Warren Buffett e le azioni a dividendo: tutto quello che gli investitori devono sapere
Warren Buffett
Warren Buffett e le azioni a dividendo: tutto quello che gli investitori devono sapere
  • Post category:Guide

Warren Buffett è forse l’investitore azionario più rispettato di tutti i tempi. In qualità di CEO del conglomerato Berkshire Hathaway, Buffett ha selezionato personalmente la maggior parte delle azioni del portafoglio di oltre 200 miliardi di dollari della società.

Dei titoli attualmente in portafoglio, due terzi hanno una grande caratteristica in comune: pagano dividendi. Buffett ama investire in azioni con dividendi di alta qualità e, nel corso degli anni, ha accumulato un portafoglio impressionante che genera miliardi di dividendi per le operazioni del Berkshire.

Curioso notare però come Buffett ami ricevere dividendi dalle aziende che possiede ma la sua Berkshire Hathaway è avara in tal senso. Infatti nella lunga storia dell’azienda mai è stato staccato un centesimo di dividendo.

Quali azioni a dividendo possiede Warren Buffett?

Berkshire Hathaway possiede più di 40 azioni ordinarie diverse nel suo portafoglio da 211 miliardi di dollari, e la maggior parte di esse sono società che pagano dividendi.

Dato che il portafoglio è così grande, e gran parte del suo valore è concentrato nelle sue partecipazioni più grandi, ecco uno sguardo ai 10 maggiori titoli che pagano dividendi (per valore di mercato) che Berkshire Hathaway possiede, secondo gli ultimi archivi SEC disponibili:

AziendaDividendoDiv. Yield
Apple$ 0,7950,71%
Bank of America$ 0,662,66%
Coca-Cola$ 1,593,20%
American Express$ 1,601,66%
Wells Fargo & Co.$ 1,928,54%
Kraft Heinz$ 1,604,95%
U.S. Bancorp$ 1,533,74%
JPMorgan Chase$ 3,303,28%
Moody’s$ 2,000,74%
Bank of New York Mellon$ 1,183,28%
Azioni di Berkshire Hathaway con relativo Dividend Yield

In realtà, ci sono solo poche azioni di Berkshire che non pagano dividendi regolari. Questi includono Charter Communications (NASDAQ: CHTR), Verisign (NASDAQ: VRSN), Davita (NYSE: DVA), United Continental (NASDAQ: UAL), e alcune altre posizioni minori.

Perché Warren Buffett ama le azioni a dividendo

Prima di tutto, non è solo che Buffett ama i dividendi. Ama le azioni con dividendi affidabili e sostenibili, soprattutto se l’azienda ha un track record di aumento del payout anno dopo anno.

La Coca-Cola è stata un punto fermo del portafoglio del Berkshire per decenni e ha aumentato il suo dividendo per ben 56 anni consecutivi. Apple è una società che paga i dividendi relativamente nuova, ma ha già una forte storia di aumenti dei dividendi. E, mentre la maggior parte delle banche è stata costretta a tagliare i dividendi a causa della crisi finanziaria, le azioni bancarie di Buffett (gran parte delle quali sono state acquisite dopo la crisi) stanno tutte guadagnando molto denaro per consentire futuri aumenti dei dividendi.

La ragione per cui a Buffett piacciono le azioni con dividendi affidabili è semplice: generano una fonte costante (e in crescita) di flusso di cassa che Berkshire Hathaway può utilizzare come meglio crede. Come stiamo per vedere nella prossima sezione, le azioni a dividendo del portafoglio azionario di Berkshire forniscono all’azienda miliardi di entrate annuali. Le azioni a dividendo possono fornire capitale per la prossima acquisizione di Berkshire, per acquistare più azioni per il portafoglio, o per riacquistare azioni.

Perché Warren Buffett ama così tanto queste attività?

