Azioni tecnologiche, cosa bisogna sapere
Investire nella Tecnologia
Azioni tecnologiche, cosa bisogna sapere
  • Post category:Guide

Il settore tecnologico comprende tutto, dalle grandi aziende che tutti conoscono, ai grandi e piccoli operatori che operano in gran parte dietro le quinte. In questa categoria rientrano anche le aziende emergenti di tutte le dimensioni, le start-up e i marchi domestici da miliardi di dollari.

In senso lato, la categoria comprende le azioni che si occupano di ricerca, creazione e distribuzione di beni o servizi basati sulla tecnologia. Può trattarsi di tutto, dai computer ai software, dai televisori ai siti web. L’hardware è il dispositivo fisico (un computer, un televisore, uno smartphone, ecc). Il software è il codice del computer e le piattaforme che fanno funzionare questi dispositivi.

I titoli tecnologici offrono agli investitori molte opportunità. Infatti, da anni il settore offre i rendimenti più alti di tutti i settori di mercato.

Questi forti rendimenti, tuttavia, non significano che il settore tecnologico sia privo di rischi. La tecnologia cambia rapidamente, e i leader una tantum possono rimanere indietro o addirittura fallire. Inoltre, le aziende emergenti promettenti possono fare un enorme balzo in avanti, per poi svanire rapidamente.

La tecnologia è uno spazio entusiasmante che comprende tendenze che vanno dall’intelligenza artificiale (AI), agli smartphone, alla blockchain, alle tecnologie di auto-guida, alla continua tendenza al software-as-a-service (SaaS), all’Internet degli oggetti (IoT), ai servizi di streaming media e altro ancora. È un’area ricca di opportunità, ma anche di rischi.

I ritorni possono variare

Se si guarda agli ultimi dieci anni di ritorni per il settore tecnologico, i numeri variano notevolmente. La categoria ha superato tutti i settori monitorati nel 2009 e nel 2017, ma ha sottoperformato la media di tutti i settori in quattro dei dieci anni.

Il settore tecnologico può essere boom o crash; lo stesso vale per le singole aziende e i segmenti di mercato all’interno di questo spazio. A volte una tecnologia sembra che possa essere la prossima grande opportunità (pensate alla televisione 3D di pochi anni fa) solo per fallire in modo spettacolare sul mercato.

Aree di investimento

Tecnologia è un termine ad ampio spettro: si è espansa molto al di là di quelle che un tempo sarebbero state considerate le tipiche azioni tecnologiche, comprese aziende di computer come Apple (NASDAQ:AAPL), Microsoft (NASDAQ:MSFT), IBM (NYSE:IBM). Non è nemmeno più giusto chiamare uno di questi tre marchi solo come aziende di computer. Esse operano in una varietà di altri segmenti che fanno tutti parte del mercato tecnologico, incluso ma non limitato ai seguenti punti.

Intelligenza artificiale (AI)

È qui che i computer svolgono compiti che tradizionalmente avrebbero potuto richiedere un cervello umano. L’intelligenza artificiale comprende anche l’apprendimento (in cui gli scienziati dei dati costruiscono modelli informatici ispirati alla struttura e alla funzione del cervello umano che riproduce essenzialmente la nostra capacità di apprendere) e l’apprendimento automatico (un tipo di intelligenza artificiale in cui i computer imparano senza essere programmati in modo specifico). L’Alexa di Amazon potrebbe essere l’IA più famosa, anche se anche il Watson di IBM ha ottenuto molta attenzione da parte dei media.

Gli smartphone

Mentre Apple e Samsung guidano questo spazio, ci sono molti giocatori secondari che producono componenti, software, applicazioni e telefoni. “Smartphone” è una sorta di nome accattivante per i telefoni che possono eseguire applicazioni, programmi e quasi tutto ciò che un computer potrebbe essere in grado di fare.

Blockchain

La blockchain ha ottenuto molta pubblicità perché è la tecnologia dietro ai Bitcoin e altre valute virtuali, è più di un semplice metodo di pagamento alternativo. Blockchain è “il libro mastro digitale, distribuito e decentralizzato legato alla maggior parte delle valute crittografiche che sono responsabili della registrazione di tutte le transazioni senza bisogno di un intermediario finanziario”. In altre parole, è un registro trasparente e immutabile di tutte le transazioni che non coinvolgono le banche che agiscono come terze parti”.

