponibile attraverso i broker statunitensi
  • Diversificazione del portafoglio di offerta

Contro degli ADR per gli americani

  • Potrebbe dover affrontare la doppia imposizione
  • Selezione limitata di aziende
  • Gli ADR non sponsorizzati potrebbero non essere conformi alle norme SEC
  • L’investitore può incorrere in commissioni di conversione della valuta

Storia delle American Depositary Receipt – ADR

Prima dell’introduzione dei certificati di deposito americani negli anni ’20, gli investitori americani che volevano azioni di una società non quotata negli Stati Uniti potevano farlo solo sulle borse internazionali (un’opzione irrealistica per l’individuo medio di allora).

Sebbene sia più facile nell’era digitale contemporanea, l’acquisto di azioni sulle borse internazionali presenta ancora potenziali svantaggi. Un ostacolo particolarmente scoraggiante è rappresentato dalle questioni relative alle borse valori. Un altro importante svantaggio è rappresentato dalle differenze normative tra le borse statunitensi e quelle estere.

Prima di investire in una società quotata a livello internazionale, gli investitori statunitensi devono familiarizzare con le diverse normative delle autorità finanziarie, altrimenti potrebbero rischiare di fraintendere informazioni importanti, come quelle finanziarie della società. Potrebbero anche dover aprire un conto all’estero, poiché non tutti i broker nazionali possono operare a livello internazionale.

Gli ADR sono stati sviluppati a causa delle complessità legate all’acquisto di azioni in paesi stranieri e delle difficoltà legate alla negoziazione a prezzi e valori valutari diversi. Gli ADR consentono alle banche statunitensi di acquistare una grande quantità di azioni da una società estera, di raggruppare le azioni in gruppi e di riemetterle sui mercati azionari statunitensi, ovvero la Borsa di New York e il NASDAQ.

Il pioniere di J.P. Morgan (JPM), Guaranty Trust Co., è stato il precursore del concetto di ADR. Nel 1927, ha creato e lanciato il primo ADR, consentendo agli investitori statunitensi di acquistare azioni del famoso rivenditore britannico Selfridges e aiutando il negozio di lusso ad entrare nei mercati globali. L’ADR è stato quotato al New York Curb Exchange. Qualche anno dopo, nel 1931, la banca introdusse il primo ADR sponsorizzato per la compagnia musicale britannica Electrical & Musical Industries (nota anche come EMI), quella che sarebbe diventata la sede dei Beatles. Oggi, J.P. Morgan e un’altra banca statunitense (BNY Mellon) continuano ad essere attivamente coinvolti nei mercati ADR.

Esempio reale di ADR

Tra il 1988 e il 2018, la casa automobilistica tedesca Volkswagen AG ha negoziato OTC negli Stati Uniti come ADR sponsorizzato sotto il ticker VLKAY. Il 13 agosto 2018, Volkswagen ha terminato il suo programma ADR.

Il giorno successivo, J.P. Morgan ha istituito un ADR non sponsorizzato per Volkswagen, che ora opera sotto il ticker VWAGY.

Gli investitori che detenevano i vecchi ADR VLKAY avevano la possibilità di incassare, scambiare gli ADR con le azioni effettive di Volkswagen quotate sulle borse tedesche (o scambiarli con i nuovi ADR VWAGY).