Chiusura venerdì 03 Luglio 2020
20,88 €
Target Price: 19,93 €
Media del giudizio di 11 analisti

Informazioni su ERG.MI

NomeERG SpA
NazioneItalia
CurrencyEUR
Data IPO01-10-1997
SettoreUtilities
Capitalizzazione3.100

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 05-07-2020

Consensi e Target Price ERG.MI

Consensi ERG SpA

GiudizioConsensi
StrongBuy4
Buy3
Hold2
Sell1
StrongSell1
Aggiornati al 01-06-2020

Target Price ERG SpA

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a ERG SpA

TP MedioTP MaggioreTP Minore
19,9323,0017,00
Aggiornati al 01-06-2020

Analisi tecnica ERG SpA

SegnaleIndicatori
Buy11
Neutral4
Sell2
Segnale finalestrong buy

Livelli, Supporti e Resistenze ERG.MI

Livelli storici
13,17
13,84
17,93
20,18
23,48

EPS ERG SpA

PeriodoRealizzatoPrevisto
31-12-20170,190,00
31-12-2010-0,050,09
30-06-20100,120,14
31-03-2010-0,10-0,01

Logo ERG

ERG S.p.A. è una società energetica italiana quotata in Borsa, fondata nel 1938, con sede a Genova, Italia.

Dopo un periodo di profonda trasformazione (cessione della raffineria ISAB e della centrale ISAB Energy, creazione della joint venture TotalErg e cessione della rete ERG Oil Sicilia), il Gruppo ERG è oggi il primo operatore eolico in Italia ed è attualmente tra i primi dieci in Europa (onshore). È inoltre proprietario di una centrale a ciclo combinato (ERG Power, 480 MW) a Priolo Gargallo in Sicilia e ha recentemente acquistato da EON Produzione il gruppo idroelettrico di Terni (527 MW).

Per quanto riguarda la distribuzione geografica dei parchi eolici, i MW installati sono principalmente in Italia (1.093), dove sono presenti anche altri centri logistici Operations & Maintenance di ERG. ERG è presente con 252 MW in Francia, 216 MW in Germania, in Romania (70 MW) e in Bulgaria (54 MW). Nel corso del 2015 sono entrati in funzione parchi eolici in Polonia (circa 80 MW).

Storia di ERG

ERG è stata fondata da Edoardo Guida Garrone nel 1938, fondando una società per la raffinazione del petrolio. Nel 1952 firma un accordo per la raffinazione del petrolio per conto della BP. Nel corso degli anni ’60 e ’70 ha iniziato a costruire alcune raffinerie e oleodotti in Italia, in particolare un oleodotto ad Arquata Scrivia e una raffineria di petrolio a Priolo Gargallo (ISAB). Negli anni ’80 ha acquisito le reti di stazioni di servizio di proprietà di Elf, Chevron e BP in Italia, attraverso ERG Petroli. Dal 1997 la società è quotata alla Borsa Italiana. Nel 1999 ha aperto la rete di stazioni di servizio in Spagna attraverso ERG Petroleos, venduta nel 2008 a Saras S.p.A.

Nel 2008 ha firmato un accordo con Lukoil, condividendo il 49% della raffineria di Priolo Gargallo. Nel 2009 ha lanciato il proprio operatore di rete virtuale mobile: ERG Mobile, diventando la prima compagnia petrolifera italiana con una propria società di telecomunicazioni. Nel 2010 ERG Petroli e TotalErg Italia si fondono in TotalErg, entrando in funzione il 1° ottobre 2010.

All’inizio del 2011 ERG ha ridotto la propria quota in ISAB dal 51% al 40%. Due anni dopo ERG ha completato l’uscita dal settore della raffinazione. Nel frattempo (dal 2010) ERG è cresciuta nel settore eolico italiano diventando nel 2013 il primo operatore eolico in Italia.

Dal 2007 ERG ha iniziato ad operare anche all’estero, nel mercato eolico francese e tedesco, acquisendo parchi eolici anche in Bulgaria, Romania, Polonia e Regno Unito. Nel 2015 ERG è entrata nel settore idroelettrico, attraverso l’acquisizione degli asset italiani di E.On, con 527 MW di capacità. Le centrali sono situate nelle regioni italiane Umbria, Marche e Lazio.

Nel gennaio 2018 ERG ha completato il closing con il Gruppo API per la cessione della sua partecipazione del 51% in TotalErg S.p.A., completando il processo di trasformazione industriale verso le rinnovabili.

Nello stesso anno ERG è entrata nel business dell’energia solare attraverso l’acquisizione di 89 MW (30 impianti fotovoltaici) in Italia.

FTSE Italia Mid Cap, l’indice delle medie imprese di Piazza Affari

Abbiamo già chiarito come le blue chip, cioè i titoli a maggior capitalizzazione e maggiore stabilità, siano listati sul FTSE MIB, l'indice principale di Piazza Affari, ma quest'ultimo contiene massimo 40 società. Dove si trovano le altre? La risposta è sul FTSE Italia Mid Cap che contiene tutte le società a media capitalizzazione che non hanno abbastanza "grandezza" per entrare…

Commenti disabilitati su FTSE Italia Mid Cap, l’indice delle medie imprese di Piazza Affari
FTSE Italia Mid Cap, l’indice delle medie imprese di Piazza Affari
FTSE Mid Cap a Piazza Affari

Indici azionari della Borsa Italiana, cosa c’è oltre il FTSE MIB

Abbiamo già parlato del FSTE MIB e abbiamo dedicato ampio spazio ai principali indici azionari in tutto il mondo. In Italia però ci siamo concentrati poco, questo per due ragioni: Le grandi aziende italiane sono tutte sul FTSE MIBL'Italia, nello scacchiere delle borse mondiali, non occupa precisamente una posizione dominante. Questo secondo punto è dovuto in parte al primo e…

Commenti disabilitati su Indici azionari della Borsa Italiana, cosa c’è oltre il FTSE MIB
Indici azionari della Borsa Italiana, cosa c’è oltre il FTSE MIB
Piazza Affari e il palazzo della Borsa (palazzo Mezzanotte)

Investire nel settore dell’energia

Non si può considerare il settore dell'energia come un'unica entità, perché il termine "energia" copre molti terreni, dalle trivelle petrolifere alle aziende elettriche. Ma se si scava e si osservano i componenti del settore energetico, si trovano opportunità di investimento per qualsiasi tipo di investitore azionario. Ecco un primo passo per capire meglio il settore dell'energia, compresa una breve lista…

Commenti disabilitati su Investire nel settore dell’energia
Investire nel settore dell’energia
Aziende nel mondo dell'energia

Il Dividend Day 2020 sta arrivando

Ogni anno, nel mese di maggio, c'è un giorno ricco di stacchi di divendo. Tipicamente è il terzo lunedì di maggio e anche quest'anno non fa differenza, benché il bottino sia magro. Sì, poiché in questa data tipicamente si registrano gli stacchi da parte delle aziende industriali, dei finanziari (banche e assicurazioni) e dei servizi, ma quest'anno, con la crisi…

Commenti disabilitati su Il Dividend Day 2020 sta arrivando

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare