Le 10 aziende, del mercato delle bevande, più grandi al mondo
Una vista sulle bottiglie. Il mercato delle bevande
Le 10 aziende, del mercato delle bevande, più grandi al mondo
  • Post category:Guide

Abbiamo già trattato l’argomento, con la lista esaustiva delle azioni del mercato delle bevande, oltre alle azioni delle birre e le azioni degli alcolici. Oggi, in questo nuovo articolo, vogliamo concentrarci sulle 10 multinazionali delle bevande più grandi al mondo.

Per fare la classifica prenderemo in considerazione la capitalizzazione, mettendo in rilievo altri parametri necessari per guidare un investitore tra le aziende multinazionali più grandi.

La lista è la seguente:

  1. Nestlé
  2. Coca Cola
  3. PepsiCo
  4. Anheuser Busch Inbev
  5. Diageo
  6. Heineken
  7. Pernod Ricard
  8. Monster Beverage Corporation
  9. Keurig Dr Pepper
  10. Constellation Brands

Ed ecco l’analisi delle aziende.

Nestlé (SWX: NESN)

Capitalizzazione: 283 miliardi di euro
P/E: 25,24
Dividend Yield: 2,54%
Sede: Svizzera

Partiamo con l’elvetica Nestlé che stacca nettamente la seconda classificata Coca Cola. La capitalizzazione molto più alta è data dal fatto che la società svizzera, come ben sappiamo, non produce e commercializza solo bevande ma è attiva nel mondo food in generale.

Brand prodotti Nestlé
Brand di Nestlé

Fermandoci al solo mercato beverage, Nestlé può contare su brand come:

  • Caffè:
    • Nespresso
    • Nescafé
    • Dolce Gusto
  • Bevande:
    • Perrier
    • Vittel
    • San Pellegrino
    • Aquarel
    • Nestea

Inoltre tra i brand include anche dei marchi di latte, poco conosciuti in Italia, e dei latti in polvere per bambini, come per esempio Nidina.

Coca Cola (NYSE: KO)

Capitalizzazione: 193,4 miliardi di euro
P/E: 29,73
Dividend Yield: 3,15%
Sede: Stati Uniti d’America

Se parliamo di aziende di bevande pure non possiamo che non mettere in cima alla lista il brand americano The Coca Cola Company, il quale ha al proprio interno decine di brand legate al beverage.

Brands Coca Cola
Brand di Coca Cola Company

Alcuni brand si notano già dall’immagine, qui facciamo un breve elenco (consideriamo che sul proprio sito la stessa compagnia ne conta più di 200):

  • Coca Cola
  • Sprite
  • Fanta
  • Innocent
  • Powerade
  • Schweppes
  • Appletiser
  • Adez
  • Lilia
  • Sveva
  • Kinley
  • FuzeTea
  • Burn

Insomma, l’azienda americana spazia dall’acqua (Lilia la più conosciuta per noi), ai succhi di frutta bio (Innocent), alle bevande gasate (Coca Cola, Fanta, Sprite), fino ad arrivare al the (FuzeTea) e agli energetici (Powerade e Burn).

PepsiCo (NASDAQ: PEP)

Capitalizzazione: 166,7 miliardi di euro
P/E: 28,04
Dividend Yield: 2,85%
Sede: Stati Uniti d’America

Al terzo posto troviamo la principale concorrente dell’azienda che si posiziona al secondo. Infatti la guerra tra PepsiCo e Coca Cola dura da decenni oramai, le strategie spesso vengono copiate e le due aziende crescono in una simmetria che è quasi incredibile.

Anche come strategia di brand le due aziende si somigliano parecchio, con piccole differenze come, per esempio, l’estensione da parte di Pepsi su brand del food (come le patatine Lays).

Brand Bevande di PepsiCo
I brand beverage di PepsiCo

Qualche brand si nota già dall’immagine, ma di seguito mettiamo una breve lista dei brand delle bevande di PepsiCo:

  • Pepsi
  • Gatorade
  • Quaker
  • Lipton
  • Tropicana
  • Looza
  • Aquafina
  • StarBucks (pertnership per alcune bevande al gusto caffè)

Da sottolineare come Coca Cola tende a globalizzare la maggiorparte dei propri brand, mentre Pepsi lavora molto più localmente e quelli appena elencati sono brand conosciuti in Italia, ma Pepsi stessa è molto forte in America e in particolar modo in Sud America, dove ha brand adatti a quel mercato.

Anheuser Busch InBev (EBR: ABI, NYSE: BUD)

Capitalizzazione: 92,4 miliardi di euro
P/E: –
Dividend Yield: 0,64%
Sede: Belgio

Ed ecco la prima azienda del mondo delle bevande alcoliche. Nata nel 2008, dalla fusione tra la belga InBev e l’americana Anheuser-Busch.

All’interno di questa azienda non troviamo solo brand, ma principalmente divisioni che sono delle vere e proprie aziende, ciò perché i due brand principali, Anheuser Busch e InBev non sono state inglobate ma lasciate come società autonome, inoltre lo stesso gruppo può contare anche sui marchi AmBev (il più grande produttore di birre del Sud America), Grupo Modelo, Interbrew e SABMiller.

