Informazioni su LMT

NomeLockheed Martin Corp
NazioneStati Uniti
CurrencyUSD
SettoreAerospace & Defense
Capitalizzazione108.267

Tutti i dati seguenti sono stati aggiornati al 14-08-2020

Consensi e Target Price LMT

News Sentiment

 ToroOrso
News Sentiment100,00%
Settore:65,28%
0,00%
Settore:34,72%
Art. ultima settim.10
Media news settimanali27
Ultimo periodoPoco chiacchierata
News Score Lockheed Martin Corp50,00%
News Score del settore52,31%

Consensi Lockheed Martin Corp

GiudizioConsensi
StrongBuy8
Buy5
Hold13
Sell0
StrongSell0
Aggiornati al 21-07-2020

Target Price Lockheed Martin Corp

Tra gli analisti che hanno dato i consensi, questo è il range di Target Price assegnato a Lockheed Martin Corp

TP MedioTP MaggioreTP Minore
438,19500,00377,00
Aggiornati al 21-07-2020

Analisi tecnica Lockheed Martin Corp

SegnaleIndicatori
Buy7
Neutral8
Sell2
Segnale finalebuy

Livelli, Supporti e Resistenze LMT

Livelli storici
264,44
283,27
339,18
368,76
384,29
401,86
437,15

EPS Lockheed Martin Corp

PeriodoRealizzatoPrevisto
30-06-20206,135,78
31-03-20206,085,86
31-12-20195,295,08
30-09-20195,665,07

Lockheed Martin Corporation

Lockheed Martin Corporation, la principale società americana diversificata con una concentrazione del core business nei prodotti aerospaziali (tra cui aerei, lanciatori spaziali, satelliti e sistemi di difesa) e altri sistemi e servizi a tecnologia avanzata. Circa la metà delle vendite annuali dell’azienda sono destinate al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Lockheed Martin è anche uno dei principali appaltatori del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e della National Aeronautics and Space Administration (NASA). È stata costituita nel 1995 dalla fusione della Lockheed Corporation e della Martin Marietta Corporation, il secondo e terzo più grande appaltatore americano per la difesa dell’epoca.

Nel 1996 la nuova società è cresciuta ulteriormente con l’acquisizione dell’elettronica e dei sistemi di difesa della Loral Corporation (a sua volta composta da nove unità separate per il settore aerospaziale e la difesa delle principali società americane come IBM, Xerox e Ford). La sede centrale si trova a Bethesda, Maryland.

La Lockheed Martin produce, tra gli altri aerei, il caccia multiruolo F-16 Fighting Falcon, il trasporto militare C-130 Hercules e il pattugliatore marittimo P-3 Orion. Altri progetti includono, in collaborazione con la Boeing Company, il caccia stealth F-22 Raptor e, in competizione con la Boeing, il Joint Strike Fighter (JSF). La compagnia effettua anche aggiornamenti, modifiche e ristrutturazioni dei suoi vecchi aerei. Nel settore spaziale, Lockheed Martin costruisce il Titan IV, il più grande veicolo di lancio americano sacrificabile; le famiglie commerciali Atlas di lanciatori sacrificabili; il razzo di stadio superiore Centaur; il missile balistico lanciato dal sottomarino Trident II; e sistemi missilistici tattici più piccoli per aerei e piattaforme a terra.

Realizza anche satelliti militari (ad esempio, per il sistema di comunicazione satellitare Milstar) e numerosi satelliti scientifici, meteorologici e per telecomunicazioni. Lockheed Martin fornisce il serbatoio di propellente esterno per lo shuttle spaziale statunitense e, in una joint venture con la Boeing chiamata United Space Alliance, conduce le operazioni quotidiane e la gestione della flotta dello shuttle per la NASA. Nell’ambito di International Launch Services, una joint venture costituita nel 1995 con le società russe Energia e Khrunichev, commercializza i servizi di lancio commerciali Atlas e Proton in tutto il mondo. La società produce anche sistemi di controllo del fuoco, radar e altri elementi del sistema di combattimento Aegis Combat System della Marina degli Stati Uniti, che traccia automaticamente gli obiettivi ostili e dirige la difesa missilistica. Gestisce l’appaltatore dell’Oak Ridge (Tennessee) National Laboratory e dei Sandia National Laboratories in New Mexico e California. Nel 2000 la Lockheed Martin aveva una forza lavoro di circa 150.000 dipendenti in tutto il mondo.

