Cosa è un bond o un’obbligazione?
Obbligazioni
Cosa è un bond o un’obbligazione?
  • Post Category:Guide

Avrete sentito dire che un portafoglio d’investimento equilibrato comprende sia azioni che obbligazioni, con un rapporto tra i due che varia a seconda dell’età e della tolleranza al rischio. La maggior parte dei consulenti finanziari raccomanderà di aumentare la quota di obbligazioni nel vostro portafoglio d’investimento man mano che vi avvicinate al pensionamento, meglio è per controbilanciare il rischio di un crollo del mercato che spazza via il vostro patrimonio netto. Ma cos’è esattamente un’obbligazione e come funziona come investimento? Qualunque sia la vostra età, è fondamentale capire come funzionano le obbligazioni e come dovrebbero rientrare nel vostro portafoglio.

Cos’è un’obbligazione?

Un’obbligazione è un tipo di investimento in cui voi, in qualità di investitori, prestate denaro a un mutuatario, con l’aspettativa di ricevere il vostro denaro con gli interessi alla scadenza del vostro termine. Le obbligazioni sono un tipo di investimento a reddito fisso, il che significa che conoscete il rendimento che otterrete prima dell’acquisto. Le obbligazioni possono essere emesse, cioè messe in vendita, dai governi e dalle aziende.

Le obbligazioni sono uno dei due modi in cui si può investire in un’impresa. L’altro è quello di acquistare le azioni di una società. Mentre le obbligazioni rappresentano un investimento di debito (l’azienda vi deve del denaro) le azioni rappresentano un investimento azionario, il che significa che possedete una parte dell’azienda.

Come funzionano le obbligazioni?

Quando si acquista un’obbligazione, si presta denaro all’entità che ha emesso l’obbligazione, sia che si tratti di un’azienda o di un governo. Dal momento che state prestando, questo significa che avete il diritto di riscuotere gli interessi. Quando l’obbligazione giunge a scadenza, riavrete indietro il denaro che avete pagato per l’obbligazione, noto come capitale o valore nominale, e riceverete anche gli interessi.

Quando acquistate le obbligazioni, potrete vedere il prezzo di ogni obbligazione, il tempo fino alla scadenza e il tasso della cedola. Il tasso cedolare è il denaro annuale che riceverete, espresso in percentuale del capitale che pagherete per acquistare l’obbligazione. Tipicamente i tassi cedolari per le nuove obbligazioni si aggirano intorno al tasso d’interesse di mercato.

Quindi, se si acquista un’obbligazione a due anni con un valore nominale di 1.000 dollari e un tasso cedolare del 4%, si guadagnano 40 dollari in interessi per ogni anno del periodo e 80 dollari in interessi totali. La maggior parte delle obbligazioni pagherà gli interessi due volte all’anno alle cosiddette date cedolari. Questo è abbastanza semplice, ma le cose si fanno più interessanti quando si pensa di rivendere queste obbligazioni sul mercato secondario, o se si acquistano dal mercato secondario.

Il mercato obbligazionario

Il mercato obbligazionario è sensibile alle fluttuazioni del tasso d’interesse. Cosa intendiamo per “il” tasso d’interesse? Ci sono molti tassi d’interesse diversi, per cose come i mutui per la casa e le carte di credito, ma quando qualcuno fa riferimento al “tasso d’interesse” o ai “tassi d’interesse” in modo generale, si riferisce al tasso d’interesse fissato dalla banca centrale, quindi in Europa alla BCE.

La Fed e la BCE usano il loro potere per comprare e vendere buoni del tesoro per influenzare i tassi di interesse. Quando la banca centrale vende i Buoni del Tesoro, prende denaro che altrimenti circolerebbe nell’economia. Il contante diventa più scarso, il che rende il denaro in prestito relativamente più costoso e quindi fa aumentare i tassi di interesse. I tassi di interesse sono il costo del denaro in prestito. Il tasso d’interesse che la banca centrale decide come obiettivo ha un effetto a catena su altri tassi d’interesse, tra cui il tasso ipotecario e i tassi sulle obbligazioni.

Quando il tasso d’interesse generale sale, il prezzo delle obbligazioni esistenti scende. In altre parole, i tassi d’interesse e i prezzi delle obbligazioni hanno un rapporto inverso. Pensatela in questo modo: se i tassi d’interesse aumentano, le nuove obbligazioni emesse avranno un tasso d’interesse più alto per riflettere questo cambiamento. Se andate a vendere un’obbligazione che ha i vecchi tassi d’interesse più bassi, dovrete abbassare il suo prezzo per convincere chiunque ad acquistarla. Questo perché il costo di opportunità per mantenere la vostra vecchia obbligazione a tasso più basso è aumentato. I potenziali acquirenti penseranno: “Perché pagare 1.000 dollari per un’obbligazione che paga il 4% quando potrei pagare 1.000 dollari per un’obbligazione che paga il 5%?

Rischi delle obbligazioni

Il rapporto sopra descritto significa che gli obbligazionisti sono soggetti al rischio di tasso d’interesse. Questo è il rischio che le variazioni del tasso di interesse rendano meno preziose le obbligazioni che detengono, lasciando loro un patrimonio che dovrebbero vendere a meno di quanto pagato. Le obbligazioni sono disponibili sia a breve che a lungo termine. Più lunga è la durata dell’obbligazione, maggiore è l’incertezza su ciò che i tassi di interesse faranno nella durata. Naturalmente, le variazioni del prezzo delle vostre obbligazioni sono un problema solo se vendete prima della scadenza. Se tenete le vostre obbligazioni, riavrete indietro il vostro capitale nominale (a meno che l’emittente non diventi incapace di pagare).

Questo ci porta a un altro rischio che deriva dall’acquisto di obbligazioni, vale a dire il rischio che la società o il governo che emette l’obbligazione sia inadempiente, lasciando i detentori delle obbligazioni a frugare in ciò che resta del patrimonio della società. Questo si chiama rischio di credito. Le obbligazioni sono valutate dalle agenzie di rating che danno agli emittenti un voto in base alla loro probabilità di insolvenza. Come ci si potrebbe aspettare, le “obbligazioni spazzatura” sono obbligazioni che sono giudicate a rischio di insolvenza relativamente alto. Il rischio di tasso di interesse è più comune tra le obbligazioni societarie; ci sono poche possibilità che un governo (specialmente quello di un grande paese sviluppato, come gli Stati Uniti) non adempia ai propri obblighi di debito.

Infine, le obbligazioni sono soggette al rischio di inflazione. Se si acquista un’obbligazione che paga il 2% e l’inflazione è al 2,4%, si perde essenzialmente denaro detenendo quell’obbligazione. La gente spesso guarda alle obbligazioni come a un investimento sicuro. Tuttavia, in un ambiente a basso tasso d’interesse, l’interesse che le obbligazioni pagano potrebbe non superare i tassi d’inflazione. Certo, è molto improbabile che si perda il capitale se si investe in un titolo sicuro come un Buono del Tesoro. Tuttavia, il vostro denaro potrebbe non crescere.

Come acquistare le obbligazioni

È possibile acquistare i buoni del Tesoro direttamente dallo Stato attraverso un intermediario (una banca) oppure con i più classici buoni fruttiferi postali. Un esempio classico sono i BTP Italia che privilegiano il mercato retail (la gente comune) e danno anche un bonus se acquistati e tenuti fino a scadenza. Stesso discorso dicasi per le obbligazioni corporate, per i quali una banca è strettamente necessaria.

Le commissioni bancarie sulle obbligazioni tipicamente è molto bassa, ma attenzione comunque a quanto vi farà pagare l’istituto, per evitare di farvi mangiare il guadagno dall’intermediario.

Tassazione sulle obbligazioni

Ebbene sì, se prestate soldi allo Stato Italiano questo vi tassa il possibile guadagno, sembra incredibile ma è così.

Le tasse per i titoli governativi sono del 12,5% sull’utile, mentre sulle obbligazioni corporate la tassazione è al 26% sull’utile.

Alternative legate alle obbligazioni

Potete anche acquistare fondi comuni d’investimento obbligazionari, ETF obbligazionari e fondi di indici obbligazionari. I fondi obbligazionari detengono varie obbligazioni alla ricerca di rendimenti più elevati e di una maggiore diversificazione. Un ETF obbligazionario è effettivamente quotato sul mercato e offre diversi vantaggi fiscali ai fondi comuni d’investimento obbligazionari. I fondi obbligazionari su indici addebitano commissioni più basse perché sono gestiti passivamente rispetto a quelli gestiti attivamente. Essi mirano a rispecchiare o “indicizzare” il mercato obbligazionario nel suo complesso.

Esistono anche obbligazioni ipotecarie, garantite da ipoteche immobiliari. Si tratta dei titoli garantiti da ipoteca (MBS) che sono diventati famosi durante la crisi finanziaria. Molte obbligazioni ipotecarie sono investimenti affidabili, ma altre si basano su ipoteche ad alto rischio di insolvenza. In altre parole, scegliete con saggezza.

In conclusione

Un legame con un rating elevato offre affidabilità e certezza. Ma nel mondo degli investimenti, un minor rischio tende a significare un minor rendimento, o addirittura una spesa (le obbligazioni tedesche sono molto sicure, ma hanno tassi negativi, dovrete pagare per prestargli dei soldi). Ecco perché le obbligazioni non offrono il tipo di rendimento che si ottiene investendo in azioni. La minore volatilità delle obbligazioni significa che la maggior parte degli investitori sceglie di bilanciare il proprio portafoglio con un mix di obbligazioni e azioni.

Più ci si avvicina al pensionamento, meno tempo si ha a disposizione per superare gli alti e bassi del mercato azionario. Ciò può significare che si vuole diminuire la propria esposizione azionaria e aumentare la quota del proprio portafoglio che è in obbligazioni man mano che ci si avvicina al pensionamento. Volete che il denaro che è alla base del vostro reddito da pensionamento rimanga costante o cresca.

Suggerimenti per l’investimento intelligente

Un consulente finanziario può aiutarvi a creare un portafoglio equilibrato con un mix di obbligazioni e altri tipi di investimento. Trovare il consulente finanziario adatto alle vostre esigenze non deve essere difficile.