Chiusura lunedì 10 Agosto 2020
72,06 €
Target Price: 120,82 €
Media del giudizio di 30 analisti

Informazioni su AIR.PA

NomeAirbus SE
NazionePaesi Bassi
CurrencyEUR
Data IPO10-07-2000
SettoreAerospace & Defense
Capitalizzazione48.620

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 11-08-2020

Consensi e Target Price AIR.PA

Consensi Airbus SE

GiudizioConsensi
StrongBuy6
Buy15
Hold8
Sell0
StrongSell1
Aggiornati al 28-07-2020

Target Price Airbus SE

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Airbus SE

TP MedioTP MaggioreTP Minore
120,82140,0087,00
Aggiornati al 28-07-2020

Analisi tecnica Airbus SE

SegnaleIndicatori
Buy3
Neutral8
Sell6
Segnale finaleneutral

Livelli, Supporti e Resistenze AIR.PA

Livelli storici
48,12
85,08
139,40

EPS Airbus SE

PeriodoRealizzatoPrevisto
31-03-2020-0,360,28
31-12-20192,322,35
30-09-20191,501,34
30-06-20191,781,56

Logo Airbus

Airbus Industrie, consorzio europeo per la produzione di aerei, costituito nel 1970 per riempire una nicchia di mercato per i jetliner a corto e medio raggio ad alta capacità. Oggi è uno dei due principali produttori mondiali di aerei commerciali, in concorrenza diretta con l’americana Boeing Company e che spesso domina il mercato degli aerei di linea per ordini, consegne o ricavi annuali.

Tra i membri a pieno titolo figurano la proprietà europea della difesa aeronautica e dello spazio (EADS), con una partecipazione dell’80%, e la britannica BAE Systems, con il 20%. La belga Belairbus e l’italiana Alenia sono membri associati con condivisione del rischio in programmi selezionati. La sede centrale si trova vicino a Tolosa, in Francia.

Airbus Industrie impiega più di 50.000 persone. I dipendenti lavorano direttamente sugli aerei Airbus in Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Cina, mentre altri sono impiegati in ingegneria, vendite, formazione e altre occupazioni in tutto il mondo. Il consorzio ha più di 1.500 fornitori e ha accordi di cooperazione con numerose aziende in molti paesi. Le aziende americane sono responsabili di circa un terzo dei componenti Airbus. Le aziende partner realizzano gran parte del sottoinsieme nelle loro fabbriche; ad esempio, le ali di tutti gli aerei Airbus sono prodotte nel Regno Unito, mentre i sottoinsiemi di coda sono prodotti in Spagna. I sottoinsiemi sono trasportati su strada, ferrovia, chiatta, nave e aereo (utilizzando una flotta di jet speciali, l’Airbus Super Transporter Beluga) alle linee di assemblaggio finale in Francia, Germania e Cina. Gli aerei Airbus A320, A330/A340, A380 e A350 vengono completati in un complesso vicino a Tolosa, mentre gli aerei A318, A319 e A321 vengono assemblati ad Amburgo. Inoltre, i velivoli A320 sono stati assemblati a Tianjin, Cina, dal 2008, e nel 2012 Airbus ha annunciato che gli A320 saranno assemblati a Mobile, in Alabama, a partire dal 2015.

Il programma Airbus è iniziato nel 1965, quando i governi di Francia e Germania hanno avviato le discussioni per la costituzione di un consorzio per la costruzione di un trasporto europeo di jet ad alta capacità e a corto raggio. L’anno successivo i funzionari francesi, tedeschi e britannici annunciarono che Sud Aviation (Francia), Arge Airbus (un gruppo informale di aziende aerospaziali tedesche) e Hawker Siddeley Aviation (Gran Bretagna) avrebbero studiato lo sviluppo di un aereo di linea da 300 posti per il settore del corto raggio. Poiché i motori che soddisfacevano i requisiti di Airbus non si sono materializzati, il progetto iniziale, designato A300, è stato ridimensionato ad una versione da 250 posti.