Storia della Lockheed Corporation

La Lockheed Corporation risale al 1912 quando Allan Loughead, suo fratello Malcolm e Max Mamlock, che all’epoca era a capo della Alco Cab Company, fondarono la Alco Hydro-Aeroplane Company per costruire il progetto del galleggiante dei fratelli Loughead, il Modello G. Dopo un anno la compagnia divenne inattiva, ma nel 1915 i fratelli Loughead rilevarono gli interessi di altri investitori per acquisire il controllo del Modello G e quell’anno volarono con successo passeggeri paganti all’Esposizione Panama-Pacific di San Francisco. Usando i loro profitti e il capitale degli investitori, i fratelli organizzarono la Loughead Aircraft Manufacturing Company nel 1916. Sebbene il suo F-1 volante fosse ben progettato, le vendite erano scarse e nel 1921 la società fu liquidata.

Nel 1926 Allan Loughead tornò all’aviazione e fondò la Lockheed Aircraft Company (l’ortografia di Loughead fu cambiata per adattarla alla sua pronuncia) con il produttore di mattoni e tegole Fred E. Keeler come presidente e azionista di maggioranza. L’anno successivo, con John K. Northrop come ingegnere capo, Lockheed sviluppò il trend-setter Vega, un monoplano di legno a quattro passeggeri. Questo aereo di grande successo ottenne diversi record, tra cui il completamento del primo volo in solitaria di successo intorno al mondo (da parte di Wiley Post nel 1933).

Nel 1929 Keeler vendette l’azienda alla Detroit Aircraft Corporation, che la trasformò in una divisione. Mentre la Lockheed rimase redditizia durante la Grande Depressione, le crescenti perdite della società madre prosciugarono i propri profitti, e nel 1932 la Detroit Aircraft fu liquidata. In breve tempo, quattro investitori guidati dal banchiere Robert Ellsworth Gross, acquisirono gli attivi della Lockheed per 40.000 dollari e rianimarono la Lockheed Aircraft Company. Nel 1934 l’azienda consegnò il suo primo Electra, un bimotore, un aereo di linea interamente in metallo le cui vendite portarono l’attività alla redditività.

Con l’avvento della seconda guerra mondiale, la Lockheed ha iniziato la sua stretta collaborazione con l’esercito americano producendo il bimotore, il bimotore a doppio boom P-38 Lightning, l’unico aereo da caccia americano a rimanere in produzione continua per tutta la guerra. Nel 1943, sotto la guida dell’ingegnere aeronautico e progettista Clarence L. (“Kelly”) Johnson, Lockheed istituì una sezione altamente segreta, Advanced Development Projects (ADP), per progettare un caccia intorno ad un motore a reazione britannico De Havilland. Il risultato fu il P-80 Shooting Star, il primo aereo jet americano entrato in servizio operativo (1945).

Dopo la guerra, l’ADP, noto come Skunk Works, è diventato il principale sviluppatore di velivoli militari dell’industria aerospaziale americana. Produsse l’F-104 Starfighter (volato per la prima volta come XF-104 nel 1954), il primo aereo operativo capace di velocità sostenute più del doppio di quella del suono; l’aereo spia ad alta quota U-2 (1955); e il bimotore da ricognizione SR-71 Blackbird (1964), capace di più di tre volte la velocità del suono. Nel 1977 l’ADP pilotò il primo aereo stealth, un prototipo sperimentale denominato Have Blue, progettato per essere quasi invisibile al radar. La sua ricerca stealth culminò nello sviluppo dell’F-117A Nighthawk, che volò per la prima volta nel 1981. Nel 1991 l’ADP è diventata una società separata all’interno della Lockheed e, dopo la fusione della Lockheed con la Martin Marietta nel 1995, il suo nome ufficiale è stato cambiato in Lockheed Martin Skunk Works.

Nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale, la Lockheed produsse anche diversi aerei da trasporto per l’esercito. Nel 1955 la versione di produzione del C-130 Hercules, un aereo tattico per il trasporto di truppe e merci, fece il suo primo volo inaugurale. Con il proseguimento della produzione all’inizio del XXI secolo, la famiglia Hercules dei trasporti militari e civili divenne la serie di sollevatori di carico di maggior successo e più longeva al mondo. Lockheed costruì anche il primo turboreattore al mondo, il C-141 StarLifter (che volò per la prima volta nel 1963), e l’aereo militare da carico C-5 Galaxy (che volò per la prima volta nel 1968), che all’inizio del 21° secolo rimase l’aereo americano più pesante e più grande. Alla fine degli anni ’50 l’azienda sviluppò il quattro-turboprop P-3 Orion, un aereo di pattuglia antisommergibile a terra derivato da un progetto di aereo di linea.

Nel settore civile dopo la seconda guerra mondiale, la Lockheed introdusse diversi aerei di linea ad elica, tra cui il famoso Constellation a tre code (entrato in servizio commerciale nel 1946) e il Super Constellation (entrato in servizio commerciale nel 1951), e il primo business jet, il quadrimotore JetStar (volato per la prima volta come bimotore nel 1957). Sebbene negli anni della formazione non sia riuscito ad entrare nel settore dei jet di linea commerciali, l’avvento degli aerei di linea a fusoliera larga negli anni ’60 ha fornito all’azienda una nuova opportunità di penetrazione nel mercato. Il suo L-1011 TriStar iniziò lo sviluppo nel 1966 e fece il suo primo volo nel 1970. Per alimentare il TriStar, Lockheed ha selezionato il nuovo turbofan RB211 del produttore di motori britannico Rolls-Royce. Nel 1971, tuttavia, diverse pessime decisioni commerciali relative all’RB211 costrinsero la Rolls-Royce al fallimento. Lockheed considerava troppo costoso modificare il TriStar per un motore diverso, e anche questo era sull’orlo del fallimento a causa dei ritardi con la L-1011, degli sforamenti dei costi del suo programma C-5 e della riduzione dei contratti militari negli anni calanti della guerra del Vietnam. La L-1011 e il suo costruttore furono salvati solo grazie agli sforzi coordinati del governo americano (con una massiccia garanzia di prestito), del governo britannico (nazionalizzando la Rolls-Royce), di altri prestatori consolidati e di clienti impegnati.

Lockheed era in ritardo rispetto ad altre aziende aerospaziali (ad esempio, Douglas e la divisione Convair della General Dynamics) nell’entrare nel campo dello sviluppo missilistico, e una divisione di sistemi missilistici non fu costituita fino alla fine del 1953. Organizzata in seguito come Lockheed Missiles & Space Company, fu responsabile dello sviluppo di diverse generazioni di missili balistici strategici lanciati da sottomarini della Marina degli Stati Uniti – i Polaris (dispiegati nel 1960), Poseidon (1971), Trident I (1979) e Trident II (1990). Le attività spaziali della Lockheed comprendevano lo sviluppo, alla fine degli anni ’50, del razzo Agena, che servì come seconda fase e come veicolo spaziale per numerose missioni spaziali. Alla fine degli anni ’70 e ’80 l’azienda è stata responsabile della costruzione e dell’integrazione dei sistemi del telescopio spaziale Hubble, che è stato portato in orbita dallo space shuttle nel 1990. Alla fine degli anni ’50 la Lockheed si espanse anche nell’elettronica con la formazione di una divisione elettronica e avionica e si diramava verso i sistemi marini con l’acquisto di un’importante impresa di costruzione, costruzione navale e riparazione navale. Nel 1977, quando l’azienda cambiò il suo nome in Lockheed Corporation, gli aerei e i servizi correlati rappresentavano poco più del 50% delle vendite.

Nei primi anni ’90 la Lockheed ha ampliato le sue linee di aerei militari con l’acquisizione della divisione Fort Worth (Texas) della General Dynamics, il cui prodotto principale era il caccia F-16. Le radici di quella divisione risalgono alla formazione della Consolidated Aircraft Corporation nel 1923 da parte del pilota militare americano e costruttore di aerei Reuben Hollis Fleet. La Consolidated Aircraft iniziò costruendo aerei da addestramento. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu uno dei principali costruttori di aerei negli Stati Uniti; la sua produzione comprendeva il bombardiere B-24 Liberator e il flying boat PB4Y. Nel 1943 la Consolidated si fuse con la Vultee Aircraft Inc. (fondata nel 1939) per formare la Consolidated Vultee Aircraft Corporation, che nel dopoguerra produsse sia il più grande bombardiere americano con motore a pistoni, il B-36 Peacekeeper (che nelle versioni successive incorporò quattro turboreattori ausiliari oltre ai suoi sei motori a pistoni radiali), sia il più veloce bombardiere a reazione dell’epoca, il B-58 Hustler ad ala a delta.