Non passeremo in rassegna ogni singola azienda per discutere il motivo per cui piacciono a Buffett. Tuttavia, ci sono alcuni temi comuni: per prima cosa, noterete che ci sono un sacco di azioni bancarie nel portafoglio di Buffett, soprattutto tra le più grandi. Infatti, cinque dei 10 maggiori titoli a dividendo del Berkshire sono banche. A Buffett piacciono le aziende che utilizzano capitali a basso costo per generare profitti, e le banche sono sicuramente qualificate. I clienti depositano denaro nelle banche e ricevono piccole somme di interesse (nel frattempo, la banca presta il denaro a un tasso di interesse più alto). Anche le banche sono un business “per sempre”, il che significa che saranno sempre in giro. Anche se le tecnologie si evolveranno certamente nel tempo, le persone avranno sempre bisogno di posti sicuri dove custodire il loro denaro.

Caratteristiche simili valgono anche per il resto delle azioni a dividendo del Berkshire. Spesso hanno modelli di business che non sono troppo ad alta intensità di capitale, sono in settori “per sempre” e/o hanno un vantaggio competitivo duraturo. In generale, le aziende consolidate che rientrano in queste categorie pagano i dividendi. Non è necessariamente vero che Buffett abbia scelto queste azioni perché pagano dividendi (piuttosto, è che i tipi di business in cui Buffett ama investire sono quelli che tipicamente scelgono di pagare dividendi agli azionisti).

Quanto guadagna Berkshire Hathaway con i dividendi?

Nel 2018, Berkshire Hathaway ha raccolto 3,8 miliardi di dollari di dividendi dal suo portafoglio azionario, secondo la lettera annuale di Buffett agli azionisti. Per il 2019 siamo a circa 4,47 miliardi di dollari di dividendi.

Certo, il 2020 sarà avaro vista l’emergenza Covid e la necessità per tante aziende di bloccare i pagamenti dei dividendi, ma c’è da stare certi che nel 2021 verranno recuperati gran parte di quelli persi nel 2020.

Warren Buffett preferisce i riacquisti di azioni ai dividendi?

Ci sono due modi principali in cui le aziende possono scegliere di restituire il capitale agli azionisti: i dividendi e i riacquisti di azioni. Molte usano una qualche combinazione dei due, ma un metodo spesso ha la priorità. Ad esempio, mentre la Bank of America paga un dividendo decente, la società spende molto di più per il riacquisto di azioni.

Quindi, Warren Buffett preferirebbe ricevere un dividendo sostanzioso da tutte le sue azioni, o preferirebbe che il management concentrasse maggiormente il capitale dell’azienda sui riacquisti? La risposta breve è “dipende”.

Nella lettera agli azionisti di Berkshire Hathaway del 2018, Buffett ha tenuto una lunga discussione sui riacquisti. E, mentre la sua discussione si è concentrata sul riacquisto delle azioni della Berkshire, gli stessi principi valgono indipendentemente dalla società di cui si parla.

Il pensiero generale di Buffett è che se un’azienda può riacquistare le proprie azioni con uno sconto sul valore intrinseco, i riacquisti hanno senso.

“Se il mercato valuta l’interesse di un partner in partenza a, diciamo, 90 centesimi di dollaro, gli azionisti continuano a raccogliere un aumento del valore intrinseco per azione ad ogni riacquisto da parte dell’azienda”

Buffett nella lettera agli azionisti del 2018

In altre parole, se poteste scambiare 90 dollari con una banconota da 100 dollari, non sarebbe nel vostro interesse farlo il più spesso possibile?

D’altra parte, ci sono ragioni per cui le aziende possono scegliere di riacquistare azioni a parte solo per creare valore per gli azionisti. Ad esempio, il riacquisto di azioni semplicemente per ridurre il numero di azioni e aumentare l’EPS può essere una pessima idea. Come dice Buffett,

“comprare alla cieca un’azione troppo costosa è distruttivo per il valore, un fattore importante per molti CEO che puntano alle promozioni e ai bonus o sempre ottimisti”

Warren Buffett riferendosi al riacquisto di azioni a caro prezzo

Per essere sicuri, non c’è un solo modo per calcolare il valore intrinseco di un’azienda. Se si chiedesse a Warren Buffett, Charlie Munger e ai due buyer di azioni dell’azienda, Ted Weschler e Todd Combs, di calcolare il valore intrinseco di Berkshire per azione, si otterrebbero probabilmente quattro numeri leggermente diversi. Tuttavia, i riacquisti dovrebbero essere chiaramente giustificabili. Per questo motivo Buffett e Munger devono entrambi concordare che Berkshire sta negoziando a sconto prima che i riacquisti possano avere luogo.

Per riassumere, se un’azienda sta negoziando a sconto significativo rispetto al valore intrinseco dell’attività, Buffett è completamente a favore dell’allocazione di grandi quantità di capitale da parte del management per i riacquisti. D’altra parte, se non si può fare un caso di valore solido, Buffett considera i riacquisti come una scelta sbagliata.

Perché Berkshire non paga un dividendo? Lo farà mai?

La risposta breve al fatto che Berkshire pagherà mai un dividendo è “probabilmente no”. E molti investitori si chiedono perché, soprattutto se si considera quanto sia grande e costantemente redditizia la Berkshire Hathaway. Come Buffett ha scritto nella sua lettera del 2012 agli azionisti:

“Ci piacciono i dividendi che riceviamo dalla maggior parte delle azioni che Berkshire possiede, ma che non paghiamo nulla noi stessi”

Lettera agli azionisti del 2012 di Buffett

Ci sono alcune ragioni che Buffett ha fornito in passato riguardo alla mancanza di dividendi da parte di Berkshire. Da un lato, investitori diversi possono volere rendimenti diversi, quindi non c’è un modo semplice per decidere una politica dei dividendi. E i dividendi sono tassabili.

Tuttavia, la ragione principale per cui Buffett non vuole che Berkshire Hathaway paghi un dividendo è che ritiene semplicemente che non sia il modo più intelligente di utilizzare i profitti di Berkshire.

I quattro modi in cui Warren Buffett preferirebbe usare il capitale di Berkshire

In poche parole, Warren Buffett ama ricevere dividendi dalle azioni che possiede, ma è altamente improbabile che Berkshire Hathaway pagherà mai un dividendo agli azionisti. Mentre Buffett ritiene che il pagamento di un dividendo costante sia certamente un uso responsabile del capitale da parte di alcune aziende, la natura del modello di business di Berkshire Hathaway significa che c’è quasi sempre un’opzione migliore sul tavolo.

Si tenga presente che Berkshire Hathaway è un conglomerato eterogeneo con più di 60 società controllate e un portafoglio azionario di 200 miliardi di dollari, a differenza di alcune delle azioni a dividendo preferite di Buffett. In altre parole, è improbabile che Apple, Bank of America o American Express acquisiscano un’attività ben al di fuori della loro attuale struttura. Non è probabile che Apple acquisti un’azienda di trasformazione alimentare o che la Bank of America acquisisca un produttore farmaceutico. D’altra parte, nessuno dei due casi sarebbe fuori dalle logiche per il Berkshire.

Ovviamente, la priorità assoluta con il capitale del Berkshire è quella di assicurarsi che le esigenze finanziarie delle decine di attività sussidiarie dell’azienda siano soddisfatte. Come ha scritto Buffett nella sua lettera del 2012

“Il management di un’azienda dovrebbe prima esaminare le possibilità di reinvestimento offerte dai suoi attuali progetti di business per diventare più efficiente, espandersi territorialmente, estendere e migliorare le linee di prodotto o per ampliare in altro modo il fossato economico che separa l’azienda dai suoi concorrenti”

Dalla lettera del 2012 agli azionisti

Con più di 60 società affiliate in una serie di settori industriali, il Berkshire ha molti modi per impiegare efficacemente il capitale per crescere e migliorare le sue attuali operazioni. Tuttavia, questo non consuma quasi tutto il denaro che Berkshire sta assorbendo.

Dopo che le sue attuali esigenze di business sono state soddisfatte, ci sono alcuni modi in cui le aziende possono scegliere di utilizzare i profitti in eccesso, e Berkshire ha cinque opzioni principali:

1. Acquisizioni di Berkshire Hathaway

L’uso preferito di Buffett del capitale di Berkshire è l’acquisizione di intere società. Questo potrebbe significare una grande acquisizione, o acquisizioni più piccole che “scavalcano” le attuali attività di Berkshire.

Buffett dice che:

“…i nostri azionisti sono oggi molto più ricchi di quanto lo sarebbero se i fondi che abbiamo utilizzato per le acquisizioni fossero stati invece destinati a riacquisti di azioni o dividendi”

e con il track record di rendimenti di Berkshire, è difficile discutere con questa affermazione.

2. Azioni ordinarie di società enormi

Come accennato, Berkshire ha un portafoglio azionario che vale più di 200 miliardi di dollari e Buffett ha fatto riferimento alla sua volontà di investire somme consistenti di denaro in società che Berkshire non controlla.

Un esempio lampante per esempio è Apple, nella quale il fondo ha grosse quantità di azioni ma non ne possiede il controllo diretto.

3. Riscatto di azioni proprie

Berkshire ha recentemente modificato il suo piano di riacquisto per permettere all’azienda di riacquistare le proprie azioni in qualsiasi momento, quando sia Buffett che il Vice Presidente Charlie Munger concordano sul fatto che sta negoziando a sconto significativamente rispetto al valore intrinseco. Come dice Buffett

“È difficile sbagliare quando si acquistano banconote da 80 centesimi di dollaro o meno”

4. Immobilismo

Se a Buffett e al suo team non piace nessuna delle opzioni sul tavolo, possono scegliere di lasciare che il loro denaro si accumuli per finanziare future acquisizioni. In realtà, questo è esattamente quello che è successo negli ultimi anni (Berkshire aveva 112 miliardi di dollari in contanti alla fine del 2018).

Le opzioni di Berkshire Hathaway

Questo elenco è, più o meno, nell’ordine di preferenza di Buffett. Quindi, ci sono quattro opzioni che Buffett preferisce rispetto al pagamento di un dividendo. E, mentre l’Oracolo di Omaha ha indicato che non lascerà semplicemente che il denaro si accumuli all’infinito, il programma di riacquisto ampliato rende un dividendo Berkshire Hathaway ancora meno probabile di quanto non sia stato fino a ora.

Inoltre, i dividendi sono difficili da fermare una volta avviati. Ci sono poche cose che possono far precipitare il prezzo di un’azione più velocemente di un taglio del dividendo, anche quando è chiaramente nell’interesse del business. Buffett ama avere la flessibilità di distribuire i profitti del Berkshire nel miglior modo possibile, che può variare nel tempo, quindi vuole mantenere la libertà di utilizzare tutti i profitti dell’azienda nel modo più vantaggioso possibile. L’aggiunta di un dividendo regolare ridurrebbe la quantità di capitale utilizzabile.

Conclusione su Warren Buffett e i dividendi di Berkshire Hathaway

Per riassumere, Warren Buffett ama i dividendi di alta qualità. Essi forniscono un flusso di reddito prevedibile e crescente, che Berkshire Hathaway può poi sfruttare come meglio crede. E, in molti casi, Buffett vede i dividendi come un modo responsabile e a misura di azionista per le aziende di utilizzare parte dei loro profitti.

Tuttavia, è importante ricordare che Berkshire Hathaway non è un’azienda qualsiasi. Poiché ha opzioni più realistiche quando si tratta di distribuire il capitale rispetto alla maggior parte delle aziende, Buffett non pensa che pagare un dividendo, invece di utilizzare una delle altre possibili opzioni, sia il modo più intelligente di procedere.