Le 20 società di calcio a maggior valore in Europa
Valore delle squadre di Calcio
Le 20 società di calcio a maggior valore in Europa
  • Post category:Trading

Come ogni anno anche nel 2021 Forbes ha fatto la classifica delle società di calcio dal maggior valore. Non mancano le sorprese e, se i calcoli sono corretti, praticamente tutte le squadre quotate in borsa (Manchester United, Juventus, Borussia Dortmund, Roma e Ajax) valgono molto più di quanto quotano.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire cosa significa ciò. Iniziamo con la versione “leggera” di tale classifica:

SocietàValoreTipo di società
Barcellona4,76 miliardi $Privata
Real Madrid4,75 miliardi $Privata
Bayern Monaco4,215 miliardi $Privata
Manchester United4,2 miliardi $Pubblica / Quotata
Liverpool4,1 miliardi $Privata
Manchester City4 miliardi $Privata
Chelsea3,2 miliardi $Privata
Arsenal2,8 miliardi $Privata
Paris Saint Germain2,5 miliardi $Privata
Tottenham2,3 miliardi $Privata
Juventus1,95 miliardi $Pubblica / Quotata
Borussia Dortmund1,9 miliardi $Pubblica / Quotata
Atletico Madrid1 miliardo $Privata
Inter743 milioni $Privata
Everton658 milioni $Privata
Milan559 milioni $Privata
Roma548 milioni $Pubblica / Quotata
West Ham United508 milioni $Privata
Leicester City455 milioni $Privata
Ajax413 milioni $Pubblica / Quotata
Società calcistiche a maggior valore secondo Forbes

Prima di procedere con i dettagli di queste società, però, vogliamo fare un’analisi su quelle che sono quotate in borsa e per le quali, quindi, si ha un valore di capitalizzazione.

Società di calcio quotate in borsa

Delle 20 che primeggiano questa classifica, ben 5 sono quotate in borsa, quindi per queste si può fare un chiaro confronto con la capitalizzazione di mercato.

SquadraValore ForbesCapitalizzazione*Diff.
Manchester United4,2 miliardi $2,7 miliardi $35,7%
Juventus1,95 miliardi $851 milioni $56,3%
Borussia Dortmund1,9 miliardi $406 milioni $78,63%
AS Roma548 milioni $152 milioni $72,26%
Ajax413 milioni $239 milioni $42,13%
Differenza tra valore Forbes e capitalizzazione di borsa delle società di calcio

*Cambio EUR/USD applicato = 1,19; cambio non applicato per il Manchester perché quotato sul NYSE e quindi con valori già in USD

Come possiamo vedere le due società più sopravvalutate sono Borussia Dortmund e Roma, con valori assegnati che superano il 72% rispetto a quella che è la valutazione di mercato.

Dall’altro lato della medaglia, le due società meno sopravvalutate sono Manchester United e Ajax, che vengono valutate “solo” tra il 35 e il 42% in più di quanto non capitalizzino.

Perché Forbes sopravvaluta tutte le società di calcio?

La rivista britannica cerca di guardare un po’ oltre i numeri attuali, facendo un calcolo dell’interesse intorno a questo sport, sia oggi che nel tempo. Inoltre valuta il generale aumento degli introiti da diritti televisivi, da sponsor sulla maglia e da altre revenue stream, mettendoli a paragone con le revenue attuali.

Inoltre mette alla base una delle poche valutazioni indipendenti per acquisto/vendita di una società: il caso è quello del Liverpool, con RedBird Capital che ha acquistato una piccola fetta di Fenway Sports Group, holding che possiede le quote di Liverpool FC. Proprio in questa transazione sono stati valutati tutti gli asset della holding e al Liverpool è stato assegnato un valore di 4 miliardi di dollari, equivalente a 6,4 volte le sue entrate. Ed ecco quindi che, fatti i dovuti distinguo, considerato il livello di indebitamento delle stesse società e l’ammontare delle entrate, considerando anche il numero di fan sui social e la portata storica del club, Forbes è riuscito a dare un valore a ognuna di queste società.

I valori di Forbes sono giustificati?

Quando si parla di società calcistiche è complesso immaginare le eventuali entrate future poiché queste sono legate a doppio filo con i risultati sportivi, soprattutto in campo europeo dove la UEFA, con la Champions League, riesce a sostenere i bilanci delle stesse società.

Quindi, sottolineando quanto appena detto, c’è da notare come, se una società di investimento riesce a pagare multipli di 6,4 volte le revenue di una squadra di calcio, probabilmente, del vero valore intrinseco c’è. Allo stesso tempo, se il Liverpool riesce a valere 4 miliardi di dollari (e questa è una valutazione terza, non di Forbes) con 619 milioni di entrate e utile di 61,9 milioni, non vediamo perché una Juventus, con 441 milioni di dollari di entrate e perdita di 14 milioni di dollari, non possa valere quantomeno la metà del Liverpool.

I numeri ci sono e sono veritieri, soprattutto se consideriamo che la maggior parte di queste 20 società si ritrovano a un passo dal rinnovo di importanti sponsor e la tendenza degli ultimi anni è quella di sottoscrivere contratti dal grande valore. Qualcosa ne sa, per esempio, il Real Madrid che, sommando sponsor tecnico e main sponsor, sulla maglia conta per 190 milioni di euro all’anno; Real Madrid che guida la classifica e probabilmente si merita anche questo denaro, ma facendo un paragone, tralasciando gli inglesi che hanno un campionato molto particolare, i 135 milioni/anno del PSG, confrontati con i 94,5 della Juventus, considerando la differenza di caratura del campionato francese con quello italiano, fanno ben comprendere come dalle parti di Torino ci si aspetta un aumento con i nuovi sponsor che firmeranno i contratti.

Se poi guardiamo, per esempio, al Manchester United che non partecipava alla UEFA Champions League da qualche anno e nel 20/21 è riuscito a farsi eliminare alla fase a gironi, appare evidente come i 64,9 milioni di dollari che garantirà il solo TeamViewer per il main sponsor sono astronomici rispetto ai 53 della Juventus con Jeep.

E se il confronto viene fatto con l’AS Roma che, dalla maglia, incassa appena 17,3 milioni, ci si rende conto del come, certamente, qualcosa in più in cassa, nelle prossime stagioni, dovrà entrare. Ma se la Roma ha la forte incognita della qualificazione alla Champions, che dà lustro al brand che campeggia sulle maglie, lo stesso non può dire la Juventus, presenza fissa nelle ultime 10 annate e con buone possibilità anche per il prossimo.

Cosa ci aspetta per il futuro

Da tutto ciò che abbiamo detto, appare evidente che gli introiti delle società calcistiche sono destinati a salire, soprattutto considerando che Forbes ha basato questi calcoli sui bilanci 19/20, che per metà è stato impattato dal Covid.

Le valutazioni delle società in borsa, in generale, paiono un po’ bassine, soprattutto in un momento come questo, laddove tutti i corsi azionari sembrano destinati a salire alle stelle.

Probabilmente queste società pagano un po’ di incertezza data dalla natura stessa del loro business, cioè l’essere o uscire da una competizione europea con il tutto che si gioca in un paio di serate.

Le 20 squadre di calcio più ricche al mondo

Per gli amanti dei numeri, e speriamo che tra i nostri lettori siano in tanti, ecco i dettagli forniti da Forbes.

1. Barcellona

Proprietario/Azionista di controllo: membri del club
Valore: $4,76 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 18%
Entrate (2020): $792 milioni
Reddito operativo (2020): 62,2 milioni di dollari
Valore del debito: 6%

2. Real Madrid

Proprietario/Azionista di controllo: membri del club
Valore: $ 4,75 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 12%
Entrate (2020): $ 792 milioni
Reddito operativo (2020): 92 milioni di dollari
Valore del debito: 6%

3. Bayern Monaco

Proprietario/Azionista di controllo: membri del club
Valore: $ 4,215 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 39%
Entrate (2020): $ 703 milioni
Reddito operativo (2020): $ 49,2 milioni
Valore del debito: 0%

4. Manchester United

Proprietario/azionista di controllo: famiglia Glazer
Valore: $ 4,2 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 10%
Entrate (2020): 643 milioni di dollari
Reddito operativo (2020): $ 166,6 milioni
Valore del debito: 16%

5. Liverpool

Proprietario/Azionista di controllo: John Henry, Tom Werner
Valore: $ 4,1 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 88%
Entrate (2020): 619 milioni di dollari
Reddito operativo (2020): $ 61,9 milioni
Valore del debito: 2%

6. Manchester City

Proprietario/Azionista di controllo: Sheikh Mansour bin Zayed Al Nahyan
Valore: $4 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 49%
Entrate (2020): $ 609 milioni
Reddito operativo (2020): – $ 2 milioni
Valore del debito: 0%

7. Chelsea

Proprietario/Azionista di controllo: Roman Abramovich
Valore: $ 3,2 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 24%
Entrate (2020): $ 520 milioni
Reddito operativo (2020): $ 34,7 milioni
Valore del debito: 0%

8. Arsenal

Proprietario / Azionista di controllo: E. Stanley Kroenke
Valore: $ 2,8 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 23%
Entrate (2020): $ 430 milioni
Reddito operativo (2020): $ 47,3 milioni
Valore del debito: 7%

9. Paris Saint Germain

Proprietario / Azionista di controllo: Qatar Sports Investments
Valore: $ 2,5 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 129%
Entrate (2020): $ 599 milioni
Reddito operativo (2020): – $ 4,5 milioni
Valore del debito: 0%

10. Tottenham

Proprietario / Azionista di controllo: Joseph Lewis, Daniel Levy
Valore: $ 2,3 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 42%
Entrate (2020): 494 milioni di dollari
Reddito operativo: 134,2 milioni di dollari
Valore del debito: 39%

11. Juventus

Titolare / Azionista di controllo: Famiglia Agnelli (Exor)
Valore: $ 1,95 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 29%
Entrate (2020): $ 441 milioni
Reddito operativo: – $ 14 milioni
Valore del debito: 16%

12. Borussia Dortmund

Proprietario / Azionista di controllo: Bernd Geske, Evonik Industries
Valore: $ 1,9 miliardi
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 112%
Entrate (2020): $ 405 milioni
Reddito operativo: $ 15,1 milioni
Valore del debito: 0%

13. Atletico Madrid

Proprietario / Azionista di controllo: Miguel Gil, Enrique Cerezo
Valore: $ 1 miliardo
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 5%
Entrate (2020): $ 368 milioni
Reddito operativo: $ 61,7 milioni
Valore del debito: 26%

14. Inter

Proprietario / Azionista di controllo: Zhang Jindong, LionRock Capital
Valore: $ 743 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 11%
Entrate (2020): $ 323 milioni
Reddito operativo: 13,1 milioni di dollari
Valore del debito: 8%

15. Everton

Proprietario / Azionista di controllo: Farhad Moshiri
Valore: $ 658 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: 38%
Entrate (2020): $ 235 milioni
Reddito operativo: $ 15 milioni
Valore del debito: 0%

16. Milan

Proprietario / Azionista di controllo: Elliot Management
Valore: $ 559 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: -4%
Entrate (2020): 165 milioni di dollari
Reddito operativo: – $ 92,4 milioni
Valore del debito: 4%

17. Roma

Proprietario / Azionista di controllo: Dan Friedkin
Valore: $ 548 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: -12%
Entrate (2020): 156 milioni di dollari
Reddito operativo: – $ 108,4 milioni
Valore del debito: 56%

18. West Ham United

Proprietario / Azionista di controllo: David Sullivan, David Gold
Valore: $ 508 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: -18%
Entrate (2020): 175 milioni di dollari
Reddito operativo: – $ 24,2 milioni
Valore del debito: 18%

19. Leicester City

Proprietario / Azionista di controllo: Khun Aiyawatt Srivaddhanaprabha
Valore: $ 455 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: NR
Entrate (2020): $ 189 milioni
Reddito operativo: – $ 49,3 milioni
Valore del debito: 17%

20. Ajax

Proprietario / Azionista di controllo: membri del club
Valore: $ 413 milioni
Cambio percentuale rispetto a due anni fa: NR
Entrate (2020): 172 milioni di dollari
Reddito operativo: $ 1,7 milioni
Valore del debito: 11%