Nel 1969 il governo britannico abbandonò il programma, ma Francia e Germania firmarono articoli formali per procedere alla fase di costruzione. Hawker Siddeley, responsabile dell’ala del velivolo, rimase un subappaltatore. La società di gestione di Airbus Industrie è stata costituita nel 1970 come Groupement d’Intérêt Economique (GIE; “Groupement d’Intérêt Economique”), una forma unica di partnership istituita dalla legge francese nel 1967. Originariamente, il 50% dei finanziamenti provenivano dall’Aerospatiale francese (poi Aerospatiale Matra), nata dalla fusione della Sud Aviation con la Nord Aviation e il costruttore francese di missili SEREB, e il 50% dalla tedesca Deutsche Airbus (poi DaimlerChrysler Aerospace Airbus), una joint venture in cui Messerschmitt-Bölkow-Blohm aveva una partecipazione del 65% e VFW-Fokker del 35%. La spagnola Construcciones Aeronáuticas S.A. (CASA) è entrata nel 1971 con una quota del 4,2%. Hawker Siddeley e altre società britanniche sono state nazionalizzate nel 1977 in un unico conglomerato governativo, la British Aerospace (poi BAE Systems), che si è unita ad Airbus come vero partner con una quota del 20% nel 1979. Nel 2000 tutti i partner, tranne BAE Systems, si sono fusi in EADS, che ha così acquisito una quota dell’80% di Airbus. L’anno successivo il GIE è stato sostituito da un’unica impresa privata.

L’A300 è stato sviluppato per riempire la nicchia di mercato per un velivolo a corto-medio raggio e ad alta capacità. È stato il primo jetliner a fusoliera larga ad essere equipaggiato con solo due motori per una migliore economia di esercizio. Il prototipo dell’A300 ha effettuato il suo primo volo nel 1972 e l’aereo è entrato in servizio commerciale con Air France nel 1974. Nonostante le sue eccellenti prestazioni, l’A300 inizialmente vendeva male a causa delle preoccupazioni delle compagnie aeree per il suo nuovo e non provato costruttore. Una svolta si è verificata nel 1977 quando la compagnia aerea statunitense Eastern Air Lines ha stipulato un contratto di leasing per l’aeromobile. Una seconda spinta per Airbus è arrivata nel 1978, quando ha lanciato un programma per sviluppare un aereo a medio raggio di capacità più piccola. Quell’aereo, l’A310, volò per la prima volta nel 1982 ed entrò in servizio tre anni dopo. Con l’aggiunta dell’A310 alla sua linea di prodotti, Airbus Industrie è stata in grado di offrire agli operatori i vantaggi e i risparmi di una famiglia di aerei, ad esempio la somiglianza dei ponti di volo, la comunanza dei componenti e una gamma di dimensioni che consentono di ottimizzare l’aereo in base alle rotte per le quali è più adatto. Questo approccio progettuale e di marketing ha caratterizzato Airbus anche dopo che la famiglia A300/A310 è stata formalmente dismessa nel 2007.

L’A320 di Airbus, il cui programma è stato lanciato nel 1984, è stato progettato come un velivolo a corpo stretto, a corto e medio raggio, che incorporava numerose innovazioni tecniche, in particolare i comandi di volo fly-by-wire (elettrici piuttosto che meccanici), basati su computer. L’A320 è entrato in servizio nel 1988. Grazie al suo grande successo, il consorzio sviluppò quel jetliner in una famiglia, allungando la fusoliera per creare l’A321 e accorciandola una volta per creare l’A319 e una seconda volta per creare l’A318.