Anheuser Busch InBev Brand
Brand Anheuser Busch InBev

Passando ai brand più iconici possiamo certamente nominare:

  • Budweiser
  • Corona
  • Stella Artois
  • Beck’s
  • Castle
  • Leffe
  • Modelo

Diageo (LON: DGE)

Capitalizzazione: 86,4 miliardi di euro
P/E: 66,52
Dividend Yield: 2,21%
Sede: Regno Unito

E con Diageo arriviamo alla posizione numero 5 e quindi a metà classifica, rimaniamo però nel mercato delle bevande alcoliche poiché l’azienda britannica produce Birra, Vino e Whisky.

Nata dalla fusione tra la britannica GrandMet e l’irlandese Guinness Plc, ha al suo interno svariati brand.

Diageo Brands
Brand del Gruppo Diageo

Come possiamo vedere la birra del portafoglio è quella che per antonomasia si può definire birra, cioè la Guinness, mentre l’azienda si concentra principalmente sui liquori e sui whisky.

I brand di Diageo sono:

  • Guinness
  • Harp Lager
  • Baileys
  • Bundaberg
  • Pampero
  • Bell’s
  • Smirnoff
  • Johnnie Walker
  • Crown Royal
  • J&B

Heineken (AMS: HEIA)

Capitalizzazione: 52,4 miliardi di euro
P/E: 24,79
Dividend Yield: 0,77%
Sede: Olanda

Con Heineken entriamo nella seconda metà delle prime dieci aziende per capitalizzazione sul mercato delle bevande; continuiamo ancora con gli alcolici.

Chi non conosce Heineken? Probabilmente è la birra commerciale più conosciuta in Europa.

Brand Heineken
Brand di Heineken

Eppure ci si stupisce ogni volta quando si guarda al portafoglio dell’azienda olandese. Ecco i brand più iconici di Heineken:

  • Heineken
  • Amstel
  • Birra Moretti
  • Edelweiss
  • Desperados
  • Adelscott
  • Dreher
  • Ichnusa
  • Fischer
  • Birra Messina

Pernod Ricard (EPA: RI)

Capitalizzazione: 44,1 miliardi di euro
P/E: 25,73
Dividend Yield: 1,58%
Sede: Francia

Si rimane sugli alcolici ma si va sul lusso con la posizione numero 7. Infatti Pernod Ricard è un’azienda francese che commercializza e produce vini e liquori di qualità superiore.

Come capitalizzazione ci si allontana molto dai primi della classifica ma i brand in discussione non sono secondi a nessuno.

Pernod Ricard brands
Brand di Pernod Ricard

Ecco la lista dei brand più iconici di Pernod Ricard:

  • Sambuca Ramazzotti
  • Mumm
  • Perrier-Jouët
  • Amaro Ramazzotti
  • Havana Club
  • Malibu
  • Ballantine’s
  • Chivas Regal
  • Absolut Vodka
  • Jameson

Monster Beverage Corporation (NASDAQ: MNST)

Capitalizzazione: 41,9 miliardi di euro
P/E: 61,33
Dividend Yield: –
Sede: Stati Uniti d’America

Dopo una lunga lista di alcolici, torniamo su una bevanda che nulla a che fare con l’alcol, in particolar modo la Monster ha avuto il suo successo grazie alle bevande energetiche.

A differenza dei marchi appena visti, Monster è la prima che produce tutto sotto il proprio brand, quindi non ha altri nomi altisonanti da mettere in mostra. Certo, Monster produce e commercializza bevande a vari gusti, ma pur sempre Monster.

Keurig Dr Pepper (NASDAQ: KDP)

Capitalizzazione: 41,8 miliardi di euro
P/E: 61,33
Dividend Yield: 1,7%
Sede: Stati Uniti d’America

Continuiamo con le aziende delle bevande analcoliche e mettiamo nel mirino un’azienda che forse non dirà nulla al grande pubblico nostrano.

Nata nel 2018 dalla fusione tra Dr Pepper e Keurig, i marchi nella galassia della nuova azienda sono numerosi.

Le 10 aziende, del mercato delle bevande, più grandi al mondo
Brand Keurig Dr Pepper

Come si può vedere dall’immagine c’è qualche azienda conosciuta, come 7Up già trattata per Pepsi, peccato solo che Keurig Dr Pepper distribuisca in America il brand. Idem per Lipton (di Pepsi), Illy (indipendente italiana), McCafè (McDonald’s) e Twinings (indipendente).

Constellation Brands (NYSE: STZ)

Capitalizzazione: 36,5 miliardi di euro
P/E: 42,11
Dividend Yield: 1,34%
Sede: Stati Uniti d’America

E siamo arrivati alla fine della classifica, chiudiamo la parentesi analcolica e ci riportiamo su un’azienda che si distingue per la vendita di liquori e per la distribuzione di prodotti terzi (come nel caso della Corona, di proprietà di AB InBev.

Constellation Brands
Constellation Brands

Nell’immagine fa, appunto, bella mostra proprio Corona e Modelo, ma per queste Constellation Brands cura solo la distribuzione in poche aree.

Nell’immagine possiamo anche notare un Prosecco, quindi un brand italiano, come quello di Ruffino. Marco iconico di Constellation Brands è anche Svedka Vodka.