Pensate per esempio alla potenzialità se i mutui stipulati dai notai fossero semplicemente firmati attraverso Blockchain, sarebbero pubblici ma allo stesso tempo indossolubilmente firmati da due soggetti che hanno apposto la loro firma. Questo registro è pubblico e diffuso su Web, con un numero infinito di copie.

Tecnologie di guida

Aziende come Alphabet (NASDAQ:GOOGL), Waymo, Tesla, e la maggior parte delle principali case automobilistiche stanno lavorando alla creazione di auto con guida autonoma. Nella maggior parte dei luoghi, questo non è ancora legale, ma alcune tecnologie di assistenza alla guida sono già arrivate sul mercato, ma è probabile che le cabine di guida automatica, e anche i camion, saranno in uso (limitato) ragionevolmente presto.

Computer e software

Queste sono le aziende che producono computer portatili, desktop e tablet, e il software che li fa funzionare. Questo segmento comprende anche i produttori di componenti come Intel (NASDAQ:INTC) e Advanced Micro Devices, che producono i chip e i processori che alimentano i computer, ma anche marchi più grandi e conosciuti come Apple; oppure produttori di componenti, come per esempio HP.

Internet

Pensate ad aziende come Google di Alphabet, Bing e MSN di Microsoft, Twitter e Yahoo di Verizon, che offrono prodotti puramente digitali. La maggior parte di questi attori sono almeno in parte supportati dai ricavi pubblicitari, anche se alcuni vendono abbonamenti e monetizzano in altri modi.

L’Internet delle cose (IoT)

L’internet degli oggetti è la rete di dispositivi collegati tra loro e il cloud (l’internet pubblico che permette il collegamento tra sistemi lontani). È tutto, da un termostato intelligente in grado di regolare la temperatura della vostra casa a complesse apparecchiature mediche che possono ordinare le proprie riparazioni.

Media in streaming

Si potrebbe sostenere che Netflix è una società di intrattenimento, ma è anche una società tecnologica che ha creato la propria infrastruttura.

Netflix crea contenuti per la sua piattaforma di streaming, ma crea e mantiene anche la piattaforma stessa.

Un’azienda come Roku (NASDAQ: ROKU), che produce lettori multimediali in streaming, è più che altro uno stock del settore tecnologico tradizionale, ma potrebbe anche essere considerata un membro della categoria successiva in quanto produce dispositivi avanzati. Gli streaming media sono cresciuti man mano che i consumatori cercano di tagliare il cavo, una tendenza che si sta accelerando.

Dispositivi indossabili

Gli attori, tra cui Roku, GoPro e Fitbit, producono dispositivi guidati dalla tecnologia. In molti casi, producono anche il software che li fa funzionare e fornisce loro funzionalità aggiuntive.

Cloud

Il cloud è un sistema di memorizzazione del computer che consente l’accesso alle informazioni e ai servizi da parte dei dispositivi da qualsiasi luogo.

Il cloud permette alle aziende (e agli individui) di utilizzare servizi che non sono residenti nei loro dispositivi. Amazon, Google, IBM e Microsoft sono tutti i principali attori del cloud.

Sicurezza informatica

Con i dati ora ospitati nel cloud, sui nostri dispositivi, e persino nei chip delle nostre carte di credito, mantenere le informazioni sicure è diventato un settore in crescita. La sicurezza informatica consiste nel garantire che le informazioni siano accessibili solo alle persone che dovrebbero vederle.

Chip / Componenti

Alcune aziende tecnologiche non producono affatto dispositivi finiti, producono le parti che vanno al loro interno. Intel ne è un buon esempio, poiché l’azienda produce i chip e i processori che fanno funzionare i computer. Questo segmento comprende anche aziende che producono memoria, schermi e altre parti che vanno nei dispositivi tecnologici.

Pensate per esempio a Qualcomm, fino a pochi anni fa una piccola azienda che produceva componenti minori; oggi le sue schede madri, sotto al nome Snapdragon, equipaggiano la maggior parte dei device Android.

La tecnologia è ovunque

È possibile investire in tecnologia senza acquistare un’azione di puro settore tecnologico. Ad esempio, Amazon (NASDAQ:AMZN) è un’enorme negozio al dettaglio mondiale, ma ha anche un’attività di cloud computing multimiliardaria (AWS) e opera in gran parte nello spazio digitale.

La tecnologia ha valicato tutti i settori della vita, e un certo numero di aziende che a prima vista non sono specificamente aziende tecnologiche (si pensi alle case automobilistiche che sviluppano auto a guida automatica) sono almeno in parte stock tecnologici.

Uno sguardo agli ETF tecnologici

Un fondo quotato in borsa, o ETF, è un fondo che investe in più azioni, ma viene venduto come un’unica azione che segue un determinato indice e viene scambiato su una delle principali borse. È un modo per possedere un settore di mercato senza dover fare affidamento su azioni specifiche. Ad esempio, si può acquistare un ETF di azioni IoT o azioni tecnologiche a piccola capitalizzazione.

Quali sono le metriche più importanti?

Ci sono davvero due tipi principali di aziende tecnologiche: i marchi in via di sviluppo e le aziende mature. Anche le aziende mature come Apple o Microsoft devono ancora innovare per sopravvivere a lungo termine, ma hanno una base di prodotti che si sono radicati nel mercato. Ciò fornisce una stabilità di reddito a lungo termine, permettendo a queste aziende mature di sviluppare i loro prossimi prodotti senza doversi preoccupare di mantenere le luci accese.

Microsoft, ad esempio, ha spostato Office da un prodotto o una suite di prodotti acquistati a un modello in abbonamento. Ciò significa, in un esempio molto semplice, che un individuo ha acquistato Word o Excel e lo possiede. Potrebbe sostituirlo nel giro di pochi anni, oppure utilizzare il software per tutto il tempo possibile. Ora Microsoft addebita un canone di abbonamento annuale per Office. Questo lo rende in realtà più economico per i consumatori a breve termine, ma devono pagare di nuovo ogni anno.

Un’azienda tecnologica matura è valutata in parte con metodi tradizionali, tra cui il profitto, la crescita dei ricavi e le vendite complessive. Naturalmente, poiché la tecnologia è uno spazio in continua evoluzione, anche un’azienda come Apple o Microsoft può vedere il suo prezzo delle azioni salire o scendere sulla base di un prodotto non provato o anche l’annuncio di un nuovo sviluppo.

Lo sviluppo di marchi come Tesla affronta una sfida diversa. Si tratta di aziende valutate in gran parte sul potenziale di vendita, non sul profitto. Tesla, per esempio, ha un enorme arretrato di ordini del modello 3 da riempire, ma deve ancora dimostrare di poter operare in modo redditizio. Nella maggior parte dei casi, questi marchi perdono denaro – a volte molto – mentre costruiscono capacità e sviluppano un mercato per il loro prodotto. Le aziende emergenti hanno generalmente più vantaggi (almeno all’inizio), ma presentano un rischio significativo.

Chi dovrebbe investire in tecnologia?

I titoli tecnologici offrono opportunità sia per gli investitori alle prime armi che per quelli esperti. Le aziende come Apple, e anche i player più piccoli come Roku, offrono la possibilità alle persone di acquistare azioni di aziende i cui marchi sono diventati parte integrante della loro vita. È anche uno spazio in cui la persona media può saltare sulla tecnologia emergente che ha sperimentato e crede che diventerà parte del futuro.

Lo spazio tecnologico offre opportunità sia per gli investitori in crescita che per gli investitori di reddito, che possono scegliere tra diverse aziende mature e consolidate. Naturalmente, poiché si tratta di un settore in rapido sviluppo, c’è una certa opportunità di crescita anche nelle aziende mature.

Cercare di ottenere un quadro chiaro del valore di un titolo tecnologico può essere difficile, poiché a volte i prodotti e i flussi di reddito possono essere più complessi di quelli di un’azienda di beni di consumo, ad esempio, come Johnson & Johnson che vende marchi e prodotti con cui l’individuo medio ha familiarità. Le aziende possono essere valutate con una serie di metodi, tra cui le valutazioni basate sui guadagni, le valutazioni basate sui ricavi, le valutazioni basate sui flussi di cassa, le valutazioni basate sulle azioni e le valutazioni basate sui soci.

Agli investitori in crescita potrebbe piacere…

L’investimento in crescita è l’acquisto di azioni di società che si prevede cresceranno molto in futuro. Spesso si paga un premio per queste azioni, ma queste azioni non vengono valutate per ciò che l’azienda ha già raggiunto, ma per ciò che potrebbe ottenere in futuro. Queste azioni hanno spesso una grande attenzione da parte degli analisti, a volte smentiscono le reali dimensioni dell’azienda.

Naturalmente, entrare in possesso di un titolo in anticipo può portare enormi guadagni. Facebook, ad esempio, ha quotato la sua offerta pubblica iniziale (IPO) a 38 dollari. Le azioni in realtà sono scese a circa la metà nei primi giorni di scambi, ora viaggiano a circa 230 dollari.

Roku, che è stata quotata in borsa a settembre, ha incrementato il suo fatturato complessivo del 28% su base annua a 188,3 milioni di dollari, trainata da una crescita della piattaforma del 129%. L’azienda sta sbloccando opportunità di crescita passando da un’azienda di dispositivi a una che concede in licenza la propria tecnologia ad altri operatori. Ha anche fatto crescere in modo significativo il suo business pubblicitario.

A differenza di molti attori in crescita, Roku è redditizia. Tuttavia i suoi numeri, toccano a malapena la superficie del potenziale che l’azienda ha, anche se sta combattendo contro alcune aziende molto più grandi (Apple, Amazon e Google tra queste).

Quando si decide se investire in una di queste aziende, si guarda alla valutazione ma anche al potenziale di mercato. Non c’è un unico metodo per farlo, ma dovreste considerare le proiezioni dei guadagni a termine dell’azienda e il tasso di crescita dei guadagni per il calcolo del rapporto prezzo-utile a termine e del PEG ratio. Per le aziende in crescita, prestare attenzione al free cash flow e all’indebitamento aiuterà gli investitori ad avere un quadro migliore della salute finanziaria complessiva del business.

Gli investitori potrebbero gradire…

Il settore tecnologico, naturalmente, offre agli investitori anche l’opportunità di investire in società consolidate che offrono un reddito sotto forma di dividendi, una distribuzione di una parte degli utili di una società agli azionisti. Infatti, lo spazio tecnologico ospita alcuni aristocratici dei dividendi (membri dell’indice S&P 500) che hanno avuto l’aumento del dividendo annuale almeno negli ultimi 25 anni consecutivi.

La natura in rapida evoluzione della tecnologia suggerisce che gli investitori alla ricerca di reddito, attraverso dividend yield alti, dovrebbero guardare alle aziende che non raggiungono la soglia dei 25 anni. Molti dei principali attori tecnologici di oggi erano in fase di crescita o non esistevano 25 anni fa. Apple, per esempio, è stata quotata in borsa solo nel 1980.

La tecnologia, come settore offre, in genere, dividend yield più bassi (in media poco più dell’1%) rispetto alla resa media dell’S&P 500 che è del 2-2,2%. In molti casi ha senso che le aziende tecnologiche investano più pesantemente in ricerca e sviluppo rispetto ad altri settori. Tuttavia ci sono delle eccezione; Microsoft, ad esempio, offre un rendimento dell’1,83% e ha aumentato il suo dividendo per 14 anni consecutivi.

Azioni di alta tecnologia

Come già detto, non è facile capire esattamente cosa sia uno stock tecnologico. La maggior parte di queste società sono chiaramente aziende tecnologiche, ma Netflix e Tesla potrebbero essere considerate rispettivamente una società di intrattenimento e una società automobilistica.

AzioneTicketCapitalizzazioneP/E
AppleAAPL1.382 mlrd $24,9
MicrosoftMSFT1.391 mlrd $38,2
IBMIBM105 mlrd $8,9
IntelINTC263 mlrd $13,0
AMDAMD65 mlrd $135
TeslaTSLA151 mlrd $
RokuROKU12,9 mlrd $
NetflixNFLX185 mlrd $85
AmazonAMZN1.200 mlrd $115
Hewlett-PackardHPQ24 mlrd $8,5
NokiaNOK22 mlrd $60
Electronic ArtsEA34 mlrd $11,4
AkamaiAKAM16 mlrd $33,2
Alphabet (Google)GOOGL968 mlrd $29
QualcommQCOM89 mlrd $23,5
NVIDIANVDA209 mlrd $63,6
AdobeADBE181 mlrd $56,8
FacebookFB652 mlrd $33
Lista di azioni tecnologiche con relativa capitalizzazione e P/E alla data del 28/05/2020

Apple

Uno dei veri titani della tecnologia, Apple ha un fedele seguito per i suoi iPhone, computer Mac, iPad e Apple TV. L’azienda non domina quando si tratta di quote di mercato, ma vende i suoi dispositivi a prezzi costantemente elevati rispetto ai suoi rivali.

Il settore dei servizi per Apple è già redditizio e lo diventerà ancora di più in futuro. Infatti, la società fondata da Steve Jobs, attraverso il controllo completo dell’App Store, può prendere una parte dei profitti delle vendite di applicazioni e abbonamenti, garantendo al tempo stesso che solo le app che soddisfano i suoi standard possano accedere alle sue piattaforme.

Questo crea l’ecosistema (un ambiente in cui il cliente deve rimanere con Apple per utilizzare tutti i suoi acquisti precedenti), che può essere sfruttato per far sì che i consumatori acquistino nuovi dispositivi e rimangano fidelizzati.

Microsoft

Una volta leader indiscusso di questo spazio (ai tempi di Bill Gates), Microsoft ha attraversato alcuni momenti di inciampo quando gli smartphone e i tablet hanno iniziato a sfidare i computer tradizionali. Questo ha reso Windows, il sistema operativo (OS) dell’azienda, meno dominante e ha creato sfide di vendita anche per la suite Office dell’azienda.

I tablet e gli smartphone con Android e iOS di Apple potevano svolgere molte funzioni simili a quelle dei computer. Questo rendeva Windows meno necessario e offriva ai consumatori un’opzione. Ciò ha avuto un impatto anche su Office, perché per molti anni Microsoft ha a malapena supportato Office su computer Mac, e non ha offerto versioni per Android o Apple iPhone e iPad.

Negli ultimi anni, tuttavia, l’amministratore delegato Satya Nadella ha cambiato un po’ di cose. il nuovo CEO ha aperto i prodotti dell’azienda a tutte le piattaforme, ha investito molto nel cloud e ha spostato Office verso un modello di abbonamento con successo. Ora Nadella ha scommesso molto sull’IA e sull’IoT, posizionando l’azienda in modo da continuare a trarre profitto dai suoi prodotti consolidati e al tempo stesso preparandola alla crescita futura.

IBM

E parlando di aziende che controllavano la tecnologia non si può parlare della big blue. L’odierna IBM dimostra quanto un’azienda tecnologica possa cambiare nel corso degli anni. Un marchio un tempo noto per essere un leader pionieristico nel settore dell’home computing non opera più nemmeno in quello spazio. Al contrario, l’azienda si è rifusa come player di cloud computing e leader nell’AI con le sue iniziative basate su Watson, i servizi di consulenza e le factory di dati.

Durante la sua trasformazione, IBM ha avuto il supporto di Berkshire Hathaway e del suo CEO Warren Buffett. È interessante notare che la società di Buffet ha venduto la maggior parte della sua partecipazione nella società proprio quando ha iniziato a mostrare i segni di una svolta. IBM aveva sofferto per cinque anni di calo delle entrate prima di invertire la tendenza nel quarto trimestre del 2017 e continuare a crescere nel primo trimestre del 2018. Questa è una buona notizia per gli investitori, ma l’azienda sta ancora trovando la sua strada e sviluppando un mercato in spazi emergenti, che vanno dall’apprendimento delle macchine alla guida automatizzata e altro ancora.

Intel/AMD

Entrambe queste aziende producono chip per computer, processori e altre parti interne del computer. Non è un’attività visibile al pubblico, anche se Intel ha fatto notevoli sforzi per far conoscere il suo nome con le etichette “Intel Inside”.

Si tratta di uno spazio in crescita, spinto in parte dal gioco e dalla necessità di processori migliori e più veloci per eseguire funzioni come la realtà virtuale e la realtà aumentata. Tuttavia, l’aumento della concorrenza da parte dei rivali, tra cui Nvidia, ha spinto sia Intel che AMD a concentrarsi sul miglioramento del design, creando chip più piccoli con rendimenti più elevati, e in generale cercando di fare di più per meno.

In qualità di investitore, questi titoli possono essere difficili da seguire a causa del loro basso profilo pubblico e della dipendenza dalle partnership. Tuttavia, è possibile anticipare parzialmente le vendite di Intel e AMD in base a quali dispositivi utilizzano i loro prodotti. Ad esempio, Intel fornisce processori per i Mac di Apple (ma dal 2021 non dovrebbe più essere così), oltre ad avere la fetta più grossa di processori per PC desktop e portatili.

NVIDIA

Appena citata nella sezione riguardante AMD e Intel, NVIDIA sviluppa le schede grafiche avanzate per i computer gamer.

Si tratta di una nicchia piuttosto ampia di utilizzatori, ma cosa più importante, sono clienti che pagano profumatamente per avere prodotto tecnologicamente avanzati e, ovviamente, cambiano spesso i loro componenti per stare al passo con i tempi.

NVIDIA è la regina incontrastata delle schede video per una clientela avanzata e nemmeno le piattaforme mobile (come tablet e smartphone) sembrano scalfire questa posizione, poiché i veri giocatori continuano a preferire il PC a qualsiasi altro device.

Inoltre periodicamente e in determinate condizioni altri settori si avvicinano ai processori grafici di altissima prestazione; per esempio nel momento della corsa a minare bitcoin, il calcolo computazionale era maggiormente ottimizzato sulle schede grafiche piuttosto che sulle CPU, questo ha portato notevole visibilità a società come NVIDIA.

QualComm

Intel e AMD hanno però un serio problema quando si parla di mobile; infatti i processori dei prodotti di Apple (i processori Ax di iPad e iPhone) vengono realizzati dalla Mela stessa. Per quanto riguarda invece il cuore degli smartphone Android, questi sono per la maggiorparte firmati Snapdragon, che non è un’azienda ma un brand di QualComm.

Questa società, quindi, sta vendendo le sue matherboard alla fetta maggiore di device mobile commercializzati. Sta guadagnando una posizione da intoccabile, che nemmeno Intel, fino a questo momento, è riuscita a scalfire.

Probabilmente se non seguite la tecnologia non avete mai sentito questo nome, ma se non avete un iPhone è molto probabile che siate suoi clienti.

Tesla

Come alcuni degli altri giocatori di questa lista, Tesla non è una società puramente tecnologica. È un’azienda automobilistica che si differenzia con la tecnologia. L’azienda è anche pioniera nel settore delle batterie e sta creando soluzioni avanzate ad energia solare.

La sfida più grande per Tesla è stata l’aumento della produzione del suo modello 3 a basso prezzo. In teoria, se l’azienda potesse raggiungere i suoi obiettivi di produzione del Modello 3, il suo futuro a lungo termine sarebbe più chiaro.

Corre il rischio di essere soffocata dalle aziende automobilistiche più affermate che si spostano sempre più verso i veicoli elettrici e che hanno una capacità di vendita e di appeal decisamente maggiore di Tesla.

Per quanto riguarda i conti, Tesla è finalmente riuscita a chiudere qualche trimestre in positivo, smettendo di bruciare denaro. Bisogna solo capire quanto questo vantaggio durerà e cosa succederà quando colossi come Volkswagen decideranno di puntare pesantemente sull’elettrico.

Roku

Un piccolo player che ha fatto bene a respingere i giganti, Roku fa dei lettori in streaming e concede in licenza la sua tecnologia per l’incorporazione nei televisori. La società, come già detto, vende anche pubblicità, che è stato un business in crescita.

Roku opera in un mercato ancora in fase di sviluppo. Man mano che i consumatori tagliano il cavo, sempre più persone sceglieranno di acquistare dispositivi o televisori che possono accedere ai vari servizi di streaming. Questo crea una domanda per Roku, che ha una linea di prodotti che copre i dispositivi entry-level.

La sfida più grande per Roku è che gli altri attori nel suo spazio sono Google, Amazon e Apple. Finora, l’azienda ha più che tenuto duro, ma c’è certamente il rischio di competere con rivali che possono superare l’oblio.

Netflix

Non si può definire un’azienda che produce così tanti contenuti originali come un puro gioco tecnologico, ma la base di Netflix è la sua piattaforma di streaming. L’azienda ha fatto leva su tale piattaforma per far crescere il suo business basato su abbonamento a livello globale. Ora conta 118,9 milioni di membri pagati, suddivisi in parti uguali tra gli Stati Uniti (55 milioni) e il resto del mondo (63,82 milioni), inoltre il lockdown dovuto al Covid-19, ha dato una spinta vigorosa alla società.

Netflix ha ancora un notevole margine di crescita, sia nel suo mercato nazionale che a livello globale. L’azienda sarà aiutata dal taglio del cordone ombelicale e dalla maggiore adozione di dispositivi di streaming e di televisori dotati di streaming, ma dovrà anche continuare a investire miliardi di dollari in contenuti per mantenere gli attuali utenti felici e portarne di nuovi.

Amazon.com

Il leader online è, naturalmente, un rivenditore, ma è senza dubbio anche un leader tecnologico. Oltre a sviluppare la propria piattaforma digitale Amazon è diventata leader di dispositivi con i suoi altoparlanti Echo (che hanno l’assistente digitale Alexa incorporato) i tablet e gli e-reader Kindle e i prodotti Fire TV. Alexa da sola renderebbe l’azienda una vera e propria potenza tecnologica, in quanto l’assistente AI/voce ha stabilito lo standard per i consumatori quando si tratta di offrire un’integrazione pratica e utile in casa.

Amazon ha anche un asset di pura tecnologia nel suo crescente business cloud, questo porta il nome di Amazon Web Services. AWS ha prodotto oltre 20 miliardi di dollari di fatturato nel 2017, diventando così il più grande fornitore di servizi cloud e, a distanza di 3 anni, non ha mostrato segni di rallentamento della crescita.

Alphabet (Google)

Come fare a parlare di tecnologia senza citare Google (o la sua casa madre Alphabet)?

Google è il motore di ricerca più utilizzato al mondo, con notevole distacco dal secondo: un abisso, Google può essere considerato a tutti gli effetti monopolista sulle ricerche nel Web.

Ma Google, o per meglio dire Alphabet, non si fermano a questo, infatti la grande G è il produttore anche del sistema operativo Android che, come già detto, fa funzionare la fetta più grande di smartphone.

YouTube vi dice nulla? Ebbene sì, il sito di streaming video più utilizzato al mondo è di Alphabet.

E cosa dire di Gmail? Di Waze? Di Google Maps?

Infine, ciliegina sulla torta, attraverso Google Analytics, Alphabet raccoglie informazioni della quasi totalità dei siti Web, restituendo ai proprietari dei siti una piattaforma di statistica e analisi senza eguali.

E mica abbiamo finito, perché se è vero che Amazon, attraverso Echo ha inserito Alexa in molte case, Google non è da meno, facendo finire il suo Assistant su Google Home e sui device Android che, ricordiamo, sono la fetta più grande di smartphone.

AdSense/AdWords o più semplicemente Google Marketing vi dicono qualcosa? No? Ebbene, Google ha creato la propria ricchezza proprio sulla pubblicità, attraverso banner testuali che trovate in quasi tutti i siti Web del mondo e quindi, nel momento in cui ha spazio per inserire i banner, ecco che i clienti pronti a pagare sono arrivati a fiumi.

Infine (e questa volta facciamo una lista velocissima) c’è anche:

  • Google Chrome (da cosa ci state leggendo?)
  • Google Pay
  • Hangouts
  • G Suite
  • Google Calendar
  • Google Docs (competitor di Office di Microsoft)
  • Google Play Musica
  • reCaptcha
  • Firebase
  • Chrome OS
  • Android TV
  • Device smartphone come Pixel e Nexus
  • Chromecast
  • Stadia
  • Famiglia Nest (nata dai termostati)

Insomma, Google è probabilmente (anche senza probabilmente) presente in ogni vostra interazione con il mondo della tecnologia.

Hewlett-Packard

Società con fortune alterne, nata per produrre calcolatrici avanzate nel dopoguerra è arrivata fino ai giorni nostri dopo aver affrontato un bel po’ di sfide.

Nel 2015 la società originale si è divisa, formando Hewlett-Packard (HPQ), società che si dedica al ramo storico, cioè computer e stampanti, e Hewlett-Packard Enterprise (HPE) che si occupa di servizi e hardware per le aziende.