Nel 1987 Airbus lanciò due aerei a fusoliera larga basati sulla stessa fusoliera e sulla stessa ala per estendere la sua linea di prodotti nel segmento degli aerei di linea a lungo raggio. Il quadrimotore A340 entrò in servizio nel 1993, mentre il bimotore A330 seguì un anno dopo. Quest’ultimo velivolo, in particolare, si è rivelato un aereo di linea popolare, oltre che un cargo e una petroliera militare. Nel 2007 Airbus si è rivolto ad un’altra nicchia del mercato delle lunghe distanze con l’A380 “ultralungo raggio”, il più grande aereo di linea del mondo. Costruito con due ponti passeggeri che si estendono per tutta la lunghezza dell’aereo, offriva una capacità standard di 555 posti a sedere e una capacità massima di 853 in una configurazione di classe economica. Nel 2012 è iniziato il montaggio finale del primo A350, un velivolo destinato a volare su lunghe distanze con grande economia e danni minimi all’ambiente. Il bimotore A350 era dotato di nuovi motori Rolls-Royce a basso consumo di carburante e di una cellula leggera realizzata in gran parte in titanio, alluminio e plastica rinforzata con fibre di carbonio.

Nei primi anni di Airbus, i governi dei paesi membri hanno fornito aiuti al lancio del programma sotto forma di prestiti rimborsabili per il lavoro di ricerca e sviluppo di ogni nuovo velivolo. La frazione del costo sostenuto dai governi è stata gradualmente ridotta e, a partire dallo sviluppo dell’A321 nel 1989, i progetti Airbus sono stati finanziati interamente da flussi di cassa generati internamente e da fonti commerciali esterne. Nel 1997, seguendo la guida di Boeing, Airbus si è espansa nel mercato dei business jet lanciando un programma per il Corporate Jetliner di Airbus, basato sul velivolo A319. Due anni dopo è stata costituita la Airbus Military Company come filiale per sviluppare un trasporto militare, denominato A400M.

Oggi Airbus è quotata a Parigi con il ticket AIR.

Euronext 100, indice (quasi) paneuropeo

Euronext è la più grande borsa valori d'Europa e la sesta al mondo. È stata creata originariamente dalle fusioni delle borse di Amsterdam, Parigi e Bruxelles. Nel corso degli anni si è fusa con diverse altre borse, in particolare con la Borsa di New York, prima di essere acquisita dalla Borsa Intercontinentale. Nel 2014, Euronext è stata scorporata per tornare…

Commenti disabilitati su Euronext 100, indice (quasi) paneuropeo

Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500

Spesso ci si riferisce alle varie classifiche mondiali guardando alle aziende che hanno più profitti, che hanno più ricavi oppure semplicemente che hanno una maggiore capitalizzazione. La questione di base, però, è che la maggior parte degli investitori non va OTC e quindi le azioni che riescono ad acquistare arrivano dai seguenti mercati: USAGran BretagnaGermaniaFranciaItaliaSpagnaSvizzeraOlandaPortogallo Si tratta di pochi mercati…

Commenti disabilitati su Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le 100 azioni migliori sui mercati occidentali

Cosa è l’Euro Stoxx 50

L'indice EUROSTOXX 50 (talvolta chiamato Dow Jones EUROSTOXX 50) è l'indice Blue-chip leader in Europa per l'Eurozona e fornisce una rappresentazione dei leader nell'Eurozona. Contiene aziende leader nei loro settori e contiene 50 azioni di 11 paesi dell'Eurozona: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Ulteriori derivati sono i seguenti indici di singoli paesi:…

Commenti disabilitati su Cosa è l’Euro Stoxx 50
Cosa è l’Euro Stoxx 50
Bandiera europea

CAC40, le maggiori società francesi

Il CAC (Cotation Assistée en Continu) 40 è l'indice borsistico francese di riferimento, che rappresenta le 40 società più significative tra le 100 maggiori capitalizzazioni di mercato quotate alla borsa Euronext di Parigi. È uno dei più grandi mercati azionari europei, e quindi uno dei più importanti indici nazionali del gruppo borsistico paneuropeo Euronext. Come viene calcolato il CAC 40?…

Commenti disabilitati su CAC40, le maggiori società francesi
CAC40, le maggiori società francesi
CAC40

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare