Cosa è l’indice Russell 1000
1.000
Cosa è l’indice Russell 1000
  • Post Category:Guide

Se seguite le notizie, ogni giorno sentirete i telegiornali fare riferimento al Dow Jones Industrial Average, all’S&P 500 e al Nasdaq Composite, tre dei più importanti indici che misurano, se non la salute del mercato azionario americano, almeno la fiducia degli investitori in esso.

Tuttavia, il Russell 1000 è importante almeno quanto i suoi tre indici più noti, e forse un po’ di più.

Cos’è un indice?

Un indice di borsa è un elenco di società quotate in borsa. Gli indici tracciano la performance di diversi gruppi di azioni. Possono contenere alcuni titoli in base al loro settore, al loro potenziale di crescita, alla loro storia di dividendi, alle dimensioni dell’azienda sottostante o a una combinazione di fattori. Un indice può comprendere un piccolo numero di azioni (come il Dow, con solo 30 componenti) o un grande numero di azioni (come il Nasdaq Composite, con più di 3.000 componenti).

E ci sono un sacco di indici là fuori; le categorie di cui sopra sono giusto un’assaggio.

Gli indici hanno anche modi diversi di decidere la “ponderazione” di ogni componente (cioè la quantità di influenza che ogni azione ha sull’indice complessivo). Più comunemente, la capitalizzazione di mercato di una società determinerà quanto del valore complessivo dell’indice è ad essa attribuito; maggiore è la sua capitalizzazione di mercato, maggiore è l’impatto che i movimenti del prezzo delle azioni hanno sull’indice. Gli altri indici sono “di pari peso”, il che significa che i movimenti del prezzo delle azioni di ogni società influenzano l’indice in modo uguale, indipendentemente dal valore di mercato della società.

Informazioni sul Russell 1000

Il Russell 1000 è un elenco delle 1.000 maggiori aziende pubbliche statunitensi. È un sottoinsieme del Russell 3000, che elenca le 3.000 maggiori. Le società del Russell 3000 rappresentano circa il 98% del valore del mercato azionario statunitense, il che lo rende forse la rappresentazione più accurata della performance azionaria nazionale. Il Russell 1000, pur contenendo solo un terzo delle azioni del Russell 3000, rappresenta ancora circa il 92% del valore del mercato azionario statunitense.

La Russell Investments, che ha creato e mantiene gli indici Russell, si colloca ogni anno alla fine di maggio in ogni società pubblica degli Stati Uniti. Se una società viene cancellata da un indice Russell nel corso dell’anno (cosa che può accadere se si fonde o viene acquisita, viene resa privata o cessa l’attività), non verrà sostituita fino al periodo annuale di “ricostituzione”. Lo stesso vale quando si aggiungono le aziende che “crescono” nel Russell 1000. Anche le grandi IPO (si pensi a Twitter o Facebook negli ultimi anni) non entreranno a far parte del Russell 1000 fino alla prossima ricostituzione dopo la loro pubblicazione.

Come si può investire nel Russell 1000

Potete investire nella maggior parte dei principali indici utilizzando i fondi indicizzati, che sono fondi comuni d’investimento o fondi negoziati in borsa che investono nelle azioni che compongono un indice.

Questo tipo di approccio passivo all’investimento non porterà a rendimenti superiori al mercato, in quanto otterrete all’incirca la stessa performance dell’indice. I vostri rendimenti saranno solo leggermente inferiori a causa delle commissioni che pagherete al gestore del fondo. Tuttavia, i fondi indicizzati, con il loro approccio passivo e la loro ampia diversificazione, sottraggono molto lavoro e rischi all’investimento sul mercato azionario.

Mentre Russell non offre direttamente un fondo comune d’investimento o un ETF per nessuno dei suoi indici, diversi fondi indicizzati seguono il Russell 1000, tra cui il Vanguard Russell 1000 ETF (NASDAQ:VONE), l’iShares Russell 1000 (NYSEMKT:IWB) ETF, e l’SPDR Russell 1000 ETF (NYSEMKT: ONEK).

La piccola variazione nella performance di cui sopra è un prodotto delle commissioni e dei costi di acquisto e di vendita all’interno dei fondi. Per periodi di tempo molto lunghi (poiché tutti e tre gli ETF sono costruiti per rispecchiare i rendimenti dell’indice Russell 1000) quasi tutte le variazioni di performance si riducono alle commissioni di gestione.

Il rapporto costi/premi (che misura le commissioni di gestione annuali di un fondo come percentuale del patrimonio) per il fondo SPDR è attualmente dello 0,11% all’anno, mentre Vanguard addebita lo 0,12% per gli investitori al dettaglio e iShares lo 0,15%.

Queste commissioni sono molto basse ma nel tempo possono sommarsi. Anche la minuscola differenza tra le spese iShares dello 0,15% e le spese Vanguard dello 0,12% si mangerebbe quasi 2.000 dollari in rendimenti su un investimento di 10.000 dollari in 30 anni. Si tratta del 20% dell’investimento iniziale perso a causa di una differenza nelle commissioni annuali di tre centesimi dell’1%.

Dovreste investire nel Russell 1000?

I fondi indicizzati ad ampio raggio dovrebbero far parte del piano di investimento di quasi tutti, e il Russell 1000 è un buon investimento per la maggior parte di essi.

Come afferma il popolare disclaimer, le performance passate non sono una garanzia per i rendimenti futuri. Eppure vi sono prove del fatto che la base più ampia di società più piccole (che spesso hanno maggiori prospettive di crescita) del Russell 1000 è un fattore della sua sovraperformance a lungo termine rispetto all’S&P 500.

Sulla base della sua performance storica, dei molteplici fondi indice economici disponibili e della probabilità di una forte performance futura, il Russell 1000 è importante quanto l’S&P 500.

Componenti del Russell 1000

Elencarle tutte e 1.000 viene un po’ complesso, però possiamo certamente pubblicare la top ten, al 30 aprile ’20, così come indicata dal prospetto informativo della stessa Russell.

  1. Microsoft
  2. Apple
  3. Amazon
  4. FaceBook
  5. Alphabet C
  6. Alphabet A
  7. Johnson & Johnson
  8. Berkshire Hathaway
  9. Visa
  10. Jpmorgan Chase