Benché sia complesso immaginarla proiettata nel futuro, comunque è una società solida che domina il mercato delle stampanti, anche se sul versante dei PC ha un po’ abdicato.

Nokia

Parlando di società che hanno abdicato non si può non segnalare la finlandese Nokia, leader incontrastata fino alla nascita dell’iPhone. Dopo l’iPhone Nokia non è più riuscita a reggere il passo e ha avuto varie fortune (ma ancora di più sfortune).

Il settore dei device è stato ceduto a Microsoft oramai vari anni fa (anche se i finlandesi hanno fatto qualche incursione nel mondo mobile a posteriori). Il vero cuore della società ora è la connettività e la tecnologia alla base delle reti. Infatti, grazie all’acquisizione di Alcatel-Lucent, nel 2015, Nokia è entrata prepotentemente nel ramo networking.

Electronic Arts

Chiunque sia appassionato di calcio non può non aver visto questo brand. Si tratta del produttore di Fifa, ma il titolo calcistico è solo uno degli innumerevoli progetti di Electronic Arts.

La casa di produzione, infatti, annovera tra le sue firme brand come:

  • Battlefield
  • Harry Potter
  • Madden NFL
  • Medal of Honor
  • NBA Live
  • Need for Speed
  • NHL
  • SimCity
  • The Sims

Con sedi in tutto il mondo e licenze che hanno scadenze lontanissime, diventa complesso pensare che questa società possa in qualche modo avere qualche problema in futuro.

Fino a qui c’è stata una storia di successi durata oltre 30 anni.

Akamai

Tornando alle cose che usate ma che non avete idea di farlo, ecco un altro brand che avrete certamente incontrato senza saperlo.

Akamai ha varie soluzioni che aiutano i proprietari di siti Web ma c’è una cosa che fa decisamente bene ed è la CDN. Si tratta, in parole molto semplice, di una copia del sito web distribuito nel mondo così che utenti dall’Asia o dall’America non debbano arrivare a una connessione in Europa per avere la pagina Web ma si possono fermare nelle loro nazioni.

La CDN di Akamai fa proprio questo: crea una cache delle pagine Web e le distribuisce nei vari nodi sparsi per il mondo (ne ha in quasi tutte le nazioni).

Si tratta di qualcosa che fa anche Amazon con AWS Cloudfront ma Akamai si concentra particolarmente sulle performance e su una serie di servizi che Amazon non ha ancora eguagliato.

Akamai, giusto per fare qualche nome, viene utilizzato da Facebook per servire le fotografie, da Microsoft per distribuire gli aggiornamenti e da una serie di altri enormi brand che hanno bisogno di tanta banda per quello che fanno.

Adobe

Probabilmente chi mastica tecnologia legge questo nome, Adobe, e immediatamente pensa a Photoshop.

In realtà è un altro il prodotto migliore di Adobe e cioè il PDF. Infatti Adobe è stata l’inventrice del formato PDF, che ancora produce denaro nelle casse della società attraverso lo sfruttamento delle licenze e la vendita di Acrobat per la modifica dei PDF stessi.

Inoltre, oltre a PDF e Photoshop, Adobe produce una serie di software per la produzione grafica (come per esempio After Effects) ed ha i pochi che non utilizzano Analytics di Google ma preferiscono Omniture di Adobe.

Facebook

Non potevamo non chiudere questa guida con il Re dei Social Network; ultimo descritto ma non ultimo per importanza.

Dalla quotazione di pochi anni fa Facebook ha fatto passi da gigante, oggi controlla la maggior parte di ciò che significa Social Network. Non ci credete? Ecco una lista di prodotti:

  • Facebook
  • Messenger
  • Instagram
  • WhatsApp

In pratica è molto probabile che ogni giorno (se non ogni ora) qualche vostro messaggio (o qualche vostra visita) attraversi i server di Facebook.

Inoltre negli ultimi anni sta allargando di tanto la propria influenza e sta creando prodotti nuovi che prendono sempre più nuove fette di mercato, un esempio è Facebook Watch (piattaforma video presente in Facebook), piuttosto che Libra, la moneta virtuale di FB.

Gli utili Facebook li fa attraverso la piattaforma FB Adv, che è diretta concorrente di Google Marketing.