Le più grandi Aziende di Assicurazioni, investire in Azioni Assicurative
Aziende del business delle Assicurazioni
Le più grandi Aziende di Assicurazioni, investire in Azioni Assicurative
  • Post category:Guide

I titoli assicurativi dovrebbero trovarsi nel portafoglio di qualsiasi investitore. Ciò perché è un business remunerativo, con prospettive di lungo periodo ed è anticiclico, quindi funziona bene sia in momenti di crisi che in momenti economicamente esplosivi.

Giusto per fare un esempio: durante questa crisi dovuta al Covid la maggior parte delle assicurazioni, soprattutto sui rami RC auto, ha tirato i remi in barca, con meno incidenti e quindi meno indennizzi da pagare. Inoltre si è aperta una nuova linea di business, grazie alle assicurazioni per interruzione delle attività commerciale. Evento certamente raro, nel quale ci troviamo al momento ma che, statisticamente parlando, messo il Covid alle spalle, difficilmente capiterà di nuovo.

In questo articolo faremo una paronimica di come funziona il business insurance, andremo a vedere concetti fondamentali e consiglieremo qualche azione da non far sfuggire.

Come guadagnano le compagnie assicurative

Quando ci si trova davanti a un’azione, ogni investitore dovrebbe avere ben in mente quali sono le linee di business (o almeno il core business) di quell’azienda.

Il business assicurativo da questo punto di vista è molto semplice: i premi incassati per l’apertura delle polizze devono superare le spese per amministrative e gestionali, oltre a quelle legate ai risarcimenti.

Semplificando, e di molto, un’assicurazione che:

  • incassa 100 dai premi
  • paga 40 per dipendenti e gestione
  • 40 per indennizzi sui danni

sarà andata in utile di 20. Questo utile è il profitto di sottoscrizione.

Ma questa è una visione parziale e molte assicurazioni si accontentano anche di andare in pareggio con il profitto di sottoscrizione.

Il secondo modo per guadagnare, per un’assicurazione, è attraverso gli investimenti. Infatti, quando prendono soldi per la sottoscrizione delle polizze, non lasciano fermo il denaro, piuttosto lo investono così da avere maggiori introiti, prima di pagare eventuali sinistri. Questo denaro viene denominato galleggiante e le assicurazioni, sapendo di poter avere necessità di questi soldi, investe in asset sicuri, come obbligazioni di grosse corporate o altri investimenti in grado di remunerare il denaro.

Un ulteriore modo per massimizzare i guadagni è quello di distribuire il rischio. Infatti esistono delle assicurazioni che hanno il compito di fare da riassicuratori, cioè un’assicurazione che ha incassato i premi acquista delle polizze che, qualora ci fossero incidenti, pagano i sinistri. Così facendo viene suddiviso l’incasso ma viene anche suddiviso il rischio di indennizzi tra varie aziende.

Naturalmente, anche le riassicurazioni, incassano i premi e pagano gli indennizzi, la differenza rispetto alle assicurazioni classiche sono i clienti, non più i consumer o le aziende ma altre assicurazioni.

Come valutare un’assicurazione

Ovviamente tutte le assicurazioni hanno le stesse metriche classiche usate per le analisi fondamentali. Il ROE, il margine netto e qualsiasi altro parametro deve essere considerato.

Tuttavia questo mercato ha delle metriche proprie che devono assolutamente essere valutate:

Rapporto sinistri/perdite: è la percentuale dei premi di un assicuratore pagati come sinistri. Ad esempio, se un assicuratore incassa 100 milioni di euro di premi e paga 70 milioni di euro per i sinistri, l’assicuratore ha un loss ratio del 70%.

Rapporto costi/benefici: è la percentuale dei premi che un assicuratore spende per gestire la propria attività. Ad esempio, le spese potrebbero includere gli stipendi dei dipendenti e le attrezzature d’ufficio. Lo stesso assicuratore che incassa 100 milioni di euro di premi e spende 20 milioni di euro ha un indice di spesa del 20%.

Rapporto combinato: è la combinazione dell’indice di sinistralità e dell’indice di spesa. Un assicuratore con 100 milioni di euro di premi e 90 milioni di euro di perdite e spese, ha un combined ratio del 90%. Un combined ratio inferiore al 100% mostra un utile di sottoscrizione ed è un segno di buona gestione del rischio.

Tipi di assicuratori

Come abbiamo già visto, le compagnie di assicurazione possono essere suddivise in sottocategorie o in funzioni, qui un breve elenco di ciò che le assicurazioni fanno:

Proprietà e infortuni: gli assicuratori Property and casualty (P&C) stipulano polizze assicurative che coprono i danni alle proprietà e forniscono una protezione di responsabilità civile.

L’assicurazione auto e quella per i proprietari di abitazione sono due forme molto comuni che avrete già sentito nominare.

Assicurazione Vita: fornisce denaro a un beneficiario designato al momento del decesso dell’assicurato. Si tratta di una forma altrettanto comune e tipicamente un utente la sottoscrive quando accende un mutuo. L’assicurazione sulla vita tutela i propri cari ai quali viene lasciato l’immobile gravato da pesi.

Ma chiunque può anche assicurarsi sulla vita per il semplice motivo di lasciare ai propri cari un tesoretto in caso di dipartita prematura.

Assicurazione salute: l’assicurazione sanitaria aiuta a coprire le spese sanitarie dell’assicurato.

Tipicamente queste assicurazioni coprono ricoveri e indennizzano sulla perdita di capacità di poter lavorare per un individuo.

In questa categoria rientrano varie sottocategorie: odontoiatrica, salute totale, ricoveri, infortuni, ecc.

Assicurazioni particolari, note anche come excess and surplus (E&S), comprendono tutto ciò che non può essere coperto da una compagnia assicurativa standard.

Ciò include situazioni difficili da valutare e può includere anche versioni ad alto rischio degli altri tipi di assicurazione. Ad esempio, l’assicurazione per chiusura delle attività a causa del Covid, di cui abbiamo parlato in apertura, rientra tra le assicurazioni E&S.

Riassicurazione: come abbiamo già visto si tratta di un’assicurazione per le compagnie di assicurazione, quindi di un modo per suddividere il rischio di pagamento. Giusto per fare un esempio: un’assicurazione che incassa un premio per perdita della casa a causa di un terremoto e che ha fatto sottoscrivere molte polizze in un’area a rischio potrebbe “cartolizzare” queste polizze e riassicurarsi. Così facendo una parte del premio viene certamente persa, ma in caso di catastrofi tali per cui si debba pagare un’intera città la società assicurativa non affronterà i costi da sola.

Le migliori azioni delle assicurazioni

Come al solito facciamo una breve lista non esaustiva delle principali assicurazioni mondiali.

AssicurazioneTickerNazioneCapitalizzazione
AdmiralLON:ADMRegno Unito8,55 mlrd £
AegonAMS:AGNOlanda6,76 mlrd €
AgeasEBR:AGSBelgio8,19 mlrd €
AflacNYSE:AFLUSA32 mlrd $
AIGNYSE:AIGUSA34 mlrd $
AllianzETR:ALVGermania82 mlrd €
Allstate CorpNYSE:ALLUSA32 mlrd $
AONNYSE:AONRegno Unito48 mlrd $
ASR NederlandAMS:ASRNLOlanda4,5 mlrd €
Assicurazioni GeneraliBIT:GItalia23 mlrd €
AssurantNYSE:AIZUSA7,77 mlrd $
Athene HoldingNYSE:ATHUSA8,76 mlrd $
AXAEPA:CSFrancia48 mlrd €
AvivaLON:AVRegno Unito13 mlrd £
Beazley GroupLON:BEZRegno Unito2,29 mlrd £
Cattolica AssicurazioniBIT:CASSItalia879 mln €
Chubb Corp – ACE LimitedNYSE:CBUSA69 mlrd $
CNP AssurancesEPA:CNPFrancia9,29 mlrd €
CofaceEPA:COFAFrancia1,32 mlrd €
Direct Line GroupLON:DLGRegno Unito4,15 mlrd £
Everest Re GroupNYSE:REUSA9,29 mlrd $
Helvetia InsuranceSWX:HELNSvizzera4,81 mlrd CHF
HiscoxLON:HSXRegno Unito3,64 mlrd £
Investors Title CompanyNASDAQ:ITICUSA302 mlrd $
Legal & GeneralLON:LGENRegno Unito16 mlrd £
Markel CorporationNYSE:MKLUSA13 mlrd $
MetLifeNYSE:METUSA43 mlrd $
Munich ReETR:MUV2Germania34 mlrd €
Poste ItalianeBIT:PSTItalia11,13 mlrd €
Powszechny Zakład Ubezp.WSE:PZUPolonia22,88 mlrd €
Progressive CorporationNYSE:PGRUSA51,71 mlrd $
Prudential FinancialNYSE:PRUUSA31 mlrd $
RLI CorpNYSE:RLIUSA4,41 mlrd $
RSA Insurance GroupLON:RSARegno Unito7 mlrd £
SampoHEL:SAMPOFinlandia20 mlrd €
ScorEPA:SCRFrancia5,33 mlrd €
StorebrandOSL:STBNorvegia29 mlrd NOK
Swiss Life HoldingSWX:SLHNSvizzera13 mlrd CHF
Swiss ReSWX:SRENSvizzera26 mlrd CHF
The Hanover Insurance GroupNYSE:THGUSA4,24 mlrd $
The Travelers CompaniesNYSE:TRVUSA34 mlrd $
TopdanmarkCPH:TOPDanimarca24 mlrd €
TrygCPH:TRYGDanimarca53 mlrd €
UnitedHealth GroupNYSE:UNHUSA330 mlrd $
UnipolSaiBIT:USItalia6,27 mlrd €
UnumNYSE:UNMUSA4,77 mlrd $
Zurich Insurance GroupSWX:ZURNSvizzera54 mlrd CHF
Lista delle società di assicurazione

Assicurazioni resistenti alle crisi e con buona reddita

Si tratta di un business molto redditizio, come abbiamo avuto modo di vedere, le assicurazioni incassano dei soldi che tratterranno fino a quando un sinistro non richieda di essere pagato. Non è detto nemmeno che il sinistro sarà mai pagato (ovviamente nella legge dei grandi numeri ci sarà sempre una parte di sinistri da pagare).

Nel mentre, aspettando il sinistro, l’assicurazione investe il denaro incassato facendo ulteriori profitti.

Tra i maggiori estimatori delle assicurazioni c’è anche un volto noto come Warren Buffett, che ha la spina dorsale della sua Berkshire Hathaway che poggia proprio sulle assicurazioni.

Inoltre le assicurazioni, come abbiamo già detto in apertura, sono resistenti alle recessioni. Anche durante una pandemia la gente ha bisogno di assicurare il proprio veicolo, e spesso le catastrofi sono il modo migliore per attrarre nuovi clienti.

Quanti si sono assicurati contro i terremoti dopo le catastrofi naturali del centro Italia degli ultimi anni? Quanti si assicureranno contro l’interruzione delle attività durante questa pandemia mondiale?