Nel 1953 la General Dynamics acquisì la maggioranza delle azioni della Consolidated Vultee e la fondò come divisione Convair. Otto anni dopo il nome Convair fu abbandonato e la maggior parte dell’attività di produzione di aerei fu concentrata nell’ex stabilimento di Fort Worth della Consolidated. Questa divisione sviluppò il cacciabombardiere bimotore F-111 (schierato nel 1967), il primo aereo ad ala variabile di produzione al mondo, e il compatto e leggero F-16 (schierato nel 1979), che presentava controlli di volo fly-by-wire (elettronici piuttosto che meccanici). Generosi contratti con diversi paesi della NATO per la coproduzione dell’F-16 hanno contribuito al successo internazionale del velivolo. Nel 1991 la US Air Force ha scelto un progetto offerto da un consorzio composto da Lockheed, Boeing e General Dynamics per un caccia tattico avanzato bimotore con caratteristiche stealth. Il velivolo fu chiamato F-22 Raptor e volò per la prima volta nel 1997.

Martin Marietta Corporation

La seconda linea di eredità della Lockheed Martin, la Martin Marietta Corporation, iniziò nel 1912 quando il pioniere dell’aviazione americana Glenn L. Martin organizzò una società per la produzione e la vendita di aerei. Quattro anni dopo, la Wright Company acquisì l’impresa per formare la Wright-Martin Aircraft Corporation. La Wright Company era stata riformata nel 1915 dopo che Orville Wright aveva venduto la sua attività in crisi (fondata nel 1909) agli investitori di Wall Street. Nel 1917, con l’aiuto di diversi industriali americani, Martin incorporò una nuova Glenn L. Martin Company, che fornì il suo bombardiere MB-1 all’esercito americano. Nel 1928 Glenn Martin vendette gli impianti di produzione di quella società e acquistò una partecipazione del 90% nella piccola società di motori aeronautici del pioniere Louis Chevrolet, che incorporò come Martin Company. Il quadriciclomo volante dell’azienda, l’M-130, divenne un pilastro prima della seconda guerra mondiale per il servizio Clipper transatlantico e transpacifico. Durante la guerra la compagnia produsse numerosi piccoli bombardieri, come il bimotore B-26 Marauder, e diversi trasporti commerciali piuttosto falliti. Negli anni ’50 la Martin Company iniziò a lavorare al missile balistico Pershing e al missile balistico intercontinentale Titan, quest’ultimo poi sviluppatosi in un veicolo di lancio spaziale. Nel 1960 l’ultimo aereo della Martin uscì dalla linea di produzione e l’azienda si dedicò ai missili e ai lanciatori spaziali.

Nel 1961 la Martin Company si diversifica attraverso la fusione con la American-Marietta Company (incorporata nel 1930) per formare la Martin Marietta Corporation. American-Marietta era stata fondata nel 1913 come American Asphalt Paint Company ed era un fornitore leader di materiali per la costruzione di edifici e strade. Martin Marietta ha mantenuto la maggior parte della produzione delle sue aziende precedenti. Le sue attività spaziali comprendevano la costruzione dei due lander Viking, che atterrarono su Marte nel 1976, e la navicella spaziale Magellano, che mappò la superficie di Venere nei primi anni ’90, e la progettazione e produzione del serbatoio esterno del carburante della navetta spaziale. Nei primi anni Novanta Martin Marietta ha fatto due aggiunte su larga scala al suo patrimonio spaziale. Nel 1993 ha acquisito le attività aerospaziali della General Electric, una mossa che è stata seguita un anno dopo dall’acquisto della divisione sistemi spaziali della General Dynamics, produttrice del lanciatore Atlas e del veicolo di stadio superiore Centaur.

Lockheed Martin Corporation in borsa

Lockheed Martin Corporation è oggi quotata sul Nyse con il ticket LMT.

Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500

Spesso ci si riferisce alle varie classifiche mondiali guardando alle aziende che hanno più profitti, che hanno più ricavi oppure semplicemente che hanno una maggiore capitalizzazione. La questione di base, però, è che la maggior parte degli investitori non va OTC e quindi le azioni che riescono ad acquistare arrivano dai seguenti mercati: USAGran BretagnaGermaniaFranciaItaliaSpagnaSvizzeraOlandaPortogallo Si tratta di pochi mercati…

Commenti disabilitati su Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le migliori 100 aziende occidentali dalla classifica Global 500
Le 100 azioni migliori sui mercati occidentali

Cosa è il S&P 100 e quali titoli contiene

L'indice S&P 100 è un indice del mercato azionario degli Stati Uniti gestito da Standard & Poor's. Le opzioni dell'indice S&P 100 sono negoziate con il simbolo del ticker "OEX". A causa della popolarità di queste opzioni, gli investitori spesso si riferiscono all'indice con il simbolo del ticker. L'S&P 100, un sottoinsieme dell'S&P 500, comprende 101 (perché una delle società…

Commenti disabilitati su Cosa è il S&P 100 e quali titoli contiene
Cosa è il S&P 100 e quali titoli contiene
Trading

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare